Tre pini da abbattere

SANTA MARINELLA – L’amministrazione comunale dispone l’ordinanza di abbattimento dei pini situati a Piazza Trieste. Una richiesta che era arrivata nei giorni scorsi anche da diverse forze politiche cittadine che ravvisavano la pericolosità degli alberi ad alto fusto situati nella zona storica della città. “Come abbiamo comunicato qualche tempo fa – spiega il sindaco Pietro Tidei – un pool di esperti costituito dai tecnici comunali, l’agronomo della Multiservizi ed altri professionisti, ha effettuato diversi sopralluoghi in piazza Trieste per verificare lo stato di pericolosità degli alberi. Alcuni eventi metereologici di eccezionale intensità, che si sono verificati nelle scorse settimane, hanno di fatto compromesso la stabilità di tre pini che l’amministrazione comunale ha deciso di abbattere con una ordinanza di oggi, tramite l’intervento della Santa Marinella Servizi. La prevenzione è fondamentale per evitare, ove possibile, eventi disastrosi come quelli accaduti a Terracina. Già da tempo abbiamo effettuato diversi passaggi con ditte specializzate per pulire e mettere in sicurezza quasi tutti i fossi cittadini, proseguendo con un capillare monitoraggio e controllo su tutto il territorio comunale, per prevenire situazioni di criticità, considerando l’arrivo della stagione invernale». «Fondamentale – conclude il sindaco – l’opera svolta dalle associazioni di volontariato, della Protezione Civile e dei nostri delegati comunali, ai quali rivolgo un ringraziamento speciale per la costante collaborazion». E proprio per quel che riguarda l’impegno dei volontari, il delegato competente Andrea Amanati, spende due parole per coloro che, ogni giorno, mettono a disposizione il loro tempo per risolvere i problemi della città. «Tanti si chiedono – dice il delegato al volontariato – ma come fate, ogni giorno, a dedicarvi a duemila cose, scontrarsi ogni volta con mille problemi, cercare di superare le tante difficoltà, correre a destra e sinistra, tante iniziative promosse, i tanti interventi già fatti, e soprattutto con le pessime condizioni economiche in cui versa il Comune di Santa Marinella. In verità, non ci sono né bacchette magiche, né altre cose nascoste, la realtà è che abbiamo molte persone, delegate che, ogni giorno, spendono il loro tempo prezioso al solo scopo di ridare alla nostra città la dignità persa, con tanto impegno, serietà e costanza, senza mai tirarsi indietro. Purtroppo a volte restano nel buio, e sta a noi renderli visibili perché tutti sappiano quanto si impegnano a titolo completamente gratuito, togliendo tempo per i propri impegni, per le loro famiglie. Loro ci sono sempre, in ogni occasione e senza di loro noi, come amministrazione comunale, non potremmo andare avanti facilmente. Io a queste persone gli farei un monumento, grazie per tutto ciò che fate per questa città a Daniele Fresilli, Stefano Campo, Emanuele Frezza, Leandro Tiberti, Ambra Campo, Aldo Campana, Alessia Campo, Andrea Verticelli, Mauro Guredda, Antonio Sgro, Giovanni D’amico e tutti gli altri delegati”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

''La violenza assistita''

CERVETERI – Lunedì 26 novembre, in occasione Giornata Internazionale per l’Eliminazione della violenza sulle Donne, alle ore 17.00 in Sala Giovanni Ruspoli a Piazza Santa Maria, l’Amministrazione comunale di Cerveteri insieme all’AUSER, realtà di volontariato estremamente attiva nel territorio, propongono un prestigioso evento curato nei minimi dettagli. Un convegno, impreziosito da letture, interventi musicali e una mostra artistica, riguardante un altro aspetto della violenza sulle Donne, seppur strettamente connesso ad esso: la violenza assistita. «Le cronache ci consegnano ogni giorno, sempre più spesso, episodi di assurda violenza domestica. Donne, giovani ragazze, costrette a subire una inaccettabile e vergognosa violenza da parte dell’uomo. Uomo che molto spesso è il proprio partner, o comunque una f gura che per lei dovrebbe rappresentare una sicurezza, un punto di riferimento – ha dichiarato Alessio Pascucci, Sindaco di Cerveteri – ma molto spesso, dietro questa violenza se ne presenta ancora un’altra, non meno grave. Quella di chi è costretto ad assistere a certi episodi. Molto spesso si parla di minori, di bambini, che indifesi si trovano in casa in occasione degli episodi di violenza, con ripercussioni psicologiche drammatiche. Vengono defnite ‘‘vittime collaterali’’, che porteranno per sempre dentro di loro non le ferite degli spintoni o delle botte, ma quelle dell’anima, quelle psicologiche. A loro, è dedicato questo evento, per il quale mi complimento con l’AUSER e con tutti coloro che hanno messo a disposizione il proprio tempo e la propria professionalità nella sua realizzazione». «È diff cile parlare di questo problema, ma insieme all’Auser, e colgo l’occasione per ringraziare la referente di Cerveteri Giulia Cannavò, sempre in primalinea in queste iniziative,  abbiamo desiderato fortemente affrontare questo argomento che non deve essere sottovalutato o ignorato – ha detto l’Assessora alle Politiche Sociali del Comune di Cerveteri Francesca Cennerilli – l’incontro si aprirà facendo scorrere sullo schermo i nomi di tutte quelle Donne vittime di violenza nel solo 2018, in segno di omaggio, come se fosse l’offerta di un f ore ad ognuna di loro. Successivamente si alterneranno letture di brani e proiezioni di video particolarmente signif cativi, interventi di esperti e alcune esibizioni musicali. Saranno inoltre esposte le opere delle studentesse del corso di pittura ‘Dipingere contro – opere di denuncia sociale’, coordinate dal Delegato all’Arte Prof. Roberto Cortignani». «L’arte, la musica e la cultura come strumento di sensibilizzazione su un tema ancora oggi troppo, tristemente attuale – ha dichiarato Federica Battafarano, Assessora alle Politiche Culturali del Comune di Cerveteri – sarà occasione di rif essione, di dibattito, ma anche un modo per ricordare tutte quelle Donne che hanno perso la vita per mano dell’uomo». Partecipano all’evento, in qualità di esperte nei servizi sociali, la Dott.ssa Bruna Cimenti e la Dott.ssa Giorgia Medori, mentre Federico Brini e Alessandro Battafarano si occuperanno delle musiche. Interventi anche degli attori Ilenia Canullo e Federico Gatti, e di Emma Ciceroni, che leggerà alcuni brani.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

''La violenza assistita''

CERVETERI – Lunedì 26 novembre, in occasione Giornata Internazionale per l’Eliminazione della violenza sulle Donne, alle ore 17.00 in Sala Giovanni Ruspoli a Piazza Santa Maria, l’Amministrazione comunale di Cerveteri insieme all’AUSER, realtà di volontariato estremamente attiva nel territorio, propongono un prestigioso evento curato nei minimi dettagli. Un convegno, impreziosito da letture, interventi musicali e una mostra artistica, riguardante un altro aspetto della violenza sulle Donne, seppur strettamente connesso ad esso: la violenza assistita. «Le cronache ci consegnano ogni giorno, sempre più spesso, episodi di assurda violenza domestica. Donne, giovani ragazze, costrette a subire una inaccettabile e vergognosa violenza da parte dell’uomo. Uomo che molto spesso è il proprio partner, o comunque una f gura che per lei dovrebbe rappresentare una sicurezza, un punto di riferimento – ha dichiarato Alessio Pascucci, Sindaco di Cerveteri – ma molto spesso, dietro questa violenza se ne presenta ancora un’altra, non meno grave. Quella di chi è costretto ad assistere a certi episodi. Molto spesso si parla di minori, di bambini, che indifesi si trovano in casa in occasione degli episodi di violenza, con ripercussioni psicologiche drammatiche. Vengono defnite ‘‘vittime collaterali’’, che porteranno per sempre dentro di loro non le ferite degli spintoni o delle botte, ma quelle dell’anima, quelle psicologiche. A loro, è dedicato questo evento, per il quale mi complimento con l’AUSER e con tutti coloro che hanno messo a disposizione il proprio tempo e la propria professionalità nella sua realizzazione». «È diff cile parlare di questo problema, ma insieme all’Auser, e colgo l’occasione per ringraziare la referente di Cerveteri Giulia Cannavò, sempre in primalinea in queste iniziative,  abbiamo desiderato fortemente affrontare questo argomento che non deve essere sottovalutato o ignorato – ha detto l’Assessora alle Politiche Sociali del Comune di Cerveteri Francesca Cennerilli – l’incontro si aprirà facendo scorrere sullo schermo i nomi di tutte quelle Donne vittime di violenza nel solo 2018, in segno di omaggio, come se fosse l’offerta di un f ore ad ognuna di loro. Successivamente si alterneranno letture di brani e proiezioni di video particolarmente signif cativi, interventi di esperti e alcune esibizioni musicali. Saranno inoltre esposte le opere delle studentesse del corso di pittura ‘Dipingere contro – opere di denuncia sociale’, coordinate dal Delegato all’Arte Prof. Roberto Cortignani». «L’arte, la musica e la cultura come strumento di sensibilizzazione su un tema ancora oggi troppo, tristemente attuale – ha dichiarato Federica Battafarano, Assessora alle Politiche Culturali del Comune di Cerveteri – sarà occasione di rif essione, di dibattito, ma anche un modo per ricordare tutte quelle Donne che hanno perso la vita per mano dell’uomo». Partecipano all’evento, in qualità di esperte nei servizi sociali, la Dott.ssa Bruna Cimenti e la Dott.ssa Giorgia Medori, mentre Federico Brini e Alessandro Battafarano si occuperanno delle musiche. Interventi anche degli attori Ilenia Canullo e Federico Gatti, e di Emma Ciceroni, che leggerà alcuni brani.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Acqua, fumata grigia dalla Regione

LADISPOLI – Fumata grigia pomeriggio in Regione dove si sono riunite in audizione congiunta le Commissioni regionali Tutela del Territorio e Agricoltura e Ambiente. I due enti regionali si erano infatti riuniti, come da programma, per approvare all'unanimità il testo redatto insieme alle amministrazioni comunali che ad oggi non hanno ancora ceduto il servizio idrico ad Acea Ato2, da presentare successivamente alla Giunta del presidente Zingaretti. Nel testo sostanzialmente si chiedeva una moratoria all'ultimatum imposto dalla Regione Lazio già nel mese di aprile (e riformulato solo pochi giorni fa dall'assessore ai Lavori Pubblici Mauro Alessandri con scadenza il 3 dicembre), l'attivazione di un tavolo tecnico congiunto tra amministrazioni comunali e Regione e la trasmissione del documento al Ministero competente in materia (peraltro il Governo si dovrebbe accingere a votare la nuova legge sull'acqua pubblica). Le Commissioni però hanno preso ulteriore tempo prima di approvare il documento su richiesta di alcuni consiglieri regionali, rinviando di fatto la votazione del testo alla prossima settimana, così da avere il tempo per apportare qualche modifica. Una fumata grigia, dunque, per le amministrazioni comunali, in primis quella di Ladispoli presente con il Sindaco, il delegato al servizio idrico e due consiglieri comunali, con la sabbia della clessidra che scorre sempre di più verso il basso segnando il tempo che manca da qui al 3 dicembre, indicato dall'assessore Alessandri quale termine ultimo per cedere il servizio alla Spa. E' chiaro che, modifiche o meno da parte delle Commissioni al documento redatto di comune accordo con i Comuni, il fulcro del suo impianto non possa essere smontato come peraltro ribadito dagli amministratori ladispolani durante la Commissione, per non far perdere al documento quella forza necessaria per scongiurare il passaggio ad Acea. E cioè: qualsiasi possa essere la modifica da apportare al testo appare comunque evidente che la richiesta di moratoria da parte delle amministrazioni comunali (peraltro sostenuta nella precedente seduta delle Commissioni all'unanimità dei presenti) non possa essere smontata. Ci sarà comunque da aspettare ancora una settimana prima che in Commissione si torni a parlare di acqua pubblica.

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Allarme topi alla Livatino, la denuncia dei genitori

LADISPOLI – Invasione di Topi alla scuola Livatino? La questione era emersa già la scorsa settimana a seguito delle segnalazioni dei genitori che avevano rilevato, insieme al personale scolastico e docente, tracce ed escrementi di roditori nei corridoi del plesso di competenza della Castellammare e che, in stato di allarme, avevano deciso di lasciare i propri figli a casa, nonostante nessuno degli organi competenti avesse dichiarato la scuola inagibile.

La ditta era stata attivata, in quei giorni, per un sopralluogo: esito? Non veniva rilevata la presenza di topi dentro la scuola. A confermare questa versione le stesse fonti comunali.

Silenzio per qualche giorno. Bimbi di nuovo in classe. Ma poi la situazione di protesta è riemersa e ieri, in relazione a nuovi abbondanti avvistamenti di escrementi di roditori, i genitori in presenza di docenti, hanno lanciato nuovamente l'allarme informando i vertici scolastici e stavolta anche le forze dell'ordine.

Secondo le ultime notizie i tecnici si sarebbero recati nuovamente presso l'istituto per un altro sopralluogo, di cui si attende l'esito.

Genitori sul piede di guerra dunque, fortemente preoccupati per le condizioni igienico sanitarie del plesso dove c'è anche la mensa dei bambini del tempo prolungato.

Da verificare se la segnalazione è stata inoltrata anche alla asl a seguito degli ultimi interventi e delle scorse settimane.

La scuola, come da prassi, topi o non topi, fino a contrordine, resterà aperta. Molti bambini anche questa mattina sono rimasti a casa. Tra le testimonianze raccolte risulterebbe che i roditori hanno preso di mira persino gli armadietti interni alle aule, rosicchiando crackers e biscottini destinati alla merenda dei piccoli, rompendone quindi gli involucri e lasciando escrementi in aula dopo i gustosi banchetti.

Segnalazioni insistenti quelle delle famiglie, che andranno verificate con accuratezza e contezza da tutti gli organi preposti: non è possibile demandare questo ruolo ai genitori.
E non tarda ad arrivare la replica da parte dell'amministrazione comunale che parla di “allarmismi diffusi in queste ore sui social e sul web, in merito alla presunta presenza di topi nella scuola Livatino”. Da palazzo Falcone fanno sapere che proprio questa mattina a scuola si sarebbero presentati ispettori della Asl “chiamati da alcuni genitori legittimamente preoccupati dalle voci, hanno effettuato un accurato controllo del plesso scolastico. Durante l’ispezione di tutti gli ambienti dell’istituto era presente il consigliere comunale Emiliano Fiorini, delegato alla manutenzione scolastica”.

“Al termine della lunga ispezione – spiega il consigliere Fiorini – gli inviati dell’Asl hanno rivolto i loro complimenti alla scuola ed all’amministrazione comunale per la pulizia e la situazione igienico sanitaria della scuola. Nel corso del sopralluogo non sono stati trovati escrementi di roditori, ne tracce della loro presenza. L’unico piccolo roditore era stato rinvenuto qualche ora prima in una delle otto trappole che la ditta aveva posizionato all’interno dell’edificio.

Ricordiamo alle famiglie degli alunni che il plesso è stato totalmente bonificato e sanificato, così come accade quotidianamente grazie al lodevole impegno delle collaboratrici scolastiche che elogiamo anche a nome dell’assessore alle politiche sociali Lucia Cordeschi. Siamo perplessi dall’atteggiamento allarmistico di alcune persone che hanno diffuso notizie totalmente infondate e pretestuose, inondando il web di informazioni che hanno ottenuto soltanto l’effetto di gettare nella paura centinaia di famiglie. Purtroppo a Ladispoli ci sono ancora personaggi che tentano vigliaccamente di fare politica sulla pelle dei nostri figli. A tutti coloro che sui social hanno annunciato di voler invadere il palazzetto comunale per chiedere spiegazioni su questa fantomatica invasione dei ratti, annunciamo di essere pronti ad accoglierli in modo caloroso”.

 

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Al Pincio si studia un nuovo rapporto tra Enel ed il territorio

CIVITAVECCHIA – Un punto sulla situazione attuale, sul lavoro, ma anche uno sguardo al futuro, partendo dalle diverse vertenze aperte ultimamente. 
Di questo si è parlato a Palazzo del Pincio, nel corso della nuova riunione del Tavolo interistituzionale sul lavoro e l’occupazione, con Enel, imprese e sindacati. A coordinare i lavori il sindaco Antonio Cozzolino ed il delegato Francesco Fortunato. 
Importante la richiesta arrivata dai sindacati, e condivisa dall’amministrazione comunale, «per una nuova convenzione, nel futuro prossimo, tra Enel e territorio che abbia al centro – ha spiegato Fortunato – non più la parte economica, ma che parta dal lavoro, dai rapporti tra azienda ed imprese, lavoratori e sindacati stessi, trasformando il rapporto tra Enle e territorio». 
Nel corso del dibattito sono stati portati anche i numeri della spesa di Enel sul territorio, in termini di manutenzione ordinaria e straordinaria, con una percentuale di circa l’80% riservata alle aziende locali «molte delle quali oggi  – ha aggiunto Fortunato – non lavorano più solo per Tvn ma si sono specializzate, esportando la loro professionalità presso altri impianti Enel d’Italia». Rassicurazioni anche sull’accorpamento tra Civitavecchia e Viterbo di Enel Distribuzione. Si tratterebbe di un accorpamento ‘‘sulla carta’’, in termini di organigramma, «ma sia le sedi che le squadre di intervento – ha sottolineato il delegato del Pincio – rimarranno nei territori di competenza».  

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Renault-Nissan nella bufera In arresto «l’imperatore» Ghosn

La caduta dell’amministratore delegato del gruppo per evasione fiscale con false dichiarazioni su compensi e bilanci. I soci giapponesi: «Troppo potere nelle mani di una sola persona». Il titolo è crollato in Borsa

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tim, Gubitosi convince la Borsa Balzo del titolo, sale del 3,9%

Il consigliere delegato scrive ai dipendenti Alitalia: lascio con commozione

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

‘‘Allumiere Futura’’: ''Avevamo ragione noi sulla non fattibilità''

ALLUMIERE – «Allora avevamo  ragione noi, quando mettevamo in guardia la “distratta” amministrazione Pasquini sulla non fattibilità della nuova isola ecologica alla zona artigianale a causa della critica viabilità dei mezzi in quella zona». Comincia così la nota del gruppo politico collinare: ‘‘Allumiere futura’’: i vertici del gruppo puntano il dito contro l’amministrazione comunale riguardo alla questione dell’ipotesi di realizzazione dell’Isola ecologica nella erigenda zona artigianale: «Nononostante ciò che abbiamo fatto presente ai nostri amministratori – proseguono da Allumiere Futura – il sindaco e il delegato all’Ambiente hanno continuato sulla propria strada, sordi ad ogni avvertimento, arrivando anche al punto di scontrarsi con qualche cittadino onorario del nostro paese. Oggi, invece, l’amministrazione comunale, costretta a fare retromarcia, ha ripiegato sulla realizzazione dell’Isola Ecologica in sinergia con il comune di Tolfa nella zona vicino al deposito Cotral con il protocollo d’intesa firmato il 23 ottobre dai due sindaci, guarda caso la stessa zona che noi avevamo indicato ma il nostro suggerimento era stato snobbato». I vertici del gruppo collinare scrivono poi: «Siamo sicuri che la firma di questo protocollo in futuro porterà ulteriore giovamento ad Allumiere, sia per la gestione condivisa dei servizi, sia per la possibilità di accedere a finanziamenti pubblici di maggior spessore. Si tratta, forse, dell’unica possibilità per risollevare il nostro paese dall’imbarazzante situazione in cui è precipitato in questo anno e mezzo di amministrazione Pasquini, senza più un  distributore di carburante, con la scuola ancora chiusa, il bocciodromo che cade a pezzi, il traffico in tilt completo (il Cotral ha incontrato più volte il nostro sindaco per cercare una soluzione, senza mai trovarla) e tanto altro ancora. Una volta Fontanatonna fece uscire un foglio umoristico sull’amministrazione Battilocchio denominato ‘’il paese di Bengodi’’: oggi, con loro al potere, è morto anche Bengodi e da ridere c’è rimasto proprio poco».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###