Ladispoli, il liceo Pertini si rinnova

di DANILA TOZZI

LADISPOLI – Il liceo Pertini si rinnova. E’ la stessa insegnante della scuola, professoressa Gianna Cappella, a darne notizia, con una punta di soddisfazione, contenta infatti di poter annunciare ai suoi studenti che al ritorno dalle vacanze estive troveranno strutture più nuove e funzionali. <<Non è facile di questi tempi, con la penuria di finanziamenti destinati alle scuole, sempre più esigui ed inadeguati, – ha dichiarato infatti la docente Cappella- portare avanti con fermezza le esigenze di sicurezza e di decoro degli edifici scolastici. Il costante e tenace impegno del Dirigente scolastico del liceo Pertini professoressa Fabia Baldi, supportata dal Direttore dei servizi amministrativi, ragionier Filippo Protani, ha raggiunto in questi giorni un risultato estremamente importante e significativo, perseguito con fermezza da alcuni anni. Nello specifico il Dipartimento VIII, ufficio 2° della Città Metropolitana di Roma, (preposto alla progettazione direzione lavori, manutenzione e ristrutturazione dell'edilizia scolastica (Zona Nord), diretto dall'ingegner G. Esposito, coordinato dal geometra Luigi Paoletti, sta eseguendo in entrambe le sedi del liceo, in via Caltagirone e piazza Nazario Sauro, sia i lavori di adeguamento, necessari all'ottenimento del certificato prevenzione incendi, che interventi di ristrutturazione dei due edifici; i finanziamenti necessari per la realizzazione di alcuni lavori sono stati deliberati dalla Città metropolitana di Roma Capitale nel 2017. Questi lavori permetteranno agli studenti e a tutto il personale del liceo Pertini di cominciare l'anno scolastico 2018/2019 in strutture più adeguate e confortevoli>>.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Ladispoli avrà Piazza Almirante, passa la mozione

LADISPOLI – Aveva dato la sua parola, sfidando anche la Raggi. E ora il sindaco di Ladispoli (e con lui anche consiglieri e Giunta) dalle parole sono passati ai fatti. Ladispoli avrà Piazza Almirante. L'iniziativa che tanto aveva fatto discutere nella Capitale e anche nella città balneare dopo la proposta lanciata sui social dal sindaco Grando di dedicare un luogo rappresentativo della città al rappresentante dell'MSI. A lui sarà intitolata la nuova piazza che sorgerà tra via dei Garofani e via dei Fiordalisi, vicina a Piazza Grande. La mozione è stata presentata in aula dal consigliere comunale di FdI Giovanni Ardita.

«Il consiglio comunale questa sera ha approvato la mozione per dedicare la piazza, che si farà tra via dei Garofani e via dei Fiordalisi, a Giorgio Almirante.
“La destra o è coraggio o non è, e’ libertà o non è, è Nazione o non è, così vi dico adesso, la destra o è Europa o non è. E vi dico qualcosa di più: l’Europa o va a destra o non si fa!”» scrive su Fb Amelia Mollica Graziano, assessore alla Sicurezza.

«Approviamo con orgoglio in consiglio la mozione per intitolare una piazza a Giorgio Almirante: in lui troviamo le nostre radici, radici che non permetteremo mai che gelino», sostiene invece il consigliere comunale Luca Quintavalle.

L’intitolazione è stata approvata dalla maggioranza, mentre è stata bocciata dal gruppo consiliare del Pd, dal M5S e da Giuseppe Loddo.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Un concerto evento per ricordare la fine della prima guerra mondiale

ALLUMIERE – Grande appuntamento estivo per l’associazione ‘‘Amici della Musica’’ di Allumiere. I musicanti collinari, in collaborazione con il Comune e la Regione Lazio daranno vita ad un concerto evento per ricordare la fine della prima guerra mondiale. Il titolo del concerto è ‘’La Grande Guerra’’si terrà giovedì 19 luglio alle ore 21,30 presso il parco del Risanamento di Allumiere. Lo spettacolo vuole rendere con tratti rapidi e netti un disegno complessivo di quella che fu la Prima Guerra Mondiale per i soldati che l’affrontarono in prima persona e, attraverso i loro occhi, portare il nostro sguardo contemporaneo su un evento che segnò le coscienze di milioni d’individui. La parte musicale sarà integrata da una voce narrante che non si identifica con un singolo individuo, bensì racchiude in se una moltitudine di coscienze. Colui che parla non è solo un soldato, che racconta la sua personale esperienza di guerra e le sue vicissitudini private, ma è il Soldato, con tutti i sogni, le paure, l’esaltazione e lo smarrimento che questa condizione porta con se. A dialogare con la voce narrante si inserisce un’altra voce, una sorta di super-io collettivo che spezza la narrazione per aggiungere altri livelli di senso oppure commentare ironicamente la vicenda: la voce della Propaganda, del Genio Militare. La narrazione è integrata dalle più belle e celebri canzoni della grande guerra come ‘’Addio, mia bella addio’’, ‘’Il Testamento del Capitano’’, ‘’O Gorizia tu sei maledetta’’, ‘’La leggenda del Piave’’, ‘’Addio padre e madre Addio’’, ‘’La canzone del Grappa’’, ‘’La Campana di San Giusto’’ e molti altri brani che arricchiscono le singole scene creando un profondo impatto emotivo. L’intero lavoro è strutturato in uno spettacolo musicale -teatrale che vede protagonisti il Complesso Strumentale degli Amici della Musica diretto dal maestro Rossano Cardinali, le due voci narranti interpretate da Enrico Maria Falconi e Stefania Cammilletti e la classe di Canto degli Amici della Musica con le giovani voci di Federica Deiana, Giorgia Regina, Aurora Garofalo, Agnese Morra e Alessandra De Vallis. Il tutto sarà reso ancora più interessante da proiezioni video sulla Grande Guerra, curate da Alfredo Antonacci. Il Concerto sarà introdotto dai poeti locali dell’Associazione Poetica Allumiere con la lettura di toccanti poesie composte per l’occasione: tra sonetti, ottave e rime sciolte  inerenti il tema prenderà corpo la serata. Anche l’associazione Click darà il suo importante apporto alla riuscita dell’evento con l’allestimento della mostra fotografica dedicata alla partecipazione dei nostri soldati alla Grande Guerra.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

L'Anps trova casa a via Giusti

di FEDERICA CONGIU 

È stata inaugurata questa mattina in via Giusti la nuova sede dell' Anps, Associazione nazionale Polizia di Stato. La realizzazione del progetto è stata resa possibile grazie ad una forte collaborazione tra il Gruppo Roma 1 (responsabile Carmine De Santis), il commissariato di Civitavecchia con il dirigente Nicola Regna, il responsabile degli operatori della città Emiliano Manganelli ed infine il Comune che ha messo a disposizione i locali.

"Grazie alla nuova sede l'associazione potrà continuare con la sua attività di supporto e sensibilizzazione – ha commentato il sindaco Cozzolino – come amministrazione comunale abbiamo fatto tutto il possibile per metterli nelle condizioni migliori di operare". 

I volontari, che si trovano in una situazione di reciproco sostegno con il gruppo Roma 1, grazie a questa nuova opportunità, saranno più agevolati nella gestione e nel controllo degli eventi che richiameranno una grande affluenza di cittadini. 

"Partiamo da una perfetta sinergia che c'è a Civitavecchia tra tutti noi delle forze dell'ordine, Polizia di stato, Carabinieri, Guardia di finanza, Capitaneria di porto e Polizia municipale – ha dichiarato il dottor Regna – le associazioni di volontariato in genere, e in particolare la Anps svolgono su tutto il territorio nazionale, oltre ai compiti propri della Polizia di Stato, anche compiti ausiliari di osservazione".

Tra i presenti i rappresentanti delle istituzioni, tutte le forze dell'ordine e il Questore di Roma Guido Marino, il quale ha definito i volontari dell'associazione, molto importanti per il territorio, soprattutto nelle situazioni che riguardano la sicurezza e l'ordine pubblico. 

Tutti coloro che vorranno entrare a far parte del gruppo di volontari dell'associazione, potranno iscriversi presso la sede, tutti i giorni dalle 17 alle 20. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Stupri nel Lazio meridionale nel 1944: la Procura militare di Roma ha aperto un’inchiesta

TARQUINIA – Il quotidiano “Avvenire” ha pubblicato ieri la notizia che la Procura militare di Roma ha aperto un’inchiesta sulle violenze compiute nel Lazio meridionale, nel 1944, dai soldati delle truppe coloniali inquadrati nel Corpo di Spedizione Francese.

Sono le vicende passate tristemente alla storia con il termine di “marocchinate”. Di questo orrore riferì lo scrittore Alberto Moravia nel suo libro “La Ciociara”, dal quale venne tratto il film di Vittorio de Sica che valse l’Oscar all’attrice Sophia Loren.

 

La decisione del procuratore militare Marco De Paolis è scaturita da una denuncia presentata dalla “Associazione nazionale vittime delle marocchinate o goumiers” e dal suo presidente Emiliano Ciotti, per il tramite dell’avvocato Luciano Randazzo.

 

Ma gli stupri e le violenze contro la popolazione civile non furono circoscritti alle province di Frosinone e Latina. Questi episodi iniziarono con lo sbarco in Sicilia, proseguirono in Campania e in parte della provincia di Roma, nel viterbese e nel senese e in parte della provincia di Grosseto.

 

Il giornalista Silvano Olmi ha compiuto un’approfondita ricerca sull’argomento, che presto potrebbe diventare un libro, e ha accertato settanta violenze in provincia di Viterbo.

“Il veloce passaggio del fronte di guerra – dichiara Olmi – preservò in parte la popolazione viterbese dalle violenze di questa soldataglia. Ho visionato documenti e raccolto testimonianze su 70 casi di donne violate dai coloniali francesi, truppe composte da marocchini, tunisini, algerini e senegalesi. La più giovane aveva 12 anni, la più anziana 70.

Alcuni pagarono con la vita l’essersi opposti fisicamente agli stupri, come Abele Mezzetti, macellaio, massacrato il 20 giugno con una raffica di mitra mentre cercava di difendere la figlia da una violenza carnale, Ada Andreini e un bambino di cinque anni, uccisi entrambi il 23 giugno 1944 nei pressi della loro fattoria nelle campagne tra Montefiascone e Bolsena, e il diciottenne Luigi Carloni, ucciso a fucilate senza un motivo dai marocchini il 14 ottobre 1944.

Spero che la Procura militare ampli le sue indagini – conclude Olmi – per accertare quanto accadde nel 1944 anche nella Tuscia.”

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

COMMISSIONE DI GARANZIA DELL'ATTUAZIONE DELLA LEGGE SULLO SCIOPERO NEI SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI – DELIBERA 21 giugno 2018

Valutazione di idoneita' dell'Accordo sottoscritto in data 13
novembre 2017 dalla Societa' Liberty Lines e dalle Segreterie
regionali della Sicilia delle Organizzazioni Sindacali FILT CGIL, FIT
CISL, UILTRASPORTI, USLAC-UNCDIM-SMACD e dell'Accordo sottoscritto in
data 13 novembre 2017 dalla Societa' Liberty Lines e dalla Segreteria
regionale della Sicilia dell'Organizzazione Sindacale FEDERMAR CISAL,
aventi ad oggetto le modalita' di esercizio del diritto di sciopero
del personale dipendente della Societa' Liberty Lines, addetto al
servizio di trasporto marittimo da e per le isole minori della
Sicilia. (Delibera n. 18/206). (18A04593)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La Margutta riparte dalle sue certezze

Sarà una Margutta quasi del tutto confermata quella che affronterà il prossimo campionato di serie B2. Smaltita la delusione per la sconfitta nella finale playoff contro il Talete, per il sestetto aspino c’è voglia di ripartire. 
Rispetto alla scorsa stagione, non ci sarà solamente Milena Fiore, che già lo scorso anno aveva partecipato ad intermittenza e che ha deciso per motivi personali di lasciare. 
A guidare il gruppo sarà ancora coach Alessio Pignatelli, subentrato nel finale della scorsa stagione al posto del dimissionario Mauro Taranta, e confermatissimo dalla dirigenza della storica società di via Martiri delle Fosse Ardeatine. La Margutta Asp resta, quindi, praticamente la stessa squadra della passata stagione. 
Un innesto, in base alle disponibilità societarie e solamente in caso di occasioni di mercato, è previsto nel ruolo di centrale, dove, oltre all’addio di Fiore, c’è da fare i conti con la disponibilità parziale di Paolini. 
Rimangono quindi a pieno regime solamente Brighenti e Monti. Obiettivo delle rossoblu non può che essere quello di tentare, nuovamente, la corsa alla serie B2. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cerveteri scatenato: preso Alberto Roscioli

Ancora un colpo di mercato per uno scatenato Città di Cerveteri. Dopo l’arrivo di Bacchi, ex Fregene e Ladispoli, ha firmato anche Alberto Roscioli, giocatore prelevato dalla Ternana, società con la quale ha giocato due campionati Primavera; lo scorso anno è stato poi aggregato da Poschesci con la formazione umbra in serie B. Il forte difensore, di 21 anni, non ha potuto dire no alla chiamata del club etrusco e si è detto subito soddisfatto dell’accoglienza manifestata dai dirigenti verdazzurri. Il direttore generale Ciampa, in effetti, ci stava lavorando da qualche settimana e non è stato facile convincere il difensore di origine cerveterane. Cresciuto nelle giovanili del Ladispoli, era ritornato nella squadra che lo ha lanciato due anni fa ma senza esiti positivi. Ed ora cerca il riscatto personale in una piazza calda e passionale. Con la Ternana, nella Primavera allenata da mister Siviglia, nel 2016 ha giocato ben 26 partite, segnando tre gol. Adesso Alberto Roscioli spera di riprendere quota con una squadra di Promozione dalle grandi ambizioni.
R. S.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Vecchia, da quest’anno si tiferà dalle 14.30

di MATTEO CECCACCI

Quando i tifosi chiedono qualcosa, il Civitavecchia Calcio 1920 risponde prontamente e accontenta tutti. Così, infatti, è stato sulla richiesta dei moltissimi supporter nerazzurri che da anni volevano uno spostamento di orario delle partite casalinghe presso lo stadio Giovanni Maria Fattori . La società di patron Ivano Iacomelli non ha perso tempo e in meno di un anno ha svolto tutto l’iter burocratico inoltrando la domanda alla Lega Nazionale Dilettanti, che soltanto poco più di due settimane fa ha reso noto l’ok per la gioia della città. Si giocherà, quindi, alle 14.30 e non più alle 11, ma come sempre in ogni buona notizia c’è qualcosa di scomodo e la nota stonata riguardo il prossimo campionato d’Eccellenza ormai alle porte è che le prime gare, solo a tempo determinato, non si disputeranno in casa, ma al campo ‘‘La Cavaccia’’ di Allumiere, almeno per tutto il mese di settembre, per poi tornare di nuovo al Fattori. Intanto continua anche il calciomercato nerazzurro, con l’attesa delle firme di Zagarella e Moneti previste in settimana. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###