Il medico che pulisce le seppie nel bagno dell’ospedale di Praia a mare

La direzione sanitaria è risalita, attraverso i video messi in rete, ai dati anagrafici del dipendente. IL medico aveva un contratto a termine che non gli è stato rinnovato

Leggi articolo completo

@code_here@

Appalto pulizie, Attig: ''Gravi irregolarità a danno dei lavoratori''

CIVITAVECCHIA – “I lavoratori messi a rischio epidemiologico, da parte di una sedicente referente di cantiere della Scala Enterprise. Assunta a 20 ore settimanali a Napoli come semplice addetta alle pulizie, ma stranamente timbra il cartellino presso il comune di Civitavecchia come ogni lavoratore, con la sola differenza che anziché fare 20 ore settimanali ne fa 40”.

Lo dichiara il responsabile confederale Ugl Civitavecchia – sede Utl di Roma – Fabiana Attig che torna ad intervenire sulla problematica vicenda legata all’appalto pulizie. Ennesimo grido dall’allarme del sindacato che spiega di non “aver mai ricevuto alcuna comunicazione da parte della Scala Enterprese di un trasferimento di cantiere di una dipendente dalla Regione Campania al comune di Civitavecchia. Né tanto meno – continua dura – ha fatto alcuna trattativa per l’incremento delle ore di questa lavoratrice, che tutto fa tranne che lavorare come addetta alle pulizie. Impartisce ordini di servizio – tuona – dispone del personale a suo uso e consumo violando tutte le regole e le norme contrattuali come quando ha obbligato alcuni lavoratori a svolgere compiti non rientranti nell’appalto”.

Grave quanto segnalato dal sindacato che spiega come tra i lavori svolti ci sarebbe “la rimozione di notevoli quantità di guano di piccione nei locali della Fiumaretta, sotto gli occhi anche del Rup che immaginiamo abbia ignorato anche il conseguente smaltimento, avvenuto senza le dovute attrezzature e la profilassi che si conviene, in quanto rifiuto speciale. Non soltanto – continua dura Attig – fatto ancor più grave è che la Scala Enterprise, sempre attraverso la sua referente di cantiere, molto in sintonia con gli uffici comunali, utilizza personale e ore dell’appalto del comune di Civitavecchia per altri lavori extra, come ad esempio per la pulizia e lo sgrosso di plessi Scolastici non appartenenti all’appalto stesso, nonostante il Sindaco, il Rup e il delegato al lavoro siano stati prontamente messi a conoscenza già da diversi mesi. Visto il silenzio assordante L’Ugl denuncia pubblicamente questo comportamento indecoroso e illegale. Lavoratori appartenenti all’appalto delle pulizie – aggiunge la sindacalista – del comune di Civitavecchia, vengono utilizzati, senza contratto, senza copertura assicurativa e senza retribuzione per lavori che il Comune affida alla Scala Enterprise al di fuori dell’appalto delle pulizie. Come ad esempio la scuola elementare Gianni Rodari, nei mesi passati oggetto di atti vandalici e tutte le scuole cittadine, che sono state Seggio per le recenti votazioni del 4 Marzo 2018, pulite dal personale della Scala Enterprise srl, già impiegate per l’appalto delle pulizie e portierato dello stesso Comune. Non solo gli stessi lavoratori durante il periodo elettorale – dichiara Attig – sono stati mandati a consegnare le schede elettorali presso la Prefettura di Roma con mezzi della protezione civile. Sebbene a più rate abbiamo denunciato tali comportamenti al sindaco Cozzolino non ha mai inteso dare spiegazioni alla scrivente, né chiederle alla Scala Enterprece”.

Per Attig quanto verificato fino ad ora, “con l’ennesimo sgrosso delle scuole per l’imminente apertura, è già oggetto di una denuncia. Così come sarà oggetto di denuncia a difesa di tutti i lavoratori coinvolti, la mancata ripartizione delle ore che non gli sono state attribuite, ma che al contrario sono state utilizzate dalla Sacla Enterprise per profitto diverso dal loro impiego. Un utilizzo – conclude Attig – questo potrebbe aver procurato un danno economico al Comune stesso in quanto ente, e un indebito vantaggio alla Scala Enterprise. Per questi e ad altri motivi l’Ugl ha già avviato tutto l’iter prontamente documentato al fine che chi si è reso complice di tale comportamento venga punito e allontanato”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Treni dedicati ai crocieristi: novità in vista

CIVITAVECCHIA – Una nuova linea ferroviaria dedicata ai crocieristi che quotidianamente scalano il porto di Civitavecchia. È quella che, se tutto andrà come da programma, dovrebbe partire in via sperimentale il 15 ottobre prossimo e terminare l'8 dicembre, mediante l'utilizzo di due coppie di treni Vivalto a sei carrozze – con capacità totale di 720 posti a sedere – in partenza da Civitavecchia alle 9.35 (8.30 nei giorni festivi) e alle 10.15 e con arrivo ad Ostiense rispettivamente alle 10.27 (9.25) e 11.40, con ritorno sempre da Ostiense alle 15.37 e alle 16.30 ed arrivo a Civitavecchia alle 16.30 e 17.20. 

La novità è emersa nel corso della riunione che si è svolta a fine agosto tra l'assessorato alla Mobilità della Regione Lazio e l'Osservatorio Generale dei Trasporti (rappresentato da una delegazione “di area” composta dal Presidente Andrea Ricci, dal Vicepresidente Gabriele Bariletti, dal Rappresentante Provinciale di Viterbo, Raimondo Chiricozzi e dalla Rappresentante del Comitato Pendolari Litoranea Roma Nord Sandra Felici). La Regione prevede di concedere a Trenitalia (conil supporto di Busitalia) l’autorizzazione ad un servizio a tariffa dedicata che si svolgerà in pullman tra il porto e la stazione di Civitavecchia ed in treno tra qui e le stazioni di Roma San Pietro e Roma Ostiense, nell’attesa del completamento della linea di congiunzione tra porto e stazione per il quale è prossima la firma di un accordo ad hoc che ne prevede l’attivazione entro il 2020.

Un servizio auspicato da tempo anche e soprattutto dai pendoalri che quotidianamente si servono della linea ferroviaria Fl5 per motivi di lavoro o di studio, spesso congestionata proprio dalla presenza dei tanti turisti che raggiungono la Capitale. Il servizio, come sottolineato nel corso della riunione, non dovrà interferire in alcun modo con quello del servizio regionale, i biglietti non possono essere utilizzati sui treni del servizio regionale, le 12 carrozze e le due locomotive impegnate nel nuovo servizio non devono provocare riduzioni di composizione nè sulla Fl5 nè sulle altre tratte regionali ed infine qualsiasi variazione all’offerta deve essere proposta dall’esercente col medesimo anticipo previsto dal Contratto di Servizio per le richieste di servizi aggiuntivi da parte della Regione.  

A queste condizioni, ed evidenziando che l’attività di bigliettazione deve essere prevalentemente a carico di canali alternativi (prevendite, online), l’Osservatorio ha dato quindi il suo parere positivo sul nuovo servizio "che – hanno spiegato – possa essere il primo di una serie di iniziative che arrivino a portare poi ad un collegamento stabile tra il porto di Civitavecchia e Fiumicino, lo sfiocco tra la Maccarese-Ponte Galeria e la Fl1 e la ricostruzione della linea verso Fiumicino città e porto.  

Con l’occasione, la Regione e l’ORT hanno anche convenuto di accelerare al massimo i tempi per la stipula del nuovo protocollo d’intesa. Anche in relazione a quanto previsto dal protocollo del 2015, la Regione ha inoltre comunicato che nel mese di settembre è prevista l’istituzione di un tavolo permanente tra Regione, RFI e Trenitalia sulle criticità del servizio e sull’informazione al pubblico, argomenti sui quali l’Osservatorio continuerà a svolgere la propria opera di segnalazione, la creazione di un ufficio di scopo per il completamento della redazione del Piano Regionale dei Trasporti, della Mobilità e delle Logistica riguardo al quale viene previsto di incrementare, stabilizzandola, la frequenza della comunicazione con l’Osservatorio. Infine le parti si sono impegnate ad un ulteriore incontro per approntare una bozza di protocollo e del programma di lavoro congiunto per l'autunno/inverno e per discutere del ripristino della Civitavecchia-Orte. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Rc auto obbligatoria anche per auto stazionata su terreno privato

La stipulazione di un contratto di assicurazione della responsabilità civile, relativa alla circolazione di un autoveicolo, è obbligatoria qualora…

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Santa Marinella, si pensa a piste ciclabili e ripascimento

SANTA MARINELLA – Il sindaco Pietro Tidei spiega quali sono i progetti da portare avanti nel momento in cui avrà la possibilità di rendere ufficiale l’equilibrio di bilancio. Tanti sono gli argomenti all’ordine del giorno ed in particolare la raccolta differenziata, nuovi punti luce, la pista ciclabile e le barriere soffolte. «La raccolta differenziata ha bisogno di tempo per essere perfetta – afferma il primo cittadino – purtroppo è stato fatto un bando che ci costerà 27 milioni in sette anni, una spesa esagerata che questa città non può permettersi, quindi noi prorogheremo fino al 31 dicembre l’appalto alla ditta in carica e poi cercheremo di abbassare di 3,5 milioni il costo del servizio, in pratica 500 mila euro in meno all’anno rispetto a quanto previsto. Ci stiamo incontrando con la Regione e con l’Enel per avere nuovi punti luce a risparmio energetico, facendo un nuovo contratto. Con la giunta regionale avremo un incontro per trattare su questioni sociali quali l’emergenza casa, l’aiuto ai  bisognosi, alle ragazze madri e ai disabili, a cui noi ora non possiamo dare risposta visto che da molti mesi sono stati sospesi i sussidi. Abbiamo comunque tanti progetti che presenteremo come ad esempio le piste ciclabili che andranno da Palidoro a Civitavecchia, passando per Santa Marinella. E’ un nostro progetto che proporremo anche alle altre amministrazioni a all’assessore all’Urbanistica della Regione. Altro progetto quello del ripascimento delle barriere soffolte nel tratto di mare che va dal castello di Santa Severa fino allo stabilimento del Barracuda, in modo tale che tutti quegli stabilimenti balneari che insistono su quel tratto di costa, possano evitare l’erosione marina e vedere ampliare il proprio spazio balneabile. Stiamo progettando la ristrutturazione della piscina comunale che noi abbiamo trovato in uno stato pietoso e di cui stiamo pagando il rateo di mutuo da tre anni ma ancora non abbiamo il progetto, nonostante stiamo pagando le rate, abbiamo deciso di revocare l’incarico al professionista che doveva redigere il progetto esecutivo”. Il sindaco poi sottolinea alcune mancanze riscontrate in questo suo primo periodo di mandato. «Sentiamo cose clamorose – conclude Tidei – come quella che è stata accesa per tre notti e tre giorni con continuità la caldaia della scuola media Carducci perché se l’avessero spenta non si sarebbe più accesa. Sono stati spesi 27 mila euro di gas, per tenere accesa una caldaia, perché il Comune non aveva i soldi per comprarne una nuova. Mi domando allora, con 27 mila euro quante caldaie ci compravamo? Nessuno ha pagato per questa mala gestione”. 
Entro settembre porteremo in riequilibrio il bilancio se il ministero dell’interno ci darà finalmente darà la nomina ai tre membri dell’organismo di liquidazione, noi ripartiremo daccapo per dare il via a tutti gli investimenti previsti che sono la pulitura dei fossi, la sistemazione della scuola tra cui le vignacce mentre ieri abbiamo avuto un incontro con i proprietari dell’area che insiste alla curva dello specchio dove vorremmo fare un grande parco di sette ettari con la disponibilità dei proprietari con il contributo dell’enel. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

UNIVERSITA' DI SASSARI – CONCORSO (scad. 11 ottobre 2018)

Procedura di selezione, per titoli e colloquio, per la formazione di
una graduatoria di merito di collaboratori esperti linguistici, per
le esigenze del Centro linguistico di Ateneo, da cui attingere
mediante contratto di lavoro subordinato a tempo determinato.
(18E08992)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

CITTA' METROPOLITANA DI BOLOGNA – CONCORSO (scad. 11 ottobre 2018)

Concorso pubblico per la copertura, con contratto di formazione
lavoro della durata di ventiquattro mesi, di un posto di tecnico
esperto in materia ambientale, categoria D, a tempo determinato e
pieno con assegnazione all'area pianificazione territoriale.
(18E08981)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

AZIENDA SOCIO-SANITARIA TERRITORIALE DELLA VALCAMONICA – BRENO – CONCORSO (scad. 11 ottobre 2018)

Assunzione di personale al fine della valorizzazione dell'esperienza
professionale del personale con contratto di lavoro flessibile e
superamento del precariato, ai sensi dell'articolo 20, comma 1 del
decreto legislativo n. 75/2017.
(18E08984)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Scuola di via Turati, avanti con i lavori

ALLUMIERE – Proseguono i lavori nel plesso scolastico di via Turati: il contenzioso tra l’amministrazione comunale e la precedente ditta appaltatrice sembra risolto e gli interventi all’interno dell’edifico scolastico. Quando terminerà questa prima parte dei lavori si installerà un nuovo impianto elettrico e quello antincendio. La nuova scuola sarà non solo sicura al 100% ma ogni classe sarà dotata di impianti led e wifi. «Dopo le lungaggini burocratiche finalmente sono ripresi i lavori che stanno procedendo in maniera solerte – spiega il vicesindaco Manrico Brogi – la nuova ditta vincitrice d’appalto sta procedendo spedita. Prossimamente faremo una assemblea pubblica per far conoscere alla cittadinanza tutta l’iter e ciò che è successo dalla rescissione del contratto fino alla nuova gara”. Mentre vengono portati avanti i lavori nel plesso di piazza Turati la giunta Pasquini sta lavorando per rendere la scuola di La Bianca un gioiellino pronto per i bambini che dal 17 settembre rientreranno in questo plesso. L’amministrazione comunale ha fatto sistemare una stanza che diverrà la sala mensa e si sta installando la nuova porta di sicurezza. In questi giorni poi sono stati effettuati dei sondaggi per valutare l’edificio dove persisteva l’asilo (in via del Faggeto), ma che è stato chiuso. “Al 99% – spiega il vicesindaco Manrico Brogi – non è possibile recuperare questo edificio per questioni strutturali non consoni con le nuove linee guida antisismiche e quindi stiamo valutando e studiando per vedere in futuro di costruire una nuova struttura”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Privilege Yard, Ugl chiede chiarezza

CIVITAVECCHIA – Si dice basita la segretaria dell’Ugl Fabiana Attig alla luce della recente novità – negativa – riguardante la vertenza Privilege Yard, bloccata per la certificazione Ape che la curatela non ha fornito in tempo utile per la stipula del contratto con la Royalton maltese che ha già versato i sei milioni di euro per il cantiere. «Una situazione che va avanti da anni e che ha visto operai senza lavoro ed imprese fallite – ha sottolineato Attig – oggi, alla presenza di un investitore credibile e serio, scivola su un documento che curatela e notaio avrebbero dovuto avere in mano da tempo». E se da un lato si chiede che la questione venga risolta nel minor tempo possibile, dall’altro l’Ugl già da tempo guarda avanti, al futuro dell’area e del territorio. Certo, bisognerà vedere il piano industriale per capire che rotta la Royalton vorrà dare al cantiere, «nel frattempo – ha aggiunto Attig – abbiamo già preso contatti con l’Adsp per avere gli elenchi dei lavoratori diretti che dovranno essere riassorbiti; ecco perché è necessario, prima che si rilasci la concessione, aprire un tavolo che affronti anche questi aspetti, affinché lavoratori ed imprese di Civitavecchia possano trarre beneficio da quell’area. L’auspicio è che si possa aprire finalmente una pagina nuova nella cantieristica navale, magari guardando anche alla possibilità di smantellare qui imbarcazioni e navi, e che questa possa essere un’occasione vera di sviluppo e di occupazione per il porto e per tutto il territorio. Il momento sembra essere quello giusto, avendo di fronte una realtà importante che ringraziamo per aver investito in città. A breve chiederemo anche alla Royalton – ha concluso Attig – un incontro sul futuro dell’area. Nel frattempo abbiamo chiesto una riunione al presidente Di Majo per attivare tutte le procedure per accelerare una vertenza che speravamo chiusa con l’ingresso di chi ha tirato fuori soldi veri, a differenza di quanto sta ancora accadendo all’interporto, questione questa da affrontare in modo serio».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###