Santa Marinella, l’inizio promette bene

Partita la preparazione del Santa Marinella Calcio. Lunedì pomeriggio i rossoblu si sono ritrovati al Comunale di Civitavecchia per sostenere il primo allenamento della stagione alla presenza dei dirigenti e dei tecnici Stuccilli e Di Martino. Il gruppo ha lavorato per oltre due ore prima di lasciare lo stadio. La società ci tiene a ringraziare la Cpc2005 del presidente  Sergio Presutti per l’ospitalità. 
Il team, potrà disporre anche quest’anno del supporto della Gi.Ma. Sicurezza, con cui ha rinnovato l’accordo come sponsor e che abbinerà la sua attività commerciale al sodalizio tirrenico. 
Entrato in società nel 2013, dalla stagione 2015-2016 Patrizio Gramegna è il massimo responsabile del club rossoblu, quest’anno al suo fianco avrà come membri del direttivo Venanzio Bravetti, Alessandro Civico, Massimo Di Stefano, Massimo Falasca, Guido Rosati, Gavino Usai e Luciano Varchetta. 
«Tra la fine della scorsa stagione e l’inizio della nuova – spiega il patron – non abbiamo mai staccato la spina. Io e il mio gruppo di dirigenti siamo felici, perché anche quest’anno porteremo il nome della nostra città nel Lazio. D’altro canto siamo anche rammaricati, perché per la quinta stagione consecutiva, ci troveremo a giocare un intero campionato in trasferta per la nota indisponibilità degli impianti sportivi cittadini. Il campo di calcio è tutto per una squadra dilettantistica: è la sua sede, è il suo fortino inespugnabile, è il punto di ritrovo di simpatizzanti e tifosi, e questo a noi purtroppo manca. Poi ci sono anche gli elevati costi di gestione, il decremento di spettatori e tifosi sballottati da un campo all’altro e la mancanza del settore giovanile. Mi auguro che tutto ciò prima o poi finisca. La società – conclude Gramegna – ha totale fiducia nella gestione tecnica di Di Martino e Stuccilli, persone valide e competenti che, nonostante un budget di spesa ben definito, mi sembra che stiano facendo bene. Sono arrivati calciatori di categoria e tanti giovani di buon livello, siamo contenti tra l’altro di poter riabbracciare alcuni dei protagonisti della bella cavalcata di due anni fa che ci ha ridato la promozione, quali Fanari, Iacovella, Mancini, Paoloni, Scaramozzino e Zimmaro». 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

''Palio Marinaro, bilancio estremamente positivo''

«Il bilancio del PalIo Marinaro dell’Assunta e del Saraceno e quello dei Tre Porti è estremamente positivo visto che tutto è andato bene e che anche gli equipaggi di fuori si sono divertiti e si sono complimentati con noi». Ad esprimersi così il presidente dell’associazione Mare Nostrum 2000, Sandro Calderai che traccia un bilancio positivo della manifestazione afferente il 39° Palio Marinaro dell’Assunta e del Saraceno ed il 10° Palio Marinaro dei Tre Porti  che ha avuto il patrocinio della Regione Lazio, Citta’ Metropolitana Di Roma Capitale, Città di Civitavecchia e dell’Autorità Portuale di Civitavecchia, del C.O.N.I. CR Lazio e del C.S.I. CP di Roma, del Comitato Parolimpico R.L, FIDS C.R. Lazio, della Fondazione Cassa Di Risparmio di Civitavecchia e del sostegno pastorale della diocesi di Civitavecchia e Tarquinia, inserita anche questo anno nel cartellone dei Festeggiamenti del Natale cittadino nella sezione “La Vecchia Estate”. Al termine delle varie combattute regate del Palio Marinaro fra i Rioni Storici c’è stata la vittoria del Rione Storico Aurelia con il team composto da Ciro Farace, Gennaro Gifuni, Marco Maddaloni, Orlando Di Donato e Emiliano Morbidelli (timoniere); secondo posto per il Rione Storico Campo Dell’Oro con Alessandro Paolucci, Michele Pizzichelli, Edoardo Azoitei, Matteo Granella e Giordano Floris (Timoniere); terzo posto per il Rione Storico Pirgo con il team composto da Davide Orlandi, Gianfranco Gargiulo, Massimiliano Rossi, Vincenzo Farace, Margherita Fraticelli (Timoniere). Quarto il Rione San Liborio con Roberto Ansaldo, Maurizio Appetecchi, Gabriele Grassi, Diego Zanella e Giorgio Ansaldo (Timoniere). Per quanto riguarda il settore femminile vittoria del Rione Storico San Liborio: il team de ‘‘Le Tenaci’’, composto da Patrizia Manunza,  Letizia Del Vecchio, Margherita Fraticelli, Lancella Rosa e Davide Orlandi (timoniere)per la quarta volta consecutiva ha vinto il Palio Marinaro iscrivendo il proprio nome nell’albo d’oro. Secondo posto per il Rione Storico Aurelia composto da: Cristiana Giardini, Stefania Melissari, Martina Moscatelli, Elena Rescigno e Claudio Guida (Timoniere). Nel Palio Marinaro dei Tre Porti ad avere la meglio è stato il team di Castiglione che si è imposto su Civitavecchia 1 con l’equipaggio composto da Ciro Farace, Gennaro Gifuni, Marco Maddaloni, Orlando Di Donato e Emiliano Morbidelli;  3° posto per Civitavecchia 2 con l’equipaggio composto da Alessandro Paolucci, Michele Pizzichelli, Edoardo Azoitei, Matteo Granella e Giordano Floris (Timoniere), quarti i ragazzi di Livorno. Solo quinti i campioni in carica uscenti dell’Isola del Giglio; sesti i canottieri del terzo equipaggio civitavecchiese composto da Roberto Ansaldo, Davide Orlandi, Abramo Silva, Vincenzo Farace e Giorgio Ansaldo. Da rilevare che nella duegiorni le donne hanno gareggiato con il simbolo della Komen per la cura, prevenzione del tumore alla mammella. Calderai poi prende l’occasione per porgere «un sentito ringraziamento a quanti con la loro presenza, collaborazione, partecipazione e contributo hanno reso possibile lo svolgimento del programma presentato». In particolare Calderai ringrazia: “i soci storici della Mare Nostrum 2000: Enrico Grieco, Antonino Ponzio, Elio Urbani, Roberto Muliello, Mario Piscini, Mario Borgi, Claudio Guida, Agostino Coppola, Ciro Cozzolino, Francesco Cristini. A loro il ringraziamento più grande perché fanno un grandissimo lavoro nascosto ma fondamentale: si occupano della manutenzione delle barche, allenano i team, si occupano del progetto del canottaggio nelle scuole e di tante altre cose importanti. Grazie poi al Consiglio Direttivo e i soci; i Capitani e i Governatori dei Nuovi Rioni Storici: Margherita Fraticelli, Patrizia Manunza, Cristiana Giardini, Vincenzo Ricotta, Gianfranco Gargiulo, Gennaro Lo Iacono, Davide Orlandi, Ciro Farace, Daniele Pinchi, Paolo Parigiani, Massimiliano Rossi, Roberto Ansaldo; i giudici Giovanni Spinelli (prestato dalla LNI di cui è vicepresidente) e Vincenzo Ricotta; il realizzatore del campo di gara Marco Corti della L.N.I; atlete e atleti che hanno gareggiato nelle varie discipline sportive:  dal canottaggio con Palio Marinaro che hanno dato vita a gare entusiasmanti difendendo con onore i colori della città ai Giochi al Mare e alla Lotta Saracena, alla Vela e ai bambini impegnati nella Prova di Pesca sportiva con la canna, i ragazzi del Circolo Canottieri Civitavecchia del coach Franco Tranquilli; le forze dell’ordine civili e militari per la collaborazione prestata durante le gare e tutta la manifestazione;  le associazioni presenti per la loro presenza e collaborazione;  l’IIS Stendhal e Via della Immacolata P.A. Guglielmotti con il Liceo Artistico collegato realizzatori del Damasco; la testimonial per il canottaggio Silvia Felicioni; la direttrice artistica per la serata delle premiazioni e intrattenimento Barbara Brugè; gli artisti dell’estemporanea di pittura e quanti si sono esibiti nella forma di “amichevole partecipazione” la serata del 28 luglio; il maestro Arnaldo Massarelli per aver concesso di utilizzare la stampa di CV del 1715 nel materiale pubblicitario.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Palio Marinaro dà i suoi verdetti

Per una frazione di secondo l’equipaggio di Castiglione della Pescaia (Rione Piazza) ha battuto l’equipaggio Civitavecchia 1 conquistando la Coppa del X Palio Marinaro dei Tre Porti del settore maschile; sul terzo gradino del podio l’equipaggio Civitavecchia 2 con il team composto dai ragazzi della cantera del Circolo Canottieri Civitavecchia di mister Franco Tranquilli. Per il settore femminile vittoria dell’equipaggio di Livorno, argento per il team delle ‘‘Tenaci’’ di Civitavecchia (reduci dalla vittoria del Palio Marinaro 2018 conquistata il giorno prima) e bronzo per il team di Fiumicino. Anche quest’anno alla Marina di Civitavecchia si è svolta una ricca duegiorni di festa e eventi inerenti il palio Marinaro tra i Rioni Storici di Civitavecchia (39^ edizione) e il Palio Marinaro dei Tre Porti (X edizione) con una serie di iniziative a margine di questo evento sportivo. Tutta la manifestazione è stata promossa, organizzata e curata alla perfezione da Sandro Calderai e dai soci dell’associazione ‘‘Mare Nostrum 2000’’ Sabato mattina il Palio Marinaro si è aperto con la sfilata; a questo momento. Nel pomeriggio (dalle 17 in poi) si sono svolte le regate valide per l’assegnazione del titolo. Al termine delle varie combattute regate vittoria del Rione Storico Aurelia con il team composto da Ciro Farace, Gennaro Gifuni, Marco Maddaloni, Orlando Di Donato e Emiliano Morbidelli (timoniere); secondo posto per il Rione Storico Campo Dell’Oro con Alessandro Paolucci, Michele Pizzichelli, Edoardo Azoitei, Matteo Granella e Giordano Floris (Timoniere); terzo posto per il Rione Storico Pirgo con il team composto da Davide Orlandi, Gianfranco Gargiulo, Massimiliano Rossi, Vincenzo Farace, Margherita Fraticelli (Timoniere). Quarto il Rione San Liborio con Roberto Ansaldo, Maurizio Appetecchi, Gabriele Grassi, Diego Zanella e Giorgio Ansaldo (Timoniere). Per quanto riguarda il settore femminile vittoria del Rione Storico San Liborio: il team de ‘‘Le Tenaci’’, composto da Patrizia Manunza,  Letizia Del Vecchio, Margherita Fraticelli, Lancella Rosa e Davide Orlandi (timoniere)per la quarta volta consecutiva ha vinto il Palio Marinaro iscrivendo il proprio nome nell’albo d’oro. Secondo posto per il Rione Storico Aurelia composto da: Cristiana Giardini, Stefania Melissari, Martina Moscatelli, Elena Rescigno e Claudio Guida (Timoniere). Combattuta la Lotta Saracena: vittoria di Emanuele Arciprete; a seguire Gabriele Lisiola; Dario Masoni e Matteo Lisiola. Nella gara dimostrativa di canottaggio fra gli atleti del Circolo Canottieri Civitavecchia vittoria dell’equipaggio composto da Alessandro Paolucci, Gabriele e Matteo Lisiola, Matteo Granella e Giordano Floris (Timoniere); secondi Giuseppe Corati, Michele Pizzichelli, Edoardo Azoitei, Gabriele Grassi e Paolucci senior (timoniere). Domenica poi si è svolto il Palio Marinaro dei Tre Porti che ha visto svolgersi gare combattutissime con vittorie decise sul finale. Ad avere la meglio è stato il team di Castiglione che si è imposto su Civitavecchia 1: i civitavecchiesi Ciro Farace, Gennaro Gifuni, Marco Maddaloni, Orlando Di Donato e Emiliano Morbidelli per gran parte della gara hanno avuto la supremazia poi per un guasto alla pedaliera hanno perso qualche secondo e l’espertissimo team toscano hanno sferrato la remata vincente piazzando la prua della loro barca davanti ai locali. Terzo Civitavecchia 2 con l’equipaggio composto da Alessandro Paolucci, Michele Pizzichelli, Edoardo Azoitei, Matteo Granella e Giordano Floris (Timoniere), quarti i ragazzi di Livorno. Solo quinti i campioni in carica uscenti dell’Isola del Giglio; sesti i canottieri del terzo equipaggio civitavecchiese composto da Roberto Ansaldo, Davide Orlandi, Abramo Silva, Vincenzo Farace e Giorgio Ansaldo. Da rilevare che nella duegiorni le donne hanno gareggiato con il simbolo della Komen per la cura, prevenzione del tumore alla mammella. Anche questa edizine 2018 va in cantiere e verrà ricordata come una bella manifestazione pienamente riuscita. Il popolo del Remo è cresciuto, ora bisogna che i civitavecchiesi imparino ad amare questa manifestazione che unisce tradizione, sport, solidarietà, cultura, storia, folklore. Complimenti all’attivissimo patron Sandro Calderai, ai soci storici per il grande lavoro che fanno nell’anno; agli allenatori, ai giudici (Vincenzo Ricotta, Giovanni Spinelli), ai collaboratori e agli atleti, a Tranquilli per il supporto e per i suoi ragazzi. 
Rom. Mos.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Liberty Coffee Break vola in semifinale

Tre su tre. Liberty Coffee Break agguanta aritmeticamente la semifinale e ora guarda con fiducia al primo posto della fase eliminatoria del torneo Città di Civitavecchia – V Memorial Mario Romano.
La manifestazione organizzata dalla Cestistica Civitavecchia con il contributo di Molinari Italia Spa e il patrocinio del Comune ha proposto domenica due distinti incontri. 
Come detto, Liberty Coffee Break ha colto la sua terza vittoria consecutiva battendo PM Sport per 86-61, dopo un match equilibrato solo nel primo quarto.
Liberty Coffee Break: Campogiani 10, Bezzi 12, Pitagora 7, Spada 22, Gianvincenzi 13, Boccalato 4, Cammillucci 18.
Pm Sport: Taraddei 26, Di Pietro 18, Ucikmar 9, Duca 2, La Rocca 4, Ludovisi 2.
In precedenza Club 88 aveva superato per 76-88 il Fenerbahce, ponendo una seria ipoteca sul raggiungimento delle semifinali.
Club 88: Profumo D. 10, Profumo N. 16, Maccarini 2. Garini 15, Augeri 24, Grossi 4, Vaia 1, Terenzi 2.
Fener: Marra S. 11, Marra N., Marra A. 13, Di Bonaventura 4, Bencini 5, Corti 2, De Luca 6, Poleggi 16, Russo G. 9.
Ieri sera alle 21.30 è andata in scena la nona giornata del torneo, con il match tra O.S.V. e Kanari.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Flavioni: sarà una stagione inedita

Sarà una stagione decisamente differente rispetto a quelle passate per il campionato di serie A1, dove parteciperà la Flavioni per la terza stagione consecutiva. 
La Figh ha deciso di ridurre l’organico delle squadre partecipanti da 12 a 10, dopo che questo era avvenuto già nella passata annata. Il motivo di questa situazione sono le quattro rinunce a partecipare, ovvero l’assenza di Conversano, Cingoli, Bolzano ed Estense. 
A fare particolarmente rumore l’addio all’A1 delle pugliesi, che nelle ultime due stagioni sono state una volta campionesse d’Italia e una volta seconde. Per chiudere il cerchio sono state ripescate l’Ariosto Ferrara, retrocesso nella scorsa stagione proprio per mano della Flavioni, e il Leno, formazione della provincia di Brescia. 
Ancora non si sa quante squadre retrocederanno in serie A2, con la stagione che prenderà il via il 15 settembre con le sue 18 giornate di gara. Novità sarà il fatto che al termine della regular season le prime sei accederanno alla Poule Playoff, mentre le ultime quattro  prenderanno parte alla Poule Salvezza, da cui usciranno le due squadre che retrocederanno in A2.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

''Ricci non rappresenta tutto il centrodestra''

di GIAMPIERO BALDI

SANTA MARINELLA – La grande scissione che si è consumata nel centro destra ha prodotto ben cinque candidati a sindaco, degli otto in totale, provenienti da quella parte politica. Le ripicche personali e le contraddizioni che hanno costretto diversi esponenti dell’area conservatrice a farsi guerra a colpi bassi, togliendo a De Antoniis l’incarico di responsabile locale della Lega, a Minghella la sede di Forza Italia o all’avvocato Valerio Verni il ritiro di rappresentare di Fratelli D’Italia, hanno portato alla completa rottura una compagine di centrodestra che in città rappresenta la maggioranza assoluta. Per chi si è visto costretto ad abbandonare quel carro, oggi rivendica la sua appartenenza. «Il candidato sindaco Bruno Ricci non rappresenta tutto il centrodestra – dice in una nota il candidato sindaco di Fratelli D’Italia e Cuori Santa Marinellesi Alfredo De Antoniis – quindi le dichiarazioni pubbliche fatte dal dottor Bruno Ricci, non corrispondono esattamente al vero. Affermare di essere il rappresentante del centro destra, fortemente voluto da tutti, è decisamente lontano dalla realtà, il candidato Bruno Ricci non rappresenta tutto il centro destra, neanche nell’arco parlamentare e non è stato fortemente voluto da tutti, anzi. A voler essere pignoli, il suo nome è stato solo motivo di spaccature e divisioni, vista la sua evidente ed eccessiva vicinanza alla giunta uscente di Roberto Bacheca, nota più per la sua eredità di problemi irrisolti che per il buon governo della città. Bruno Ricci rappresenta solo una parte del centro destra, costituita in prevalenza da ex amministratori e frutto di scelte lontane dalla città, può non avere candidati residenti fuori Santa Marinella, ma la sua candidatura è frutto di decisioni prese altrove e che non hanno, in alcun modo, voluto comprendere il sentire comune dei cittadini della nostra città, pur essendo noto e forte il desiderio di cambiamento». «La candidatura del nipote del coordinatore di Forza Italia Achille Ricci – continua De Antoniis – non ha nulla di unitario. Fratelli d’Italia e prima ancora Cuori Santa Marinellesi, hanno sempre opposto a tale scelta altri nomi, motivando ampiamente le proprie perplessità verso operazioni politiche che nascondevano solo il tentativo di far sopravvivere ad oltranza una realtà che ha portato frutti negativi rilevanti. Parlare di centro destra, solo perché, tramite operazioni non certo trasparenti, si siano recuperati marchi abbinandovi personaggi senza coerenza con le realtà che vorrebbero rappresentare, è quanto meno ridicolo. Vedere persone che fino a non molti giorni fa, si esprimevano in maniera stizzita nei confronti di certi simboli, è ridicolo». «Ci auguriamo che la coalizione di liste e partiti di recupero che appoggiano Ricci – conclude De Antoniis – inizino quanto meno a rendersi conto di non rappresentare affatto il centro destra e probabilmente di non rappresentare neanche le politiche e le istanze di centro destra, ma solo ed esclusivamente se stessi. Come poi si possa immaginare che chi ha causato tanti problemi possa poi saperli risolvere, non essendoci riuscito in dieci anni di amministrazione consecutiva, resterà un mistero».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Una Snc contata crolla a Palermo

di MATTEO CECCACCI

La Snc non mette in cassaforte la terza vittoria consecutiva, ma crolla incredibilmente 13-9 nella piscina olimpionica del Telimar Palermo. Questo è il responso di quanto accaduto oggi nel match valevole per la terzultima giornata di ritorno del campionato di pallanuoto maschile di serie A2. 
La gara parte bene per i padroni di casa che con Lo Cascio fanno 2-0 appena dopo 4’, per poi subìre la rete in superiorità numerica di Checchini, ma Lisica a 20’’ dalla fine chiude il parziale sul 3-1.
Il secondo periodo vede un dominio assoluto dei rossocelesti che aprono le marcature dopo 1’ con Checchini, a cui risponde prontamente il classe ‘99 Giliberti, ma la Snc non ci sta e rifila nell’arco di 4’ un tris firmato da De Rosa (nella foto), Romiti e Checchini, il quale fa da cornice l’acuto di Geloso nel finire di tempo per il momentaneo 2-4 (5-5).
La terza frazione decreta il segno ics con il risultato di 2-2. A gonfiare la rete per primi sono i  laziali con il mancino Castello dopo 30’’, ma Di Patti risponde all’istante. Trascorrono 4’ minuti e il centroboa Lo Cascio buca per la terza volta Visciola, ma sulla ripartenza opposta il promettente gioiello classe ‘00 Daniele Midio manda le compagini a riposo sul 7-7.
Al rientro in acqua succede l’incredibile: la Snc risulta non pervenuta e si evidenzia un buio più totale nelle calottine civitavecchiesi che appaiono nettamente  in balia dei siciliani. Da annotare, però, durante il corso degli ultimi 480’’ l’allontanamento del tecnico Marco Pagliarini e la dibattuta espulsione dell’attaccante Minisini per limiti di falli. Il roboante 6-1 ha visto segnare per ben tre volte il fortissimo senatore ventinovenne Francesco Paolo Lo Cascio per la sua personale performance che l’ha portato a siglare ben sei centri, poi sono i sigilli di Giliberti (tripletta) e del talentuoso classe ‘01 Edoardo Fabiano a chiudere definitivamente il match, se non prima delle marcature di Leo Checchini (poker) prima e De rosa (doppietta) dopo.
Alla sirena finale è 13-9 Telimar; un risultato che sancisce così un bel balzo in avanti per i palermitani che vedono aprirsi belle speranze per una salvezza diretta, mentre ai civitavecchiesi, disastrati in difesa, non resta che pensare già alla sfida casalinga con la Roma Arvalia di sabato prossimo. Attualmente il team di patron D’Ottavio rimane nella quarta casella della graduatoria e, approfittando della sconfitta del Latina, resta a -4 dal terzo posto, ma allo stesso tempo vede avvicinarsi i catanesi dei Muri Antichi a quattro punti, che ospiteranno nell’ultima di campionato proprio i rossocelesti. A due giornate dal termine, dunque, c’è da dire che  il discorso playoff è ancora in ballo e la speranza è che alla fine non ci siano brutte sorprese.
«È stata – spiega De Rosa – una gara che fino al terzo tempo abbiamo tenuto testa. ma poi nel quarto siamo calati; peccato».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La Snc sorride: playoff a un passo

di MATTEO CECCACCI

Seconda vittoria consecutiva per la Snc Enel Civitavecchia che, nel match valevole per l’ottava giornata di ritorno del campionato di pallanuoto, batte 8-6 i rivali pugliesi del Waterpolo Bari in una sfida che è iniziata nel peggiore dei modi, ma terminata con i festeggiamenti dei rossocelesti. Il primo tempo è tutto di marca pugliese, A gonfiare la rete di Visciola per l’1-0 è capitan Di Pasquale dopo 1’20’’, per poi raddoppiare dopo 4’ con Sassanelli. La Snc non ci sta e reagisce creando occasioni a più non posso: prima è Checchini a lambire il palo, poi le chance di Bogdanovic, Pagliarini e De Rosa vengono vietate dalle buone parate dell’estremo difensore biancorosso. Per il 3-0 ospite ci pensa a 30’’ dalla fine Provenzale.
La seconda frazione cambia radicalmente, coach Pagliarini si fa sentire e le calottine rossocelesti entrano più cariche che mai. I baresi vengono ammutoliti fin da primi minuti grazie ai sigilli del mancino Castello e Checchini, il quale viene raggiunto immediatamente dalla rete di Santamato. A chiudere i secondi 8’ sul parziale di 3-1 ci pensa il serbo Bogdanovic a 4’30’’ per il 3-4 momentaneo.
Al rientro dall’intervallo lungo, il terzo periodo vede lo stesso punteggio del primo tempo, ma a parti invertite. Ad aprire le marcature ci pensa ancora Checchini seguito dal raddoppio dello spartano De Rosa per poi chiudere il tris grazie al classe 2000 Luca Pagliarini (quarto gol in stagione).
Gli ultimi 480’’ vedono un sostanziale equilibrio che fa concludere il tempo con il punteggio di 2-2. A partire meglio sono i galletti con Di Pasquale, a cui risponde Bogdanovic, ma nemmeno il tempo di esultare che sulla ripartenza pugliese Di Pasquale (tripletta) porta i suoi nuovamente in vantaggio, ma Leo Checchini a 2’ dalla fine fa 2-2 per il definitivo 8-6. Un successo fondamentale, dunque, per i tirrenici in chiave playoff che ora rivedono il terzo posto a -4 vista la sconfitta del Latina. Da segnalare, inoltre, l’eccelsa prestazione del sedicenne Stefano Ballarini alla sua seconda presenza stagionale in A2; un vero gioiello d’oro per patron D’Ottavio. «È stata – spiega Checchini – una gara che è iniziata male, ma poi siamo stati bravi a recuperarla, frutto dell’ottimo lavoro in difesa. Ora obiettivo playoff».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Fine aprile col segno positivo per la Mtb Santa Marinella

Il 25 e 29 aprile sono state due giornate molto esaltanti per la Mtb Santa Marinella-Cicli Montanini che ha primeggiato sia in mountain bike che su strada. Pierluigi Stefanini è stato tra i protagonisti su strada del recente Giro della Sardegna che è la corsa a tappe amatoriale più ambita da molti ciclomaster in ambito nazionale ed internazionale. Unico rappresentante del team santamarinellese al via delle sei tappe tra Budoni e dintorni, alla quarta partecipazione consecutiva, Stefanini ha colto diversi podi nella categoria master 6 tra le gare in linea e la Granfondo Costa Smeralda in aggiunta al sesto posto assoluto ottenuto nella cronometro a squadre in promisciutà con altri team, terminando in classifica generale a 46 secondi dal vincitore Luca Mengoni della Infinity Cycling Team. (agg. 03/05 ore 18,01 SEGUE)

Neanche due giorni dopo la trasferta sarda, Stefanini è riuscito a cogliere il sesto posto assoluto e il primato di categoria master 5 nella gara di Castiglione in Teverina. Il fuoristrada ha riservato le ennesime grandi soddisfazioni con Ilaria Balzarotti che ha colto un doppio primato sia al Memorial Ratti che alla Cross Country dei Parchi dove in quest’ultima gara ha preceduto la compagna di squadra Stephania Magri. Ancora cross country con la Cimina Cup a Viterbo che ha visto il secondo posto tra i master 4 di Cabbirio Capati e una rovinosa caduta per Massimiliano Chiavacci mentre a Stevenà di Caneva sono stati impegnati Gianfranco Mariuzzo con il primato tra i master 5 e Libero Ruggiero secondo tra i master 2; per Gianluca Magnante la soddisfazione di aver centrato il terzo posto di categoria élite sport alla Sughereta di Monte San Biagio. (agg. 03/05 ore 18,44 SEGUE)

Nelle gare di fondo off-road nuovo primato di Domenico Abruzzese nel circuito Iron Bike schierandosi al via della Monti Dauni Mtb a Biccari cogliendo il primo posto di categoria tra gli élite; per Andrea Mainardi il quarto posto di categoria tra i master 3 alla Maremma Bike Trophy; al via della San Donato di Val Comino XCP Race Mauro Iacobini (14°tra i master 3) e Daniele Tulin (ottavo tra i master 3). (agg. 03/05 ore 19,27)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Un appuntamento tra i più ambiti del settore

<p class="rtejustify">TOLFA – Si &egrave; conclusa domenica la IX edizione delle Olimpiadi della Cultura e del Talento ma ancora non si spegne l&rsquo;eco positivo e ancora resta in tutti molta felicit&agrave;. Nell&rsquo;edizione 2018 &egrave; stata incoronata per la terza volta consecutiva (dopo i &lsquo;&rsquo;Deltaforce&rsquo;&rsquo; del Liceo Alfieri di Torino nella 7^ edizione e i &lsquo;&rsquo;Valore assoluto di Pippo&rsquo;&rsquo; del Liceo Majorana di Moncalieri nell&rsquo;8^ edizione) una squadra piemontese: provengono infatti dal Liceo &lsquo;&rsquo;Galileo Ferraris&rsquo;&rsquo; di Torino i &lsquo;&rsquo;geni&rsquo;&rsquo; del team &lsquo;&rsquo;Gotterdamer&uuml;ng&rsquo;&rsquo; che si sono diplomati campioni d&rsquo;Italia: sono loro, quindi, che avranno il piacere di essere accolti nella splendida Ghajnsielem, villaggio dell&rsquo;isola di Gozo, Malta, ad agosto. Ben 39 (tra cui due albanesi, che si sono guadagnate l&rsquo;onore di rappresentare l&rsquo;Albania dopo le semifinali di Tirana) le squadre che hanno animato la citt&agrave; di Tolfa in quest&rsquo;ultimo fine settimana, tra prove che hanno saputo coniugare cultura, originalit&agrave;, talento, multidisciplinariet&agrave; e tutte le altre doti necessarie per avere una visione completa e un ruolo centrale nel mondo di oggi. Salgono sul podio anche le ragazze de &ldquo;L&rsquo;Equipe 2.0&rdquo; dell&rsquo;Istituto Superiore &ldquo;De Titta-Fermi&rdquo; di Lanciano, davanti ai &ldquo;Hic Sunt Leones&rdquo;, provenienti dalla stessa scuola dei primi classificati. Per tre giorni Tolfa si &egrave; trasformata in un vero e proprio campus studentesco all&rsquo;aria aperta e, grazie all&rsquo;ormai consolidata sinergia tra organizzatori e Comune di Tolfa, tutto &egrave; filato liscio e i partecipanti hanno avuto l&rsquo;opportunit&agrave; di vivere un&rsquo;esperienza intensa e indimenticabile. L&rsquo;organizzazione ringrazia, oltre al Comune di Tolfa, anche l&rsquo;amministrazione comunale di Civitavecchia, la Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia e la Fondazione Camis de Fonseca che, grazie al loro contributo, hanno permesso la realizzazione di questa edizione e ringrazia tutti i circa 40 giudici delle 4 commissioni delle finali che hanno messo a disposizione il loro tempo e la loro professionalit&agrave; a titolo di volontariato. Ma lo staff delle OCT, composto da ragazzi di Civitavecchia, Tolfa e Torino, sta gi&agrave; pensando alla prossima edizione: il 12/05 alle ore 10,30, grazie al prezioso supporto della Regione Piemonte, verranno infatti presentate al Salone del Libro di Torino (dal momento che le Semifinali per il Nord Italia del prossimo anno si svolgeranno proprio nella citt&agrave; sabauda) tutte le novit&agrave; dell&rsquo;edizione 2018 di questo concorso che, nato quasi per gioco, oggi rappresenta sicuramente uno dei pi&ugrave; ambiti e prestigiosi del panorama nazionale. <strong>( Rom. Mos.)</strong></p>

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###