Visciola out anche contro il Sori

di MARCO GRANDE

La sfortuna si rivela l’ennesimo elemento caratterizzante l’inizio di stagione della Snc di mister Marco Pagliarini: dopo le due sconfitte consecutive subìte dal Como Nuoto e dallo Sportivo Surla, infatti, la società di Viale Lazio deve fare i conti con la voce “infortuni”.
La prima pedina della rosa ad essere indisponibile è il portiere Giordano Visciola, fermato a causa di una lesione di primo grado al legamento, che lo ha costretto di fatto a rinunciare alla trasferta ligure di sabato scorso e ad uscire anzitempo nella gara casalinga contro i comaschi di due settimane fa.
Proprio il classe 1991 della squadra rossoceleste ha parlato del problema che sta condizionando il proprio inizio di stagione: «Ho effettuato la prima ecografia – esordisce Visciola – con il dottor Stefano Iacomelli, presso il quale sono attualmente in cura: mi è stato pronosticato uno stop di circa dieci giorni e il successivo periodo di riabilitazione, ma vorrei avere ulteriori approfondimenti ed è per questo che nei prossimi giorni mi sottoporrò ad altri controlli da parte del medico della Nazionale Giovanni Melchiorri. Ritengo personalmente che sia importante venire a conoscenza del parere di più specialisti affinchè possa accelerare i tempi di recupero e dunque risolvere il mio dilemma».
Una tegola non indifferente per la rosa laziale, che nel prossimo match interno contro il R.N. Sori non potrà contare sull’esperienza e sull’affidabilità del portiere 27enne, ma che punterà indubbiamente sulla freschezza e la voglia di emergere del classe 2000 Mirco Pinci.
«Il periodo natalizio per me non è fortunato – continua il portiere – in quanto anche nel corso della passata stagione, a ridosso degli ultimi giorni di dicembre, ho avuto un problema all’occhio che mi ha portato in sala operatoria e cosi ho dovuto rinunciare agli ultimi impegni dell’anno solare».
L’estremo difensore aggiunge poi che, nonostante sia triste per il suo attuale deficit fisico, non è solito buttarsi giù di morale e ne approfitta anche per parlare dell’opaco momento che sta vivendo il gruppo sul piano dei risultati: «La nostra rosa è composta prevalentemente per il 70% da giocatori giovani, molto ambiziosi ma allo stesso tempo privi di esperienza – continua – e ritengo che tutti all’interno del team debbano essere consapevoli dell’importanza di giocare per questa società, affermata da tempo sia a livello regionale che nazionale. Agli occhi degli altri avversari non siamo visti come una squadra giovane bensì come un collettivo da battere».
Visciola conclude con la convinzione che il pubblico troverà una Snc diversa a partire dalla ripresa nel 2019 e che l’unico fattore in grado di determinare il cambiamento sarà la ricerca e, una volta trovato, il consolidamento dell’equilibrio. Sabato, intanto, arriva un altro test importante contro il Sori per gli uomini di patron D’Ottavio.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Montalto, Educazione civica nelle scuole: iniziativa popolare di Caci

MONTALTO – Studio della Costituzione e del principio di eguaglianza, educazione alla legalità, al rispetto dell’altro, all’ambiente, al digitale e all’alimentazione. Il sindaco di Montalto di Castro Sergio Caci lancia l’iniziativa popolare sul proprio territorio, a sostegno della proposta dell’Anci (Associazione nazionale comuni italiani), per introdurre l’ora di educazione civica come materia di studio autonoma nelle scuole di ogni ordine e grado. 
Non solo lo studio della Costituzione, i ragazzi potranno apprendere anche i principi fondamentali dell’educazione alimentare, digitale e ambientale con particolare attenzione ai principi dell’uguaglianza e della legalità.
Una raccolta firme per una proposta di Legge di una iniziativa popolare rivolta alla cittadinanza, invitata a presentarsi allo sportello dell’ufficio servizi demografici e statistici (palazzo comunale al piano terra), per esprimere la propria adesione sottoscrivendo l’apposito modulo (entro e non oltre venerdì 7 dicembre 2018 durante l’orario di ricevimento al pubblico). 
«Oggi occorre – dichiara il sindaco Sergio Caci – recuperare centralità e simbologia per questa materia di insegnamento, per sottolineare con chiarezza che si tratta di un patrimonio di conoscenze e di strumenti indispensabile per poter realizzare sé stessi e la propria natura di cittadini. Questa iniziativa è uno strumento irrinunciabile per una corretta valutazione che trasmetta chiaramente agli studenti e alle loro famiglie il senso e l’importanza dell’essere cittadini competenti e consapevoli della loro appartenenza alla comunità». Giovedì 6 dicembre alle 18 presso la sala consiliare del Comune di Montalto di Castro, si terrà la giornata a sostegno dell’iniziativa, con l’intervento del sindaco e del consigliere delegato alla Pubblica istruzione, Emanuela Socciarelli, che spiegheranno il senso dell’iniziativa.
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Niente più carburante ad  Allumiere

ALLUMIERE – Chiusura e rimozione del distributore in piazza della Repubblica ad Allumiere. Gli allumieraschi ormai da un mese non hanno più un distributore di carburante all’interno del territorio comunale. Come dichiarato dal sindaco Antonio Pasquini «la decisione non è stata presa dall’amministrazione collinare, ma dalla stessa Tamoil. L’azienda, a seguito dell’entrata in vigore nel 2018 del decreto del Ministero dell’Interno che stabilisce le nuove caratteristiche tecniche e le norme di installazione degli impianti di distribuzione di carburanti e scadute infine le proroghe per gli adeguamenti, il 19 ottobre ha chiuso il punto rifornimenti. La scelta della Tamoil è stata obbligata». La ditta a quanto sembra ha rimandando la chiusura finché possibile, ma si è infine trovata costretta a procedere per non incorrere in sanzioni economiche e penali per l’azienda e per il suo personale gestore. L’impianto non rispettava le ultime normative in merito alla sicurezza, alla garanzia di viabilità e all’impatto ambientale. La posizione del distributore infatti, tra le altre cose, non garantiva un adeguato isolamento del carburante dal suolo sottostante, né la presenza di un’area di rifornimento e scarico che, a norma di legge, deve essere esterna alla carreggiata e/o alla viabilità. L’amministrazione comunale già dal suo insediamento è in attività per affrontare il problema legato all’eventuale chiusura del distributore che già da alcuni anni era attivo solamente grazie a diverse proroghe Ministeriali ed in parziale contrasto con le normative vigenti. Per la collocazione di un nuovo distributore di carburante sarà necessario basarsi sul vigente Piano Regolatore Generale di Allumiere. Il P.R.G. in vigore propone due siti potenziali: Via Basoli o il rettilineo detto “della Vaccareccia”, lungo la strada provinciale Braccianese-Claudia. I due siti presentano alcune problematiche: per quello presso Via Basoli è fondamentale la demolizione del campo didattico ed un’ingente spesa economica a fronte di un servizio limitato ai soli residenti; quello presso il rettilineo lungo la Braccianese non elimina il problema della distanza dal centro urbano che rimarrebbe notevole. Nonostante ciò, e a fronte delle già negative risposte verbali, è in corso di pubblicazione un avviso con richiesta di manifestazione d’interesse rivolto a privati interessati nella realizzazione presso i due siti. Allo stesso tempo, l’amministrazione ha scelto di non lasciare intentata la terza ed ultima via, quella certamente più laboriosa, legalmente e a livello di sicurezza ma che ha incontrato il favore degli investitori: l’inserimento del nuovo distributore all’interno del progetto di riqualificazione del bivio de La Bianca. «Sarà complicato – spiega il sindaco Antonio Pasquini – la zona è segnalata come zona rossa PAI, soggetta a frane, e si trova tra due strade provinciali. Abbiamo avuto alcuni incontri con gli uffici preposti presso la Regione Lazio e la Città Metropolitana di Roma, con cui abbiamo riattivato anche il monitoraggio della zona della frana nei pressi del bivio. In questi incontri è stato nuovamente sottoposto all’attenzione il progetto redatto dal nostro Ufficio Tecnico, già presentato in Consiglio Comunale alcuni mesi fa. Siamo consapevoli che le possibilità non siano a nostro favore ma, finché rimane una speranza, tenteremo». Uno spiraglio per la realizzazione di questo progetto permane, per questo, l’amministrazione si è immediatamente attivata già da diversi mesi per presentare in tempi celeri tutta la documentazione necessaria agli uffici che prenderanno in carico la questione. È convinzione dell’amministrazione che la realizzazione di una nuova area di servizio presso il bivio de La Bianca sarebbe la soluzione migliore per andare incontro alle esigenze degli investitori, a quelle della cittadinanza e permetterebbe la riqualificazione del bivio oramai da troppo tempo abbandonato in un pessimo stato di conservazione.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Evergreen al fianco del Centro Diurno Arcobaleno

L’Asd Evergreen calcio a 5 ha voluto ringraziare ufficialmente tutti i suoi sostenitori che hanno reso possibile una donazione di beneficenza verso l’As.s.pro.ha. Centro Diurno Arcobaleno attraverso un comunicato stampa. 
«Tutto ciò è stato reso possibile – dichiarano i rappresentanti della squadra – grazie ai nostri sostenitori e tesserati, che hanno deciso con un piccolo gesto non solo di sostenere la squadra di Civitavecchia nella serie D di calcio a 5, ma anche di aiutare chi è in difficoltà. Riteniamo che lo sport è anche sociale, è impegno tra realtà associative verso un mondo particolare, ma alquanto speciale, come molti esempi sportivi locali hanno dimostrato. Vogliamo quindi ringraziare quanti hanno deciso di aiutarci a realizzare il progetto sportivo, consapevoli che così facendo siamo riusciti a donare un sorriso a questa realtà locale, verso i ragazzi dell’As.s.pro.ha. e le loro famiglie».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cpc2005 in casa della capolista per sognare

Nel match valevole per la 6^ giornata del campionato di serie C2 scendono in campo le cinque squadre del comprensorio. La Cpc2005 sarà impegnata alle ore 17 sul campo della capolista Laurentino Fonte Ostiense, e per gli uomini di Branchesi ora inizia il duro scoglio da affrontare dopo una buona partenza. Dopo la vittoria sul Santa Severa tanto faticosa quanto entusiasmante per come arrivata, la Cpc2005 nata dall’unione di intenti tra i portuali e l’Atletica Tirrena dovrà mostrare già da oggi di quale pasta è fatta. Se fino ad ora hanno prevalso le individualità, sabato scorso Persi Cerrotta e Arduini su tutti, che hanno portato l’imbattibilità, il quarto posto e gli undici punti in dote, da adesso contro le battistrada del girone servirà, oltre che alzare l’asticella, anche il gioco di squadra. I romani a punteggio pieno dopo cinque giornate e già in fuga sulle inseguitrici, tre i punti di vantaggio su Eur Massimo e Real Fiumicino, saranno indubbiamente un banco di prova importante per i portuali. A dirigere il match il signor Francesco Paganini di Ciampino.
Per il Real Fiumicino/Futsal Isola sfida nella capitale alle 18.30 contro il Blue Green.
«La prima sconfitta in campionato? Dobbiamo prenderci le nostre responsabilità. La colpa è principalmente nostra. Non siamo entrati nel modo giusto, eravamo tutti un po’ sottotono. L’atteggiamento conta tantissimo. Sabato abbiamo la possibilità di resettare tutto. Vogliamo dare una risposta forte». Così Alessandro Sarra, portierino dalle doti immense, parla già da leader.
«L’obiettivo è voltare pagina, senza troppo rimuginarci sopra – continua l’estremo difensore del Real Fiumicino/Futsal Isola- perché In un campionato così competitivo un passo falso ci può stare. Il Blue Green è una squadra fisica, organizzata, in casa fa sempre molto bene. Noi però abbiamo doti tecniche importanti. Conterà molto la testa e l’atteggiamento. Vogliamo vincere e recuperare i 3 punti persi. Finora è stato un cammino esaltante, non vogliamo fermarci. Siamo consapevoli delle nostre potenzialità, ma dobbiamo pensare partita per partita. È un girone troppo livellato per fare previsioni. Noi però reciteremo un ruolo importante, questo è sicuro».
La Futsal Academy di patron Elso De Fazi alle 15 affronta il Santa Severa in un match tutto da gustare: i civitavecchiesi con nove punti all’attivo cercheranno a tutti i costi un’altra vittoria per accorciare la distanza sulla capolista, mentre i santamarinellesi vogliono rifarsi dal derby molto teso e contestato con la Cpc2005 perso al fotofinish.
La Td Santa Marinella, a quota quattro punti, sarà di scena alle 15 nella casa del Valentia, terza della classe.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Vecchia, Scorsini per la panchina

di MATTEO CECCACCI

Caos, attualmente è questa la situazione in casa Civitavecchia Calcio 1920.
Una confusione tale da non capirci più niente, uno scompiglio creato da situazioni che si sono susseguite in poco tempo facendo sobbalzare tutto il popolo nerazzurro, ma elenchiamo i recenti avvenimenti accaduti e cerchiamo di capire il perché di tutto questo: nel tardo pomeriggio di martedì l’allenatore Andrea Rocchetti rassegna le proprie dimissioni, con il direttivo societario, però, che si riunisce poche ore dopo e le respinge, ma Rocchetti, probabilmente non contento della decisione del club, decide di avvisare la società e di non presentarsi all’appuntamento di ieri con la squadra per affrontare la trasferta di Via della Camilluccia valevole per il ritorno degli ottavi di Coppa Italia contro la Boreale Don Orione. Una soluzione, quella dell’ex mister degli Allievi Elite, decisa, netta, presa con mano ferma che sta a significare senza ombra di dubbio la volontà di non allenare più il Civitavecchia Calcio. Sulla panchina, quindi, è stato incaricato all’ultimo minuto Pasquale Oliviero, protagonista nei Giovanissimi Elite lo scorso anno nella seconda parte di stagione dopo la guida di Franco Supino ed ex tecnico dell’Under 17 Elite fino a quattordici giorni fa, poi ha lasciato l’incarico dopo appena sei giornate disputate, con Adus Amici al suo posto.
«Eravamo consapevoli – spiega il dirigente ufficiale Fabio Ceccacci – che Andrea Rocchetti non si sarebbe presentato sulla panchina per dirigere i ragazzi in Coppa Italia, come già siamo certi che non seguirà neanche più gli allenamenti alla Cavaccia. Purtroppo questa è la sua decisione e noi l’accettiamo, ma sia chiaro che tuttora le dimissioni sono ancora respinte e che stiamo facendo di tutto per farlo tornare. Stiamo comunque valutando con il presidente e gli altri componenti del direttivo societario che decisioni prendere, scelte che a breve comunicheremo a tutti i tifosi».
Si può dedurre, quindi, che questi giorni saranno decisivi, sia per il futuro di Rocchetti che ormai sembra accingersi a non essere più l’allenatore nerazzurro, che per la scelta del nuovo tecnico. Sembrerebbe, da ultime indiscrezioni, che patron Iacomelli stia cercando di ingaggiare l’ex Crecas Città di Palombara Marco Scorsini che già in estate era stato contattato, ma poi nulla si è fatto.
Scorsini, infatti, è dall’inizio della stagione che sta seguendo costantemente tutti i match della Vecchia dalla tribuna. Un buon motivo per pensare che sarà lui il nuovo allenatore del Civitavecchia Calcio 1920.
«In settimana – spiega a tal proposito Scorsini – vedrò i vertici del club».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cpc-Corneto è il big match di giornata

Per la nona giornata del campionato di Promozione, il turno mette di fronte ben sei formazioni del nostro comprensorio, in tre derby che si preannunciano di grande interesse. Il Corneto Tarquinia ospita stamani al Bonelli la Cpc2005 in una di quelle battaglie calcistiche che hanno segnato sfide memorabili e da ricordare  negli anni. Dopo l’assenza nelle due precedenti stagioni, nell’ultima la Corneto era in Prima Categoria e nell’altra invece la CPC2005 era in Eccellenza. Oggi, si respirerà l’aria fine della testa della classifica. La CPC ci arriva dopo il mezzo passo falso in casa contro l’Aranova, che tra l’altro gli è valso la testa della classifica a favore della Vigor, mentre la Corneto, vincente con il Pian due Torri, ci arriva con il riaggancio ai portuali al secondo posto. Sarà un match caratterizzato dai tanti ex in casa Tarquinia, a partire dall’ex capitano storico della Compagnia Portuale Luca Gallinari, passando per pendolino Massimiliano Gravina e bomber Mauro Catracchia, nella compagine portuale la scorsa stagione, un motivo di saluto ulteriore per questi ragazzi ancora nei cuori della Cpc e che genereranno, senza ombra di dubbio, una vena di rispetto per le qualità umane e calcistiche di questi ragazzi ora in altre sedi. Sarà il derby tirrenico, dove il tempo atmosferico forse caratterizzerà le prestazioni in campo, infatti si prevede forte vento e una pioggia incessante. Ma soprattutto sarà il match dove due squadre potenzialmente candidate al titolo daranno spettacolo su quel biliardo verde del Bonelli. Altro derby quello di oggi tra la Csl Soccer che, alle 11, attende tra le mura amiche del Flavio Gagliardini l’Atletico Ladispoli del tecnico Pino Neto. Ennesimo derby stagionale per i ragazzi di Daniele Fracassa che vogliono assolutamente vincere, visto che nell’ultima sfida sono usciti sconfitti di misura dal campo della Gallese. I rossoblù dovranno fare a meno dell’ormai lungodegente Emanuele Siani e, notizia dell’ultimo minuto, anche del forte centravanti classe ‘99 Daniele De Felici per un problema al flessore. «Dobbiamo – spiegano dalla società – pensare solamente alla vittoria e ottenere i tre punti che è l’unica cosa che conta. Siamo consapevoli delle insidie che può nascondere l’Atletico Ladispoli anche se è una rosa molto giovane, ma noi dovremo scendere in campo determinati fin dall’inizio come sempre e riscattare la sconfitta di domenica scorsa». Mercoledì c’è anche la sfida di Coppa Italia valida per i sedicesimi di finale e al Dlf a fare visita ci sarà la formazione che all’esordio fermò i leoni sull’1-1 al 90’ il Città di Cerveteri. Terza stracittadina odierna, quella tra il Città di Cerveteri e il Tolfa. Alle 11, al Galli, i ragazzi di Michele Zeoli se la vedranno contro una squadra che è in netta ripresa. Purtroppo non è bel momento per gli etruschi, al secondo stop consecutivo. Nell’ultima prestazione, i verdazzurri sono apparsi poco reattivi, concedendo al Cimini di portare a casa tre punti per l’alta classifica. A dicembre, dunque, ci potrebbe essere qualche stravolgimento tecnico. «Da quando sono arrivato io – spiega Zeoli – gioca sempre la stessa squadra. Ho visto i ragazzi lottare fino alla fine, anche se in modo confusionario, però devo ammettere che l’impegno non è mancato. Il pensiero però è rivolto alla gara contro il Tolfa». Un match alla portata dei verdeazzurri a cui è vietato perdere punti per non imbrigliare la classifica. Bacchi e compagni suonano la carica, invitando i tifosi a sostenerli. I collinari reduci dalla vittoria di domenica scorsa, cercano oggi un successo per allungare la striscia positiva e incamerare punti preziosi. «Gara quella di Cerveteri molto difficile – dice il team manager Salvatore Incorvaia – contro una squadra che, dopo le difficoltà iniziali che hanno portato al cambio di allenatore, sembra avere imboccato la strada giusta. Le squadre di Zeoli sono sempre ben organizzate e grintose e sarà complicato fare il risultato. Da parte nostra cominciamo a stare bene, veniamo da una buona serie di risultati positivi e stiamo crescendo dal punto di vista dell’autostima. Il gruppo è molto coeso e l’organizzazione di squadra sembra già a ottimi livelli. Sarà sicuramente una partita combattuta». La squadra collinare dovrà fare a meno di Carlini, ma recupera Galli e Lavagnini a tempo pieno. Rivoluzione invece nel Santa Marinella che, dopo la pesante sconfitta interna di domenica scorsa contro il Canale Monterano, ha provveduto a “tagliare” alcuni giocatori. Una conseguenza dovuta al rientro in società del direttore sportivo Paolo Di Martino, che si era dimesso quattro settimane fa sugli sviluppi di una situazione che era diventata pesante e che oggi è ancora più difficile. Quattro punti in otto gare non è certo un bottino da salvezza. Per tentare di recuperare il terreno perduto, il presidente Patrizio Gramegna ha chiesto all’ex presidente della Santamarinellese, di riprendere in mano la gestione organica del gruppo dei giocatori e di iniziare subito quel lavoro di contatti con alcuni elementi disponibili per rinforzare la squadra. stamani, i tirrenici viaggeranno alla volta di Vignanello per vedersela contro la Polisportiva Monti Cimini che sta attraversando un ottimo momento di forma. Ci vorrà un miracolo per portare via un risultato positivo, ma il Ds fa fede sulla voglia dei giocatori di un pronto riscatto.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Snipers TecnoAlt: il fattore PalaMercuri non basta

Esordio casalingo con sconfitta per gli Snipers TecnoAlt: sabato sera al PalaMercuri è tornata la massima serie di hockey in line dopo sette anni di assenza ma la sorte non ha benvoluto ai civitavecchiesi, che si sono arresi 6-9 al Monleale.
L’inizio della gara è in favore degli ospiti che si portano sullo 0-2, poi rimonta dei ragazzi di coach Gavazzi che vanno avanti fino al 4-2. A cavallo fra la fine del primo tempo e l’inizio del secondo però i piemontesi piazzano un parziale di 5-0 che cambia le sorti del match. Sul 4-7 i civitavecchiesi più di cuore che di testa accorciano fino al 6-7 ma un paio di dubbie chiamate arbitrali consentono al Monleale di chiudere in vantaggio 9-6.
Così il presidente/giocatore Riccardo Valentini: «Una sconfitta che ci lascia molto amareggiati perchè siamo consapevoli che era un match alla nostra portata. Monleale ha fatto valere la maggiore esperienza nella massima serie, nei momenti chiave non siamo riusciti ad essere lucidi e qualche errore di troppo ci è costato caro. Sapevamo che avremmo pagato lo scotto dell’inesperienza nel girone di andata, sabato si è visto quanto è importante questo aspetto. Rimaniamo comunque un gruppo compatto ed unito e nonostante il ko che brucia l’entusiasmo rimane molto alto».
Per gli Snipers TecnoAlt a segno con una doppietta ciascuno Manuel Fabrizi, Elia Tranquilli e Stefano Cocino.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Outlet, Nunzi: ''Sondaggio valido: si faccia un referendum''

CIVITAVECCHIA – «Al di là del fatto che il sondaggio è stato fatto da una società di rilevanza nazionale e di grande prestigio,il numero di intervistati (ribadisco 400) viene reputato  numero attendibile. Ricordo al Sindaco che i commercianti sono anche cittadini».

Duro Tullio Nunzi, dell’associazione Meno poltrone più panchine, dopo le dichiarazioni in consiglio comunale riguardo il sondaggio fatto sull’Outlet a Fiumaretta, o Welcome center come preferiscono chiamarlo i pentastellati. Un progetto che non piace a molti ma che viene difeso a spada tratta dall’amministrazione a Cinque stelle.

L’invito di Nunzi a Sindaco e consigliere comunali di maggioranza è di «frequentare un po’ il dubbio, frutto – tuona Nunzi – che non viene coltivato nei giardini degli ayatollah, e nel dubbio legittimo, dal suo punto di vista, che il sondaggio non sia riscontro effettivo,avvii un referendum,forma di democrazia diretta giustamente  esaltata da Grillo in terra Svizzera, riguardo al canone televisivo».

Per Nunzi al Sindaco sfugge il fatto che le associazioni di categoria si sono già dette contrarie al progetto «consapevoli che l’outlet sarà un colpo tremendo per il commercio cittadino,e impedirà quella sinergia tanto auspicata tra porto commercio e città. Forse se si fosse fatto un referendum non avremmo avuto la tragedia del Terminal del gusto e i danni conseguenti per giovani ed aziende. Ricordo – sottolinea Nunzi – che anche in quel caso si oppose esclusivamente  ed a ragione Confcommercio ed il suo presidente. Invito il Sindaco a frequentare un po’ di più i commercianti. Comprendo – conclude duro l’esponente di Meno poltrone e più panchine – che  si voglia dimostrare ch non si tratti di outlet,anche perché i 5 stelle nei loro programmi regionali e nazionali, hanno sempre e comunque avversato outlet e grandi centri commerciali».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###