L’As Gin conquista tre medaglie d’oro

L’As Gin Civitavecchia, con il suo settore ginnastica ritmica, entra prepotentemente nel gotha nazionale di questa disciplina. Quanto seminato con impegno, preparazione e abnegazione in questi anni dai tecnici Alessandra Peveri e Marianna Errigo ha portato frutti eccezionali. Le atlete made in As Gin hanno completamente dominato al Campionato Nazionale di Squadra Ms. Sabato scorso ad Ascoli Piceno i team della società civitavecchiese hanno conquistato ben tre medaglie d’oro grazie a performance eccezionali di tutte le ginnaste. Il primo oro è stato conquistato dalla squadra Esordienti composta dal quintetto Clarici F, Braccini, Tarantino M, Ziello e Matteo. Ottima prova anche per le Allieve Corrado, Clarici R, Paone e Tarantino A; oro anche per loro. Fantastica performance delle ‘‘Farfalline’’ Senior Santoni, Crisostomi, Pietrobattista e Lanari. La squadra delle Giovani con Pirocco, Cosmini, Fominici, Farina e Basconi, alla loro primissima esperienza di gara si sono comportate veramente bene sotto ogni punto di vista, svolgendo una buona esecuzione. «Le nostre ginnaste si sono superate conquistando l’oro in tutte le categorie – spiega la coach Alessandra Peveri – grazie di cuore a tutte le ragazze per il meraviglioso regalo che ci hanno fatto. Le nostre piccolissime alla loro prima esperienza di gara: sono state super bravissimo. Con impegno e costanza i grandi risultati arrivano».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Giù il cappello Corneto Tarquinia: sconfitta la Csl e vetta in solitaria

Finisce 5-0 il derby tra la Cpc2005 e il Santa Marinella, dopo una gara mai in dubbio per i padroni di casa. Gli ospiti reggono bene per sessanta minuti, poi però, dopo un rigore dubbio subito quando il risultato era per 1 a 0 per i portuali, sono letteralmente naufragati. Due sono gli ex tra le fila del Santa Marinella dei tempi dell’Eccellenza, il centrocampista Puca e l’esterno difensivo Capoccia. Per Caputo la soluzione allo squalificato Treccarichi è Esposito al fianco di Bevilacqua. Regge bene il fortino allestito da Morelli nei primi quindici minuti, ordinato il Santa Marinella frena le progressioni in verticale dei portuali. Al 16’ però i locali passano in vantaggio. Cross vellutato di Ruggiero per Tabarini che, di testa insacca sul palo sinistro. È un’altra gara ora, la Cpc2005 è pericolosa ad ogni affondo e Ruggiero quando punta l’avversario è incontenibile. Al 28’ Funari va al tiro ma Sanfilippo si supera nel respingere. Il Santa Marinella vacilla, il 2 a 0 sembra nell’aria. Sanfilippo nega il raddoppio al 42’ su tiro di Ruggiero, e si va a riposo poco dopo. Nella ripresa il Santa Marinella entra in campo con il piglio giusto, i portuali non offrono spunti ma troppe volte i tirrenici arrivano dalle parti di Pancotto. Nel momento di maggiore sforzo degli ospiti, però, la CPC2005 raddoppia. Feuli viene contrato in area da un avversario e tra le proteste dei tirrenici l’arbitro concede il rigore che Tabarini trasforma. Il Santa Marinella regge il campo dignitosamente anche se non impensierisce Pancotto, ma è stanca e nel giro di due minuti tracolla altre due volte. Prima Tabarini e subito dopo Lancioni portano la roja sul quattro a zero. Si attende il fischio finale, anche se la Cpc prima della fine serve la cinquina. Serpentina di Delogu che serve Loiseaux solo davanti a Sanfilippo, non sbaglia il tap-in che vale il cinque a zero. La Csl Soccer incassa la prima sconfitta tra le mura amiche del Gagliardini. Al Dlf il Corneto Tarquinia del tecnico Stefano Del Canuto asfalta per 3-0 i rossoblù di Daniele Fracassa. Un risultato giusto e meritato per i tarquiniesi, che nel primo tempo passano in vantaggio grazie al colpo di testa di Catracchia, per poi replicare poco dopo con il classe ‘99 Petroselli, uno dei migliori Under oltre a Forieri e Loi che hanno sfornato una prestazione eccezionale. Nella ripresa la Csl prova a reagire cercando di rientrare in partita, ma nel momento migliore dei locali, inizia il Iacomini show che para l’incredibile, negando la gioia a Peveri, Gaeta e Saraceno. Poco dopo gli ospiti chiudono il conto con un altro pregiato fuori quota che porta il nome di Massaini. Al triplice fischio esulta il Corneto Tarquinia che conquista la vetta in solitaria. «Risultato senza appello – ammette il tecnico civitavecchiese Daniele Fracassa – peccato perché abbiamo concesso la rete del vantaggio di Catracchia su una disattenzione. Il raddoppio ci ha tagliato le gambe. Potevamo rientrare in partita con l’ex Gaeta, Iacomini ha fatto due parate su Peveri impressionanti. Le giocate dei singoli hanno fatto la differenza e la Corneto ha dei giocatori straordinari. Complimenti a Del Canuto ed ai suoi, ripetere l’impresa come contro la Cpc non ci è riuscita». Il Città di Cerveteri esce sconfitto per 2 a 0 dalla trasferta ad Acquapendente, che torna al successo che gli mancava da un mese. Lo fa con una prestazione di carattere al cospetto di un Città di Cerveteri che ha confermato i problemi emersi nel recupero di mercoledì col Pian Due Torri. Una doppietta di Verri tra primo e secondo tempo fa pendere l’ago della bilancia verso gli aquesiani che hanno meritato i tre punti anche sul piano del gioco nonostante le assenze di Nuccioni ed Avola. Ottimo il debutto di Bellacima che non ha reso vita facile a due brutti clienti come Di Fiandra e Teti poi uscito per infortunio Le sconfitte con il Montefiascone e la Polisportiva Cimini assieme al punticino insapore con il Canale Monterano vanno in archivio. «È un giorno che ci penso – dice mister Zeoli  – una squadra che dopo le ottime prestazioni con Csl e Cpc ne fa due inguardabili contro Pian Due Torri ed Acquapendente, mi lasciano perplesso. Le assenze di Roscioli, Castelletti, Paraschiv e Bacchi non possono essere una giustificazione. Queste non deve essere un alibi». L’Atletico Ladispoli subisce una nuova sconfitta casalinga, questa volta contro un ottimo Montefiascone che fa suo lo scontro salvezza. Renzi e Davidenkos ad inizio e fine della prima frazione sono gli autori dei due gol. Brachino completa il blitz nella ripresa. La squadra di Centaro infila il quarto risultato utile consecutivo. Il Tolfa batte in casa per due a zero con gol di Galli e Trincia il Duepigreco Roma e balza al sesto posto in classifica.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cpc, l’Under 17 vince e conquista la vetta

Finisce 4-3 per i romani del Tanas il big match della decima giornata contro i pari età dell’Under 19 regionale. Prima contro seconda che non ha deluso le aspettative. 
I portuali vanno avanti due volte nel giro di venti minuti, in entrambe le occasioni è Memmoli a capitalizzare la mole di gioco dei portuali. 
La prima con un pallonetto a scavalcare Migliorini,   e la seconda in tap-in sugli sviluppi di un corner. Riviene poi fuori il Tanas e prima dimezza con Fecchi, e quasi allo scadere con Forzia agguanta il pari. 
La Cpc2005 recrimina  in entrambe le occasioni per due presunti falli, il direttore Ventura però non ha dubbi e concede le reti. Si va a riposo sul due a due. Secondino deve cambiare China e Sansolini, per loro affaticamento muscolare, e non sarà più la stessa cosa da li in avanti. 
Pronti e via e Memmoli, scatenato quest’oggi, al terzo comunque riporta avanti i portuali. Lo fa direttamente da calcio di punizione, pennellando la sfera che risulta impossibile da respingere per Migliorini. 
La capolista Tanas non ci sta e al 10’ pareggia, Ricci sotto porta riprende un mezzo miracolo di Di Marco, abile sugli sviluppi di un calcio da fermo, e fa tre a tre tra le proteste dei portuali per un presunto fuorigioco. Memmoli ha la palla del 4 a 3 due minuti dopo, è abile Migliorini a respingere. Esce anche Fattori intorno al 20’, anche per lui un affaticamento muscolare. 
Il Tanas cerca la vittoria e al 37’ la Cpc2005 deve inchinarsi ancora, è  Forzia a beffare Di Marco. Finisce in pratica qui la gara.
Scontro tra i titani del girone, e non è un caso che a spunatrla è la squadra che è stata capace di vincerne nove su dieci fino ad oggi. La Cpc2005 recrimina per qualche decisione arbitrale, ci sta anche questo nel calcio, ma ne esce conscia delle sue possibilità in chiave playoff.
L’Under 17 regionale  di Di Pietro espugna Fiumicino, pareggia il Petriana in casa del Vescovio, e ritrova in concomitanza della squadra romana la vetta. Finisce 3-1 contro il Fiumicino1926, dopo aver portato a casa una partita dalle mille difficoltà. Domenica scontro diretto con il Petriana, li servirà la stessa Cpc2005 di domenica. 
Grande l’apporto dei 2003 in questa giornata, tra cui bomber Amato che apre le marcature. Finale di gara in inferiorità numerica che non frena, comunque, il cammino dei giovani portuali. Dimenticata in fretta la sconfitta di domenica con l’Etruria, e ora, si spera, che sarà un’altra storia.
La Cpc2005 dopo neanche cinque minuti è già avanti. 
Dalla Ragione mette nel mezzo un buon cross, il portiere avversario non trattiene, e  Amato è li a insaccare il gol che vale il vantaggio. Neanche il tempo di centrare la sfera che  Di Iorio serve il pareggio per la sua squadra. Gara vibrante, uno a uno. 
La CPC2005 non si demoralizza e continua a giocare cercando il gol che varrebbe il vantaggio, anche se è Formisano a togliere le castagne dal fuoco intorno al 25 ai suoi, andando ad opporsi a un tiro avversario. Al 30’ la spinta della CPC2005 è premiata,   tiro di Grossi in girata e CPC2005 in vantaggio.  Si va a riposo cosi, portuali avanti di una lunghezza. 
Ripresa sulla falsa riga della prima, entrambi cercano il gol giocando a viso aperto. La CPC2005 al decimo deve ancora ringraziare Formisano che si oppone, da far suo, al tiro scagliato da  Olivi. 
La CPC2005 rimane in dieci  al 15’,  espulsione di D’Angelo per proteste, ma è in partita come non mai. Il Fiumicino cerca di far la voce grossa in superiorità numerica  ma la CPC2005 non addietra, anzi  con Zerilli, che raccoglie l’assist superbo di Grossi,   triplica e chiude la gara. Il Fiumicino spinge nel finale alla ricerca del gol che riaprirebbe la gara, ma è tardi. Tre punti d’oro che valgono la testa della classifica, il resto domenica al Tamagnini quando di fronte avranno proprio il Petriana.
Finisce 8-1 la gara di sabato al Tamagnini degli Under16 provinciale di Colapietro sull’Eretum Monterotondo. Risultato per gli annali ma non per i tre punti, visto che l’Eretum gareggia in questo campionato fuori classifica. In rete con una doppietta ciascuno Saladini, Fusco e Galimberti, a chiudere il parziale Amato e Sammartini per i rosso portuali.
L’Under 15 provinciale di Midei sono corsari a Cerveteri, per loro 3-1 il punteggio finale sui pari età del Città di Cerveteri. Vince anche l’Astrea e la vetta rimane a tre punti. In rete Chessa, Spadone e Mura.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La Margutta batte 3-0  la Roma 86 e conquista la vetta in solitaria

Una vittoria che vale il primato. È quella ottenuta domenica sera dalla Margutta Asp, che ha strapazzato al Palasport la Roma 86 con il risultato di 3-0 ed ha raggiunto il primo posto solitario in classifica dopo il passo falso di sabato della Virtus Latina, caduta in casa contro il Volley Friends per 3-2. Tornando alla gara che si è giocata all’impianto di via Barbaranelli, tutto è filato liscio per le rossoblu, chnon hanno risentito delle assenze tra i centrali di Brighenti e Monti, sostituite egregiamente da Baffetti (decisiva a muro nel terzo set) e Paolini (alla sua prima stagionale), e di Scisciani, rimpiazzata nel ruolo di opposto da un’ottima Sorrentino. La partita è scivolata via tranquilla fino al terzo set, quando le ospiti si sono portate avanti fino al 13-2. È servita quindi una super Margutta per recuperare terreno dalle avversarie e per il soprasso alla curva finale. «Sono contenta – afferma la giovane Baffetti – perché nonostante qualche difficoltà siamo riuscite a chiudere la partita sul 3-0. Noi giovani ci sentiamo parte integrante del gruppo e questo ci consente di fare bene quando scendiamo in campo. Il primo posto? Ci fa un bell’effetto, è vogliamo tenercelo stretto».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La Margutta batte 3-0  la Roma 86 e conquista la vetta in solitaria

Una vittoria che vale il primato. È quella ottenuta domenica sera dalla Margutta Asp, che ha strapazzato al Palasport la Roma 86 con il risultato di 3-0 ed ha raggiunto il primo posto solitario in classifica dopo il passo falso di sabato della Virtus Latina, caduta in casa contro il Volley Friends per 3-2. Tornando alla gara che si è giocata all’impianto di via Barbaranelli, tutto è filato liscio per le rossoblu, chnon hanno risentito delle assenze tra i centrali di Brighenti e Monti, sostituite egregiamente da Baffetti (decisiva a muro nel terzo set) e Paolini (alla sua prima stagionale), e di Scisciani, rimpiazzata nel ruolo di opposto da un’ottima Sorrentino. La partita è scivolata via tranquilla fino al terzo set, quando le ospiti si sono portate avanti fino al 13-2. È servita quindi una super Margutta per recuperare terreno dalle avversarie e per il soprasso alla curva finale. «Sono contenta – afferma la giovane Baffetti – perché nonostante qualche difficoltà siamo riuscite a chiudere la partita sul 3-0. Noi giovani ci sentiamo parte integrante del gruppo e questo ci consente di fare bene quando scendiamo in campo. Il primo posto? Ci fa un bell’effetto, è vogliamo tenercelo stretto».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Pieno di solidarietà per il concerto “Aspettando… il Natale 2018” del Lions Club Tarquinia

TARQUINIA –  “Aspettando il Natale 2018” fa il pieno di solidarietà. Il concerto organizzato dal Lions Club Tarquinia riempie la sala consiliare del palazzo comunale di Tarquinia e conquista il pubblico presente, unendo la bellezza della musica a quella della solidarietà.

Da una parte la perfetta esibizione della Banda del Corpo della Gendarmeria Vaticana sottolineata più volte dagli applausi della platea. Dall’altra il racconto dei genitori di Marco e Francesco, i fratellini di Cerveteri affetti dalla rarissima malattia di Batten cui era dedicata la manifestazione con una raccolta fondi e in procinto di partire per gli Stati Uniti, in Texas, per un consulto e iniziare tra qualche mese delle cure sperimentali.

“Fare del bene è la missione del Lions Club. – afferma il presidente, l’avvocato Paolo Pirani – Farlo con un concerto che ha portato centinaia di persone al palazzo comunale e con la Banda del Corpo della Gendarmeria Vaticana è ancora più bello. Nel 2019 festeggeremo mezzo secolo di vita. 50 anni dedicati alla solidarietà. Nei prossimi mesi saremo impegnati in alcune importanti iniziative per sostenere l’ospedale di Tarquinia e progetti a favore delle donne e della fasce sociali più deboli”. Dal Nabucco e dalla Traviata di Giuseppe Verdi al Danubio Blu di Joahn Strauss, fino alla Norma di Vincenzo Bellini, la Banda del Corpo della Gendarmeria Vaticana ha confermato la fama che la precedeva.

“I componenti provengono dalle più prestigiose bande italiane. – afferma la presidente dell’Accademia Tarquinia Musica e direttrice artistica del concerto Roberta Ranucci – Una realtà che nasce nel 2007 e svolge un’intensa attività concertistica in tutta Italia. Abbiamo avuto onore di ospitarla e la città ha risposto molto bene. Forse è stata l’edizione migliore. E toccante è stato ascoltare la testimonianza del papà di Marco e Francesco. Le persone presenti hanno dimostrato tanta generosità”. Aspettando il Natale 2018 è stato patrocinato dal Comune di Tarquinia.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

"Il Dio del massacro" conquista la rassegna "Nuovi talenti"

CIVITAVECCHIA – Migliore regia a Marco Paniccia e migliore attrice non protagonista a Laura Farina. La compagnia "Avanzi di scena" conquista il premio teatrale "Nuovi talenti", con la rassegna che si è chiusa ieri sera al teatro Buonarroti. 

"Uno spettacolo che indaga profondamente le relazioni umane – ha spiegato soddisfatto Paniccia – che sviscera nel profondo ironia, cinismo, crudeltà e disprezzo. Abbiamo lavorato molto per garantire un livello qualitativo degno di "Avanzi di Scena" superando ogni aspettativa possibile. Insomma, avanziamo come sempre verso vette sempre più alte e palchi sempre più importanti. Presto tante bellissime novità, a breve e a lungo termine orgogliosi di puntare a qualcosa di diverso, innovativo, intelligente e ricercato, mai banale". 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

"Il Dio del massacro" conquista la rassegna "Nuovi talenti"

CIVITAVECCHIA – Migliore regia a Marco Paniccia e migliore attrice non protagonista a Laura Farina. La compagnia "Avanzi di scena" conquista il premio teatrale "Nuovi talenti", con la rassegna che si è chiusa ieri sera al teatro Buonarroti. 

"Uno spettacolo che indaga profondamente le relazioni umane – ha spiegato soddisfatto Paniccia – che sviscera nel profondo ironia, cinismo, crudeltà e disprezzo. Abbiamo lavorato molto per garantire un livello qualitativo degno di "Avanzi di Scena" superando ogni aspettativa possibile. Insomma, avanziamo come sempre verso vette sempre più alte e palchi sempre più importanti. Presto tante bellissime novità, a breve e a lungo termine orgogliosi di puntare a qualcosa di diverso, innovativo, intelligente e ricercato, mai banale". 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

''Sembra di tornare nel periodo Fascista''

LADISPOLI – "Ci è sembrato di tornare nel periodo Fascista, quando il controllo, l'utero, a quei tempi era strettamente legato al proliferare della Nazione, perché le Donne, a cominciare da Rachele Mussolini, avevano l'obbligo, non solo morale ma anche fisico, di contribuire alla causa suprema dello Stato". Sono forti le parole utilizzate dai consiglieri del Partito democratico, Federico Ascani e Monica Forchetta per quanto accaduto ieri durante la massima assise cittadina: l'approvazione della mozione presentata dal consigliere di maggioranza di Fratelli d'Italia, Raffaele Cavaliere, sulle "Norme per la tutela della Maternità e sull'interruzione volontaria di gravidanza". 
"Come consiglieri del PD – hanno detto Ascani e Forchetta –  ci siamo fortemente risentiti sull’ accaduto: Sono stati riportati dati non corretti lontani dalla realtà, nei quarant'anni di applicazione della legge 194. Si richiede un impegno da parte delle Istituzioni ai fini che l’interruzione di gravidanza non sia usata come " limitazione delle nascite" ma allo stesso tempo si è ambigui nella tutela ed efficacia della stessa. A noi invece ci è sembrato di tornare nel periodo Fascista, quando il controllo, l'utero, a quei tempi era strettamente legato al proliferare della Nazione, perché le Donne, a cominciare da Rachele Mussolini, avevano l'obbligo, non solo morale ma anche fisico, di contribuire alla causa suprema dello Stato. A quarant'anni da questa legge – hanno proseguito Ascani e Forchetta –  ancora oggi viene messa in discussione, attaccata e strumentalizzata la legge, in modo indiretto e provocatorio. Finché le Donne sono costrette a ricorrere all'aborto clandestino, finché la contraccezione non sarà accessibile realmente a tutte, finché non ci sarà una cultura del rispetto, dobbiamo andare nella direzione opposta e capire come non passiamo accontentarci della legge che, seppur conquista delle lotte di quel periodo, lascia ancora troppo spazio a forze reazionarie, che spesso si rifanno al 'estrema destra nostalgica di un periodo in cui le 'Donne della Nazione' erano sotto lo stretto controllo del Patriarcato. Portiamo un pensiero del nostro Presidente Nicola Zingaretti che la consigliera Forchetta in nome del PD ha ribadito ieri in aula "Non si rispetta la Vita se non si rispettano le scelte delle Donne, soprattutto quando sono difficili come lo è quella di interrompere una gravidanza ". Il collega Cavaliere conclude con un intervento a dir poco " ridicolo" e soprattutto di cattiva informazione, facendo nuovamente un accostamento tra vaccino e cancro. Al tal proposito ci sentiamo in obbligo morale e in modo particolare la consigliera Forchetta, in qualità di Presidente e rappresentante di  Pazienti oncologici , che quotidianamente si batte in prima linea contro le fake News, di non rendere pubbliche teorie basate sul nulla, perché la scienza si basa su temi che emergono in letteratura, non su teorie "fantastiche".  

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

"La Cittadinanza del Mare" conquista la Regione

di CAROLA MILANA

CIVITAVECCHIA – Durante quella che viene definita una giornata formativa, nella cornice del nuovissimo Terminal “Amerigo Vespucci”, il Direttore dell'Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio e la Direzione Marittima del Lazio hanno firmato Protocollo di Intesa, dal quale dovranno nascere progetti volti prima di tutto all’informazione, alla salvaguardia ed alla “vita” di mare. Un progetto con fine l’11 Aprile 2019, giornata del Mare nelle scuole, in cui verrà poi decretato il vincitore del progetto.

Tutti gli ospiti presenti hanno sottolineato l’importanza di questa "fortuna blu", dichiarando fortemente di volere più informazione e formazione a riguardo, a partire dall’Ammiraglio Antonio Basile che ha ribadito con fervore quanto un’educazione marinara sia importante, non solo negli Istituti Nautici, ma in ogni scuola e di ogni livello per istruire in maniera ottimale i giovani cittadini del mare; al pari con l’educazione civica.

L’evento oscilla tra la formazione dei giovani e l’informazione di ogni altro spettatore riguardo l’attuale salute del Mediterraneo. Non sono mancati i dati accurati della quantità di plastica che esso contiene, grazie agli interventi di Donatella Bianchi, giornalista e Presidente del WWF Italia, che ha speso due parole per richiamare alla memoria di tutti l’assenza di una seconda possibilità di salvare questa terra e soprattutto il mare. Inoltre, grazie alla stipula del Patto Volontario le imprese navali si sono impegnate ad eliminare lo zolfo contenuto nel proprio combustibile, assicurando la riduzione delle emissioni, come ha ricordato il presidente dell’Adsp Francesco Maria di Majo, che condivide il percorso con l’Autorità Portuale di Venezia. L’Avv. Roberto Neglia, dell’Arena Rapporti Istituzionali UCINA, ha fatto riferimento all’Italia come leader mondiale nella produzione di prodotti nautici, sottolinea l’importanza del settore come proponente di più posti di lavoro come nessun’altro settore propone; inoltre il settore crocieristico porta a riva un turismo che incrementa l’economia di buona parte del Paese, circa il 25%, come sottolineato dal Direttore Generale Roma Cruise Terminal John Portelli.

"Ma l’evento non è fine a se stesso – ha affermato il Direttore Generale dell’USR,  Gildo De Angelis – uno degli obbiettivi è uscire dai porti per internazionalizzare le scuole a questa educazione marittima, con gli Istituti Italiani portabandiera dell’iniziativa".

Non sono mancati cenni storici di come questo mare veniva utilizzato, di come chi lo possedeva, possedeva gran parte di una fortuna, una fortuna che cresce ogni giorno. Roberto Arciprete ha fatto notare la fortuna di un mestiere come la pesca, in Italia più che negli altri Paesi. Un’abilità antichissima e piena di conoscenze tramandate, che oggi hanno reso possibile dei miglioramenti in termini tecnologici, per un ottimizzazione e un’efficienza che porta non solo ulteriori incrementi economici ma anche prodotti di una certa qualità.

Non da meno le raccomandazioni dei due campioni di apnea e di vela, Simone Rigoni e Mauro Pelaschier, che fanno appello alla sicurezza in mare, anche se solo per una competizione.

Molti interventi e raccomandazioni per l’impegno che ogni giorno deve essere messo in pratica per mantenere questo bel mare. Per questo l’evento “La Cittadinanza del Mare” nasce per sensibilizzare intere Istituzioni che, lavorando insieme, possono fare la differenza. Un progetto questo supportato per primo dal Sindaco di Civitavecchia Antonio Cozzolino, a sua volta sostenuto da tutte le Autorità, come la Guardia Costiera, l’USR, l’Assessorato al Turismo e alle Pari Opportunità della Regione Lazio e dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro-settentrionale. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###