No a funerali in chiesa per il boss Sciuto, fece attentato a Pippo Baudo

Il capomafia conosciuto come «Nuccio Coscia» era all’ergastolo in regime di 41 bis. Nel 1991 fece saltare la villa ad Acireale del presentatore tv

Leggi articolo completo

@code_here@

Miss Italia, Chiara Bordi è terza

TARQUINIA – Tarquinia tifa la sua Miss. Chiara Bordi, la 18enne con la protesi, la sua sfida l’ha già vinta: far capire alla gente che “non bisogna aver paura di mostrarsi al mondo così come si è”. E lei, sia chiaro, è bellissima.

Stasera da Milano Chiara affronta la finale di Miss Italia, lo storico concorso di bellezza firmato da Patrizia Mirigliani che l’ha voluta in gara accogliendola con entusiasmo. 

Chiara di bellezza e coraggio ne ha da vendere: la sua protesi la sfoggia come un gioiello, perché a lei ció che brilla di più è il cuore. E non c’è frase o commento, di persona vera o presunta o  hacker, che possa scalfire il suo travolgente sorriso,  conquistato dopo tanto dolore.

Con  il numero 08 Chiara Bordi calcherà la passerella con la sua protesi ‘bionica’ per mostrare al mondo che la “diversità non è vincolante”.

Se qualcuno, non ancora definito – (sarà avviata un’indagine da parte della polizia postale dopo un post apparso su Facebook nel profilo di Mirella) – l’ha chiamata “storpia”, lei non si scoraggia ma mostra, ancora una volta, tutta la sua superiorità. “Della vittoria – risponde Chiara- non mi interessa niente, tantomeno di fare pena perché posso assicurare che la pena è l’ultima cosa ricercata e la prima odiata da me e da qualsiasi altro tipo di disabile. Sto facendo tutto questo per mostrare alle persone ottuse (appunto) che una ragazza senza un arto può gareggiare al pari di tutte, che la diversità non è vincolante, che la vita non si interrompe mai ed è sempre bella, anche quando sembra che ce l’abbia con te, che da un dramma si rinasce e si cresce più forti di prima, tutto sta nel saper reagire». 

E questo messaggio è arrivato forte e chiaro a molta gente; della sua Tarquinia, ma anche in generale del mondo – della moda e non – che continua ad accogliere Chiara a braccia aperte. 

Lo si evince dai tanti commenti sui social, come quello di Anna Rita che scrive:“Non vuole essere un endorsement, sarebbe troppo scontato. Ciò che dico in queste righe è la descrizione di un inno alla vita, un inno alla gioia, un inno al coraggio. Da quando ho conosciuto Chiara ho avuto modo di vedere e conoscere la forza del suo sorriso, un sorriso che ti attraversa. Un sorriso che può averlo solamente una persona che ha scritto nei suoi occhi il senso profondo di una anima piena di sentimenti. Lei bambina gigante nel cuore e nella testa. Lei non sarà mai la Miss scontata della “pace nel mondo”. Non può esserlo perché lei la pace l’ha trovata in tutto ciò che fa ogni giorno con la semplicità di una ragazza di 18 anni. Lei sta sfidando il mondo ed è chiaro che sta vincendo! Per questo lo dico già da ora che per me la mia Miss Italia sarà lei, Chiara Bordi! Comunque vada”. 

Dello stesso tenore le parole di Antonella: “La bellezza non è solo quella esteriore, ma Chiara Bordi è bellissima sia dentro che fuori, lei partecipa non per vincere, ma per dimostrare che la disabilità non è diversità e che con la forza di volontà può fare tutto quello che possono fare le altre ragazze”.

E quelle di Irene: “… Chiara, una gamba amputata a 12 anni per un incidente, con 15 interventi alle spalle, non ha mai visto limiti, non ha mai visto barriere, non ha mai sognato a percentuale, non ha mai creduto alle vie di mezzo, e allora o tutto o niente e il suo sogno di diventare Miss Italia con una gamba strafiga bionica ha preso il sopravvento e non si è fermata alle provinciali e non si è fermata alle regionali è arrivata alle finali …lei che di diverso rispetto ai normodotati ha solo una cosa la determinazione di chi, potendo accontentarsi di una vita su misura, ha scelto di correre senza limiti. Senza paracadute. Go #chiarabordi tu sei già la mia Miss Italia. Tu hai già vinto tutto”.

Ore 22,20: Chiara Bordi passa il turno, ed è tra le 15 finaliste del concorso in corso in diretta su La7.

Ore 23,07. Avanti ancora un altro turno: Chiara Bordi è tra le 10 finaliste.

Ore 23,55: Chiara Bordi è tra le cinque finaliste del concorso di Miss Italia 2018.

Ore 00,33. La 18enne passa il turno, ed è tra le tre ragazze più belle d’Italia.

Ore 01,00. Chiara Bordi è la terza bellezza d’Italia.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Miss Italia, Chiara Bordi è tra le tre finaliste

TARQUINIA – Tarquinia tifa la sua Miss. Chiara Bordi, la 18enne con la protesi, la sua sfida l’ha già vinta: far capire alla gente che “non bisogna aver paura di mostrarsi al mondo così come si è”. E lei, sia chiaro, è bellissima.

Stasera da Milano Chiara affronta la finale di Miss Italia, lo storico concorso di bellezza firmato da Patrizia Mirigliani che l’ha voluta in gara accogliendola con entusiasmo. che andrà in onda su La7. 

Chiara di bellezza e coraggio ne ha da vendere: la sua protesi la sfoggia come un gioiello, perché a lei ció che brilla di più è il cuore. E non c’è frase o commento, di persona vera o presunta o  hacker, che possa scalfire il suo travolgente sorriso,  conquistato dopo tanto dolore.

Con  il numero 08 Chiara Bordi calcherà la passerella con la sua protesi ‘bionica’ per mostrare al mondo che la “diversità non è vincolante”.

Se qualcuno, non ancora definito – (sarà avviata un’indagine da parte della polizia postale dopo un post apparso su Facebook nel profilo di Mirella) – l’ha chiamata “storpia”, lei non si scoraggia ma mostra, ancora una volta, tutta la sua superiorità. “Della vittoria – risponde Chiara- non mi interessa niente, tantomeno di fare pena perché posso assicurare che la pena è l’ultima cosa ricercata e la prima odiata da me e da qualsiasi altro tipo di disabile. Sto facendo tutto questo per mostrare alle persone ottuse (appunto) che una ragazza senza un arto può gareggiare al pari di tutte, che la diversità non è vincolante, che la vita non si interrompe mai ed è sempre bella, anche quando sembra che ce l’abbia con te, che da un dramma si rinasce e si cresce più forti di prima, tutto sta nel saper reagire». 

E questo messaggio è arrivato forte e chiaro a molta gente; della sua Tarquinia, ma anche in generale del mondo – della moda e non – che continua ad accogliere Chiara a braccia aperte. 

Lo si evince dai tanti commenti sui social, come quello di Anna Rita che scrive:“Non vuole essere un endorsement, sarebbe troppo scontato. Ciò che dico in queste righe è la descrizione di un inno alla vita, un inno alla gioia, un inno al coraggio. Da quando ho conosciuto Chiara ho avuto modo di vedere e conoscere la forza del suo sorriso, un sorriso che ti attraversa. Un sorriso che può averlo solamente una persona che ha scritto nei suoi occhi il senso profondo di una anima piena di sentimenti. Lei bambina gigante nel cuore e nella testa. Lei non sarà mai la Miss scontata della “pace nel mondo”. Non può esserlo perché lei la pace l’ha trovata in tutto ciò che fa ogni giorno con la semplicità di una ragazza di 18 anni. Lei sta sfidando il mondo ed è chiaro che sta vincendo! Per questo lo dico già da ora che per me la mia Miss Italia sarà lei, Chiara Bordi! Comunque vada”. 

Dello stesso tenore le parole di Antonella: “La bellezza non è solo quella esteriore, ma Chiara Bordi è bellissima sia dentro che fuori, lei partecipa non per vincere, ma per dimostrare che la disabilità non è diversità e che con la forza di volontà può fare tutto quello che possono fare le altre ragazze”.

E quelle di Irene: “… Chiara, una gamba amputata a 12 anni per un incidente, con 15 interventi alle spalle, non ha mai visto limiti, non ha mai visto barriere, non ha mai sognato a percentuale, non ha mai creduto alle vie di mezzo, e allora o tutto o niente e il suo sogno di diventare Miss Italia con una gamba strafiga bionica ha preso il sopravvento e non si è fermata alle provinciali e non si è fermata alle regionali è arrivata alle finali …lei che di diverso rispetto ai normodotati ha solo una cosa la determinazione di chi, potendo accontentarsi di una vita su misura, ha scelto di correre senza limiti. Senza paracadute. Go #chiarabordi tu sei già la mia Miss Italia. Tu hai già vinto tutto”.

Ore 22,20: Chiara Bordi passa il turno, ed è tra le 15 finaliste del concorso in corso in diretta su La7.

Ore 23,07. Avanti ancora un altro turno: Chiara Bordi è tra le 10 finaliste.

Ore 23,55: Chiara Bordi è tra le cinque finaliste del concorso di Miss Italia 2018.

Ore 00,33. La 18enne passa il turno, ed è tra le tre più belle d’Italia.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Miss Italia, Chiara Bordi è tra le cinque finaliste

TARQUINIA – Tarquinia tifa la sua Miss. Chiara Bordi, la 18enne con la protesi, la sua sfida l’ha già vinta: far capire alla gente che “non bisogna aver paura di mostrarsi al mondo così come si è”. E lei, sia chiaro, è bellissima.

Stasera da Milano Chiara affronterà la finale di Miss Italia, lo storico concorso di bellezza firmato da Patrizia Mirigliani che l’ha voluta in gara accogliendola con entusiasmo, che andrà in onda su La7. 

Chiara di bellezza e coraggio ne ha da vendere: la sua protesi la sfoggia come un gioiello, perché a lei ció che brilla di più è il cuore. E non c’è frase o commento, di persona vera o presunta o  hacker, che possa scalfire il suo travolgente sorriso,  conquistato dopo tanto dolore.

Con  il numero 08 Chiara Bordi calcherà la passerella con la sua protesi ‘bionica’ per mostrare al mondo che la “diversità non è vincolante”.

Se qualcuno, non ancora definito – (sarà avviata un’indagine da parte della polizia postale dopo un post apparso su Facebook nel profilo di Mirella) – l’ha chiamata “storpia”, lei non si scoraggia ma mostra, ancora una volta, tutta la sua superiorità. “Della vittoria – risponde Chiara- non mi interessa niente, tantomeno di fare pena perché posso assicurare che la pena è l’ultima cosa ricercata e la prima odiata da me e da qualsiasi altro tipo di disabile. Sto facendo tutto questo per mostrare alle persone ottuse (appunto) che una ragazza senza un arto può gareggiare al pari di tutte, che la diversità non è vincolante, che la vita non si interrompe mai ed è sempre bella, anche quando sembra che ce l’abbia con te, che da un dramma si rinasce e si cresce più forti di prima, tutto sta nel saper reagire». 

E questo messaggio è arrivato forte e chiaro a molta gente; della sua Tarquinia, ma anche in generale del mondo – della moda e non – che continua ad accogliere Chiara a braccia aperte. 

Lo si evince dai tanti commenti sui social, come quello di Anna Rita che scrive:“Non vuole essere un endorsement, sarebbe troppo scontato. Ciò che dico in queste righe è la descrizione di un inno alla vita, un inno alla gioia, un inno al coraggio. Da quando ho conosciuto Chiara ho avuto modo di vedere e conoscere la forza del suo sorriso, un sorriso che ti attraversa. Un sorriso che può averlo solamente una persona che ha scritto nei suoi occhi il senso profondo di una anima piena di sentimenti. Lei bambina gigante nel cuore e nella testa. Lei non sarà mai la Miss scontata della “pace nel mondo”. Non può esserlo perché lei la pace l’ha trovata in tutto ciò che fa ogni giorno con la semplicità di una ragazza di 18 anni. Lei sta sfidando il mondo ed è chiaro che sta vincendo! Per questo lo dico già da ora che per me la mia Miss Italia sarà lei, Chiara Bordi! Comunque vada”. 

Dello stesso tenore le parole di Antonella: “La bellezza non è solo quella esteriore, ma Chiara Bordi è bellissima sia dentro che fuori, lei partecipa non per vincere, ma per dimostrare che la disabilità non è diversità e che con la forza di volontà può fare tutto quello che possono fare le altre ragazze”.

E quelle di Irene: “… Chiara, una gamba amputata a 12 anni per un incidente, con 15 interventi alle spalle, non ha mai visto limiti, non ha mai visto barriere, non ha mai sognato a percentuale, non ha mai creduto alle vie di mezzo, e allora o tutto o niente e il suo sogno di diventare Miss Italia con una gamba strafiga bionica ha preso il sopravvento e non si è fermata alle provinciali e non si è fermata alle regionali è arrivata alle finali …lei che di diverso rispetto ai normodotati ha solo una cosa la determinazione di chi, potendo accontentarsi di una vita su misura, ha scelto di correre senza limiti. Senza paracadute. Go #chiarabordi tu sei già la mia Miss Italia. Tu hai già vinto tutto”.

Ore 22,20: Chiara Bordi passa il turno, ed è tra le 15 finaliste del concorso in corso in diretta su La7.

Ore 23,07. Avanti ancora un altro turno: Chiara Bordi è tra le 10 finaliste.

Ore 23,55: Chiara Bordi è tra le cinque finaliste del concorso di Miss Italia 2018.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Chiara Bordi, Tarquinia tifa la sua Miss

TARQUINIA – Tarquinia tifa la sua Miss. Chiara Bordi, la 18enne con la protesi, la sua sfida l’ha già vinta: far capire alla gente che “non bisogna aver paura di mostrarsi al mondo così come si è”. E lei, sia chiaro, è bellissima.

Stasera da Milano Chiara affronterà la finale di Miss Italia, lo storico concorso di bellezza firmato da Patrizia Mirigliani che l’ha voluta in gara accogliendola con entusiasmo, che andrà in onda su La7. 

Chiara di bellezza e coraggio ne ha da vendere: la sua protesi la sfoggia come un gioiello, perché a lei ció che brilla di più è il cuore. E non c’è frase o commento, di persona vera o presunta o  hacker, che possa scalfire il suo travolgente sorriso,  conquistato dopo tanto dolore.

Con  il numero 08 Chiara Bordi calcherà la passerella con la sua protesi ‘bionica’ per mostrare al mondo che la “diversità non è vincolante”.

Se qualcuno, non ancora definito – (sarà avviata un’indagine da parte della polizia postale dopo un post apparso su Facebook nel profilo di Mirella) – l’ha chiamata “storpia”, lei non si scoraggia ma mostra, ancora una volta, tutta la sua superiorità. “Della vittoria – risponde Chiara- non mi interessa niente, tantomeno di fare pena perché posso assicurare che la pena è l’ultima cosa ricercata e la prima odiata da me e da qualsiasi altro tipo di disabile. Sto facendo tutto questo per mostrare alle persone ottuse (appunto) che una ragazza senza un arto può gareggiare al pari di tutte, che la diversità non è vincolante, che la vita non si interrompe mai ed è sempre bella, anche quando sembra che ce l’abbia con te, che da un dramma si rinasce e si cresce più forti di prima, tutto sta nel saper reagire». 

E questo messaggio è arrivato forte e chiaro a molta gente; della sua Tarquinia, ma anche in generale del mondo – della moda e non – che continua ad accogliere Chiara a braccia aperte. 

Lo si evince dai tanti commenti sui social, come quello di Anna Rita che scrive:“Non vuole essere un endorsement, sarebbe troppo scontato. Ciò che dico in queste righe è la descrizione di un inno alla vita, un inno alla gioia, un inno al coraggio. Da quando ho conosciuto Chiara ho avuto modo di vedere e conoscere la forza del suo sorriso, un sorriso che ti attraversa. Un sorriso che può averlo solamente una persona che ha scritto nei suoi occhi il senso profondo di una anima piena di sentimenti. Lei bambina gigante nel cuore e nella testa. Lei non sarà mai la Miss scontata della “pace nel mondo”. Non può esserlo perché lei la pace l’ha trovata in tutto ciò che fa ogni giorno con la semplicità di una ragazza di 18 anni. Lei sta sfidando il mondo ed è chiaro che sta vincendo! Per questo lo dico già da ora che per me la mia Miss Italia sarà lei, Chiara Bordi! Comunque vada”. 

Dello stesso tenore le parole di Antonella: “La bellezza non è solo quella esteriore, ma Chiara Bordi è bellissima sia dentro che fuori, lei partecipa non per vincere, ma per dimostrare che la disabilità non è diversità e che con la forza di volontà può fare tutto quello che possono fare le altre ragazze”.

E quelle di Irene: “… Chiara, una gamba amputata a 12 anni per un incidente, con 15 interventi alle spalle, non ha mai visto limiti, non ha mai visto barriere, non ha mai sognato a percentuale, non ha mai creduto alle vie di mezzo, e allora o tutto o niente e il suo sogno di diventare Miss Italia con una gamba strafiga bionica ha preso il sopravvento e non si è fermata alle provinciali e non si è fermata alle regionali è arrivata alle finali …lei che di diverso rispetto ai normodotati ha solo una cosa la determinazione di chi, potendo accontentarsi di una vita su misura, ha scelto di correre senza limiti. Senza paracadute. Go #chiarabordi tu sei già la mia Miss Italia. Tu hai già vinto tutto”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

«Scusa papà, riportami a casa»L’appello di Maria via Facebook

Era scappata da Friburgo a 13 anni con un uomo che aveva 40 anni più di lei, conosciuto su Internet. Dopo 5 anni è ricomparsa a Milano e lui è stato arrestato

Leggi articolo completo

@code_here@

Joe Intenso presenta il nuovo brano Pulsar

LADISPOLI – Torna alla ribalta Joe Intenso, rapper di Ladispoli “on air” con il nuovo brano Pulsar, tratto dall'Album intitolato 'ILDISCODELLANNO' uscito nel mese di Maggio. Il cantante offre qualche anticipazione. “Si tratta di un progetto di 9 brani prodotti tutti da mio fratello $tone Gold, compresa questa traccia, ed una prodotta da Andy-B”.

Già un anno fa ci fu il primo singolo estratto chiamato 'L'uomo della pioggia' con la prestigiosa collaborazione di un rapper molto conosciuto, cioè Caneda.

“Il video di Pulsar – prosegue nel racconto il cantante ladispolano – è uscito esattamente un anno dopo così da chiudere simbolicamente il cerchio, il ciclo che gira attorno a questo lavoro in cui io, Joe Intenso, sperimento molto con il flow su beat già sperimentali di mio fratello. Non manca la parte sempliciotta ma ciò che è assai presente per tutto il disco e ne fa quasi da filo conduttore è la filosofia. La scelta di estrarre questo video è dovuto dal fatto che tutti gli ascoltatori avevano apprezzato ILDISCODELLANNO ma premevano sul fatto che Pulsar fosse qualcosa di diverso, avesse qualcosa in più. Difatti a livello di suono e di testo abbiamo raggiunto un punto preciso e lo si può sentire dall'effetto messo da Flavio MixerT nel suo studio, lo storico Bunkerino, dove io vado a registrare”.

Nel brano si può percepire la tipica lirica influenzata culturalmente da cinema, musica ed anche da teatro, proprio perchè sono più di due anni che Joe Intenso fa parte anche di una compagnia guidata dalla SG Project, creata dal maestro Gabriele Abis.

Quindi cultura ed esperienza – in questo caso – sono gli ingredienti per creare un testo.

“Il resto è qualcosa di alto, perchè scrivere è un processo che va al di fuori del razionale, è come un'esplosione di una stella dentro di sè. Ed è terapeutico, quindi necessario. Una volta deciso ho contattato Michele Longobardi della BeLoud, io avevo visto un posto e pensavo fosse adatto per il pezzo, oramai la simbiosi è forte tra di noi (mi ha girato tutti i videoclip dall'inizio fino ad ora), la sua creatività e fantasia hanno portato questo prodotto eccellente”.

ILDISCODELLANNO è presente su tutte le piattaforme streming attraverso questo link: https://2lnk.eu/ildiscodellanno (inoltre è presente su Youtube e SoundCloud).

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Stadio Fattori, l’omologazione è dietro l’angolo

di MATTEO CECCACCI

Sarebbe veramente qualcosa di straordinario per la Civitavecchia sportiva riottenere l’omologazione e l’eventuale deroga riguardante l’intero impianto dello stadio Giovanni Maria Fattori, sito in via Bandiera. Una notizia che renderebbe tutti felici e contenti, soprattutto il Civitavecchia Calcio 1920 del presidente Ivano Iacomelli, così da non disputare più le prime gare di campionato ad Allumiere allo stadio La Cavaccia o addirittura a Tolfa sul manto erboso del Felice Scoponi. Uno stadio, quello di via Bandiera, che già da tempo ha aperto i cancelli alla società del Santa Marinella, per iniziare la preparazione in vista dell’esordio di domenica  nel  campionato di Promozione. Il terreno di gioco, deroga permettendo, darebbe accesso anche alla compagine della juniores Elite nerazzurra che comincerà il suo tragitto sabato 15 settembre. Si attende, dunque, la risposta della Lega Nazionale Dilettanti che in settimana tramite comunicato emanerà la decisione. Da dire, però, che una possibile concessione dello stadio Fattori andrebbe attribuita del tutto alla società che gestisce l’impianto. La Cpc2005, infatti, nonostante i recenti fatti di cronaca che hanno colpito il suo presidente, ha portato avanti la sua battaglia, così come sottolinea il comunicato ufficiale della società portuale: «Sembrano giunti al termine  gli sforzi della Cpc2005 Calcio per l’omologazione dello stadio Fattori. Lavoro che porterà a breve a far rivivere il calcio nel tempio che gli spetta. Nonostante quanto avvenuto non ci si è fermati, l’aspetto più caro e basilare alla Cpc2005 è quello di mettersi al servizio della cittadinanza con un occhio vigile al sociale; non si è arenato ne ha conosciuto tentennamenti, anzi, in una struttura piramidale, che porta chiunque ne faccia parte al centro del progetto, ci si è ancora di più rimboccati le maniche nel nome della Cpc2005, mettendo a tacere chi in questi giorni, in maniera subdola, ha tentato di accostare le due cose».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Arresto Presutti: domani l'interrogatorio

CIVITAVECCHIA – È stata fissata per domani mattina alle 12, davanti al giudica Massimo Marasca, l’udienza di convalida d’arresto per Sergio Presutti, presidente dell’Asd Cpc2005 finito in manette sabato con l’accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente. Assistito dal proprio avvocato, Daniele Barbieri, Presutti dovrà decidere se rispondere o meno alle domande del gip e chiarire così la propria posizione. «Al momento – ha commentato l’avvocato – attendo di vedere le risultanze degli atti e la richiesta formulata dal pubblico ministero Allegra Migliorini che verrà valutata poi dal giudice. Ovviamente il mio assistito è persona particolarmente conosciuta, il suo arresto fa parlare, fa notizia, fa clamore, ma attendiamo l’esito dell’interrogatorio per eventuali attribuzioni di responsabilità». Lo stesso legale ha quindi confermato quelle che sono state le circostanze legate all’arresto in flagranza avvenuto sabato sera, nei pressi del lungomare.

Presutti è stato fermato ad posto di controllo da parte degli agenti della Polizia di Stato. A quanto pare gli uomini del dirigente Nicola Regna stavano da tempo monitorando i suoi movimenti. Così hanno fermato l’auto sulla quale viaggiava, trovandolo in possesso di un paio di grammi di cocaina. Da lì è scattata la perquisizione in casa, dove gli agenti hanno recuperato il resto della droga, per un totale di circa 110 grammi di polvere bianca, consegnata da lui stesso. La notizia del suo arresto ha fatto subito il giro della città e del porto, dove Presutti – ai domiciliari – è molto conosciuto sia come ex portuale, in pensione da non molto tempo, sia soprattutto come dirigente sportivo, essendo stato tra i fondatori della squadra di calcio della Compagnia Portuale che milita in Promozione; a seguito dell’arresto si è dimesso da presidente. Venerdì si terrà un consiglio di amministrazione al termine del quale verranno rese note le cariche dirigenziali.

Nel frattempo tutti i tesserati sono in silenzio stampa, anche se la società è intervenuta per sottolineare la necessità di non mettere sullo stesso piano le vicende personali con quelle sportive. «Nulla di quanto accaduto inoltre – hanno aggiunto – ha a che vedere con il suo trascorso nella Cpc e un fatto personale, con la magistratura che farà il suo corso, sarà pagato personalmente. Ci discostiamo da quanti, e soprattutto da chi, vuole cavalcare il momento affondando il nome della CPC2005 calcio per beceri motivi personali. Le due cose sono separate e non riconducibili. In fondo sui cadaveri dei leoni festeggiano i cani credendo di aver vinto, ma i leoni rimangono leoni e i cani rimangono cani».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###