Visciola out anche contro il Sori

di MARCO GRANDE

La sfortuna si rivela l’ennesimo elemento caratterizzante l’inizio di stagione della Snc di mister Marco Pagliarini: dopo le due sconfitte consecutive subìte dal Como Nuoto e dallo Sportivo Surla, infatti, la società di Viale Lazio deve fare i conti con la voce “infortuni”.
La prima pedina della rosa ad essere indisponibile è il portiere Giordano Visciola, fermato a causa di una lesione di primo grado al legamento, che lo ha costretto di fatto a rinunciare alla trasferta ligure di sabato scorso e ad uscire anzitempo nella gara casalinga contro i comaschi di due settimane fa.
Proprio il classe 1991 della squadra rossoceleste ha parlato del problema che sta condizionando il proprio inizio di stagione: «Ho effettuato la prima ecografia – esordisce Visciola – con il dottor Stefano Iacomelli, presso il quale sono attualmente in cura: mi è stato pronosticato uno stop di circa dieci giorni e il successivo periodo di riabilitazione, ma vorrei avere ulteriori approfondimenti ed è per questo che nei prossimi giorni mi sottoporrò ad altri controlli da parte del medico della Nazionale Giovanni Melchiorri. Ritengo personalmente che sia importante venire a conoscenza del parere di più specialisti affinchè possa accelerare i tempi di recupero e dunque risolvere il mio dilemma».
Una tegola non indifferente per la rosa laziale, che nel prossimo match interno contro il R.N. Sori non potrà contare sull’esperienza e sull’affidabilità del portiere 27enne, ma che punterà indubbiamente sulla freschezza e la voglia di emergere del classe 2000 Mirco Pinci.
«Il periodo natalizio per me non è fortunato – continua il portiere – in quanto anche nel corso della passata stagione, a ridosso degli ultimi giorni di dicembre, ho avuto un problema all’occhio che mi ha portato in sala operatoria e cosi ho dovuto rinunciare agli ultimi impegni dell’anno solare».
L’estremo difensore aggiunge poi che, nonostante sia triste per il suo attuale deficit fisico, non è solito buttarsi giù di morale e ne approfitta anche per parlare dell’opaco momento che sta vivendo il gruppo sul piano dei risultati: «La nostra rosa è composta prevalentemente per il 70% da giocatori giovani, molto ambiziosi ma allo stesso tempo privi di esperienza – continua – e ritengo che tutti all’interno del team debbano essere consapevoli dell’importanza di giocare per questa società, affermata da tempo sia a livello regionale che nazionale. Agli occhi degli altri avversari non siamo visti come una squadra giovane bensì come un collettivo da battere».
Visciola conclude con la convinzione che il pubblico troverà una Snc diversa a partire dalla ripresa nel 2019 e che l’unico fattore in grado di determinare il cambiamento sarà la ricerca e, una volta trovato, il consolidamento dell’equilibrio. Sabato, intanto, arriva un altro test importante contro il Sori per gli uomini di patron D’Ottavio.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Parte della mostra "Navalia" ospitata in Capitaneria

CIVITAVECCHIA – La Capitaneria di porto apre ancora le porte alla cittadinanza. In questi giorni infatti la sede all'interno del porto storico sta ospitando una parte della mostra “Navalia – Potenza e Tecnologia della Flotta Romana”, riproposta fino a Natale per permettere a Civitavecchia ed ai viaggiatori in transito di poter godere di un’unica esposizione dedicata a rarissimi reperti storici della flotta romana.

La mostra, facilmente accessibile ed ubicata all’ingresso degli uffici della Guardia Costiera, sarà visitabile fino a Natale, negli orari di apertura al pubblico il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 12, il martedì e giovedì dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 16.30. 

L’esposizione, realizzata dal Centro Archeologico Studi Navali – Laboratorio di Archeologia Sperimentale, pur rappresentando una piccola parte della vera e propria mostra "Navalia", costituisce un viaggio tra modelli di antichi relitti e particolari reperti, ricostruttivi di apparati e macchine funzionanti che hanno contribuito a permettere all’Impero Romano di raggiungere la sua grandezza e conquistare così mari ed oceani. La tecnologia rappresentata permette di comprendere le grandi capacità nautiche degli antichi, nonché la profonda conoscenza dell’idraulica di bordo, oltre che delle formidabili tecniche di costruzione navali acquisite dalla civiltà romana, costituendo così un’esperienza stimolante e di sicuro pregio storico.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Studenti in alternanza a Tolfa tra amministrazione e bellezze naturalistiche

TARQUINIA – Conoscere il territorio in alternanza scuola lavoro ed è così che  Il 30 novembre 2018 gli alunni della 3A CAT e 5A CAT (indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio, ex Geometri) hanno partecipato ad un incontro presso il Comune di Tolfa. Il tema trattato è stato “L’iter dei Piani Urbanistici” con particolare riguardo a quello del P.R.G. (Piano Regolatore Generale). 
«Tutto il personale del Comune di Tolfa che ci ha accolti con gentilezza ed entusiasmo permettendoci di assistere ad una seduta del consiglio comunale abilmente diretto dal sindaco Dr. Landi Luigi. – riferiscono le docenti – A lui e a tutti i consiglieri presenti va il nostro ringraziamento per aver trascorso con loro una giornata all’insegna della cultura e del paesaggio mozzafiato dei Monti di Tolfa. Il sindaco ha tenuto personalmente una lezione magistralmente diretta sui compiti istituzionali di Sindaco- Giunta- Assessori e Consiglieri attirando sin da subito l’attenzione dei nostri allievi, captando la loro curiosità ed appassionata partecipazione”. “La giornata è proseguita poi con la lezione del Dirigente dell’Ufficio Tecnico  Arch. Mencarelli Ermanno,- continuano –  che ha interessato gli alunni spiegando nei minimi dettagli e con grande comunicatività, valore e importanza di un Piano Regolatore Generale, illustrandone con grande maestria ogni aspetto tecnico e rispondendo con precisione ad ogni domanda posta”. Ad accompagnare gli studenti Maria Pia Ciotola, Anna Maria Marconi e Mauro  Mellini, promotore dell’iniziativa.  Ma, il territorio tolfetano è anche Natura, quindi, gli studenti si sono immersi nelle bellezze dei Monti della Tolfa: il bosco e la  cascata, ammirando paesaggi decisamente incantevoli. Flora e fauna hanno fatto da cornice ad una giornata all’insegna della cultura, delle passeggiate ecologiche e alla conoscenza dei paesaggi del comprensorio tolfetano. “Ringraziamo la Dirigente che ci ha permesso di fare quest’esperienza – concludono – notevole l’ interesse degli alunni».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Studenti in alternanza a Tolfa tra amministrazione e bellezze naturalistiche

TARQUINIA – Conoscere il territorio in alternanza scuola lavoro ed è così che  Il 30 novembre 2018 gli alunni della 3A CAT e 5A CAT (indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio, ex Geometri) hanno partecipato ad un incontro presso il Comune di Tolfa. Il tema trattato è stato “L’iter dei Piani Urbanistici” con particolare riguardo a quello del P.R.G. (Piano Regolatore Generale). 
«Tutto il personale del Comune di Tolfa che ci ha accolti con gentilezza ed entusiasmo permettendoci di assistere ad una seduta del consiglio comunale abilmente diretto dal sindaco Dr. Landi Luigi. – riferiscono le docenti – A lui e a tutti i consiglieri presenti va il nostro ringraziamento per aver trascorso con loro una giornata all’insegna della cultura e del paesaggio mozzafiato dei Monti di Tolfa. Il sindaco ha tenuto personalmente una lezione magistralmente diretta sui compiti istituzionali di Sindaco- Giunta- Assessori e Consiglieri attirando sin da subito l’attenzione dei nostri allievi, captando la loro curiosità ed appassionata partecipazione”. “La giornata è proseguita poi con la lezione del Dirigente dell’Ufficio Tecnico  Arch. Mencarelli Ermanno,- continuano –  che ha interessato gli alunni spiegando nei minimi dettagli e con grande comunicatività, valore e importanza di un Piano Regolatore Generale, illustrandone con grande maestria ogni aspetto tecnico e rispondendo con precisione ad ogni domanda posta”. Ad accompagnare gli studenti Maria Pia Ciotola, Anna Maria Marconi e Mauro  Mellini, promotore dell’iniziativa.  Ma, il territorio tolfetano è anche Natura, quindi, gli studenti si sono immersi nelle bellezze dei Monti della Tolfa: il bosco e la  cascata, ammirando paesaggi decisamente incantevoli. Flora e fauna hanno fatto da cornice ad una giornata all’insegna della cultura, delle passeggiate ecologiche e alla conoscenza dei paesaggi del comprensorio tolfetano. “Ringraziamo la Dirigente che ci ha permesso di fare quest’esperienza – concludono – notevole l’ interesse degli alunni».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Nascondeva la droga tra i giochi

SANTA MARINELLA – È stato arrestato con l’accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente e messo a disposizione dell’autorità giudiziaria per il rito di direttissima G.S., 24enne romano, fermato dalla Polizia del Commissariato di Civitavecchia durante mirati servizi sul territorio. Il giovane era a bordo di un’autovettura che, a forte velocità, da Santa Severa si dirigeva verso Santa Marinella, in compagnia di  altre due persone, tutte di giovane età.
Gli agenti, dopo aver segnalato la vettura ad altri equipaggi dislocati sul territorio, hanno iniziato un pedinamento discreto dell’auto sospetta che, giunta nei pressi del km 58 della via Aurelia, ovvero all’ingresso di Santa Marinella, ha aumentato ulteriormente la velocità, sorpassando i veicoli che la precedevano per poi svoltare al bivio di via Aurelia vecchia, invertendo la direttrice di marcia, ma con l’ausilio, per l’appunto, degli altri equipaggi, l’auto è stata raggiunta e fermata in sicurezza, permettendo così agli egenti di procedere al controllo dei tre giovani.
Nella circostanza, i ragazzi appena fermati, si sono mostrati estremamente nervosi al controllo, e a cagione dell’anomalo comportamento alla guida, gli investigatori sono venuti a conoscenza che G.S., alla guida del veicolo, e con precedenti penali per reati inerenti gli stupefacenti, era sprovvisto della patente di guida poiché mai conseguita.
Sussistendo anche il fondato motivo di ritenere che quest’ultimo potesse detenere occultata la sostanza stupefacente indosso o nel veicolo, è stato sottoposto dagli agenti ad ispezione e controllo. Di seguito, nonostante il giovane ragazzo cercasse di sviare le indagini a suo carico, mentendo sulla sua attuale residenza, gli investigatori, dopo accurate ricerche, sono riusciti a carpire il luogo di domicilio del ragazzo, estendendo quindi l’ispezione ed il controllo all’abitazione di quest’ultimo, nella capitale. Tale operazione ha dato un riscontro più che positivo, in quanto sono stati rinvenuti tre involucri di cellophane trasparente del peso lordo di 20.26 grammi, contenenti hashish, un involucro di cellophane di colore bianco del peso lordo di 0.39 grammi contenente cocaina, un taglierino professionale della lunghezza complessiva a lama aperta di 17,5 cm, avente residui sulla lama di sostanza stupefacente del tipo hashish, tutto rinvenuto all’interno di una sacca di plastica, occultata in una stanza a soppalco, e di seguito, nascosto all’interno di una scatola di un gioco da bambino, sopra una mensola vicino all’ingresso dell’appartamento, un sacchetto di plastica trasparente del peso lordo di 64.59 grammi contenente la sostanza polverosa e parte solida che al successivo narcotest ha dato esito positivo alla cocaina.  Da qui l’arresto del ragazzo.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Nascondeva la droga tra i giochi: arrestato un ventiquattrenne

SANTA MARINELLA – È stato arrestato con l'accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente e messo a disposizione dell’Autorità giudiziaria per il rito di direttissima G.S., 24enne romano, fermato dalla Polizia durante mirati servizi sul territorio. Il giovane era a bordo di un’autovettura che, a forte velocità, da Santa Severa di dirigeva verso Santa Marinella, in compagnia di altre due persone, tutte di giovane età.

Gli agenti, dopo aver segnalato la vettura ad altri equipaggi dislocati sul territorio, iniziavano un pedinamento discreto dell’auto sospetta che, giunta nei pressi del km 58 della via Aurelia, ovvero all'ingresso di Santa Marinella, aumentava ulteriormente la velocità sorpassando i veicoli che la precedevano per poi svoltare al bivio di via Aurelia Vecchia invertendo la direttrice di marcia, ma con l’ausilio, per l’appunto degli altri equipaggi, l’auto veniva raggiunta e fermata in sicurezza, potendo così procedere al controllo dei tre giovani.

Nella circostanza, i ragazzi appena fermati si mostravano estremamente nervosi al controllo, e a cagione dell’anomalo comportamento alla guida, gli investigatori venivano a conoscenza che G.S. alla guida del veicolo e con precedenti penali per reati inerenti gli stupefacenti, era sprovvisto della patente di guida poiché mai conseguita.

Sussistendo anche il fondato motivo di ritenere che gli quest’ultimo potessero detenere occultata sostanza stupefacente indosso alla persona o nel veicolo, veniva sottoposto dagli agenti ad ispezione e controllo. Di seguito, nonostante il giovane ragazzo cercasse di sviare le indagini a suo carico, mentendo sulla sua attuale residenza, gli investigatori dopo accurate ricerche, riuscivano a carpire il luogo di domicilio del ragazzo, estendendo quindi l’ispezione ed il controllo all'abitazione di quest’ultimo, sita nella capitale. Tale operazione dava un riscontro più che positivo, in quanto rinvenivano tre involucri di cellophane trasparente del peso lordo di 20.26 grammi, contenenti sostanza stupefacente del tipo hashish, un involucro di cellophane di colore bianco del peso lordo di 0.39 grammi contenente sostanza stupefacente del tipo cocaina, un taglierino professionale della lunghezza complessiva a lama aperta di 17,5 cm, avente residui sulla lama di sostanza stupefacente del tipo hashish tutto rinvenuto all’interno di una sacca di plastica, occultata in una stanza a soppalco, e di seguito, occultato all’interno di una scatola di un gioco da bambino, sopra una mensola vicino all’ingresso dell’appartamento, un sacchetto di plastica trasparente del peso lordo di 64.59 grammi contenente sostanza polverosa e parte solida che al successivo narcotest dava esito positivo alla cocaina. 

Da qui l'arresto del ragazzo. 

 

              

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Spaccio: arrestato un ventiquattrenne

SANTA MARINELLA – È stato arrestato con l'accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente e messo a disposizione dell’Autorità giudiziaria per il rito di direttissima G.S., 24enne romano, fermato dalla Polizia durante mirati servizi sul territorio. Il giovane era a bordo di un’autovettura che, a forte velocità, da Santa Severa di dirigeva verso Santa Marinella, in compagnia di altre due persone, tutte di giovane età.

Gli agenti, dopo aver segnalato la vettura ad altri equipaggi dislocati sul territorio, iniziavano un pedinamento discreto dell’auto sospetta che, giunta nei pressi del km 58 della via Aurelia, ovvero all'ingresso di Santa Marinella, aumentava ulteriormente la velocità sorpassando i veicoli che la precedevano per poi svoltare al bivio di via Aurelia Vecchia invertendo la direttrice di marcia, ma con l’ausilio, per l’appunto degli altri equipaggi, l’auto veniva raggiunta e fermata in sicurezza, potendo così procedere al controllo dei tre giovani.

Nella circostanza, i ragazzi appena fermati si mostravano estremamente nervosi al controllo, e a cagione dell’anomalo comportamento alla guida, gli investigatori venivano a conoscenza che G.S. alla guida del veicolo e con precedenti penali per reati inerenti gli stupefacenti, era sprovvisto della patente di guida poiché mai conseguita.

Sussistendo anche il fondato motivo di ritenere che gli quest’ultimo potessero detenere occultata sostanza stupefacente indosso alla persona o nel veicolo, veniva sottoposto dagli agenti ad ispezione e controllo. Di seguito, nonostante il giovane ragazzo cercasse di sviare le indagini a suo carico, mentendo sulla sua attuale residenza, gli investigatori dopo accurate ricerche, riuscivano a carpire il luogo di domicilio del ragazzo, estendendo quindi l’ispezione ed il controllo all'abitazione di quest’ultimo, sita nella capitale. Tale operazione dava un riscontro più che positivo, in quanto rinvenivano tre involucri di cellophane trasparente del peso lordo di 20.26 grammi, contenenti sostanza stupefacente del tipo hashish, un involucro di cellophane di colore bianco del peso lordo di 0.39 grammi contenente sostanza stupefacente del tipo cocaina, un taglierino professionale della lunghezza complessiva a lama aperta di 17,5 cm, avente residui sulla lama di sostanza stupefacente del tipo hashish tutto rinvenuto all’interno di una sacca di plastica, occultata in una stanza a soppalco, e di seguito, occultato all’interno di una scatola di un gioco da bambino, sopra una mensola vicino all’ingresso dell’appartamento, un sacchetto di plastica trasparente del peso lordo di 64.59 grammi contenente sostanza polverosa e parte solida che al successivo narcotest dava esito positivo alla cocaina. 

Da qui l'arresto del ragazzo. 

 

              

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Passi della solidarietà: un successo

CIVITAVECCHIA – La seconda edizione dei “Passi della solidarietà” è stata un vero successo. Organizzata dal Comitato di Civitavecchia della Croce Rossa Italiana per raccogliere fondi e per diffondere sempre di più la conoscenza dei valori e delle attività della Cri, si è infatti dovuta articolare in due serate ed ha visto esibirsi sul palco del teatro Traino circa 340 ballerine e ballerini di tutte le età.

“Lo scorso anno abbiamo avuto la partecipazione di dieci scuole di danza – afferma il presidente del comitato CRI, Roberto Petteruti – ed è stata sufficiente una sola serata. Quest’anno le scuole che hanno aderito a questa nostra manifestazione sono state ben 13 ed è stato necessario ricorrere, diciamo così, al doppio turno. Tra l’altro, nell’ambito della due giorni, abbiamo contato un pubblico di circa 800 persone. Un ringraziamento particolare va alle insegnanti di danza che con la loro adesione hanno sostenuto a tutto tondo questa iniziativa”.

Ed eccole le scuole che hanno offerto i loro “passi” a favore della CRI: Ballet Center di Maria Luisa Rubulotta, Balletto Civitavecchia di Caterina Lunati, Believe Dance Studio di Chiara Sabella, Centro Danza Classica e Contemporanea di Elisabetta Senni, Dance Academy di Aldo Mantovani, Dance Studio di Anna Maria Baroncini, Dance For Fly di Desireé Benevieri, Danzero di Tiziana Orsomando, Emozioni in Movimento di Claudia Gatti, Free Fusion di Emanuela Scicchitano e Marco Chiodo, Opera di Diletta Strengacci, Taf di Laura Farina, Urban Style di Mariangela Puddu. Le tredici scuole, con i loro tanti ballerini di età variabile dai 3 agli oltre 30 anni, hanno offerto un panorama vasto e dinamico della danza attuale

“Trovo importante – aggiunge Petteruti – oltre alla raccolta fondi (che andranno a sostenere le attività del nostro comitato sul territorio), aver messo insieme la danza e il sociale, e aver collegato il sacrificio e la passione di tanti ragazzi a principi di solidarietà. Grazie ancora ai maestri, grazie ai tanti ballerini e al numeroso pubblico”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Port Mobility, i sindacati: situazione instabile

CIVITAVECCHIA – Ci sono altri lavoratori preoccupati per il proprio futuro all’interno del porto. A quelli della Port Authority Security – il cui stipendio di dicembre e tredicesima sarebbero a rischio – si aggiungono quelli di Port Mobility.

Ieri mattina, infatti, Filt Cgil, Ugl Mare e Fiadel hanno incontrato i vertici della società, a partire dall’amministratore delegato Edgardo Azzopardi e dal direttore generale Gina Amici, preoccupati per l’ennesimo allarme che interessa gli oltre 120 dipendenti della società che svolge servizi di interesse generale nei porti di Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta, occupandosi di gestione dei parcheggi e mobilità. Già in estate la questione era pronta ad esplodere, rientrata dopo la firma ad agosto da parte dell’Authority del decreto relativo al ‘‘Piano dei Servizi 2018’’ presentato da Port Mobility a dicembre 2017. «Siamo venuti a conoscenza – hanno spiegato Angelo Manicone e Alessandro Borgioni della Filt Cgil, Fabiana Attig di Ugl Mare e Mirko Giannino di Fiadel – di una situazione instabile dettata dai rapporti tra la società e l’Autorità di Sistema Portuale.

La Port Mobility ci ha espresso forti criticità rispetto al mancato completamento del piano dei servizi, così come concordato nell’agosto 2018». Di conseguenza, come spiegato dagli stessi vertici della società, questo problema e la sua mancata risoluzione potrebbero avere pesanti ripercussioni sull’operatività della società «ed avere hanno aggiunto i sindacati – un impatto occupazionale negativo.
A seguito di tale informativa abbiamo chiesto un incontro urgente all’Autorità di Sistema Portuale utile ad avere garanzie sulla continuità salariale e occupazionale dei lavoratori della Port Mobility».

Alla base della problematica ci sarebbero circa 600mila euro in meno di ricavi rispetto agli anni passati, la gestione di largo della Pace in proroga da due anni ed una concessione che sembra essere messa in discussione da continue problematiche. Un braccio di ferro che rischia di ripercuotersi sui lavoratori. L’ultima questione sollevata, in ordine di tempo, è relativa al bando per l’affidamento del servizio tramite autobus dei passeggeri crocieristi all’interno del porto. L’Authority avrebbe diffidato Port Mobility invitandola a sospendere la gara che, secondo Molo Vespucci, dovrebbe spettare all’ente. Anche questo aspetto dovrà essere chiarito nell’incontro chiesto dai sindacati.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Proseguono i corsi Blsd per la sensibilizzazione al corretto uso del defibrillatore

TARQUINIA – Proseguono i corsi Blsd per la sensibilizzazione al corretto uso del defibrillatore da parte dell’Airsac American Heart Association, presso l’Università Agraria di Tarquinia. 
Parole di soddisfazione da parte di Alessandro Sacripanti, consigliere delegato alla Sicurezza: «Sosteniamo con piacere queste iniziative per fare divulgazione e sensibilizzazione al tema cardioprotezione, per la diffusione e il corretto utilizzo dei defibrillatori. Come Università Agraria abbiamo mantenuto la disponibilità e ringraziato gli istruttori sanitari Giovanni Barile, Renata Piccioni, Claudio Riccardi dell’Airsac al fine di diffondere la conoscenza delle manovre salvavita». 
I dati ufficiali descrivono le azioni fondamentali necessarie per il trattamento di emergenza in caso di pericolo di vita, compreso l’attacco cardiaco. «Oggi queste apparecchiature sanitarie sono presenti ed obbligatorie in molti ambienti a vasta diffusione – aggiunge il consigliere Alessandro Sacripanti – essere pronti e conoscere le principali nozioni sul corretto utilizzo del defibrillatore può essere determinante per salvare la vita di una persona, ricordando a tutti che in questi casi va sempre chiamato il 118 per consultazione ed emergenza».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###