Via Montanucci, strada chiusa e lavori a data da destinarsi

CIVITAVECCHIA – Strada chiusa parzialmente e lavori a data da destinarsi. È questo, in estrema sintesi, quello che i cittadini dovranno aspettarsi dopo il crollo dell’asfalto e la conseguente voragine che si è aperta in via Achille Montanucci domenica scorsa, proprio al centro della carreggiata. «Si tratta di un problema alla fognatura – ha spiegato l’assessore ai Lavori pubblici Alessandro Ceccarelli – e quindi dovrà intervenire Acea». Parliamo di una buca profonda di circa 40 centimetri, all’altezza dell’ingresso del viale degli Ex Internati, al parco della Resistenza, che non permette il passaggio dei mezzi. Dopo il crollo domenica sul posto sono subito intervenuti i Vigili del fuoco della caserma Bonifazi e gli agenti della Polizia locale che hanno provveduto a transennare e mettere in sicurezza la zona, chiudendo la strada dall’ingresso lato mare e fino all’altezza di via degli Agricoltori. Una strada, tra l’altro, molto frequentata per collegare viale Baccelli alla Mediana. Questo in atteso dell’intervento di ripristino. Ieri mattina la strada era ancora chiusa e la paura è che possa rimanerlo a lungo.

Non si tratta di timori ingiustificati, basta fare una rapida carrellata sugli ultimi casi di grosse buche o voragini che si sono aperte negli ultimi tempi, come ad esempio quella di via Annovazzi per cui finalmente lunedì prossimo partiranno i lavori, dopo circa un mese di attesa. Oppure quella di San Gordiano, in via Novello dove la settimana scorsa un automobilista è rimasto intrappolato con il proprio mezzo ed è stato necessario l’intervento dei Vigili del fuoco per liberare l’autovettura. Altro caso è quello di largo Plebiscito dove, sempre nella scorsa settimana si è aperta l’ennesima voragine, complice il maltempo, all’improvviso provocando paura e caos a pochi passi dal Museo nazionale e della fermata dei bus. In quel caso l’intervento è stato immediato, forse per la centralità della zona. L’asfalto è franato creando una buca di circa un metro di diametro e di profondità. Ma non si tratta di casi isolati, situazione simile anche  in via degli Orsini, davanti al nido ‘‘La magica giostra’’. Il caso più eclatante resta però quello della voragine di via Giordano Bruno, con via Cesare Battisti che è chiusa da circa tre anni.

Per l’avvio dei lavori sulla condotta fognaria si aspetta il via libera dalla Stazione unica appaltante, anche se pare che l’amministrazione sia già in contatto con la ditta. Per quanto riguarda le varie voragini e l’asfalto disastrato un po’ in tutta la città c’è da attendere che si sblocchi il progetto da 2 milioni di euro di lavori sulle strade. Si partirà con la zona sud, «a giorni – ha detto Ceccarelli – si dovrebbe definire la questione. C’è un sub appalto in corso e bisogna sistemare la documentazione prima di partire». Intanto tra i cittadini, stanchi di aspettare, serpeggia il malcontento.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Corneto Tarquinia vola, la Cpc2005 perde la vetta

Finisce 2-2 il confronto tra la Cpc2005 e il Città di Cerveteri, al termine di una gara gagliarda e divertente.  Resta dunque un tabù per i civitavecchiesi il campo etrusco, dove non sono riusciti mai a vincere, complice un Cerveteri che imbavaglia ogni manovra. Zeoli, disegna la sua squadra in maniera accorta, davanti Di Fiandra è supportato da Paraschiv e Teti nelle progressioni offensive. Il resto della squadra controlla ed è pronta a innescare gli avanti. La Compagnia Portuale è la stessa che ha dilagato in casa con la Pmc, ma non ha lo stesso impatto sulla partita. Gara statica per larghi tratti, sembra imbavagliare le manovre. Due occasioni per i portuali nel giro di un minuto alla mezz’ora, fino a quel momento solo tanta melina a centrocampo. Prima Tabarini, assist di Ruggiero, e poi ancora Serpieri di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Al 33’ passa la Compagnia Portuale, sale in cattedra Ruggiero che appena entrato in area viene atterrato da Giustini, calcio di rigore realizzato da Tabarini. Si attende il fischio di chiusura del primo tempo ma arriva, invece, il pareggio dei locali. Punizione dalla tre quarti battuta da Palombini, la sfera vaga nell’area, arriva Vignaroli che non sbaglia il tiro. Ad inizio ripresa il Cerveteri torna in vantaggio con Di Fiandra che, davanti a Pancotto, non sbaglia, mentre la Cpc2005 sembra uscire fuori dal letargo intorno al ventesimo con Serpieri e poi Feuli che vanno vicino al pari. Pari che giunge al 40’ dopo un lungo forcing. Ruggiero mette una palla d’oro per la testa di Funari che da due passi non sbaglia. Il tecnico del Cerveteri Michele Zeoli commenta positivamente il pari ottenuto: «Abbiamo sfruttato al meglio tutte le occasioni che ci sono capitate. Ci aspettavamo il forcing finale della Cpc. Se avessi avuto un difensore a disposizione ci saremmo potuti mettere in modo diverso. Mercoledì abbiamo un’altra partita e domenica di nuovo un’altra, ho dovuto fare i cambi in avanti». La Csl Soccer impatta 1-1 con l’Aranova sul campo Le Muracciole. Un buon risultato per la compagine di mister Fracassa che dopo essere andata in svantaggio al 25’ della ripresa, subendo il gol del solito Italiano, risponde prontamente grazie al sigillo del centravanti Carmine Gaeta a pochi minuti dal termine. Con questo segno ics i rossoblù rimangono saldamente al quinto posto a quota 22 punti all’attivo in compagnia del Tolfa. «È un buon risultato – spiegano dalla società – per come si è messa la gara, abbiamo sfornato una grande prestazione e meritavamo anche qualcosa di più, ma ci accontentiamo lo stesso. Ora bisogna pensare più al campionato che al mercato». Il Santa Marinella porta a casa un buon pareggio con il Pian Due Torri. Finisce 1 a 1 con un gol del neo acquisto Luca Di Meglio che si è dimostrato uno dei migliori in campo. Dunque, alla fine dei conti, per come è arrivato è sicuramente un buon punto che muove la classifica. I rossoblù si presentavano rimaneggiati in difesa, oltre alle defezioni per infortunio di Attardo e di Morasca, mister Fabrizio Morelli si vedeva costretto mettere al centro della difesa un Roberto Famà febbricitante e il centrocampista Carra. La gara, fin dall’inizio, viene incanalata dagli avversari sull’agonismo asfissiante tanto è che all’8’ passano in vantaggio con un bel tiro in diagonale a cui nulla può Sanfilippo. Il Santa Marinella non ci sta e si mette a specchio, ribattendo colpo su colpo le giocate degli avversari e al 39’ trova il meritato pareggio con il nuovo arrivato Di Meglio abile a fulminare, con un tiro potente, il portiere ospite. Nella ripresa l’intensità agonistica non cala e nella prima parte sono Zimmaro e compagni a creare le occasioni migliori, ma la retroguardia ospite tiene bene. «Abbiamo iniziato male per le tante assenze – dice mister Morelli – e sinceramente avevo paura di perdere. Fortuna che siamo riusciti a tesserare quei tre giocatori che ci hanno dato una grossa mano. Comunque abbiamo fatto la nostra partita, anche se negli ultimi dieci minuti abbiamo rischiato. Ora dobbiamo chiudere con la campagna acquisti e poi ci getteremo a capofitto nel campionato». Il Corneto Tarquinia è la squadra più in forma del campionato. Nella gara di ieri con l’Atletico Ladispoli, gli uomini di Del Canuto, hanno messo a segno sei reti. Dunque, quello etrusco, è il secondo miglior attacco del girone dopo quello della Cpc con 40 reti. Una doppietta a testa per i gemelli del gol Catracchia-Pastorelli. Troili ed il neo arrivato Massaini completano la sestina vincente che porta i tirrenici in testa alla classifica con gli stessi punti della Pmc. Buon pareggio per il Tolfa sul campo dell’Urbetevere. La squadra di mister Sperduti fa 1-1 contro i romani e conserva il sesto posto in classifica.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Corneto Tarquinia vola, la Cpc2005 perde la vetta

Finisce 2-2 il confronto tra la Cpc2005 e il Città di Cerveteri, al termine di una gara gagliarda e divertente.  Resta dunque un tabù per i civitavecchiesi il campo etrusco, dove non sono riusciti mai a vincere, complice un Cerveteri che imbavaglia ogni manovra. Zeoli, disegna la sua squadra in maniera accorta, davanti Di Fiandra è supportato da Paraschiv e Teti nelle progressioni offensive. Il resto della squadra controlla ed è pronta a innescare gli avanti. La Compagnia Portuale è la stessa che ha dilagato in casa con la Pmc, ma non ha lo stesso impatto sulla partita. Gara statica per larghi tratti, sembra imbavagliare le manovre. Due occasioni per i portuali nel giro di un minuto alla mezz’ora, fino a quel momento solo tanta melina a centrocampo. Prima Tabarini, assist di Ruggiero, e poi ancora Serpieri di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Al 33’ passa la Compagnia Portuale, sale in cattedra Ruggiero che appena entrato in area viene atterrato da Giustini, calcio di rigore realizzato da Tabarini. Si attende il fischio di chiusura del primo tempo ma arriva, invece, il pareggio dei locali. Punizione dalla tre quarti battuta da Palombini, la sfera vaga nell’area, arriva Vignaroli che non sbaglia il tiro. Ad inizio ripresa il Cerveteri torna in vantaggio con Di Fiandra che, davanti a Pancotto, non sbaglia, mentre la Cpc2005 sembra uscire fuori dal letargo intorno al ventesimo con Serpieri e poi Feuli che vanno vicino al pari. Pari che giunge al 40’ dopo un lungo forcing. Ruggiero mette una palla d’oro per la testa di Funari che da due passi non sbaglia. Il tecnico del Cerveteri Michele Zeoli commenta positivamente il pari ottenuto: «Abbiamo sfruttato al meglio tutte le occasioni che ci sono capitate. Ci aspettavamo il forcing finale della Cpc. Se avessi avuto un difensore a disposizione ci saremmo potuti mettere in modo diverso. Mercoledì abbiamo un’altra partita e domenica di nuovo un’altra, ho dovuto fare i cambi in avanti». La Csl Soccer impatta 1-1 con l’Aranova sul campo Le Muracciole. Un buon risultato per la compagine di mister Fracassa che dopo essere andata in svantaggio al 25’ della ripresa, subendo il gol del solito Italiano, risponde prontamente grazie al sigillo del centravanti Carmine Gaeta a pochi minuti dal termine. Con questo segno ics i rossoblù rimangono saldamente al quinto posto a quota 22 punti all’attivo in compagnia del Tolfa. «È un buon risultato – spiegano dalla società – per come si è messa la gara, abbiamo sfornato una grande prestazione e meritavamo anche qualcosa di più, ma ci accontentiamo lo stesso. Ora bisogna pensare più al campionato che al mercato». Il Santa Marinella porta a casa un buon pareggio con il Pian Due Torri. Finisce 1 a 1 con un gol del neo acquisto Luca Di Meglio che si è dimostrato uno dei migliori in campo. Dunque, alla fine dei conti, per come è arrivato è sicuramente un buon punto che muove la classifica. I rossoblù si presentavano rimaneggiati in difesa, oltre alle defezioni per infortunio di Attardo e di Morasca, mister Fabrizio Morelli si vedeva costretto mettere al centro della difesa un Roberto Famà febbricitante e il centrocampista Carra. La gara, fin dall’inizio, viene incanalata dagli avversari sull’agonismo asfissiante tanto è che all’8’ passano in vantaggio con un bel tiro in diagonale a cui nulla può Sanfilippo. Il Santa Marinella non ci sta e si mette a specchio, ribattendo colpo su colpo le giocate degli avversari e al 39’ trova il meritato pareggio con il nuovo arrivato Di Meglio abile a fulminare, con un tiro potente, il portiere ospite. Nella ripresa l’intensità agonistica non cala e nella prima parte sono Zimmaro e compagni a creare le occasioni migliori, ma la retroguardia ospite tiene bene. «Abbiamo iniziato male per le tante assenze – dice mister Morelli – e sinceramente avevo paura di perdere. Fortuna che siamo riusciti a tesserare quei tre giocatori che ci hanno dato una grossa mano. Comunque abbiamo fatto la nostra partita, anche se negli ultimi dieci minuti abbiamo rischiato. Ora dobbiamo chiudere con la campagna acquisti e poi ci getteremo a capofitto nel campionato». Il Corneto Tarquinia è la squadra più in forma del campionato. Nella gara di ieri con l’Atletico Ladispoli, gli uomini di Del Canuto, hanno messo a segno sei reti. Dunque, quello etrusco, è il secondo miglior attacco del girone dopo quello della Cpc con 40 reti. Una doppietta a testa per i gemelli del gol Catracchia-Pastorelli. Troili ed il neo arrivato Massaini completano la sestina vincente che porta i tirrenici in testa alla classifica con gli stessi punti della Pmc. Buon pareggio per il Tolfa sul campo dell’Urbetevere. La squadra di mister Sperduti fa 1-1 contro i romani e conserva il sesto posto in classifica.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cpc, Amato fa volare l’Under 16

L’Under 19 di Fabio Secondino vince per due a zero sul Vis Aurelia e si riprendono il podio. Davanti a tutti ancora lo Sporting Tanas a 22 punti, a 18 segue l’Atletico Ladispoli e a 15, a pari punti, c’è ora la  Cpc2005 e l’Astrea.  Tomaselli ad inizio primo tempo, assist di Memmoli e delizioso pallonetto dell’esterno portuale, e Memmoli a metà ripresa, gran gol il suo,  regolano i romani nel più giusto dei risultati.  Agli annali vanno aggiunti anche  i due legni colpiti, Converso prima e Tomaselli poi, dando al parziale la giusta valenza. Nessuna azione pericolosa da segnalare sul fronte Vis Aurelia, si spera che questa sia la svolta della stagione.Fino al vantaggio di Tomaselli è una partita equilibrata, poi i romani accusano il colpo ed è un caso che la Cpc2005 non raddoppi prima. Nella seconda frazione il piglio è differente, sicuri e intraprendenti vanno a più riprese vicino al raddoppio i portuali. Vassalli lo fa in apertura, lo segue Memmoli e Lava poco dopo. E’ il preludio al gol quando Converso colpisce il palo al 24’, subito dopo raddoppia Memmoli  dopo con un gran tiro dalla distanza. La Cpc2005 non arretra e con Tomaselli colpisce il palo neanche due minuti dopo. È show rosso portuale.
Per gli Under 17 di mister Di Pietro l’impraticabilità del campo la fa da padrone. Il direttore dopo il sopralluogo decide di non iniziarla neppure, e fa bene visto lo stato del campo. Si recupererà con un infrasettimanale.
Vittoria degli Under16 del tecnico Gaetano  Colapietro che corona per i colori rosso portuali  una settimana d’oro, visto che Amato e Coppari, oltre alla vittoria, martedi dovranno rispondere alla chiamata di Vincenzo Iannone per la selezione degli Allievi in vista del Torneo delle Regioni. Il lavoro paga, cosi come la bravura dei giocatori. Gara mai in discussione sull’Empire Sport Academy.
A senso unico dove  Amato ne segna due, il vantaggio nella prima frazione, in dote un goal/no goal dal direttore di gara, ma che si riscatta nella ripresa con un bolide in controbalzo che secca l’estremo difensore ospite. Complice la sconfitta del Trigoria la Cpc2005 è terza a sei lunghezze dalla capolista Aranova.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cpc, Amato fa volare l’Under 16

L’Under 19 di Fabio Secondino vince per due a zero sul Vis Aurelia e si riprendono il podio. Davanti a tutti ancora lo Sporting Tanas a 22 punti, a 18 segue l’Atletico Ladispoli e a 15, a pari punti, c’è ora la  Cpc2005 e l’Astrea.  Tomaselli ad inizio primo tempo, assist di Memmoli e delizioso pallonetto dell’esterno portuale, e Memmoli a metà ripresa, gran gol il suo,  regolano i romani nel più giusto dei risultati.  Agli annali vanno aggiunti anche  i due legni colpiti, Converso prima e Tomaselli poi, dando al parziale la giusta valenza. Nessuna azione pericolosa da segnalare sul fronte Vis Aurelia, si spera che questa sia la svolta della stagione.Fino al vantaggio di Tomaselli è una partita equilibrata, poi i romani accusano il colpo ed è un caso che la Cpc2005 non raddoppi prima. Nella seconda frazione il piglio è differente, sicuri e intraprendenti vanno a più riprese vicino al raddoppio i portuali. Vassalli lo fa in apertura, lo segue Memmoli e Lava poco dopo. E’ il preludio al gol quando Converso colpisce il palo al 24’, subito dopo raddoppia Memmoli  dopo con un gran tiro dalla distanza. La Cpc2005 non arretra e con Tomaselli colpisce il palo neanche due minuti dopo. È show rosso portuale.
Per gli Under 17 di mister Di Pietro l’impraticabilità del campo la fa da padrone. Il direttore dopo il sopralluogo decide di non iniziarla neppure, e fa bene visto lo stato del campo. Si recupererà con un infrasettimanale.
Vittoria degli Under16 del tecnico Gaetano  Colapietro che corona per i colori rosso portuali  una settimana d’oro, visto che Amato e Coppari, oltre alla vittoria, martedi dovranno rispondere alla chiamata di Vincenzo Iannone per la selezione degli Allievi in vista del Torneo delle Regioni. Il lavoro paga, cosi come la bravura dei giocatori. Gara mai in discussione sull’Empire Sport Academy.
A senso unico dove  Amato ne segna due, il vantaggio nella prima frazione, in dote un goal/no goal dal direttore di gara, ma che si riscatta nella ripresa con un bolide in controbalzo che secca l’estremo difensore ospite. Complice la sconfitta del Trigoria la Cpc2005 è terza a sei lunghezze dalla capolista Aranova.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Vertenze portuali: Potere al popolo chiede le dimissioni di Di Majo

CIVITAVECCHIA – Poter al popolo chiede con forza le immediate dimissioni del presidente dell'Adsp Francesco Maria di Majo. E lo fa alla luce di quanto accaduto in queste ore, con la vertenza container precipitata, confermando di aderire alle mobilitazioni previste nello scalo, scendo al fianco dei lavoratori e garantendo loro massimo sostegno in ogni azione di lotta che intendano intraprendere.  

"In queste ultime ore una nave bananiera si è rifiutata di attraccare a Civitavecchia, facendo scaricare la sua merce a Livorno, a causa del contenzioso che da mesi va avanti tra Autorità Portuale, Cfft ed Rtc – hanno commentato, rimarcando la gravità dell’evento – una nave che non può entrare nel nostro porto è un segnale gravissimo dello stato di salute della nostra città. Ogni civitavecchiese deve sentirsi profondamente turbato ed offeso: secoli di storia e fatica vengono calpestati, il cuore pulsante della nostra comunità subisce un attacco gravissimo ed i nostri lavoratori perdono la speranza in un futuro certo per loro e per i loro cari. Le cause sono le solite: giochi di potere, avide spartizioni di profitti e l’inadeguatezza di norme scritte ed eseguite da burocratici senza alcuna conoscenza delle reali dinamiche portuali. Qualche mese fa chiedemmo le dimissioni del presidente dell’Authority. Denunciavamo come fosse inerme dinanzi agli attacchi speculativi che nell’ultimo anno si sono susseguiti all’interno del porto. La nostra valutazione era errata. Non era vittima inabile nello svolgere il suo compito di difensore del bene pubblico e della popolazione che vive di portualità: era ed è complice – hanno agigunto – di politiche predatorie che stanno affamando la nostra città.  La perdita del traffico della frutta è insopportabile in una città ridotta in miseria da disoccupazione e precariato, dove la metà dei nostri giovani non lavora e molti altri sono costretti ad ore di treno per racimolare uno stipendio a Roma. Ogni causa di ulteriore perdita di ricchezza per la popolazione deve essere rimossa nel più breve tempo possibile". 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Ladispoli incassa la quinta sconfitta stagionale: all’Anco Marzio è 3-2 Ostiamare

Non è riuscito il Ladispoli ad espugnare l’Anco Marzio di Osta. L’Ostiamare infatti si aggiudica il match per 3-2 in una gara dai tanti capovolgimenti di fronte. Padroni di casa sul doppio vantaggio già nel primo tempo grazie alle reti di Bertoldi prima e di De Iulis poi. A pochi istanti dal rientro negli spogliatoi poi una perla di Camilli riporta in partita i rossoblu. Gli ospiti tornano carichi dagli spogliatoi e al 10’ ristabiliscono prepotentemente gli equilibri con un’altra punizione, stavolta di Cardella. Solo due minuti più tardi  l’Ostiamare chiude la partita con il gol del classe ’99 Cabella. Nei primi minuti di partita è l’Ostiamare a gestire maggiormente il possesso palla, il primo squillo infatti è proprio di marca biancoviola: il portiere rossoblu è chiamato ad un grande intervento sul tiro dalla distanza di Cabella. I padroni di casa costruiscono molto e al 25’ riescono a sbloccare il risultato: tiro rasoterra di Bertoldi che si infila all’angolino basso alla sinistra di Salvato. Forti del vantaggio i ragazzi di mister Greco si portano sul doppio vantaggio, stavolta grazie al pallonetto sotto l’incrocio di De Iulis, già autore del gol vittoria nella gara sul Latina. Quando sembra ormai imminente il duplice fischio, siamo al terzo minuto di recupero, Jacopo Camilli compie una prodezza su calcio di punizione e porta i suoi al riposo sul 2-1. Al 10’ della ripresa Federico Cardella riporta il risultato in situazione di parità: sulla punizione del bomber rossoblu Giannini rimane immobile col pallone che si infila in rete. Passano esattamente due minuti e complice di una svista da parte degli ospiti, Andrea Cabella entra in area e a tu per tu con Salvato sigla la rete del sorpasso. De Fato e Cardella sono gli ultimi ad arrendersi in casa Ladispoli: il centrocampista cerca la rete con un destro sul palo di Giannini che respinge in calcio d’angolo e il bomber non trova la porta dopo una mezza rovesciata nei minuti finali.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cpc2005 sugli scudi

Fine settimana sugli allori per le giovanili portuali, in cui si raccoglie una vetta momentanea, un secondo, un terzo e quarto posto.  
Secco il due a zero di sabato della Juniores U19 sull’Aranova, che gli vale il terzo posto in classifica, mentre straripano gli Allievi U17 regionali di Di Pietro sul campo del Time Sport Garbatella segnando ben cinque reti, con il concomitante pareggio del Palocco in casa, che gli permette di raggiungerla in vetta al girone a suon di reti. 
Gli Allievi U16 fascia B di Colapietro ne segnano tre in casa dell’Aurelia Antica, con la quarta posizione raggiunta. 
I Giovanissimi U15 provinciali pareggiano 0-0 in casa dell’Astrea, uscendo a testa alta  davanti a una delle formazioni candidate alla conquista del titolo, raccogliendo il momentaneo secondo posto del girone.  
Di Pietro alla quarta giornata porta i suoi a guardar tutti dall’alto. Pareggio casalingo del Palocco con lo Sporting Tanas che, complice la cinquina rifilata dai ragazzi U17 regionali di Di Pietro al  Garbatella, vale la momentanea vetta per la Cpc2005 in concomitanza del Palocco stesso. Gara senza storia già dal primo tempo con i portuali che dopo dieci minuti sono già sul due a zero, marcatore di entrambe le reti bomber  Fusini. 
La furia della Roja non si placa e Di Domenico fa tre poco dopo, con Buono che allo scadere della prima frazione porta i suoi sul quattro a zero. Non c’è gara e la Cpc2005 nella ripresa controlla, segnando  con Grossi la rete che vale la manita al Garbatella.
Colapietro con i suoi U16 fascia B dopo il pareggio beffa dell’esordio,  contro una delle contendenti al titolo, straripa in casa dell’Aurelia Antica rifilandogliene tre. Bomber Amato ne segna due già nella prima frazione, con Moretti che chiude la gara nella ripresa trasformando il calcio di rigore che si era procurato. Quarta posizione in cassaforte, la vetta è a soli due punti.
I Giovanissimi U15 provinciale di Midei dopo i sette gol dell’esordio sul malcapitato Atletico Ladispoli, giocano la seconda contro quell’Astrea candidata alla vittoria finale e capace di farne, a suo tempo, ben dieci al Palidoro all’esordio. Ne esce una buona gara dove i portuali non mostrano cedimenti e ottengono un buon punto a reti inviolate. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Corneto alza la voce

Grazie al successo ottenuto sul Duepigreco Roma, l’Acquapendente si porta in testa alla classifica, approfittando del pareggio esterno dell’ex capolista Compagnia Portuale Civitavecchia. La Cpc2005 dunque fa pari e patta con l’Aranova, partendo sulle gambe e consentendo ai padroni di casa di mettere nella loro metà campo i tasselli per il pareggio finale. Poi tanta Cpc e qualche sfortuna di troppo sulle occasioni avute. Nunziata da una parte e Italiano dall’altra sono i protagonisti di questa gara, il portiere portuale vanifica un rigore dell’attaccante che, però, si rifà poco dopo con il gol e una super prestazione. L’occasione più ghiotta prima del vantaggio degli ospiti ce l’ha Italiano, fallo di mano in area di Treccarichi e Testoni di Ciampino fischia il penalty, va sul dischetto lo stesso Italiano ma Nunziata si supera nel respingere. Prima del 10’ passa l’Aranova, Serpieri perde palla a centrocampo e Italiano si invola verso Nunziata, a tu per tu non sbaglia. Si spegne però piano piano l’Aranova e la Cpc2005, più ordinata e determinata rispetto all’avvio, comincia a tessere azioni nella metà campo avversaria. Il gol portuale arriva alla mezz’ora, corner battuto da Metta che serve Ruggiero, dribbling e cross per Serpieri che brucia un Comandini immobile tra i pali. L’Aranova si affida a Italiano e alla sua velocità, Nunziata si fa trovare pronto in almeno due occasioni da lì in avanti. Manca poco alla fine, la Cpc2005 ha una limpida palla gol con Tabarini al 47’, la sfera colpisce il palo e si spegne sul fondo. «Pareggio giusto per quanto visto in campo – dicono i vertici societari – di fronte c’era una signora squadra che ha solo fallito l’approccio al campionato, ma tanto avrà da dire. La Cpc? Forse paga le fatiche di coppa e qualche infortunio di troppo, ma l’approccio timido ha pregiudicato, forse, il risultato finale». 
La Csl Soccer di vincere in trasferta non ne vuole proprio sapere e domenica, sul campo della Gallese, ha perso 1-0. Mister Fracassa schiera il 4-3-3, ma nel primo tempo a creare più occasioni è solo la Gallese che al 43’ trova il vantaggio con Mechilli. Nella ripresa i rossoblù provano a reagire, ma non trovano il pari e al triplice fischio del direttore di gara i leoni del presidente Vitaliano Villotti non possono che uscire dal terreno di gioco sconfitti. «Potevamo fare di più – spiegano dalla società – ma non siamo riusciti a ottenere il pareggio per le occasioni sbagliate. Ora bisogna continuare ad allenarci e dare in ogni partita il cento per cento». 
Il Santa Marinella rimedia un sonoro schiaffone casalingo nella sfida con una diretta concorrente qual’era il Canale Monterano. Gli ospiti si impongono per 4 a 1 ed affondano ancora di più i tirrenici che restano penultimi in classifica insieme all’Atletico Ladispoli. 
«Lo so che la situazione calcistica che ho scelto è difficile – spiega mister Morelli in un momento complicato per lui e per la squadra – so che molte persone conosciute nei campi di calcio tifano per me e sperano sinceramente che me la cavi. Io fino all’ ultimo proverò a cavarmela anche grazie alla forza trasmessa da chi tifa per me. Se la barca affonda provo a tenerla a galla con tutte le mie forze o anche io affondo con lei». 
Il Tolfa si impone per 1-0 sull’Atletico Ladispoli grazie ad un gol di Trincia. Il team di mister Riccardo Sperduti continua la sua serie positiva e guadagna la quinta posizione in classifica. L’inizio per i collinari è scoppiettante. Nei primi due minuti, i padroni di casa si divorano tre occasioni clamorose e al 24’ passano in vantaggio con il solito Trincia che riprende una respinta della traversa e insacca. Sembra il preludio per una goleada, infatti i pupilli di patron Franchi continuano per alcuni minuti a tambureggiare la retroguardia ospite. Probabilmente questa facilità di arrivare al tiro crea una certa rilassatezza nei locali che pian piano perdono spinta e lucidità, al contrario degli ospiti che iniziano ad affacciarsi con più continuità nella metà campo avversaria. Il primo tempo finisce così e probabilmente la strigliata di mister Sperduti negli spogliatoi provoca i suoi effetti nei primi 10 minuti della ripresa, dove prima Compagnucci e poi Trincia e Perfetti, sfiorano il raddoppio. Passato lo spavento gli ospiti riprendono a cercare il pareggio e complice anche la stanchezza per la terza partita settimanale dei tolfetani prendono l’iniziativa ed in un’azione confusa ci scappa il calcio di rigore che l’immortale Boriello para, conservando l’1 a 0 ed i tre punti che valgono il quinto posto in classifica. 
«È stata una partita più complicata del previsto – spiega mister Sperduti – abbiamo sbagliato molte occasioni tenendo il risultato in bilico con la pericolosità che ne consegue in questi casi, per fortuna ci ha pensato Boriello a conservare la vittoria neutralizzando il calcio di rigore. Sicuramente la terza partita settimanale si è fatta sentire nella parte finale della gara, ma tutto questo è normale, i ragazzi stanno tenendo una continuità di prestazioni e risultati ottima». 
La Monti Cimini torna di gran carriera in corsa dopo il ko della scorsa settimana contro il Tolfa ma conquista una importante vittoria sul campo del Città di Cerveteri, che viene travolto dall’undici di Camillucci. È stata la domenica delle doppiette al Galli, con Zahr e Provinciali a segno per gli ospiti e Di Fiandra per i padroni di casa. Il Corneto Tarquinia rialza subito la testa dopo la sconfitta della scorsa settimana contro l’Urbetevere. L’undici di Del Canuto vince in casa del Pian Due Torri al Darra di Maccarese. Gli ospiti chiudono il primo tempo in vantaggio per 1-0 grazie al centro di Martelli. Poi, dopo poco dall’inizio della ripresa, arriva anche il 2-0 con Ventolini, poco prima della rete dei padroni di casa firmata Buscia. Ci pensa poi Catracchia a certificare il successo dei viterbesi.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###