«Si pensi a iniziative mirate per i negozi di viale Italia»

LADISPOLI – Mettere in campo una serie di iniziative e strategie che possano trasformare viale Italia in un vero e proprio centro commerciale all'aria aperta così da dare una ''marcia in più'' alle attività commerciali che vi si sono insediate. A puntare i riflettori sull'economia locale e sulla possibilità di crescita del settore, è l'imprenditore ed ex assessore al Commercio Patrizio Falasca. «I centri commerciali – spiega – costituiscono ormai un elemento rilevante della vita sociale ed economica italiana. Bisogna infatti tener conto che l'ultimo ventennio ne ha visto l'apertura di ben oltre 800 con la realizzazione di più di 13milioni di mq e la presenza giornaliera di circa 4milioni di utenti. Tuttavia dal 2008 ad oggi la crisi finanziaria ha però investito con forte impatto e a vari livelli il mondo dei centri commerciali generando un totale arresto delle compravendite di immobile commerciali, ma soprattutto la difficoltà di commercializzazione dei progetti in cantiere con una forte contrazione dei consumi, un calo dei valori locativi e conseguentemente dei valori immobiliari». Una «sofferenza» questa, che secondo quanto affermato da Falasca, «ha ridefinito le regole del gioco e anche all'interno dei centri commerciali già operanti si devono operare riduzioni dei canoni, contenimento delle spese di gestione. Altrimenti – dice Falasca – si muore». Una situazione, quella vissuta dai centri commerciali che potrebbe essere utilizzata a vantaggio di un'altra categoria di operatori commerciali, come ad esempio quelli di viale Italia. In un momento storico ed economico in cui il centro commericale ''all'aria aperta'' viene preferito sempre di più dal ''tradizionale'' centro commerciale, perché dunque non provare a mettere in campo qualche strategia per sfruttare la meglio le risorse di una zona della città dove il centro commerciale all'aria aperta esiste praticamente da sempre. «Viale Italia ha una marcia in più – sottolinea infatti Falasca – la sua naturalezza e la centralità ''storica'' lo connota in un ambiente piacevolmente sicuro e fruibile. Con alcune iniziative mirate e di livello si potrebbe tranquillamente conquistare una leadership di settore che difficilmente si potrà perdere. L’idea è quella di guardare l'anno che verrà – conclude l'ex Assessore – non nell'ottica dei 365 giorni ma nell'ottica di 365 chance».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

«Si pensi a iniziative mirate per i negozi di viale Italia»

LADISPOLI – Mettere in campo una serie di iniziative e strategie che possano trasformare viale Italia in un vero e proprio centro commerciale all'aria aperta così da dare una ''marcia in più'' alle attività commerciali che vi si sono insediate. A puntare i riflettori sull'economia locale e sulla possibilità di crescita del settore, è l'imprenditore ed ex assessore al Commercio Patrizio Falasca. «I centri commerciali – spiega – costituiscono ormai un elemento rilevante della vita sociale ed economica italiana. Bisogna infatti tener conto che l'ultimo ventennio ne ha visto l'apertura di ben oltre 800 con la realizzazione di più di 13milioni di mq e la presenza giornaliera di circa 4milioni di utenti. Tuttavia dal 2008 ad oggi la crisi finanziaria ha però investito con forte impatto e a vari livelli il mondo dei centri commerciali generando un totale arresto delle compravendite di immobile commerciali, ma soprattutto la difficoltà di commercializzazione dei progetti in cantiere con una forte contrazione dei consumi, un calo dei valori locativi e conseguentemente dei valori immobiliari». Una «sofferenza» questa, che secondo quanto affermato da Falasca, «ha ridefinito le regole del gioco e anche all'interno dei centri commerciali già operanti si devono operare riduzioni dei canoni, contenimento delle spese di gestione. Altrimenti – dice Falasca – si muore». Una situazione, quella vissuta dai centri commerciali che potrebbe essere utilizzata a vantaggio di un'altra categoria di operatori commerciali, come ad esempio quelli di viale Italia. In un momento storico ed economico in cui il centro commericale ''all'aria aperta'' viene preferito sempre di più dal ''tradizionale'' centro commerciale, perché dunque non provare a mettere in campo qualche strategia per sfruttare la meglio le risorse di una zona della città dove il centro commerciale all'aria aperta esiste praticamente da sempre. «Viale Italia ha una marcia in più – sottolinea infatti Falasca – la sua naturalezza e la centralità ''storica'' lo connota in un ambiente piacevolmente sicuro e fruibile. Con alcune iniziative mirate e di livello si potrebbe tranquillamente conquistare una leadership di settore che difficilmente si potrà perdere. L’idea è quella di guardare l'anno che verrà – conclude l'ex Assessore – non nell'ottica dei 365 giorni ma nell'ottica di 365 chance».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Polizia, maxi controlli a Santa Marinella

SANTA MARINELLA – Nell’ambito dei controlli straordinari del territorio, gli agenti del Commissariato di Civitavecchia, con l’ausilio di unità cinofile della Questura di Roma, degli agenti del Reparto Prevenzione Crimine “Lazio” e quelli della Polizia Locale del comune di Santa Marinella hanno effettuato un mirato servizio di pattugliamento nella cittadina costiera.

I controlli, che hanno interessato 5 esercizi commerciali ed 1 circolo privato, hanno portato all’identificazione di 120 persone, al controllo di 73 veicoli con 2 contravvenzioni al Codice della Strada.

Durante le verifiche amministrative agli esercizi commerciali, sono state riscontrate 3 violazioni, mentre sono in corso accertamenti sulle autorizzazioni del circolo privato.

All’interno di un locale adibito a sala giochi, le unità cinofile hanno rinvenuto una piccola quantità di hashish, sottoposta a sequestro, nascosta tra le slot machine.

Nell’ambito del servizio gli uomini della Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato di Pubblica Sicurezza, diretto da Nicola Regna, hanno rintracciato un cittadino tunisino destinatario di Ordinanza di Custodia Cautelare in regime di detenzione domiciliare, emessa dal Tribunale di Civitavecchia.

 

 

 

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Ad Includendum: una città per tutti

di CAROLA MILANA

CIVITAVECCHIA – È in programma martedì prossimo, 18 dicembre alle 16, presso la sala “Gurrado” della Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia il convegno “Ad Includendum”, organizzato dal Tavolo tecnico per la  cultura dell’agibilità. L’iniziativa nasce dalla volontà di divulgazione dell’Art. 32, compreso nella legge 41, “che parla espressamente del Peba, Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche, caratterizzato – ha spiegato il presidente del Tavolo, Elena De Paolis – da un elenco di comuni che hanno e non hanno avuto la possibilità di introdurre opere pubbliche e private nei confronti dei disabili; la legge è stata introdotta nel 1989 ma mai attuata”.

Il convegno nasce quindi come una sorta di provocazione nei confronti delle amministrazioni che dichiarano di non avere le possibilità economiche sufficienti per risolvere alcuni problemi riguardo l’accessibilità ai disabili. Per dare prova che l’articolo possa essere attuato, per davvero questa volta, al convegno prenderanno la parola esperti di fondi europei che sveleranno le possibilità per una riqualifica urbana; fondi non accessibili a chiunque. Questi saranno rivolti esclusivamente a quei comuni che presentano barriere architettoniche relativamente problematiche.

Fino ad oggi circa l’80% di quei fondi non viene utilizzato poiché le amministrazioni non sanno a chi rivolgersi e non ne hanno mai sentito l’obbligo. L’esito sperato dopo “Ad Includendum” è che i comuni siano preparati nella risoluzione di questi problemi. La legge vorrebbe che il punto della situazione sia fatto con particolare attenzione alle attività economico commerciali, prevedendo l’accesso dei locali a chiunque. Per ora i comuni regionali che hanno risposto all’appello del Tavolo Tecnico sono quelli di Santa Marinella, Tolfa e Ladispoli. “Ma quale Sindaco farà propria questa legge?” si chiede De Paolis.

Il convegno si caratterizza non per una soluzione adatta e specifica per chi ne ha bisogno, ma per rispettare il modello della Total Quality, per cui ogni prodotto deve rispettare delle norme, in modo da non arrecare pericolo, disagio ed affaticamento. Non si parla esclusivamente di persone con disabilità, ma anche di bambini, anziani, donne in gravidanza e i turisti con i loro bagagli; per una città più vivibile e sicura, con la realizzazione attraverso la fruizione di fondi che vengono utilizzati dalle amministrazioni territoriali e dagli enti pubblici a costo zero. Un risultato non meno importante è che la riqualifica può rimettere in circolo l’economia imprenditoriale; dallo stesso operaio all’accesso diretto nei locali commerciali.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Trasversale: rassicurazioni dal Governo

CIVITAVECCHIA – "Durante la discussione della Legge di Bilancio, è stato accolto l’ordine del giorno a mia firma e di altri colleghi del gruppo di Fratelli d'Italia Camera che impegna il Governo a completare la trasversale Orte-Civitavecchia, accelerandone la conclusione e soprattutto scongiurando la perdita del finanziamento". Lo ha dichiarato, con soddisfazione, il deputato Mauro Rotelli che già nelle scorse settimane aveva interrogato il ministro delle infrastrutture sul completamento dell’infrastruttura, spendendosi in diversi convegni sul territorio, per sottolineare come, oggi più che mai, sia necessario accelerare. Giovedì intanto verrà inaugurato il tratto che da Cinelli conduce a Monteromano. Mancano quindi gli ultimi 18 chilometri, strategici, fino a Civitavecchia: tratto che, con i suoi 9 viadotti, è stato contestato dagli ambientalisti. Ma occorre trovare una soluzione.

Nell’emendamento si riconosce che ''Civitavecchia è diventato uno dei principali hub commerciali del Mediterraneo ed è anche il primo scalo crocieristico d’Europa, mentre Orte rappresenta lo snodo per collegarsi alla rete autostradale ma anche a quella ferroviaria dell’alta velocità. Bloccare il completamento della trasversale significherebbe condannare il territorio del viterbese al definitivo isolamento, considerando che negli ultimi decenni non sono stati realizzati né il raddoppio della Cassia-Nord, né il raddoppio della ferrovia Roma- Viterbo''.

L’emendamento impegna quindi il Governo ''a valutare la necessità di portare a completamento la realizzazione della trasversale, imprimendo una immediata e decisiva accelerazione al completamento della stessa e scongiurando la perdita del finanziamento di 472 milioni''.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

"Banche, un ladro in casa" domani al Traiano

CIVITAVECCHIA – È stato presentato martedì a Montecitorio, presso la Camera dei Deputati, e andrà in scena domani sera alle 21 al teatro Traiano lo spettacolo “Banche – Un ladro in casa”, promosso dall'associazione Donne in Movimentoche ha voluto ringraziare il deputato Alessandro Battilocchio per l'ospitalità. 
“È importante – fferma il Deputato – dare spazio a iniziative di questo tipo, soprattutto alle associazioni e alle strutture di un territorio così importante e pieno di talento. Donne in Movimento è un’associazione che si è distinta nel tempo per iniziative di qualità a anzi la ringrazio per ciò che fa a livello sociale e di volontariato. Quest’ultima azione, non meno importante, tiene accesa la luce sulla vicenda che ha coinvolto ultimamente le banche e, nel caso di Civitavecchia in particolare, Banca Etruria. La speranza è che il Governo attuale porti avanti quanto promesso a tutela di queste persone, non rimanendo una promessa elettorale da diventando un fatto concreto su cui lavorare nel futuro"

“Vogliamo ringraziare l’onorevole Battilocchio – ha aggiunto Simona Galizia, Vicepresidente di Donne in Movimento – per l’opportunità che ci ha concesso e per la continua presenza sul territorio, che da sempre si fa sentire senza mai abbandonarlo, dote rara di questi tempi per un deputato. Voglio inoltre ringraziare la nostra associata Maria Luisa Russo, nella quale abbiamo avuto modo di scoprire un’importante risorsa che è stata in grado di organizzare da sola un evento di questa portata. Ringrazio inoltra anche chi ha reso possibile questo, come Cristina Belletti della Talent Company e Simonetta Travagliati della Obelix Academy, che apriranno e chiuderanno l’evento con balletti delle loro scuole di danza, nonché gli attori Fabrizio Coniglio, Stefano Masciarelli e Bebo Storti. Vorrei infine ringraziare anche una persona che si è battuta da sempre su questo problema, lottando sia sotto il profilo informativo e comunicativo sia sotto l’aspetto istituzionale e sarà presente come invitata all’evento: Letizia Giorgianni Come Associazione siamo su ogni singola battaglia e a disposizione del territorio e di chi ne ha bisogno e continueremo senz’altro a farlo anche nei prossimi eventi che organizzeremo". 

Un'associazione. come ricordato dal presidente Paola Simonetti, è formata da “piccole grandi donne” che lavorano per aiutare chi è in difficoltà. "Il lavoro e la progettualità dell’Associazione è stata riconosciuta anche dalla Regione Lazio, che ha finanziato con bandi pubblici due progetti sulla sensibilizzazione alla violenza di genere e sulla lotta a bullismo e cyberbullismo – ha sottolineato – entrambi realizzati all’interno delle scuole di Civitavecchia. Non possiamo che essere soddisfatti del lavoro svolto in quest’ultimo anno”. 

Protagonisti dello spettacolo Stefano Masciarelli e Fabrizio Coniglio. “Non nascondiamo – afferma Coniglio – che è stato difficile portare l’evento nei teatri, nato da una lunga ricerca in tutta Italia in cui sono stati intervistati personalmente le vittime truffate dalle banche. Non a caso il titolo nasce proprio da una definizione che è stata data ad una di queste vittime proprio da un dipendente della banca, a significare che i colsi, una volta persi, non possono essere più ripresi. In questi casi, purtroppo, si sente sempre parlare di grandi sistemi, come le banche o il sistema bancario, ma mai delle persone coinvolte. È il sistema che si prende i soldi e i sogni delle persone, il loro futuro e il sacrificio della loro vita passata. Le pressioni commerciali non fanno sconti neanche ai venditori stessi dei titoli bancari, spesso soggetti a veri e propri ricatti lavorativi. In tutto questo chi perde è il territorio e il popolo che con fatica arriva a fine mese, e lo dimostriamo sul palco proprio grazie ai panni che andiamo a vestire, che sia un fazzoletto, un cappello o una sciarpa”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

MINISTERO DELL'INTERNO – DECRETO 23 novembre 2018

Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le
attivita' commerciali, ove sia prevista la vendita e l'esposizione di
beni, con superficie lorda superiore a 400 mq, comprensiva di
servizi, depositi e spazi comuni coperti, ai sensi dell'articolo 15,
del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139 – modifiche al decreto 3
agosto 2015. (18A07690)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Boom di partecipanti al secondo incontro per la consegna dei kit

CIVITAVECCHIA – Boom di partecipanti al secondo incontro ‘‘mobile’’ per la consegna dei kit per la raccolta rifiuti differenziata porta a porta alla trincea ferroviaria. Molti i cittadini della Zona 1 (centro) in fila, documenti alla mano, pronti a ritirare il kit che si differenzia per utente singolo (residenti in immobili fino a 12 utenze) e utenza condominiale. Nel primo caso verranno consegnati sacchi biodegradabili, biopattumiera areata e 4 mastelli individuali più gli opuscoli informativi e il calendario di raccolta. Nel caso delle utenze condominiali saranno consegnati sacchi biodegradabili, biopattumiera areata, sacchi grigi indifferenziata e chiave per il carrellato condominiale grigio ‘‘rifiuto indifferenziato’’.

È possibile ritirare il kit anche presso i tre punti fissi di Villa Albani (in via Terme di Traiano 42) presso gli uffici di Csp, via Veneto 10-B ed ex centrale di Fiumaretta presso uffici comunali, in via Tarquinia dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 14 (il martedì e il giovedì anche il pomeriggio dalle 14 alle 17). Il prossimo appuntamento per il ritiro ‘‘mobile’’ sarà sabato 15 dicembre presso l’ex caserma Sthegher. Intanto, dopo l’incontro informativo presso l’aula Pucci del Comune dei giorni scorsi, si pensa alla prossima assemblea informativa che si terrà sempre presso l’aula consiliare di Palazzo del Pincio sabato 15 dicembre alle 18,30 per le attività commerciali e alle 21 per i cittadini.

Le utenze che hanno difficoltà a raggiungere i luoghi di distribuzione possono richiedere la consegna a domicilio su appuntamento chiamando il numero verde 800950855 attivo nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle 8,30 alle 14 e il martedì e giovedì dalle 8,30 alle 13 e dalle 14 alle 17. Il servizio dovrebbe partire ufficialmente nel febbraio del 2019. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Movida al Ghetto: maxi controlli della Polizia

CIVITAVECCHIA – Solo la scorsa settimana l'appello dei residenti della zona Ghetto che chiedevano interventi e controlli delle forze dell'ordine per l'avvio della stagione della "movida invernale", trasferitasi dal Pirgo nel cuore della città. 

E ieri è stata la Polizia a mettere in campo un capillare servizio coordinato dal dirigente Nicola Regna, che ha visto impiegati gli agenti del commissariato di viale della Vittoria e le pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine Lazio, con l'ausilio della Polizia Locale

Nel corso delle operazioni sono state identificate 47 persone. I controlli hanno interessato anche 3 esercizi commerciali ubicati nella zona e sono state rilevate 5 violazioni amministrative per occupazione di suolo pubblico e l’illecita vendita di bevande in vetro. Due cittadini extracomunitari sono stati denunciati in stato di libertà per concorso in spaccio di sostanze stupefacenti. I due sono stati trovati in possesso di 6,3 grammi di hashish, dal controllo è emerso che entrambi non erano in regola con le norme di soggiorno sul territorio nazionale e pertanto sono stati accompagnati presso l’Ufficio Immigrazione della Questura di Roma.

Nella stessa zona, sempre nelle serate di venerdì e sabato, sono state elevate 2 contravvenzioni al Codice della Strada nei confronti di veicoli la cui sosta intralciava pericolosamente la circolazione stradale.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###