Ladispoli, slitta la riapertura della scuola di via Rapallo

LADISPOLI – Gli alunni della scuola di via Rapallo non rientreranno nella loro scuola a settembre, quando suonerà la campanella. “Durante i lavori di restyling della scuola di via Rapallo – ha spiegato l'assessore alla Pubblica istruzione Lucia Cordeschi – sono scaturite delle criticità per cui è necessario posticipare l’apertura del plesso subito dopo il ponte di Ognissanti o, al massimo, dopo le vacanze natalizie”. Fino a quel momento gli alunni saranno ospitati alla scuola di Marina di San Nicola e in via Fratelli Bandiera. 

“A loro disposizione – ha commentato il consigliere delegato al trasporto locale, Emiliano Fiorini – ci saranno delle navette gratuite che, all’andata,  partiranno dalla scuola di via Rapallo per i plessi di Marina di San Nicola e via Fratelli Bandiera. Al ritorno saranno lasciati in via Rapallo. Anche per i bambini delle sezioni di materna di via La Spezia, trasferiti in via Aldo Moro, ci sarà a disposizione il servizio di navetta gratuito curato dalla Flavia Servizi. Invitiamo, quindi, tutti i genitori interessati a recarsi presso lo Sportello Scuolabus della Flavia Servizi per effettuare la richiesta del servizio navetta.  Lo Sportello è aperto al pubblico il martedì dalle ore 10 alle 11:30 e dalle 16:00 alle 17:30 ed il giovedì dalle ore 11 alle 12:30 e dalle 16:00 alle 17:30”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Sprar, arriva il bando

CIVITAVECCHIA – È stato pubblicato oggi sul sito della Città Metropolitana di Roma il bando di gara relativo alla gestione dei servizi di accoglienza, integrazione e tutela rivolti ai Raru ossia ai richiedenti asilo, rifugiati e umanitari, nell’ambito del progetto territoriale aderente al sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati. In sintesi è arrivato il tanto commentato bando Sprar.

Il costo totale del progetto che vale per tre anni sarà di  oltre tre milioni di euro di cui 153'909,04 euro saranno messi dal comune di Civitavecchia sotto forma esclusiva di servizi.

La società o cooperativa che risponderà al bando dovrà farsi carico della gestione e accoglienza dei servizi avendo la disponibilità di 65 posti (questo il numero degli ospitati), a decorrere della data di aggiudicazione.

Le domande dovranno arrivare entro le 12 dell’undici settembre.  Il giorno dopo ci sarà invece l’apertura delle buste.

Nella scelta del progetto saranno fondamentali la descrizione della proposta progettuale e dei servizi garantiti, l’organizzazione del personale impiegato nella realizzazione del progetto, le attività di sensibilizzazione del territorio e le strutture di accoglienza. La società che vincerà il bando sarà del settore e avrà un fatturato passato importante, pari al doppio del valore della gara. Pena l’esclusione.

Nei pareri della commissione che aggiudicherà il bando, oltre all’offerta economica (risulterà vincitrice quella economicamente più vantaggiosa), sarà fondamentale la presenza di progetti di mediazione linguistico-culturale, l’insegnamento della lingua italiana, la formazione e riqualificazione professionale, l’inserimento sociale e anche scolastico per i minori.

Il bando lascerà sicuramente degli strascichi politici con la maggioranza di governo nazionale formata da Lega e Movimento Cinque Stelle che sembra intenzionata a ridimensionare questi interventi. A livello cittadino, invece, lo Sprar ha già realizzato un solco tra Lega,  che si oppone al progetto, e Movimento Cinque Stelle, oggi alla guida della città e promotore dello stesso.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Vaccini: scoppia la polemica nel M5S

ROMA – Scoppia la polemica sul tema vaccini all’interno del Movimento Cinque Stelle laziale. Ad innescarla un post del consigliere regionale, collega di Devid Porrello, Stefano Barillari. Nel post Barillari teorizzava la supremazia della politica sulla scienza, giustificando così il dubbio sulla validità dei vaccini.

“Allora ve lo dico chiaramente – dice Barillari -. La politica viene prima della scienza. I politici devono ascoltare la scienza, collaborare, non farsi ordinare dalla scienza cosa è giusto e cosa è sbagliato, accettando le parole della scienza mainstream come dogmi religiosi. Perché la scienza DEVE ESSERE DEMOCRATICA, e quindi deve ascoltare tutti… compresi ricercatori e scienziati, che con dati alla mano, contestano il dogma ufficiale”.

Sul tema naturalmente sono intervenuti politici di ogni schieramento e lo stesso post è stato commentato e criticato da centinaia di migliaia di persone.

Alla fine è arrivato il distinguo del Movimento Cinque Stelle regionale sul tema: “Il Movimento 5 Stelle prende totalmente le distanze dalle dichiarazioni del consigliere regionale del Lazio Davide Barillari – ha scritto il Movimento in un comunicato stampa. – La linea del Movimento sui vaccini è quella messa nero su bianco nel contratto di governo votato dagli iscritti e portata avanti dal ministro della Salute Giulia Grillo”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cfft: giornata cruciale

CIVITAVECCHIA – Una giornata fondamentale quella di oggi per il futuro dello scalo. Il tavolo convocato in Regione dagli assessori Mauro Alessandri e Claudio Di Berardino per cercare di dirimere la vertenza relativa allo scarico dei container, a seguito dell’ordinanza del presidente dell’Adsp Francesco Maria di Majo che impone, dal 15 settembre l’utilizzo esclusivo, anche per il traffico agroalimentare, della banchina 25 gestita da Rtc, diventa essenziale per capire cosa accadrà nello scalo già da domani. "Se non arriverà un segnale serio e concreto da parte di Molo Vespucci – ha spiegato Sergio Serpente, consigliere della Civitavecchia Fruits Forest Terminal – i problemi non saranno solo per Cfft ma per tutti". Anche perché se venisse impugnato il piano regolatore portuale – alla base dell’ordinanza – questo provocherebbe, a cascata, una serie di conseguenze per tutti gli insediamenti oggi presenti sulle banchine interessate, almeno la 24 e 25, e che da prg non dovrebbero essere lì, dalle crociere alle auto. "Auspichiamo una soluzione – ha aggiunto Serpente – che possa essere compatibile con il mantenimento dei traffici e con le richieste dei clienti, che sono stati rassicurati nel poter svolgere in servizio con le modalità che oggi vengono contestate". 

Chiquita è stata la prima a dire che, se non si potrà più sbarcare direttamente al terminal di Cfft, sarà costretta a dirottare le navi in altri porti. E se non avrà risposte certe nell’arco delle prossime ore opterà proprio per questa soluzione: i tempi tecnici per le pratiche burocratiche legate al viaggio della nave impongono certezze già oggi. 

Oggi Cfft sarà presente al tavolo insieme anche ad Rtc; e questo su espressa richiesta del sindaco Antonio Cozzolino e del delegato del Pincio Francesco Fortunato che ieri hanno convocato una commissione consiliare sul lavoro apposita, invitando anche i vertici del Cffft e quelli di Molo Vespucci. A rappresentare l’Adsp, anche questa volta, il segretario generale Roberta Macii la quale confida nel buonsenso «da parte di tutti gli attori che saranno presenti al tavolo. Questo porto – ha sottolineato – non può permettersi di perdere traffici". Ed il sindaco Cozzolino, in questo senso, è stato chiaro: "Faremo di tutto perché non ci siano problema né ai traffici né ai livelli occupazionali della città che oggi – ha spiegato – non si può permettersi di perdere neanche mezzo posto di lavoro. Devo chiedere al presidente di Majo di farsi parte attiva, molto più presente e fattiva di quanto finora mostrato, per la risoluzione di una vertenza obiettivamente complicata".

Proprio il numero uno di Molo Vespucci è stato richiamato, da più parti, al proprio ruolo; stigmatizzata la sua assenza nei momenti più critici e nei tavoli di discussione. Oggi è atteso in Regione. "E speriamo che si presenti con le idee chiare – ha commentato il presidente della Cpc Enrico Luciani – ossia con la revoca dell’ordinanza. Non esistono mezze misure a questo punto della vertenza. Vogliamo lavorare, non fare battaglie. Ma certo che se arriverà una fumata nera, ognuno si dovrà assumere le proprie responsabilità. E il presidente deve sapere che tutto quello che accadrà dipenderà da lui". C’è timido ottimismo attorno al tavolo di oggi in Regione. Ne è convinto anche il segretario della Filt Cgil Alessandro Borgioni che ne ha richiesto, come sindacato, la convocazione, "perché consci della difficoltà della vertenza che si è incancrenita nel tempo. Una soluzione c’è e deve esserci – ha concluso – in Italia non esiste alcun porto dove l’Authority, attraverso propri provvedimenti, faccia saltare i traffici. Se non si trova la quadra ognuno si dovrà assumere le proprie responsabilità".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Vertenza Cfft: tutto rinviato in Regione

CIVITAVECCHIA – Una giornata fondamentale, quella di domani per il futuro dello scalo. Il tavolo convocato in Regione dagli assessori Mauro Alessandri e Claudio Di Berardino per cercare di dirimere la vertenza relativa allo scarico dei container, a seguito dell’ordinanza del presidente dell’Adsp Francesco Maria di Majo che impone, dal 15 settembre l’utilizzo esclusivo, anche per il traffico agroalimentare, della banchina 25 gestita da Rtc, diventa essenziale per capire cosa accadrà nello scalo già da mercoledì. Perché senza un segnale chiaro ed una soluzione concreta il rischio di sciopero è davvero alto. Soprattutto per non perdere i traffici consolidati nel tempo. 
Chiquita è stata la prima a dire che, se non si potrà più sbarcare direttamente al terminal di Cfft, sarà costretta a dirottare le navi in altri porti. E se non avrà risposte certe nell’arco delle prossime ore opterà proprio per questa soluzione: i tempi tecnici per le pratiche burocratiche legate al viaggio della nave impongono certezze già oggi. 
Domani Cfft sarà presente al tavolo insieme anche ad Rtc; e questo su espressa richiesta del sindaco Antonio Cozzolino e del delegato del Pincio Francesco Fortunato che ieri hanno convocato una commissione consiliare sul lavoro apposita, invitando anche i vertici del Cfft e quelli di Molo Vespucci. A rappresentare l’Adsp, anche questa volta, il segretario generale Roberta Macii. Il sindaco Cozzolino è stato chiaro: "Faremo di tutto perché non ci siano problema né ai traffici né ai livelli occupazionali della città che oggi – ha spiegato – non si può permettersi di perdere neanche mezzo posto di lavoro. Devo chiedere al presidente di Majo di farsi parte attiva, molto più presente e fattiva di quanto finora mostrato, per la risoluzione di una vertenza obiettivamente complicata». Proprio il numero uno di Molo Vespucci è stato richiamato, da più parti, al proprio ruolo; stigmatizzata la sua assenza nei momenti più critici e nei tavoli di discussione. Domani è atteso in Regione. "E speriamo che si presenti con le idee chiare – ha commentato il presidente della Cpc Enrico Luciani – ossia con la revoca dell’ordinanza". C’è timido ottimismo attorno al tavolo di domani in Regione. Ne è convinto anche il segretario della Filt Cgil Alessandro Borgioni che ne ha richiesto, come sindacato, la convocazione, "perché consci della difficoltà della vertenza che si è incancrenita nel tempo. Una soluzione c’è e deve esserci – ha concluso – in Italia non esiste alcun porto dove l’Authority, attraverso propri provvedimenti, faccia saltare i traffici. Se non si trova la quadra ognuno si dovrà assumere le proprie responsabilità".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Premio Mia Martini, Ester Maria Grienti alla fase finale

CIVITAVECCHIA – Grande soddisfazione per la piccola cantante civitavecchiese Ester Maria Grienti di soli dieci anni, cresciuta nella scuola di canto ‘‘Lorena Scaccia’’, per essere stata ammessa alla fase finale del concorso Premio Mia Martini 2018, nella sezione ‘‘Una voce per Mimí’’.
L’ammissione è frutto della espressa volontà della commissione artistica del premio che, nonostante la sua esclusione avvenuta con il radio voto,  l’ha giudicata meritevole di entrare tra le dieci finaliste per Bagnara Calabra.
Con il radio voto tramite sms, infatti, la piccola cantante non era rientrata tra le prime sei cantanti che accedevano alla finale, arrivando invece alla nona posizione. 
Ma la commissione artistica composta da Franco Fasano, Grazia Di Michele, Mario Rosini, Roberta Bonanno e Luca Napolitano avevano la possibilità di ripescare tre artisti più meritevoli tra i tredici esclusi ed amnetterli alla finale. Ed Ester Maria è risultata una di queste tre.
«Ad Ester Maria i nostri migliori complimenti ed auguri – hanno commentato dalla scuola di canto ‘‘Lorena Scaccia’’ – per ottenere grandi soddisfazioni da questo già pregevole risultato».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Santa Marinella, prima riunione di fine mese con i capi settore comunali

SANTA MARINELLA – Sarà un agosto pienamente lavorativo, quello che vivranno gli uffici del Comune nel primo mese del dopo dissesto, messi sotto torchio e sotto osservazione dal sindaco Pietro Tidei, dopo la prima riunione di fine mese con tutti i capi servizio. «Riunione utilissima – ha commentato il primo cittadino – da ripetere mensilmente, ma è un panorama desolante di lungo abbandono e di profonda demotivazione e di completo scollegamento tra le strutture, quello che mi sono trovato di fronte». Dopo aver messo sul tappeto tutte le più importanti questioni, dal verde pubblico e privato ai trasporti, dagli impianti sportivi alla scuola. Si è parlato ovviamente di come superare il dissesto, aumentando le entrate e operando una  massiccia spending review. Tutti i contratti e gli impegni di spesa verranno subito passati al setaccio e dal risultato di questa azione dipenderanno anche le sorti di parte dello stipendio dei comunali. Il pareggio di bilancio, infatti, è ora il principale obiettivo del nuovo Comune di Santa Marinella e per settembre sono attese le prime cifre sui tagli di spesa e parallelamente una prima riorganizzazione della macchina amministrativa, anch’essa improntata al risparmio. Ai capi dei vari servizi che Tidei, dando appuntamento a tutti per il 3 settembre, ha lanciato un preciso monito. «Dai quadri direttivi e dirigenti – ha spiegato il sindaco – mi attendo proposte concrete e un atteggiamento molto più attento e  propositivo, ma anche di collaborazione reciproca e di scambio di informazioni, cosa che fino ad ora, purtroppo, non ho trovato. Chi è un vero professionista cambierà atteggiamento divenendo proattivo, mentre per chi persevera nell’isolamento e nel pressappochismo, è normale che verranno adottati provvedimenti».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Rottura del crociato per bomber Cerroni

di MATTEO CECCACCI

Tutto sembrava filare liscio in casa Civitavecchia Calcio 1920 e invece, come spesso accade nella vita, ogni cosa bella nasconde quasi sempre delle insidie.
Il grave infortunio di Samuele Cerroni è una brutta tegola per il club nerazzurro di patron Ivano Iacomelli, un fulmine a ciel sereno caduto all’improvviso che ha lasciato di stucco tutti i dirigenti e ha scombussolato i programmi di mister Andrea Rocchetti.
I vertici societari hanno appreso la notizia telefonicamente proprio da Cerroni, al quale nel tardo pomeriggio di martedì, dopo la risonanza in una clinica privata di Roma, è stata riscontrata la rottura del crociato; la prognosi è di circa cinque mesi.
Il talento, legato alla squadra  per ben cinque anni con un cartellino del costo di 10mila euro, non ha mai iniziato la preparazione, perchè dopo il suo ritorno dalle due vacanze settimanali, prima a Malta e poi nell’isola greca di Skiathos, ha cominciato ad accusare dolori al ginocchio che l’hanno portato a dover aspettare alcuni giorni prima della visita a causa del gonfiore.
La parte più amara, però, è la questione ‘‘under’’ che scaturisce una serie di conseguenze non poco critiche. 
Il classe ‘98 ha così commentato l’infortunio: «Spero di poter rientrare il prima possibile in campo, ce la metterò tutta». Il ds Petronilli ha aggiunto: «La sua forza è anche la nostra».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

''Buoni'' assassini cattura il pubblico

CIVITAVECCHIA – Successo per il secondo appuntamento con la cronaca nera al Ghetto. Massimiliano Grasso e Gino Saladini hanno intervistato il giornalista Emilio Orlando, autore del libro ‘‘Buoni’’ assassini a piazza Fratti. Un’opera – inchiesta sull’uccisione di Luca Varani, torturato e seviziato da Marco Prato e Manuel Foffo. Un caso di cronaca di una brutalità inaudita, probabilmente uno degli omicidi più cruenti degli ultimi vent’anni. «La narrazione – ha spiegato Orlando – è legata anche al contesto sociale, non solo la cronaca. Tutto questo ci dà un quadro più completo sul contesto in cui è maturato il delitto». Padri e madri assenti in una Roma che è cambiata.

«Sulle macerie di una Roma felliniana – ha detto Orlando – si poggiano realtà degradate e degradanti. Tempo fa scrissi un saggio ‘‘Dove abita l’assassino’’ e dissi che non sempre l’assassino abita un piano sotto alla vittima, anzi molto spesso abita sopra». Da qua il ‘‘Buoni’’ assassini. Due famiglie della Roma bene, genitori lontani e figli sconosciuti. Una vittima di un altro contesto sociale legata a Foffo e Prato da un comune denominatore: la droga. Grasso e Saladini hanno saputo stimolare pubblico e intervistato, che ha rivelato molti dettagli sulla sua opera.

«Partendo dalla storia di Foffo e Prato – ha commentato Grasso – sono emersi interrogativi inquietanti per ognuno di noi: quanto conosciamo i nostri figli? E noi stessi? Basta l’uso smodato di cocaina a spiegare tanta cattiveria? O la droga ha fatto emergere senza più freni la zona buia che ciascuno porta rinchiusa dentro di sé? Tante domande e partecipazione anche dal folto pubblico che con Gino e l’associazione Ventuno voglio ringraziare dando appuntamento a settembre per una nuova serata d’autore». Insomma, dopo Il Canaro della Magliana anche  ‘‘Buoni’’ assassini fa centro e conquista il pubblico del Ghetto.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Centrodestra, D'Ottavio (FI): "La porta è aperta ma non accettiamo più prese in giro"

CIVITAVECCHIA – Nel corso della conferenza stampa di ieri per la presentazione del nuovo corso di economia circolare presso l’università locale c’è stato tempo anche per la politica. Almeno per il senatore viterbese Francesco Battistoni che, invitato dal rettore dell’Università della Tuscia di Viterbo a concludere i lavori di presentazione, ha rilasciato alcune dichiarazioni ad alcuni giornalisti presenti. Secondo Battistoni, stando a quanto riportato da diverse testate locali, la scelta del candidato sindaco sarebbe stata fatta seguendo un modus operandi errato. A replicargli è il coordinatore locale di Forza Italia Roberto D’Ottavio che in una trasmissione autogestita andata in onda ieri su Telecivitavecchia ha commentato: “Ci dispiace che Battistoni non abbia condiviso il nostro modo di operare. Abbiamo fatto una grande campagna elettorale al neo eletto senatore, ci dispiace non avere il suo consenso. Allo stesso tempo siamo sicuri delle scelte fatte condivise con il coordinatore regionale Fazzone. Da statuto di Forza Italia avrei potuto scegliere il candidato sindaco con il coordinatore regionale senza passare neanche dal direttivo locale. Invece ho condiviso la scelta con tutti, come fatto anche nella costruzione delle priorità del programma, frutto di mesi di incontri al tavolo del centrodestra, tra tutti i partiti e le liste civiche”.

D’Ottavio ne ha anche per Alessandro D’Amico, coordinatore della Lega: “Quando ci fu la firma del documento che sottoscriveva i punti principali del programma e di quello con la scelta di Grasso sindaco, lo scorso autunno, ero in ospedale da mio padre. D’Amico volle fortemente la mia presenza e la mia firma nonostante la mia situazione, temendo un mio ripensamento. Mi fa sorridere che ora possa essere lui a ritrattare, senza un valido motivo, quanto dichiarato e sottoscritto mesi fa”.

Infine D’Ottavio critica aspramente l’atteggiamento di D’angelo e le sue zero presenze in consiglio comunale nell’ultimo anno e lancia quello che è il suo messaggio personale: “Io ho solo una parola, figuriamoci se posso contraddire quanto scritto con la mia firma. La strada è tracciata. Il programma è scritto. Il candidato è scelto. Naturalmente la porta è aperta, ma non accettiamo più prese in giro”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###