Alessio Di Natale di scena al Road to Invictus Arena

Debutto nelle Arti marziali miste per Alessio Di Natale. Il giovane atleta di coach Cristian Angeletti combatterà domani sera a Roma nell’evento ‘‘Road to Invictus arena’’ a Villa Lazzaroni. Si tratta di un incontro di Mma – dilettanti, sulla lunghezza delle tre riprese da tre minuti. Un test importante per una realtà in continua crescita come la palestra ‘‘Bear’s Club’’ di Angeletti. Quello di via Francesco Flavioni è un piccolo paradiso per gli amanti delle arti marziali in generale. Angeletti si è diplomato istruttore di Mma alla scuola di Alessio Sakara, il noto fighter romano, e nel suo team può contare insegnanti del calibro di Giuseppe Rinella, atleta di Lotta delle Fiamme oro, e Valerio Poscia, cintura nera di Brazilian jiu jitsu. Nomi che non hanno niente da invidiare alle palestre romane. «Alessio si è impegnato molto in questi mesi – ha spiegato Angeletti –  e domani combatterà in un evento importante al peso di 83 chilogrammi. Spero che sia soltanto l’inizio perché vogliamo far conoscere le Mma a Civitavecchia e abbiamo le possibilità per fare grandi cose». Le operazioni di pesa inizieranno alle 12, gli incontri alle 16.  

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Angelo Rizzo sfida l'ungherese Zoltan Enyedi

Sabato 24 marzo a Reggio Calabria Angelo Rizzo incrocerà i guantoni sulla distanza delle sei riprese con l’ungherese Zoltan Enyedi. Il peso massimo di Civitavecchia sarà di scena nella riunione targata Conti Cavini Boxe, il cui main event sarà il Mondiale femminile UBC dei super gallo tra l’italiana Cannizzaro e l’argentina Rivero; la serata sarà ripresa da SportItalia. «Sono pronto per questa sfida, mi sono preparato bene – spiega il Grizzly – sia qui alla Action Gym di Civitavecchia con Emiliano Corrente, sia a Roma nella palestra del Team Boxe Roma XI dei maestri Italo Mattioli e Luigi Ascani. L’ungherese non è molto tecnico, ma è potente, dovrò prenderlo sul tempo ed evitare di scambiare a viso aperto. Se supererò questo ostacolo, a luglio combatterò a Grosseto, anche se non è detto che non possa arrivare un’opportunità per il titolo italiano; ormai manca poco. Un grazie, come sempre, va a tutti coloro che mi seguono quotidianamente e ai miei sponsor Cpc, Pizzeria La Pala, Panificio Sasà e Mettici La Testa».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Azzopardi: ''Combatteremo in tutte le sedi''

CIVITAVECCHIA – "La società combatterà in tutte le sedi, siamo sicuri di avere giustizia". È la dichiarazione di Edgardo Azzopardi amministratore delegato di Port Mobility in merito al decreto ingiuntivo per 4 milioni emesso dal tribunale in favore di Royal Bus. Una conferenza stampa convocata per "ripristinare la verità – ha spiegato Azzopardi – il tribunale non ha validato niente, si è limitato ad emettere il decreto prendendo atto della fattura. Ancora non è stata presa nessuna decisione".

L’amministratore delegato ha continuato dicendo che, come già anticipato nei giorni scorsi, Port Mobility si opporrà al decreto ingiuntivo ed è fiducioso di uscire vincitore perché, ha detto, "abbiamo ampia documentazione a nostro supporto". Per quanto riguarda il continuo utilizzo di frasi come ‘‘la società degli Azzopardi’’ l’amministratore delegato ha commentato: "È una famiglia che ha investito in Port Mobility, in difesa dei dipendenti. È una realtà che va rispettata".

Elemento già a supporto di Port Mobility, secondo Azzopardi, è il fatto che non ci sia stata la provvisoria esecutività. Insomma, secondo l’amministratore delegato, non c’è niente di losco e, anzi, la condotta di Port Mobility è stata sempre corretta e lineare.

Buone notizie per i 26 autisti ex Royal Bus. "Port Mobility – ha detto Azzopardi – ha voluto sistemare i 26 ex dipendenti. 15 di loro andranno con l’impresa Caperna bus mentre 11 con Cialone. In attesa dell’affidamento inhouse". Insomma gli ex autisti Royal Bus già dal prossimo mese dovrebbero avere nuovamente, e finalmente, uno stipendio dopo mesi.

Azzopardi solleva qualche dubbio anche per quanto riguarda le tempistiche per l’ingiunzione nei confronti di Port Mobility. "Passalacqua – ha proseguito l’amministratore delegato – ha emesso le fatture il 5 dicembre e già il 23 dicembre ha depositato l’ingiunzione, nonostante il fatto che Port Mobility sia sempre stata puntuale con i pagamenti. Inoltre non ha mai detto niente quando sono stati approvati i bilanci di 2014-15 e 16 e il credito non era neppure iscritto in bilancio. Rilevo che tutto quello che ha fatto e detto Passalacqua è tardivo e pretestuoso, nonostante dica di agire per tutelare i lavoratori". Azzopardi ha continuato chiedendosi perché allora il presidente del cda di Royal Bus non abbia accettato l’offerta di pagamento diretto ai dipendenti durante la trattativa per la vendita dei famosi quattro bus.

Una rassicurazione anche per chi teme che l’ingiunzione possa mettere in difficoltà Port Mobility e far perdere posti di lavoro. Inoltre i legali della società sono al lavoro per valutare se nelle azioni di Passalacqua ci sia qualche evidenza di carattere penale. Dalle parole di Azzopardi traspare che la misura è colma, soprattutto per quanto riguarda i continui attacchi alla sua figura e all'azienda che rappresenta e che dà lavoro a decine e decine di famiglie.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Emanuele Feoli sfida il russo Alexander nei 67 kg

di ALESSIO ALESSI

Emanuele Feoli è pronto per salire sul ring e provare a stupire Bangkok, dove domani farà il suo esordio nel Mondiale WMF di muay thai. 
Il fighter di Civitavecchia combatterà nella categoria dei 67 kg e domani, nel primo match della sua avventura iridata, si troverà di fronte il russo Vladislav Alexander.
«Il mio avversario – ha spiegato Feoli – è più basso di me, muscolarmente dotato e con un’ottima tecnica, è molto forte di braccia ma usa poco gomiti e gambe. La tattica sarà quella di fargli abbassare le mani e colpirlo con i calci. Lui è favorito in quanto thaiboxer, ma posso giocarmela. Entrambi dovremo fare i conti con i 35 gradi e il 90% di umidità presenti. Vengo da tre intensi giorni di preparazione qui in Thailandia – ha concluso il civitavecchiese – e ho una gran voglia di salire sul ring per fare la guerra».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Emanuele Feoli al Mondiale WMF

Ultimo ritiro con la Nazionale italiana per Emanuele Feoli prima della partenza per Bangkok (Thailandia), dove da martedì sarà impegnato nel Mondiale WMF di muay thai. Il fighter di Civitavecchia  combatterà nella categoria dei 67 kg. (Agg. 07/03 ore 16.15 SEGUE)

IL COMMENTO SUL MATCH DI EMANUELE FEOLI – «Precedentemente – spiega Feoli – ero stato inserito nei 71 kg, ma poi ho avuto un drastico calo di peso e lo staff della Nazionale ha optato per i 67 kg, categoria sucuramente a me più congeniale, visto che ho sempre combattuto a questo peso. Sarò il più anziano della spedizione – continua l’atleta azzurro –  ma a 35 anni ho ancora la voglia di un ragazzo alle prime esperienze e l’ho dimostrato allenandomi tutti i giorni a Roma e Civitavecchia, spesso anche due volte al giorno, tra corsa, colpitori, sacco, nuoto e sparring». (Agg. 07/03 ore 16.48 SEGUE)

LA STRATEGIA DEL FIGHTER CIVITAVECCHIESE – «La strategia per i miei match – conclude il fighter locale – sarà sempre la stessa cioè tenere un’intensità alta di colpi per tutte e tre le riprese, puntare molto sul ritmo intenso e una moltitudine di colpi di gambe che da sempre sono il mio punto di forza. Il trascorso nella kick boxing, e ultimamente nelle mma, mi rende parecchio versatile per poter affrontare sia avversari schermidori che aggressivi». (Agg. 07/03 ore 17.18)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Angelo Rizzo pronto a sfidare l'ungherese Zoltan Enyedi

Tutto pronto per la sesta apparizione sul quadrato da professionista di Angelo Rizzo. Il peso massimo di Civitavecchia salirà infatti sul ring sabato 24 marzo, quando a Reggio Calabria incrocerà i guantoni sulla distanza delle sei riprese con l’ungherese Zoltan Enyedi. Il Grizzly ha collezionato cinque vittorie in altrettanti match e l’obiettivo, come sottolineato più volte dallo stesso pugile, è continuare su questa strada per fare punteggio e poter ambire ad una chance per il titolo italiano di categoria. Rizzo combatterà nella riunione targata Conti Cavini Boxe, il cui main event sarà il Mondiale femminile UBC dei super gallo tra l’italiana Cannizzaro e l’argentina Rivero; la serata sarà ripresa da SportItalia.
«Mi alleno tre giorni a settimana – spiega il Grizzly – qui alla Action Gym di Civitavecchia con Emiliano Corrente, due volte vado invece a Roma nella palestra del Team Boxe Roma XI dei maestri Italo Mattioli e Luigi Ascani. La prossima settimana inizierò anche a fare qualche seduta di guanti; oggi (ieri per chi legge – ndr) vado a Grosseto dal mio manager Rosanna Conti Cavini – conclude Rizzo – e insieme decideremo gli eventuali sparring partner per ultimare la preparazione».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###