M5S, Menditto e D'Antò incandidabili: lo dice la piattaforma Rousseau

CIVITAVECCHIA – I continui dubbi sulla ricadidatura del sindaco Cozzolino, alimentati dallo stesso primo cittadino, fanno fioccare commenti e proposte tra i grillini di Civitavecchia. Ha fatto molto discutere il post pubblicato da Massimo Fattori, sul gruppo di Civitavecchia in Movimento. Secondo Fattori oltre al sindaco e alla sua vice Daniela Lucernoni, sembra farsi avanti la figura di una donna. Una sorte di miss X professionista locale: «Mentre sembra essere tramontata l’ipotesi di candidature di alcuni esponenti di primo piano, esclusi automaticamente per il fatto di essere stati precedentemente presenti in liste concorrenti, sembra che stiano maturando nuovi nomi, del tutto alternativi rispetto a quelli di cui si parla da tempo – scrive Fattori -. Al sindaco Cozzolino e alla sua vice, Daniela Lucernoni, che hanno pubblicamente sostenuto di essere a disposizione del partito per una eventuale candidatura alla massima carica cittadina, potrebbero aggiungersi altri personaggi. Si parla con insistenza, ad esempio, di una donna, una professionista che potrebbe avere numerosi consensi. Sembra invece essere tramontata l’ipotesi dell’avvocato Paolo Mastrandrea, che si sarebbe chiamato fuori. Staremo a vedere».
Nelle sue parole Fattori lascia intendere che sia Enzo D’Antò che Dario Menditto sarebbero fuori dai giochi, essendosi candidati nel 2012 a supporto del candidato sindaco Ghirga, nella sua lista civica. Il tutto nonostante fosse già in campo il simbolo grillino a supporto del candidato Porrello (in quell’occasione i grillini non elessero neanche un consigliere comunale). «A ingarbugliare le carte che sembravano già bell’e pronte per essere servite al tavolo da gioco ci ha pensato la piattaforma Rousseau – prosegue Fattori -, una sorta di vangelo per l’universo pentastellato, che nella sua dodicesima funzione, pubblicata il mese scorso, ha scritto le “tavole” per la scelta dei candidati. Non solo ha praticamente fatto fuori quanti negli ultimi dieci anni si erano candidati con liste presentate in opposizione al Movimento, ma ha praticamente aperto le porte all’arrivo di tantissimi altri personaggi che potrebbero arrivare dalla società civile. Open Comuni, questo il nome della dodicesima funzione di Rousseau, consente infatti di formare direttamente online una lista di candidati per concorrere alle elezioni amministrative nella propria città. Di fatto, tutti gli iscritti dei Cinque Stelle certificati da Rousseau possono avanzare la loro candidatura a Sindaco e creare una lista invitando altre persone a candidarsi nel ruolo di consiglieri comunali».
Certo risulta difficile pensare che due personaggi politici che hanno fatto il presidente del consiglio comunale e l’assessore alla cultura e al commercio di un comune importante come Civitavecchia, sotto il simbolo grillino, non possano presentarsi a suo supporto alle prossime elezioni. Basti pensare che Enzo D’Antò è stato persino l’amministratore scelto dal comune per rappresentare Civitavecchia nell’appuntamento dello scorso mese al Circo Massimo, durante la kermesse nazionale del Movimento Cinque Stelle.
Discorso a parte invece per Roberta Galletta. La sostenitrice della giunta pentastellata è stata segretaria del partito democratico, eletta consigliere comunale del Pd si è poi dimessa per fare l’assessore nell’ultima giunta Tidei. La sua candidatura tra le fila grilline appare quindi complicata da giustificare.
Il Sindaco Cozzolino intanto prosegue le sue riunioni romane con ministri e parlamentari eletti a Montecitorio e a Palazzo Madama. Seppur nato dal basso, il Movimento potrebbe subire l’influenza romana, ricordando la presenza di peso di Marta Grande, presidente della Commissione Esteri.

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

«Due mozioni per dare ai cittadini la possibilità di partecipare alle scelte»

SANTA MARINELLA – Tanti gli spunti d’interesse emersi nel confronto organizzato al Parco Kennedy in occasione dei cinque anni di attività della lista civica Il Paese che Vorrei, che hanno spaziato tra la realtà locale e lo scenario nazionale. Dalla storia de Il Paese che vorrei al ruolo dei movimenti civici nella vita sociopolitica in Italia, dagli obiettivi dell’attività in consiglio comunale al rapporto tra le istituzioni e le esigenze dei territori, dalla necessità di sviluppo per fronteggiare il default di Santa Marinella alla politica economica del Governo nazionale, dalla vicenda dello scuolabus al tema dei diritti sociali e civili. I responsabili hanno presentato le prime iniziative di questo autunno che vanno dalla tutela ambientale e della salute alla raccolta differenziata, dall’informazione ai cittadini alla partecipazione popolare. «Ciascuna di queste iniziative – spiegano gli organizzatori – vede l’associazione impegnata su più fronti, nello stimolo e nel controllo nei confronti dell’amministrazione comunale e nel coinvolgimento dei cittadini. Proprio con questo obiettivo, verranno protocollate a giorni due mozioni che mirano a incrementare la diffusione dell’informazione ai cittadini e rendere possibile la loro partecipazione alle scelte politiche e amministrative nel nostro Comune». Successivamente sono stati proiettati i saluti arrivati con video messaggi da parte dei tanti amici dell’associazione che in questi anni hanno partecipato e collaborato alle tante attività promosse dal gruppo politico. Presenti anche Alessio Pascucci Sindaco di Cerveteri e coordinatore di Italia in Comune e l’assessore Federica Battafarano, che sono riusciti a portare di persona il loro augurio. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Porto, Gino De Paolis guarda al futuro con ottimismo

CIVITAVECCHIA – "Se qualche mese fa il porto sembrava destinato ad uso esclusivo del crocerismo, oggi le prospettive si sono completamente modificate. Siamo all’attimo fuggente, nel quale ogni parte in causa deve dare il proprio contributo per un impulso forse mai avuto per il porto di Civitavecchia". Ne è convinto Gino De Paolis, consigliere Lista Civica Zingaretti alla Regione Lazio

"Ci sono ad oggii 195 milioni di euro investiti dalla Bei per il completamento della darsena servizi, traghetti e connessioni viarie – ha ricordato De Paolis – c’è la Darsena grandi masse tornata, dopo anni di contenzioso, nella disponibilità dell’Autorità di sistema portuale. Un fatto importantissimo, perché consente da un lato alla Autorità e dall’altro agli investitori di avere un quadro amministrativo certo su cui fare strategia e riversare interessi e risorse; ci sono le vertenze Enel, Cfft ed Rtc che sono ancora in corso ma che vedono le parti sedute assieme per raggiungere la migliore risoluzione possibile; c’è la Zona logistica semplificata per cui la Regione si è impegnata a lavorare per sburocratizzare e velocizzare il movimento delle merci; c’è la dichiarazione di Zingaretti sulla Cinelli – Monteromano che fissa per la fine di dicembre il completamento della strada. Su questo abbiamo tante volte insistito sull’importanza strategica dell’opera e insistiamo ancora sul trovare soluzioni ottimali per arrivare al completamento di tutta la Orte- Civitavecchia in tempi brevissimi. Ecco quindi perché ha concluso il consigliere regionale – il quadro è completamente cambiato rispetto a qualche mese fa. La determinazione espressa dall'Autorità di Sistema portuale, con il presidente Di Maio, la convinzione del Presidente della Regione Zingaretti circa la funzione strategica del Porto, il Comune di Civitavecchia che ha fatto la sua parte sulle vertenze, i sindacati impegnati sui diritti, sul lavoro e sullo sviluppo, la politica tutta schierata per un effettivo rilancio di una risorsa così importante per tutta la Regione, saranno la chiave per una svolta. Non è più il tempo delle polemiche, ma quello della responsabilità negli interessi della collettività. È l'attimo fuggente appunto, che non possiamo farci scappar". 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Battilocchio al convegno ITFF: ''Bisogna tornare a insegnare educazione civica''

CIVITAVECCHIA – Il deputato del territorio, Alessandro Battilocchio, ha partecipato ad un convegno sull’insegnamento della Costituzione, promosso dall’Associazione Apidge in seno all’International Tour Film Festival che si tiene in questi giorni a Civitavecchiay. Il convegno, aperto dai saluti del sindaco Cozzolino e del consigliere regionale Porrello, ha visto la partecipazione del presidente della Commissione Istruzione del Senato sen. Mario Pittoni, della senatrice Barbara Floridia e del senatore Gianluca Perilli, oltre che di studenti, dirigenti e docenti delle scuole locali. Introdotto dal presidente Ezio Sina, Battilocchio ha presentato la sua proposta di legge, depositata l’estate scorsa, per l’introduzione dell’insegnamento della disciplina “Costituzione e cittadinanza europea”.

Il deputato, che è inoltre membro della XIV commissione Politiche UE, ha sottolineato che «l’insegnamento di “Costituzione e cittadinanza europea” – previsto dalla sua proposta di legge – sarà caratterizzato innanzitutto dalla percezione dei valori alla base del vivere comune, ponendo le basi per far sì che le conoscenze acquisite consentano a tutti gli studenti, dalla scuola primaria alle superiori, di analizzare dati e fatti della realtà e di sviluppare competenze, e di rifl esso, comportamenti di cittadinanza attiva ispirati ai valori della responsabilità, legalità, partecipazione e solidarietà».

Battilocchio ha poi proposto un tavolo di lavoro parlamentare tra tutti i primi fi rmatari di proposte assimilabili alla sua, sottolineando l’importanza della trasversalità del tema, per il bene e il futuro del Paese. In conclusione ha ricordato che oltre all’attività puramente legislativa, a testimonianza della elevata priorità che egli da alla formazione giuridico-democratica dei giovani, sta entrando nel vivo il progetto da lui promosso denominato “A scuola di Parlamento”, che vedrà coinvolti giovani studenti del territorio in attività inerenti l’educazione civica e culminerà con una giornata presso Palazzo Montecitorio, vedendo coinvolti più di 90 classi di ragazzi.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tidei: ''La mia umile origine mi ha insegnato il rispetto del lavoro''

SANTA MARINELLA – Il sindaco Pietro Tidei, risponde a coloro che gli hanno rivolto critiche, dopo aver partecipato alla giornata ecologica a Santa Severa, dove ha effettuato, insieme ai cittadini e ai volontari, alla pulizia del centro cittadino. In particolare, il primo cittadino se la prende con il consigliere comunale del Movimento Cinque Stelle Francesco Settanni che aveva espresso un suo giudizio sull’iniziativa del primo cittadino di Santa Marinella. «Vorrei rispondere ad un sedicente consigliere che discute di un Sindaco che, per contribuire a pulire un pezzo di città ed educare i cittadini ad una maggiore coscienza civica, non esita a prendere una scopa in mano insieme ad un gruppo di volenterosi ed encomiabili cittadini pulendosi un intera via di Santa Severa – dice Pietro Tidei – vorrei dire a questo signore che il sottoscritto proviene da una famiglia operaia e che ha potuto frequentare il liceo classico l’Università e conseguire il titolo di avvocato cassazionista grazie ad un duro lavoro estivo di operaio, cameriere, bracciante agricolo, generico cavallerizzo con le più svariate compagnie cinematografiche nonchè quella di arbitro di calcio e giovane insegnante. E la mia umile provenienza insieme all’insegnamento dei mie cari genitori mi hanno insegnato a rispettare il lavoro anche quello più umile e la povertà. Non mi sento ne soldato ne colonnello e nessuno mi ha collocato in pensione anzitempo. Lavoro ancor che da sindaco con la coscienza di un operaio e non mi vergogno a prendere una scopa in mano e ripulire le strade. Sono stato, nel 1971, il più giovane consigliere provinciale d’Italia ed ho percorso orgogliosamente tutte le tappe istituzionali come il Comune, la Provincia, la Regione, il Parlamento, i vertici aziendali tra le aziende più importanti d Italia, ma sempre con lo spirito di operaio e di figlio del popolo, quello che lavora e non di chi campa di rendita con un grado sulle spalle”. A dar man forte al sindaco c’è anche Franco Bagaglia che incalza. “Mai avrei pensato nella mia evidente ingenuità e fiducia nel genere umano che una foto raffigurante un sindaco accompagnare le meritorie attività di volontariato di un gruppo di solerti cittadini intenti a dare un contributo alla pulizia della propria città potesse mai essere oggetto di qualche critica o peggio ancora essere imbrattata dal fango delle più assurde maldicenze – afferma Bagaglia – siamo di fronte al classico caso in cui il diritto di critica sa parte di certi personaggi pubblici arriva ad oltrepassare la pubblica decenza per sconfinare in un turpiloquio di argomenti a sostegno che definire aberranti è puro eufemismo. Invito quindi il signor Settanni a motivare le sue idee sulla base di sentimenti più nobili e non certo su quella degli istinti di rabbia che tra l’altro lo portano a esprimere tesi che non stanno ne il cielo ne in terra”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

A lezione di Costituzione con l'ITFF

di GIAN MARCO TRICOMI

Nell’ambito della manifestazione dell’ITFF, in programma tra il 3 al 7 ottobre presso la Cittadella della Musica, la giornata di sabato 6 verrà dedicata al ruolo dell’educazione civica e dell’insegnamento del diritto nelle scuole. Già dalle 10 si terrà il seminario intitolato ‘‘La costituzione a scuola’’, organizzato dall’associazione degli insegnanti di scienze giuridiche ed economiche, nel quale si discuteranno le tre proposte di legge atte a recuperare l’insegnamento di questa disciplina nei licei. «Abbiamo lanciato un guanto – ha dichiarato il presidente dell’associazione, Ezio Sina – che tutte le forze politiche hanno raccolto trasversalmente, e sabato si discuteranno i nostri disegni di legge con importanti rappresentanti delle istituzioni». Saranno presenti anche l’on Alessandro Battilocchio, e le senatrici Nadia Ginetti e Barbara Floridia, i quali rappresenteranno le tre maggiori forze politiche parlamentari. Ruolo centrale invece quello assegnato al liceo economico sociale per il secondo momento della giornata, durante il quale verrà appunto ribadito il valore di questo nuovo indirizzo di studi. Durante il terzo ed ultimo momento della giornata verrà invece dedicato grande spazio alle donne madri della costituzione, cioè alle 21 che parteciparono ai lavori dell’Assemblea Costituente, con il seminario delle 15.30 ‘‘Le donne della costituzione’’. Il diritto recupera il suo ruolo quindi durante una kermesse di assoluto valore culturale come l’International Film Festival Tour, evento che ancora una volta riesce a raccogliere ampie sfaccettature degli orizzonti culturali moderni, senza fermarsi alla sola arte cinematografica.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Zappacosta entra nella Lega di Salvini

CIVITAVECCHIA. Enrico Zappacosta entra nella Lega. L’ex vicesindaco (con trascorsi in Alleanza Nazionale, nella lista di Renata Polverini Città Nuove e con Andrea D’Angelo e Forza Italia, sebbene nel 2014 si candidò con una lista civica) entra nel partito leghista dalla porta principale. Zappacosta, più volte eletto nel consiglio comunale di Civitavecchia, è stato infatti nominato nei giorni scorsi responsabile degli enti locali della provincia di Roma Litorale Nord. Un ruolo di indubbio peso politico nella costruenda geografia regionale salviniana, a pochi mesi dalle elezioni di Civitavecchia e Tarquinia.

“Con grande onore accetto questo ruolo – ha spiegato Zappacosta -. Colgo l’occasione per ringraziare il coordinatore regionale Zicchieri che mi ha dato fiducia”.

L’ingresso di Zappacosta tra le fila leghiste, anticipato da La Provincia diverse settimane fa, rafforza il partito salviniano vista l’esperienza in fatto di accordi e trattative dello stesso Zappacosta, che potrebbe rivelarsi fondamentale nel cammino insidioso che porterà alle prossime elezioni amministrative civitavecchiesi, con alleanze e candidature che sul fronte leghista sono ancora tutte da scegliere.

Le nomine e le entrate nel partito della Lega non si fermano comunque a quella di Enrico Zappacosta. Patrizio Carraffa è stato nominato membro del direttivo regionale e Stefano D’Angelo, già consigliere comunale della Lista Moscherini ed ex candidato di Fdi alle ultime regionali di marzo, ha già salutato il partito della Meloni per approdare alla corte di Salvini.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Deleghe a valanga, Vergati sbotta e lascia la coalizione

SANTA MARINELLA – L’assegnazione ufficiale delle deleghe, sta creando evidenti problemi alla giunta Tidei. Nonostante siano stati dati una infinità di incarichi, c’è chi è rimasto scontento delle scelte fatte dal sindaco. A far sentire la sua voce, particolarmente irritata, è uno dei “grandi elettori” dell’ex parlamentare, che ieri mattina, nel corso di una conferenza stampa, ha detto a chiare lettere di abbandonare la coalizione di centro sinistra. «Non voglio più essere uno dei punti di riferimento della coalizione che ha sostenuto Pietro Tidei – dice Adalberto Vergati – ed il motivo è semplice.     Non condivido alcune scelte fatte dal sindaco in questi ultimi tempi». Vergati, non lo dice esplicitamente, ma per chi conosce le “cose politiche” di Santa Marinella sa benissimo che, sin dalla fase preelettorale, Vergati aveva chiesto a Tidei, in caso di vittoria, di poter avere la delega alla Polizia locale, proprio per poter essere uno dei punti di riferimento dei vigili urbani, verso l’amministrazione comunale. Evidentemente, Tidei non ha riconosciuto in lui una delle figure che potesse dare un supporto così importante come quello che dovrebbe dare l’ex comandante della Polizia locale di Cerveteri, Scarpellino, nominato delegato alla Polizia municipale. «Se il sindaco ha fatto le sue scelte, ben per lui – conclude Vergati – ciò vuol dire che non ha apprezzato il mio supporto alle elezioni. A questo punto mi prenderò il tempo necessario per riflettere ma certamente orienterò le mie scelte verso altri obiettivi». In pratica la stessa vicenda che ha coinvolto la lista civica Amici dello Sport, che dopo aver avuto tutte le assicurazioni da parte del sindaco che in caso di successo, sia la delega che l’assessorato allo sport sarebbero stati assegnati a loro, a  pochi giorni dalla vittoria al ballottaggio, Tidei ha preferito dare l’assessorato a Emanuele Minghella, ex delegato al bilancio della giunta Bacheca. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###