Vecchia: sfide decisive per Allievi e Giovanissimi

di MATTEO CECCACCI

In casa Civitavecchia Calcio 1920 sembra che le cose stiano migliorando. Nell’ultimo fine settimana sono state ottenute due vittorie, due sconfitte e un solo segno ics, dovuto ai classe 2002 di Marco Mazza che hanno pareggiato la sfida in trasferta con la Polisportiva Oriolo. Ora l’obiettivo si concentra maggiormente sul mantenimento delle due categorie elite rimaste, ovvero gli Allievi di Rocchetti e i Giovanissimi di Oliviero che dovranno obbligatoriamente vincere rispettavamente con Ottavia e Rieti, per disputare poi a maggio i playout tra le mura amiche. Per l’ultima giornata della stagione gli Juniores Elite di Pino Brandolini non sono usciti affatto con il sorriso dal Fattori, in quanto hanno ceduto 3-0 con l’Atletico Vescovio, ma i nerazzurri con la salvezza già  acquisita e festeggiata da alcune settimane e con la testa già in vacanza sono scesi in campo con una nonchalance che li ha portati a giocare con molta superficialità. Il primo squillo del match è di Cerroni che, squalificato dall’eccellenza, al 22’ prova a centrare lo specchio della porta, ma la sua conclusione è fuori misura. Poco dopo gli ospiti si fanno avanti e siglano il vantaggio con Girardi, bravo a trafiggere Paniccia sul primo palo. Nella ripresa la Vecchia risulta non pervenuta e il Vescovio ne approfitta immediatamente, segnando il 2-0 al 74’ grazie al neoentrato Piccionetti e il tris finale all’88’ con Cori che a porta vuota non può che appoggiare il pallone in rete. Al triplice fischio di Ventrelli di Ciampino i biancorossi impazziscono di gioia ed esultano per il raggiungimento diretto della salvezza che costa il mantenimento della categoria per il prossimo anno; gioia immensa, dunque, per mister Centomani e Patron Cardella presente in tribuna che nello spogliatoio hanno festeggiato fine a tardo pomeriggio insieme all’intera rosa. Per il Civitavecchia nessun rammarico, ma tanti, tantissimi scambi di maglie, sorrisi e abbracci tra calciatori e dirigenti per una stagione giocata nel migliore dei modi. Un ottimo percorso dei ragazzi, disputato con il sudore sulla fronte in ogni partita; sudore che ogni talvolta colava sulla maglia nerazzurra aveva il significato di lottare sempre fino all’ultimo secondo, perché chi veste questa maglia sa bene cosa vuol dire. Un elogio, però, va fatto a quel tecnico di nome Pino Brandolini che ha valorizzato ogni singolo ragazzo facendoli crescere sotto ogni aspetto, dall’umiltà al rispetto per gli avversari; un grande nome per la società nerazzurra. Un encomio, invece, va al capocannoniere Edoardo Indorante e a capitan Pietranera che con le loro prestazioni, magie calcistiche, dedizione e amore per questo sport hanno dato alla squadra quel tocco in più per distinguersi dalle altre compagini. Infine, un plauso a tutti quei tifosi sempre presenti che, nonostante freddo e pioggia, hanno sempre sostenuto i classe 2000 aiutandoli a mantenere la categoria, che il prossimo anno andrà ai ragazzi di Rocchetti, con la speranza che sfruttino al meglio questa inestimabile eredità. (Agg. 24/4 ore 17.43 SEGUE)

I RISULTATI DEI TEAM DEGLI ALLIEVI DEL CIVITAVECCHIA CALCIO 1920 – Goleada della Vigor Perconti sugli Allievi Elite di Andrea Rocchetti che escono battuti 5-0 tra le mura amiche del Tamagnini. Non era questa la partita da vincere, ma la Vecchia nonostante questo ha messo in campo tutte le possibili energie fino allo scadere. I blaugrana, già vincitori della regalur season da ben tre settimane, dell’ex tecnico Luigi Miccio hanno espresso grande gioco dimostrando al pubblico una grande lezione di calcio degna del nome della categoria elite. I nerazzurri, senza Mercuri da oltre tre settimane, che sembrerebbe non far più parte della rosa a causa di comportamenti ritenuti del tutto inadeguati dalla società, sono scesi in campo con una formazione più mista che mai: ben tre i classe 2002; Marini, Di Domenico e Luciani. Ma la nota di merito, questa volta, va al portiere di Pasquale Oliviero, ovvero Alessandro Conti: l’ex Aurelio Fiamme Azzurre, pupillo di Marinelli, è stato autore di una sensazionale prestazione che l’ha portato a realizzare ottime parate. «Un grande ragazzo – spiegano dalla società – sia dentro che fuori dal campo. La bravura di questo portiere va messa in risalto, in quanto può essere una promessa per il nostro futuro». I cinque gol della Vigor sono maturati nel primo tempo grazie ai sigilli di Santamaria al 35’ e Finucci al 39’ mentre nella ripresa a chiudere la cinquina ci hanno pensato Giovannone, De Bellis e Rossi. Al termine della gara i nerazzurri non si scoraggiono e alla sconfitta non ci pensano più di tanto, la consapevolezza che questo match avrebbe avuto poco valore già lo si sapeva in settimana. Il vero scontro diretto ci sarà domenica 29 in casa dell’Ottavia (-1) per l’ultima partita della stagione che promette una grande tensione. Sarà di fondamentale importanza vincere a Roma, perché se i classe 2001 vorranno disputare i playout in casa, dovranno mettere in atto tutte le loro forze e i sacrifici di un’intera stagione per gli ultimi 90’ che valgono la categoria, sperando in un passo falso della Totti S.S. con l’Urbe. «Non bisogna – spiega il centrocampista Sansolini – mai mollare un colpo. Siamo un gruppo unito e lotteremo fino alla fine, abbiamo abbastanza carica per domenica e andremo a Roma per fare la nostra partita. Io ci credo, d’altronde come tutti i miei compagni». Un punto per gli Allievi Regionali Fascia B di Marco Mazza che inspiegabilmente non riescono più a vincere una partita. Il segno ics con la Polisportiva Oriolo è il culmine di una serie di gare che non sta rispecchiando affatto i classe 2002. Forse il troppo caldo primaverile sta facendo effetto ai ragazzi che, dal 25 marzo scorso non ottengono più punti, e se l’obiettivo fino a qualche settimana fa era agguantare i primi posti della classifica, ora impensabilmente è cercare di difendere il sesto posto. Il match, che nei primi 40’ ha visto grande equilibrio per entrambe le squadre, ad aprire le danze sono i viterbesi con Aramini che non riesce a beffare Formisano tra i pali. I civitavecchiesi reagiscono, ma la conclusione di Di Domenico viene parata dall’estremo difensore. Ultimo tentativo di tempo è di Luciani che, approfittando di un cross dalla sinistra, non riesce a tirare bene nella direzione della porta. Nella ripresa partono forti i locali che vanno in vantaggio alla prima azione dopo 1’ grazie a Bartoli. I nerazzurri accusano e il colpo e devastano ogni due per tre la porta difesa da Gentili, ma le belle parate e un po’ di sfortuna negano il pareggio agli ospiti. L’1-1 avviene a 10’ dal termine grazie a Pippo Prestigiacomo, bravo a beffare Loru. Al termine della gara Mazza con Castellini non possono che spartirsi un punto a testa e a cinque giornate dal termine non resta che cercare di accumulare più punti possibili per raggiungere una salvezza matematica. Oggi i nerazzurri giocheranno con la quarta della classe Monterosi mentre l’Oriolo farà visita alla capolista Montefiascone. (Agg. 24/4 ore 18.09 SEGUE)

LE GARE DELLE SQUADRE DEI GIOVANISSIMI IN MAGLIA NERAZZURRA – Fenomenale vittoria dei Giovanissimi Elite di Pasquale Oliviero che hanno rifilato il tris all’ottava forza del girone Campus Eur grazie alla doppietta di bomber Corona e Sannino. Tre punti importanti che, nonostante la condanna ai playout già da due giornate, influiscono per la posizione della graduatoria. Al Tobia parte tutto col piede giusto, è l’ex aquilotto Corona a trafiggere dopo 60’’ Rossi. I locali rispondono con Velocci, ma la saracinesca Fioretti non concede. Nel finire dei primi 35’ arriva il 2-0 con Sannino che, approfittando di uno svarione difensivo con il portiere fuori dai pali, appoggia il pallone in rete. Nella ripresa partono forte nuovamente i nerazzurri che con Corona chiudono definitivamente i conti. Poco dopo, però, il match si accende quando Di Biase di Aprilia concede un netto rigore ai locali; dagli undici metri si presenta Ricasoli, ma il fenomeno Fioretti compie una parata a dir poco fantastica. La Vecchia insiste e cerca il poker, ma Fastella prima e Zagami dopo non centrano lo specchio della porta. Nel finire di tempo Liberati viene espulso ingenuamente e salterà con molto dispiacere per la società la sfida col Rieti. Nel recupero, per il gol della bandiera, ci pensa Bonifacio che trafigge un incolpevole Fioretti. Al termine della gara ai locali di mister Bernardini non resta che pensare all’ultima di campionato con l’Ottavia, mentre per i nerazzurri, che con questi tre punti d’oro si piazzano alla quartultima casella della lista, devono doverosamente vincere a tutti i costi, senza se e senza ma lo scontro direttissimo col Rieti, terzultima forza del girone, per decretare chi giocherà i playout in casa. Unico rammarico l’assenza del fuoriclasse Liberati, ma a compensare c’è l’intera formazione di talenti con un tecnico preparato come Oliviero.
Ottimo riscatto dei Giovanissimi Regionali Fascia B di Andrea Gualtieri che dopo l’inaspettato pareggio col Montefiascone annientano tra le mura amiche l’Ostiantica 4-1. I primi 35’ hanno visto una prima fase di stallo, per poi andare in vantaggio con Feula che, dopo aver sbagliato il rigore, approfitta della respinta del portiere per l’1-0. Trascorrono appena 5’ e dalla sinistra Palma fa partire un cross pennellato per Jacopino Mancini che di sinistro sfonda la porta dell’estremo difensore. Il 3-0 arriva al 28’ grazie al sigillo di Orlandi che ringrazia Luchetti per l’assist. Nella ripresa non cambiano le carte in tavola e i civitavecchiesi chiudono subito il match andando a segno con il talentuosissimo Dario Luchetti, senza dubbio il migliore il campo: il promettente esterno destro classe 2004, che possiede grandi doti e qualità, si sta maggiormente distinguendo in questa stagione per quanto dimostrato finora. «Dario – spiegano dalla società – è un centrocampista di classe. È uno dei nostri migliori talenti che vantiamo e vogliamo tenercelo stretto. Per quanto riguarda le chiamate arrivate da club professionistici siamo contenti, ma stiamo valutando. Per ora continuerà a crescere nella cantera nerazzurra, poi se un giorno meriterà, saremo i primi a spedirlo nei palcoscenici nazionali». Nel finire di tempo i pupilli di Gualtieri sbagliano diverse occasioni e al 5’ di recupero incassano il gol della bandiera da parte del lidense Forani che trafigge un incolpevole De Rosa. Al triplice fischio è 4-1 Vecchia che porta i tirrenici al terzo posto insieme al Campus Eur, agganciato a 46 punti grazie al pareggio maturato col Calcio Tuscia, a -4 dalla Leocon. «Sono contento – spiega il tecnico Gualtieri al termine della gara – della prestazione generale dei miei ragazzi. Peccato per quel pareggio col Montefiascone, avessimo vinto saremo stati sopra al Campus Eur, ma tornare indietro non si può. Tutto si giocherà sabato quando li affronteremo in casa dinanzi ai nostri tifosi. Bisogna continuare ad allenarci e credere al secondo posto finché la matematica non ci condanna. Voglio fare – conclude il mister – un encomio particolare a Bracchi e al portierino del 2005 De Rosa, che ogni volta che viene chiamato in causa risponde prontamente; complimenti ad entrambi». (Agg. 24/4 ore 18.41)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Pyrgi resta in C Silver

Il Pyrgi Basket vince in casa nell’ultima giornata dei playout contro il Rent Max e conquista matematicamente la salvezza. Vittoria di assoluto carattere per i ragazzi del presidente Pierosara che, pur privi del suo leader Taraddei, vincono all’overtime con il risultato di 67 a 55 dopo un tempo supplementare e chiudono in bellezza la stagione davanti al proprio pubblico. (Agg. 23/4 ore 18.22 SEGUE)

LA CRONACA DELLA GARA DEL PYRGI – La squadra di coach Ciprigno, dimostra grandissima serietà, lottando fino all’ultimo, in un match a cui il Pyrgi arrivava già con la salvezza in tasca, grazie alla cancellazione dei playout. Tutt’altra situazione invece per la Roma Eur che doveva assolutamente vincere, per evitare il ritorno in serie D, dopo appena un anno, con i capitolini andati veramente vicinissimi all’impresa di una rimonta in classifica che avrebbe avuto del clamoroso. La formazione di coach Talluto ha infatti condotto per i primi due quarti di gara, salvo poi crollare al supplementare con un parziale di 12 a 0 in favore di Antista e compagni. Il ko, condanna la Roma Eur al ritorno in serie D, nonostante un ultimo mese di campionato da applausi, risveglio tardivo però per i capitolini che se avessero giocato con questo spirito per tutta la stagione, avrebbero certamente potuto ottenere la salvezza. Merito però anche ad un Pyrgi Santa Severa che ha davvero onorato la categoria, con una prestazione di cuore, guadagnando sul campo una salvezza meritatissima. (Agg. 23/4 ore 18.51 SEGUE)

I COMMENTI DEL TECNICO BIANCONERO ANDREA CIPRIGNO E IL TABELLINO DELLA PARTITA – «Ce l’abbiamo – dice coach Ciprigno – fatta con un pizzico di fatica. È stata una vera e propria impresa visto che nel secondo quarto eravamo sotto di dodici. Loro sono partiti meglio e giocato bene fino al secondo quarto. Poi però abbiamo cominciato a difendere di più recuperando bene, dopo aver pareggiato, nel supplementare li abbiamo infilati alla grande senza fargli fare nemmeno un punto». 
Pyrgi Santa Severa: Bernini (2), Mangiola (16), Di Francesco (4), Kulovic (5), Biritognolo, Fois (18), Antista (19), Zizi (n.e.), Feligioni, Cappelletti, Nanu (3), Lotto (n.e). Allenatore: Ciprigno.
Rent Max Roma Eur: Liao (4), Melchiorri (4), G. Barbato (4), Nardulli (6), Costa (15), M. Barbato (4), Pascotto (10), Armezzani (8), Proietti, Di Leo, Liberti (n.e.). Allenatore: Talluto. (Agg. 23/4 ore 19.20)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La Cv Skating vola alle finali nazionali

Si chiude la regular season del campionato femminile e le Snipers Civitavecchia si piazzano quarte: grazie a ciò le civitavecchiesi giocheranno il 12 e 13 maggio, in sede da stabilire, la Final Four per l’assegnazione dello scudetto.
Nell’ultimo appuntamento in casa, disputato l’8 aprile al PalaMercuri, le ragazze di capitan Novelli hanno ottenuto una vittoria contro Vicenza per 5-3 e una sconfitta all’ultimo secondo beffarda contro Buja 4-3.
«L’ultima giornata di campionato – dice la nerazzurra Mara Faravelli – ci ha portato una vittoria e una sconfitta. Entrambe le partite le abbiamo giocate a quattro linee inserendo anche le giocatrici giovanissime del vivaio di Civitavecchia, con cui mi complimento per l’ottima prestazione. Ora dobbiamo solo concentrarci sulle finali. Siamo una squadra in continua crescita e con tanta voglia di vincere perciò credo che ora dobbiamo cercare di eliminare i nostri soliti errori e mettere tutte noi stesse per l’ultimo impegno di questa stagione». (Agg. 18/4 ore 17.41 SEGUE)

L'UNDER 14 CHIUDE LA REGULAR SEASON DA IMBATTUTA E VOLA ALLE FINALI NAZIONALI – La regular season degli Snipers Pizza a Volontà under 14 si chiude a punteggio pieno, con altre due roboanti vittorie: 16-4 contro Bari e 13-1 contro i Castelli Romani. Grazie a questo doppio successo i civitavecchiesi chiudono con dodici vittorie su dodici incontri con addirittura 180 gol fatti e solo 9 subiti. Dall’11 al 13 maggio la squadra sarà impegnata ad Asiago per le finali nazionali giovanili dove si affronteranno le otto migliori squadre d’Italia.
«Per il secondo anno consecutivo – spiega il presidente Riccardo Valentini – la nostra under 14 andrà alle finali nazionali giovanili e questo per noi è un onore. I ragazzi continuano a migliorare e a livello zonale non hanno rivali. Sicuramente la musica cambierà a livello nazionale, ma sarà un’altra bella esperienza che riusciremo a regalare ai nostri atleti, a prescindere dal risultato che otterremo». (Agg. 18/4 ore 18.07 SEGUE)

L'UNDER 16 SI GIOCA GLI SPAREGGI – Ancora soddisfazioni per gli Snipers Pizza a Volontà che conquistano gli spareggi per le finali nazionali under 16 vincendo a Bari contro i pari età pugliesi per 7-3 (2-2 il primo tempo). Dopo un primo tempo combattuto, nella ripresa i civitavecchiesi smaltiscono le fatiche per la lunga trasferta, si adeguano al diverso campo da gioco e prendono il largo.
«Dopo la conquista delle finali nazionali – conclude patron Valentini – in maniera diretta con l’under 14, ora ci qualifichiamo per gli spareggi con l’under 16, segnale dell’ottimo lavoro che la Cv Skating sta svolgendo da anni sul settore giovanile. Ora aspettiamo di conoscere sede e avversarie degli spareggi, nella speranza di conquistare le finali nazionali anche qui».
Il tabellino: G. Nambuletto, Trotta (2), Padovan (1), De Fazi (2), Mandolfo (2), Carannante, Buzzi, R. Nambuletto, Serrano, Galli. (Agg. 18/4 ore 18.39)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La Vecchia brinda a due successi

di MATTEO CECCACCI

Che il Civitavecchia Calcio 1920 abbia brindato con molta felicità le due vittorie del weekend c’è da scommetterci, ma non perché la dirigenza nerazzurra non sia stata contenta, ma perché molto probabilmente speravano nei successi degli Allievi e Giovanissimi Elite in quanto l’obiettivo è la salvezza, a differenza degli Juniores e Giovanissimi fascia B già salvi matematicamente. 
Tredicesimo successo per gli Juniores Elite del tecnico Pino Brandolini che nella calda giornata di sabato tra la mura amiche del Fattori hanno rifilato un tris ai biancoverdi dell’Almas Roma, ma partiamo da quello che è stato il turno infrasettimanale di mercoledì 4 aprile in cui i classe 2000 hanno fatto 3-0 con l’Atletico Torrenova. Senza se e senza ma è stata una gara giocata a senso unico con la bravura dei nerazzurri a sfruttare tutte le occasioni create, ma ancora una volta è obbligatorio fare un vero e proprio encomio a quel ragazzo classe 2002 di nome Tiziano Marini, pupillo di mister Mazza, che può vantare il record di essere il calciatore più giovane ad aver esordito nella categoria Juniores. Un talento che solo il settore giovanile nerazzurro può vantare e chissà se nelle prossime settimane potrà arrivare anche qualche altra soddisfazione; attualmente Marini vanta quattro gol stagionali e un provino col Frosinone oltre a quello in data odierna col Perugia nel campo dell’Atletico 2000. Tornando al match i tre sigilli portano la firma di Indorante (doppietta) e del difensore Lorenzo Feuli, bravo a siglare un gol da vero fuoriclasse. La partita con l’Almas, invece, porta lo stesso risultato, ma con equilibri diversi. Sono i capitolini a partite meglio, ma le conclusioni di Blasi e Gerini terminano entrambe fuori dai pali. La Vecchia reagisce e sigla il gol grazie al promettente Cedeno che porta i suoi al riposo con il risultato di 1-0. Rientrati in campo il Civitavecchia acquisisce ancora più coraggio e determinazione segnando il raddoppio grazie all’autorete di Galli, ringraziato dal pubblico tirrenico. Trascorrono appena 10’ e i nerazzurri chiudono la pratica andando a segno con Indorante (16esima rete stagionale) per il definitivo 3-0. Gli ultimi minuti vedono protagonista la confusione e qualche avvicinamento di troppo, ma Stotani di Viterbo sa gestire e riporta tutti alla calma. Al triplice fischio esultano i civitavecchiesi che, già salvi, si confermano al quinto posto della classifica con 48 punti a +1 dal Campus Eur e a +5 dall’Urbetevere, prossima rivale a Via della Pisana. Per i romani quinta sconfitta di fila e quintultimo posto con 25 punti all’attivo in attesa dello scontro salvezza con il Torrenova. (Agg. 10/4 ore 16.57 SEGUE)

LE FORMAZIONI DEGLI ALLIEVI DEL CIVITAVECCHIA – Brutta e pesante sconfitta in chiave salvezza per gli Allievi Elite di Andrea Rocchetti che domenica sono usciti sconfitti dal Tamagnini 4-0 nella sfida contro l’Accademia Calcio Roma. I primi 45’, terminati a reti inviolate, hanno visto prevalere i ragazzi in maglia nerazzurra che tra la bravura del portiere Mignucci e la poca precisione sotto porta accompagnata da un pizzico di sfortuna non ha fatto meritare il vantaggio locale. Nell’intervallo capitan Loi carica i suoi, li incita a continuare così e a vincere, ma quello che accade nella ripresa ha il sapore di beffa. Al 5’ gli ospiti passano in vantaggio grazie a Frasca, bravo a trafiggere Sanfilippo, poco dopo il direttore di gara espelle Bellumori e da quì, oltre alle diverse proteste, inizia lo show dell’Accademia: il 2-0 è opera di Orchi, subentrato a Carello, e il 3-0 di Lomanto, bravo a sfruttare l’agilità di Rea. I ragazzi di Rocchetti provano a riaprirla, ma l’estremo difensore non si fa ingannare. A 5’ dal termine arriva la condanna definitiva firmata da Gregori, entrato poco prima dalla panchina, per un risultato non veritiero per il Civitavecchia che ha dimostrato al suo pubblico di saper giocare bene e gestire al meglio i contropiedi rivali, ma l’espulsione ha influito moltissimo, soprattutto l’aspetto mentale nel proseguio del match. La sconfitta, dunque, porta il club di Largo Martiti di Via Fani al quartultimo posto con 28 punti all’attivo a -1 dall’Ottavia e a -3 dall’Aurelio Fiamme Azzurre, reduce dal 4-0 subito dal Grifone Monteverde e prossima rivale al Don Calabria, per un altro scontro diretto che la Vecchia deve obbligatoriamente vincere se vuole evitare i playout, contando oltretutto che quattordici giorni dopo ci sarà la Vigor Perconti in casa, vincitrice assoluta della regular season. Per l’Accademia e la felicità di mister Contaldo tre punti d’oro che sanciscono una salvezza ottenuta con tre giornate di anticipo.

Poker e sconfitta amara per gli Allievi regionali fascia B del tecnico Marco Mazza che ottengono un finale bugiardo rispetto a quanto fatto vedere in campo.
I nerazzurri, pur non disputando una gara di grande livello, hanno mostrato evidente superiorità nei confronti degli avversari, i quali, tuttavia, hanno messo in campo quel carattere e quella determinazione utile per sopperire alla tecnica degli ospiti. Nel primo tempo il Civitavecchia spreca molto, in particolare tre nitide occasioni, ma come vuole la regola del calcio gol sbagliato, gol subito la Vecchia va in svantaggio grazie al sigillo di Camerata al 25’. Nella ripresa il ritmo non cambia, ma ad avere la meglio sono gli ospiti che ristabiliscono gli equilibri grazie al solito Di Domenico: quest’ultimo, insieme a Gandolfi, in data odierna saranno anche loro protagonisti nel campo dell’Atletico 2000 per svolgere lo stage con il Perugia. In seguito del segno ics, si susseguono altre occasioni da rete tra cui un palo colpito e alcune parate del portiere avversario, ma su azione di contropiede i rivali non perdonano e realizzano un tris fulmineo nell’arco di 20’. Tre reti che annichiliscono del tutto i classe 2002, tanto da non riuscire più a produrre gioco. Al termine della partita esultano i lidensi che con i tre punti ottenuti si portano al quinto posto della classifica con 30 punti all’attivo raggiungendo proprio il Civitavecchia e il Vis Aurelia. I nerazzurri, che già hanno ottenuto con certezza il mantenimento della categoria, affronteranno sabato prossimo tra le mura amiche il quartultimo della classe Palocco con l’obiettivo di vincere e di raggiungere i primi posti della classifica nelle sette partite rimaste. Un sogno che si può avverare, anche perché sono solamente 9 i punti che raccolgono le prime sette squadre, e poi, sognare non costa nulla. (Agg. 10/4 ore 17.32 SEGUE)

I TEAM DEI GIOVANISSIMI NERAZZURRI – Salvezza sempre più lontana per i Giovanissimi Elite di Pasquale Oliviero che pareggiano 1-1 la sfida con l’Accademia Calcio Roma già salva. Se la grande vittoria con la Romulea (3-0) aveva animato di buone intenzioni la dirigenza nerazzurra, nell’ultima sfida non è stato affatto così. I primi 35’ hanno visto gli ospiti prevalere sul campo di Via di Settebagni segnando il vantaggio con Sannino da un calcio di punizione guadagnato dallo stesso. Passano appena 6’ e De Martino commette un ingenuo fallo con cartellino giallo al seguito ai danni di Caldarelli che De Nardo realizza spazzando del tutto Fioretti. Nella ripresa entrambe le compagini provano a spingere, ma le retroguardie riescono a gestire i vari contropiedi. A 15’ dal termine gli ospiti colpiscono la traversa con Corona e i locali sbagliano un’occasione a tu per tu con l’estremo difensore Fioretti bravo a respingere in angolo. Al triplice fischio dell’arbitro Oliviero e Treni non possono che spartirsi un punto a testa che conferma i neroblu sempre più tranquilli in classifica e il Civitavecchia a pari punti (19) con il Rieti al penultimo posto. Si complica, dunque, sempre di più la situazione per i tirrenici a tre giornate dal campionato con la graduatoria che parla chiaro: il Real Tuscolano è matematicamente retrocesso e le quattro squadre indirizzate ai playout sono raccolte in soli tre punti, ma la Vecchia le ha già affrontate tutte, tranne il Rieti che sarà ospite domenica 29 aprile al Tamagnini. Per ora c’è da pensare alla complicatissima sfida interna col Grifone Monteverde dell’ottimo tecnico Campagna in cui i nerazzurri dovranno compiere una vera e propria impresa se i classe 2003 vogliono evitare il peggio.

Vittoria casalinga per i Giovanissimi regionali fascia B di Andrea Gualtieri che battono 3-0 i diretti rivali del Virtus Bracciano. La gara sembra essere il replay dell’andata, come il risultato nei primi 35’ che è terminato a reti inviolate. Sono gli ospiti a prevalere, ma i nerazzurri sono bravi a contenerli e a  reagire con i soliti centravanti senza centrare però lo specchio della porta. Nella ripresa la Vecchia entra con un altro spirito e carattere e va a segno dopo 10’ grazie a Jacopino Mancini, bravo a sfruttare l’ottima azione dei compagni. La rete da carica e sprona alla grande, tanto da raddoppiare appena dopo 2’ grazie al sigillo del buon Tizi Crepaccioli. Il Virtus Bracciano prova a reagire, ma non concretizza le varie occasioni create. Il definitivo 3-0 è opera di Martini in una bella azione corale. Al triplice fischio del direttore di gara esultano i classe 2004 che dopo l’amaro secondo posto al torneo di Cesenatico ottengono una vittoria che mancava da oltre due settimane dopo le pesanti sconfitte con le dirette concorrenti Honey e Leocon. Attualmente il Virtus Bracciano con questa sconfitta scende al quarto posto della classifica a – 9 dal Civitavecchia che, approfittando dell’inaspettate sconfitte del Campus Eur e Leocon accorciano a – 2 il distacco dal secondo posto, obiettivo primario della squadra. «Sono contento – spiega il mister a fine gara – della prestazione generale, anche se nelle ultime gare stiamo lasciando sempre un tempo agli avversari e questo non deve accadere perché è una pecca che paghi, sopratutto negli scontri diretti ed è quello che poi è capitato a noi. Ora abbiamo la trasferta col Montefiascone e bisogna riscattarci del pareggio dell’andata per inseguire il nostro obiettivo che ora dista solo due punti, bisogna crederci fino all’ultimo pallone, non bisogna mollare mai». (Agg. 10/4 ore 17.54)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Dlf, continua la marcia degli Allievi provinciali

È stato un weekend in chiaro scuro per le formazioni care al sodalizio di via Baccelli. Solo gli Allievi 2002 mantengono il passo dei tre punti. Buon pari, che muove la classifica, per i Giovanissimi Regionali 2004. Bruttissima figura e brutta prestazione per i Giovanissimi Regionali 2003 sul campo della rivale G. Castello. Sconfitti i Giovanissimi sperimentali 2005 dalla capolista Aurelio.
Non sbagliano un colpo gli Allievi provinciali Fascia B 2002 di mister Di Pietro, il successo nel derby contro la Leocon per 6 a 0 permette ai dielleffini di mantenere invariato il distacco dalla diretta inseguitrice Ostiantica vincente sull’Aranova. Entrati in campo con la concentrazione giusta, l’undici biancoverde non ha consentito alla Leocon di entrare mai in partita, tanto che l’estremo difensore Unali non è stato quasi mai chiamato in causa. Pronti via e al 4’ minuto DLF già in vantaggio con Della Ragione che dai venti metri lascia partire un bolide che rimbalza per due volte sotto la traversa prima di superare la linea bianca. Il DLF chiude gli ospiti nella propria metà campo ma non trovano il guizzo giusto per realizzare il raddoppio. La Leocon tenta qualche sortita nella metà biancoverde ma viene subito neutralizzata da un centrocampo compatto e da una difesa attenta. Il raddoppio è questione di tempo e arriva al 38’ con Capretti che viene agevolato da una deviazione involontaria del numero 10 Valle.
I biancoverdi chiudono virtualmente la gara già nella prima frazione di gioco, per poi dilagare nella ripresa.
Al 2’ minuto la terza rete è realizzata su calcio di punizione da Stefanini che dalla sinistra, in posizione molto defilata e a pochi metri dalla linea di fondo, calibra un tiro a giro che si spegne sotto l’incrocio del secondo palo, dove l’estremo difensore bianconero non può arrivarci. Al 20’ l’unico acuto della Leocon con Olivetti che su punizione impegna Unali. La quarta rete ad opera di Marini, arriva dagli sviluppi di un corner e susseguente assist di tacco di Brizi, l’ariete biancoverde incorna e supera con un pallonetto il portiere ospite. Al 24’ l’occasionissima scorre sull’asse Marini-Zerilli, quest’ultimo supera anche il portiere ma la posizione defilata non gli permette di inquadrare la porta e manda a lato. L’appuntamento al gol per Zerilli è solo rimandato, sei minuti più tardi è ancora Marini ad inventare per Zerilli, che stavolta non sbaglia. Al 34’ il palo nega la doppietta a Stefanini. A chiusura gara c’è anche gloria anche per Buono che realizza di testa su cross di Crescentini.
Molto soddisfatto Mister Di Pietro che elogia i suoi soprattutto per essere sempre rimasti in partita nonostante i ritmi bassi. La chiave di questo ennesimo successo? Serietà, spirito di sacrificio e compattezza del gruppo.
Dlf Civitavecchia: Unali, Lupoli, Della Ragione, D’angelo, Marongiu, Buono, Zerilli, Peveri, Marini, Stefanini, Capretti, Crescentini, Brizi, Tenan Cirotto. Allenatore: Massimo Di Pietro.
Dopo quattro risultati positivi, arriva una pesante e cocente sconfitta per i Giovanissimi regionali 2003 guidata da Andrea Midei. Brutta sconfitta per 5-0 sul campo di un ottimo G. Castello, aiutato dalla pessima prestazione dei dielleffini, che fa suo il match già nel primo tempo dominando i biancoverdi sotto ogni punto di vista. Approccio alla gara disastroso, mancanza di concentrazione, errori elementari e disattenzioni, sono stati un mix micidiale che hanno portato ad una inqualificabile sconfitta. Biancoverdi che non scendono letteralmente in campo e dopo un minuto sono già sotto di una rete. Con il passare dei minuti aumenta anche il passivo chiudendo la prima frazione sotto di quattro reti.
Nel secondo tempo si è vista una debole reazione da parte dielleffina che non ha però approfittato di alcune occasioni per rendere meno pesante e umiliante il passivo, anzi il Castello realizzerà la quinta e definitiva rete.
Adesso bisogna accantonare immediatamente questo brutto stop e preparare al meglio l’importantissima gara di recupero che si disputerà mercoledì allo Sbardella contro il Tanas. Il momento è difficile, ma è importante non mollare proprio adesso. Bisogna fare quadrato e credere tutti in quello che si sta facendo.
Le prestazioni, fino la settimana scorse erano superbe, anche al cospetto di formazioni che si stanno giocando il secondo posto ed è proprio con questa consapevolezza che si deve scendere in campo contro il Tanas per portare a casa un risultato positivo.
Dlf Civitavecchia: Ferrilli, Tersigni, Midei, Coppari, Di Stefano, Scirocchi, Napolitano, Tamasi, Bencini, Romitelli, Moretti, Gagliardi, Di Giorgio, Baroncini, Carannante, Chessa. Allenatore: Andrea Midei.
Davanti ad un folto pubblico i Giovanissimi regionali Fascia B 2004, guidati da Fabio Secondino, confermano di attraversare un buon momento sfoderano una prestazione suntuosa dove è mancato solamente il gol. Nella diciannovesima giornata del campionato regionale Fascia B i biancoverdi impattano a reti inviolate contro i viterbesi dell’Etruria, in una gara ben giocata sia tecnicamente che tatticamente, con un pressing a tutto campo condito da una sana dose di autostima che ha permesso hai biancoverdi di portare a casa un risultato positivo. Il risultato finale di 0 a 0 è però la fotografia di una gara povera di forti emozioni, con le uniche vere occasioni da rete di marca dielleffina. 
Nel primo tempo le due formazioni si sono fronteggiate a viso aperto con l’Etruria che al 15’ impegnava a terra Notari. Per i biancoverdi solo tanto possesso palla a centrocampo e con qualche incursione sventata senza problemi dalla difesa ospite. Si va al riposo con un nulla di fatto.
Nella ripresa la gara s’infiamma subito con la palla gol capitata sui piedi di Elisei che sprega l’occasione del possibile vantaggio sparando su Belli in disperata uscita. L’occasione mancata scuote i biancoverdi che si fanno ora più pericolosi, ma l’occasione buona capita invece all’Etruria che rischia veramente di realizzare il vantaggio se sulla riga un provvidenziale Velardo non rinvia a portiere ormai battuto. Quattro minuti più tardi è Dlf che ha l’occasione buona. Dalla destra Elisei mette in mezzo per l’accorrente Forte che di destro calcia di prima battuta ma la palla si spegne a lato. I biancoverdi credono nella rete del vantaggio che li collocherebbe in una posizione di classifica ottimale, ma il fortino viterbese tiene e nulla più valgono gli ultimi abbordaggi ad una solida difesa.
Insomma un punto che muove la classifica, ma soprattutto mantiene alta la fiducia e la serenità nell’ambiente biancoverde, fattore necessario per perseguire l’obiettivo primario, “la salvezza”.
Di più non potevamo fare – commenta Fabio Secondino – non posso rimproverare nulla ai ragazzi, magari con un po’ più di brillantezza in avanti avremmo potuto fare qualcosa di meglio. Ma va bene così. Queste partite nel girone di andate le abbiamo anche perse. Ora è diverso.
Dlf Civitavecchia: Notari, Carannante, Bergantini, Giustiniani, Di Giorgio, Baroncini, Shabanaj, Elisei, Forte, Chessa, Velardo, Di Stefano, Leone, Del Rio, Baracco, Di Gennaro, De Gianni. Allenatore:. Fabio Secondino.
Era una partita il cui pronostico era probabilmente scontato per i dielleffini, di scena in casa della capolista Aurelio, ma i Giovanissimi provinciali Fascia B 2004/05 di mister Pino Grosselli, hanno fatto in modo che i padroni di casa sudassero le fatidiche sette camicie per conquistare i tre punti: 5-2 il risultato finale che non rende giustizia alla buona prova dei dielleffini. I biancoverdi venivano dalla bella prestazione casalinga del turno scorso, quando avevano battuto il Real Aurelio, e questa gara, seppur contro una squadra dai valori tecnici completamente differenti, doveva essere il battesimo del fuoco. Dopo il doppio vantaggio dei padroni di casa, autorevole reazione dei biancoverdi che raggiungono il pari, prima del riposo, con la doppietta di Mura. Nella ripresa doppia occasione ancora per Mura per portare avanti i biancoverdi, poi sale in cattedra la capolista e realizza altre tre reti. «È stata una gara giocata veramente bene dai miei ragazzi – commenta il tecnico – che è stata decisa solo nei minuti finali, e dopo che noi avevamo sbagliato con una doppia occasione, il 2-3, abbiamo subito la veemente reazione dell’Aurelio. Sono soddisfatto per la reazione che ho visto nel primo tempo, giocare con squadre così attrezzate non è facile».
Dlf Civitavecchia: Orchi, De Gianni, Leone, Di Gennaro Baracco, Di Stefano, Del Rio, Vargiolu, Mura, Velardo, Carannante, Giustiniani, Shabanaj. Allenatore: Giuseppe Grosselli.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Vis Nova conquista il ''Calcaterra Challenge''

Lo scorso fine settimana al PalaGalli di Civitavecchia è stato il Vis Nova a fare la voce grossa e conquistare la quarta edizione del ‘‘Calcaterra Challenge’’, entrando così nell’albo d’oro per la seconda volta e uguagliando il Posillipo. (Agg. 03/04 ore 16.28 SEGUE)

LA CRONCA DELLA FINALISSIMA E I VINCITORI DEI TROFEI INDIVIDUALI – Troppo facile per i ragazzi di Rufelli, che già nel primo tempo ipotecano la finale contro il Quinto con un netto 6 a 0. Nel secondo tempo i ragazzi di Bittarello provano a contrastare i romani, ma la differenza è troppa. Il muro difensivo è impenetrabile, mentre in attacco il Vis Nova è una macchina perfetta; altri 3 reti e parziale che a metà gara è 9 a 0. Terzo tempo a reti inviolate, in cui il Vis nova tira un po’ il freno. Nel quarto tempo il Vis Nova trova in apertura la rete del 10 a 0 con la cinquina di Giuliano, mentre il Quinto riesce a rompere l’imbattibilità romana che durava da quasi 90 minuti. C’è tempo per l’ultimo gol su tiro di rigore per i romani a 5’’ che  chiudono la finale sull’11 a 1. Il trofeo miglior giocatore ‘‘Daniele Rossi’’ per il secondo anno consecutivo se lo aggiudica Luca Provenziani (Roma Vis Nova). Miglior portiere a Simone Carletti dell’Aquademia e miglior centroboa exequo tra Ferdinando Giuliano (Roma Vis Nova) e Ugo Bellantoni (Roma Vis Nova). (Agg. 03/04 ore 17.02 SEGUE)

IL RISULTATO DELLA FINALINA E GLI ALTRI PIAZZAMENTI – La finale per il 3° e 4° posto va al Salerno dopo un partita combatutissima contro il Bogliasco Bene decisa dal numero 2 De Dominicis con la sua doppietta. Punteggio calcistico per questa finale, una delle più equilibrate degli ultimi anni. Il 5° posto se lo aggiudica l’Aquademia che batte la Roma Waterpolo. Partita combatutissima con le difese più forti degli attacchi. La squadra di Velletri è più brava a sfruttare le occasioni create e a portarsi sul 3-1. Ad 1’ dalla fine la Roma la riapre e si porta sul 3-2. Non basta l’assalto finale. La difesa dell’Aquademia tiene ed è 5° posto in bacheca. La finale per il 7° e l’8° posto se la aggiudica il Padova, che batte di misura il San Mauro per 7-6. Decisivo Biasutti per i veneti che permette con il suo poker di andare via e contenere il ritorno dei campani. Nel girone Atlanta grande equilibrio con molti pareggi, risultati con pochi gol di scarto e classifica finale con molte squadre raccolte in un fazzoletto di punti. Vince il girone il Torino 81, inseguito dalla Pro Recco e Waterpolo Bari. Tre squadre a pari punti, Sliema, Nc Monza e Perugia. Chiudono Swim Accademy Pagani e Aqavion. Nel girone Atene 1, vittoria per Onda Blu, poi Sturla, Nuoto Flores e Civitavecchia. Girone Atene 2 vinto dall’Aquatica Torino, Azzurra Prato, San Mauro jr e Rn Florentia. Il Girone Atene 3 va alla Cc Napoli poi Olimpia Colle, Sori e Payton Bari. Ultimo girone, Atene 4, vinto dalla Cc Napoli jr inseguito da Pescara Centumcellae e Wp Palermo. (Agg. 03/04 ore 17.30)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cpc: sorride di gusto la Juniores

Una Juniores ridotta ai minimi termini batte 2-0 a domicilio l’Aurelio Fiamme Azzurre, nel match valevole per la 22^ giornata del campionato, e ritorna a respirare. I quattordici in lista hanno avuto il piacere di riportare la Cpc2005 fuori dalla zona playout, dopo una partita gagliarda e ben giocata in tutti gli elementi. Spicca la personalità di Desini che tra i pali ha finalmente dimostrato il suo valore, di Lava capace di respingere sulla riga un gol già fatto, quelle di Palmieri e Mastropietro, autori dei gol che valgono la vittoria e di Nocchia, stavolta in versione di assist man. La classifica ora vede a due punti dai portuali lo stesso Fiamme Azzurre, per loro sestultima posizione con ventisei punti, a 4 lunghezze dai portuali il Vetralla e a cinque l’Accademia Sporting Roma. In terzultima posizione e a sei punti  dalla Cpc2005 c’è momentaneamente l’Astrea, mentre chiudono la classifica il Tolfa, penultimo al momento con 20 punti e il fanalino di coda la Corneto a soli 17 punti. La salvezza passerà essenzialmente per gli scontri diretti con Tolfa e Corneto, in un girone che ancora può dire molto. La cronaca parla di una Cpc2005 già vicina al gol dopo due minuti, con De Carli che a due metri dalla porta si mangia un gol già fatto. Intorno al quarto d’ora un’occasione per i locali con Gullo, che in mischia manda fuori. Un minuto dopo azione per palati fini degli spettatori: Lanari, sugli sviluppi di un corner, serve De Carli con un delizioso tacco al volo, ma il giocatore portuale tira fuori. Al 25’ è Memmoli ad avere la palla del vantaggio dopo un errore dell’estremo difensore dell’Aurelio, col giocatore portuale che non riesce a tramutarla in rete l’occasione. Due minuti dopo la Cpc2005 passa in vantaggio, cross di Nocchia e Palmieri insacca la sfera del meritato vantaggio. Ora c’è solo la Cpc2005 in campo che capitalizza poco il possesso palla e, fino al fischio di fine primo tempo, non crea null’altro di pericoloso. Per i locali invece al 40’ è Di Biagio a far compiere a Desini il primo intervento della gara. La Cpc2005 comincia la ripresa come l’aveva terminata, possesso palla e occasioni da rete. Al 6’ è De Carli a tirare fuori dopo l’assist di Memmoli, direttamente da calcio di punizione. Tre minuti dopo Lanari da fuori area fa compiere un vero e proprio miracolo a Mucciarelli, abile a respingere la sfera; che, tra l’altro, era stata deviata da un compagno di squadra. Al 12’ la Cpc2005 raddoppia ancora con Nocchia a dare il via all’azione: il giocatore serve una palla d’oro a Mastropietro che insacca il definitivo due a zero. L’Aurelio esce fuori e tenta di segnare il gol che rimetterebbe in discussione la gara. Al 20’ Lava salva sulla riga il tiro scagliato a botta sicura da Gullo. Cinque minuti dopo staffilata su punizione di Palmarini che Desini devia, compiendo un mezzo miracolo, però la sfera rimane lì e ancora Desini si oppone a Indulgente, che nell’occasione aveva tirato a botta sicura. Ora la gara è in mano all’Aurelio Fiamme Azzurre che al 29’ va ancora vicina al gol, punizione dubbia concessa al limite dell’area e Conforzi fa compiere un altro miracolo a Desini. Finiscono praticamente qui le emozioni della gara. Ora dopo la sosta c’è il Pescatori Ostia a minare i sogni salvezza dei portuali.
In campo per la Cpc2005: Desini, Mastropietro, Lava, Capretti, Catarinacci, He, Memmoli, Nocchia, De Carli, Lanari, Palmieri. A disposizione: Serpente, Visciola, Totu. Allenatore: E. Gallina. (Agg. 27/03 ore 17.11 SEGUE)

LA GARA DEGLI ALLIEVI DELLA CPC2005 – Si fermano a due le vittorie consecutive degli Allievi della Cpc2005 che, nel match valevole per la 22^ giornata della stagione, sono costretti a cedere gli onori delle armi con il risultato di 5-1 allo Sporting Tanas; quarta forza del torneo. In un campionato dove il divario tra le prime del girone e le altre sembra insormontabile, diciamo che regge bene l’urto non capitolando come per esempio accaduto col Montespaccato. Lo Sporting passa dopo appena un minuto con  Fecchi, ma la Cpc2005 c’è e con Del Gaudio per due volte va vicinissima al pareggio. Lo Sporting tira la volata e in due minuti annichilisce le speranze dei portuali, quando prima al 6’ Dridi raddoppia e due minuti dopo con Di Leva che segna la terza rete. Tutto fa supporre all’ennesima goleada ma così non è. La Cpc2005 regge bene sul rettangolo di gioco e al 37’ ha la palla per ridurre lo svantaggio con Visciola, ma il rigore calciato non s’insacca alle spalle di Chiarucci. Ripresa sulla falsa riga della prima frazione, con la gara combattuta, ma col parziale che pende dalla parte dei locali. Lo Sporting passa ancora due volte con Fecchi e Dridi, 15’ e 30’, ma la Cpc2005 sempre in gioco riesce quasi allo scadere, col rigore trasformato da Maccarini, a rendere il parziale meno pesante.
In campo per la Cpc2005: Di Marco, Maccarini, Vanzetti, Zacchei, De Amicis, Rovai, Matricardi, Del Gaudio, Visciola, Cagnetta, Pantano. A disposizione­: Paolucci, Gallina, Stefanini, De Santis, Poveromo, Curis. Allenatore: F. Da Lozzo. (Agg. 27/03 ore 17.43 SEGUE)

PAREGGIO SENZA RETI PER I GIOVANISSIMI DELLA ROJA – Finisce nel più classico zero a zero tra i Giovanissimi della Cpc2005 e i pari età dell’Empire Sport Academy. Gara dettata dalla splendida giornata e dalle occasioni vanificate all’ultimo istante dal giovane portiere ospite. Non era iniziata così bene la gara per  i portuali, coi ragazzi di mister Smeraglia troppo raccolti all’indietro e i romani a dettare le trame e gioco. Dura poco l’assalto visto che la Cpc2005, col passare dei minuti, prende metri di campo; costringendo gli avversari a sporadici contropiedi. Se ne conteranno almeno cinque o sei di palle gol, ma nessuna così clamorosa per i rossi portuali. Finisce con un pareggio senza reti al fischio finale in una categoria, dove va sottolineato, la classifica serve a poco; ma nella quale l’obiettivo è creare un gruppo solido per il futuro. E di buone realtà col apssar del tempo se ne iniziano a intravedere. (Agg. 27/03 ore 18.12)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Vecchia, gli Juniores raggiungono la salvezza

di MATTEO CECCACCI

Felicità e tristezza. Due sostantivi contrapposti dal significato contrario, ma sono le parole che vanno a commentare il fine settimana nerazzurro. Di certo un periodo assolutamente negativo per il club di Largo Martiri di Via Fani, perché dopo l’addio del direttore sportivo dell’agonistica Mauro Magi, la società che ne ha risentito moltissimo, non riesce più ad andare avanti, come le squadre di Rocchetti e di Oliviero. I classe 2001 stanno con un piede nella zona playout e l’altro nella salvezza, saranno dunque decisivi i prossimi cinque turni. Discorso opposto invece per i classe 2003 che devono salutare anticipatamente di un mese la categoria elite tanto ambita e guadagnata, ma che purtroppo ha portato solo sconfitte, amarezze e delusioni. 
Unica nota felice è la salvezza matematica degli Juniores Elite, raggiunta nella giornata di sabato a via Bandiera che ha visto i nerazzurri imporsi 3-1 ai danni del Vis Aurelia. I tirrenici possono così esultare il mantenimento della categoria anche nella prossima stagione. La gara, giocata con una bella cornice di pubblico, ha visto i primi 45’ equilibrati, ma fino al 30’ quando De Luca spiazza Paniccia di destro. Il vantaggio ospite però dura ben poco, perché nel finire di tempo a mandare le squadre negli spogliatoi in parità è il tarquiniese Matteo Forieri che di destro dai venticinque metri fa partire un bolide che il portiere romano può solo guardare:  per il classe 2000 è la prima rete stagionale. «Segnare questo goal – spiega il centrocampista – è una soddisfazione immensa. Lo aspettavo da tempo, ma ciò che conta veramente è aver raggiunto la salvezza con largo anticipo». Nella ripresa la Vecchia parte forte e al quarto d’ora di gioco a segnare il 2-1 è Kevin Rasi, bravo a beffare Strappetti in uscita. Il Vis Aurelia reagisce e ci prova con Giannini, ma la sua conclusione non c’entra lo specchio della porta. I nerazzurri continuano ad attaccare e chiudono la gara a 3’ dalla fine con il capocannoniere Edo Indorante al suo tredicesimo sigillo stagionale. Al triplice fischio di El Degwy di Roma 2 il Civitavecchia può così vantare la sua undicesima vittoria e festeggiare la salvezza matematica che gli regala il mantenimento della categoria elite anche nella prossima stagione. Attualmente i tirrenici navigano al sesto posto della classifica con 41 punti, mentre i capitolini del Vis Aurelia devono ormai arrendersi, in quanto stazionano al penultimo posto della graduatoria con 15 punti all’attivo che li condanna a una retrocessione diretta. Grande euforia dunque nel post gara per i nerazzurri che con tanto di dolci e brindisi si sono dati alla pazza gioia, anche se con un pizzico di amarezza, perché c’è la consapevolezza del fatto che quest’anno si poteva tranquillamente puntare ai playoff e alle finali, in quanto il team ha fermato per ben due volte la capolista Tor di Quinto e ottenuto buoni risultati con le prime della classe. Una salvezza che era certa fin dall’inizio visto la valenza e il valore della rosa, ma i classe 2000 con il loro tecnico sono partiti con questo obiettivo e ora che l’hanno raggiunto non possono che essere felici. «È stato un campionato soddisfacente – spiega Forieri – dove abbiamo tenuto testa alle prime della classe nei scontri diretti, ma perso troppi punti nelle partite più abbordabili. Per quanto visto in campo non abbiamo nulla da invidiare alle prime della classe, anzi, con una maggiore costanza di rendimento avremmo potuto lottare ampiamente per i playoff. La mia esperienza in questo campionato elite dopo anni di settore provinciale tra Tarquinia e Montalto – conclude il classe 2000 – è stata bellissima e continua ad esserlo. Il merito principale è del gruppo che vanta compagni eccezionali che mi hanno subito messo in condizione di dare il massimo per aiutare la squadra, ma anche del mister che non mi ha mai fatto mancare la fiducia. Attualmente non ho un obiettivo prefissato per il prossimo anno, per ora punto a finire questo campionato nel migliore dei modi, poi si vedrà». (Agg. 20/03 ore 18.31 SEGUE)

I TEAM DEGLI ALLIEVI DEL CIVITAVECCHIA – Sconfitta pesantissima per gli Allievi Elite di mister Rocchetti che cedono 3-1 tra le mura amiche del Tamagnini coi rivali del Tor Sapienza. Una delusione inaspettata per i tifosi tirrenici che si aspettavano una vittoria in quanto l’imperativo era ottenere i tre punti per evitare la zona playout, ma le troppe assenze continuative hanno pesato e inciso, come l’assenza di Mercuri ancora febbricitante. Da segnalare il rientro in campo di Caravani dopo aver scontato la squalifica di un mese, subentrato a Vienna nella ripresa. Il match nei primi 40’ ha visto l’autorete del gialloverdi causata dalla deviazione di Pungitore dovuta al calcio di punizione battuto da Sansolini. Vantaggio locale che è durato fino alla fine del primo tempo. Nella ripresa la Vecchia parte con diversi cambi effettuati dal tecnico, ma nulla servono, perché nell’arco di 10’ gli ospiti ribaltano il risultato grazia a bomber Palone. Come se non bastasse i nerazzurri non reagiscono ne prendono coraggio, e gli ospiti ne approfittano poco dopo chiudendo il match firmando il definitivo 3-1 grazie al capocannoniere Miglio. Al termine della gara esulta il Tor Sapienza che si conferma all’ottavo posto con 37 punti all’attivo in attesa del Certosa, mentre il Civitavecchia mercoledì partirà alla volta del fanalino di coda Guidonia per ottenere a tutti i costi i tre punti. Un’eventuale sconfitta o segno ics significherà playout diretti, in quanto i nerazzurri si trovano al quartultimo posto della graduatoria con 25 punti a -3 dell’Aurelio Fiamme Azzurre ancora da affrontare e a +1 dalla Totti Soccer School. Ancora aperte dunque le speranze dei tirrenici che d’ora in poi dovranno dare il meglio di se stessi. Strepitosa vittoria per gli Allievi regionali fascia B di Marco Mazza che continuano il loro meraviglioso cammino. Sabato i classe 2002 hanno vinto 2-1 con la terza della classe Fiumicino di mister Sbarigia. Successo nerazzurro che va attribuito al talentuoso difensore Tiziano Marini: ex Ladispoli con una grande tecnica e fiuto del gol, reduce dal provino col Frosinone, sua la doppietta realizzata sabato che ha permesso ai suoi compagni di vincere il match e di portarsi al quinto posto della classifica con 27 punti all’attivo. Il primo tempo ha visto il gol degli ospiti con Olivi, bravo a trafiggere Formisano. Il pareggio lo realizza Marini nel finire di tempo da calcio d’angolo grazie all’assist di Pietrobattista. Poco dopo gli aeroportuali hanno l’occasione di portarsi nuovamente in vantaggio, ma Meola colpisce la traversa. Nella ripresa il pari dura fino all’80’, quando in pieno recupero sempre Marini si fionda sulla respinta del portiere e appoggia il pallone alle spalle del numero uno: è gioia nerazzurra sia sugli spalti che sulla tribuna. La rete però, desta sin troppi dubbi che causano alcuni minuti concitati, in quanto gli ospiti recriminano una posizione di offside, ma non per l’arbitro e allora la Vecchia può alzare le braccia al cielo. «Sono molto felice – commenta l’autore della doppietta Tizi Marini – per la mia prestazione, soprattutto perché sono un difensore ed è difficile segnare. Questi due gol sono importanti oltre che per me anche per la squadra, per riuscire ad arrivare al secondo posto. La stagione finora è stata caratterizzata da alti e bassi dove siamo stati molto sfortunati e a volte ingenui. Tutto questo è un’esperienza fantastica e sta continuando ad esserlo. È un gruppo stupendo con uno staff magnifico dove mi hanno accolto con affetto e mi hanno dato consigli nel momento del bisogno. Voglio fare i complimenti ai miei compagni che non si sono mai arresi. Raggiungere le finali e i piani alti della classifica è ancora possibile, noi daremo tutto fino all’ultimo minuto per questi colori. Sul mio futuro – conclude l’ex Ladispoli – non mi espongo molto. Non nego il fatto che mi piacerebbe entrare al più presto nel mondo del professionismo per inseguire il mio sogno, ma attualmente mi limito a finire questa stagione e dare il massimo fino alla fine». (Agg. 20/03 ore 18.53 SEGUE)

LE SQUADRE DEI GIOVANISSIMI NERAZZURRI – Campionato dal finale triste per i Giovanissimi Elite di Pasquale Oliviero che retrocedono con cinque giornate di anticipo dopo la sconfitta all’Anco Marzio per 1-0 con l’Ostiamare di Cabriolu. 3-3 fu il risultato dell’andata con ancora Supino in panchina, ma il ritorno ha visto, oltre pochi gol anche molto equilibrio tra le due compagini. Nonostante la pioggia, i primi 35’ hanno visto grandi capovolgimenti su entrambi i fronti, ma nessuno riesce a gonfiare le porte difese da Dutto e Fioretti: quest’ultimo è reduce da un provino col Perugia, inutile sottolineare per l’ennesima volta la bravura e la pregiata qualità che il portiere nerazzurro possiede, ma di certo una cosa è sicura ovvero un eventuale addio di Fioretti nel mondo del professionismo sarebbe davvero una grande perdita per il settore giovanile nerazzurro. La saracinesca Fioretti nel match con l’Ostiamare è stato autore di numerose parate, in particolare sul bomber biancoviola D’agostino. Nella ripresa continua il buon pressing, ma ad avere la meglio sono i locali che con Di Branco dopo 3’ segnano l’1-0. La Vecchia non ci sta e reagisce con un’occasione dietro l’altra: Corona, De Martino e Liberati sono i protagonisti delle azioni da gol più promettenti, ma la retroguardia locale riesce a gestire. Al triplice fischio è 1-0 Ostiamare che esulta così il diciottesimo successo stagionale vantando un secondo posto in compagnia del Savio a 60 punti a -9 dalla capolista Urbetevere, vincitrice del campionato. Per i nerazzurri tanto rammarico, ma c’è la consapevolezza di essere usciti dal campo a testa alta. Per i tirrenici una retrocessione che pesa moltissimo, ma nulla toglie che d’ora in poi il gruppo dovrà continuare a giocare nel migliore dei modi quest’ultimo rush finale. Un penultimo posto con soli 15 punti e tre vittorie ottenute in venticinque match disputati: un resoconto amaro e veramente ingiusto se si pensa ai grandi nomi di spessore che la rosa vanta, ma cos’è che non è andato nel verso giusto in questa squadra?. Questo è il quesito che in molti si chiedono, ma che in tanti non sanno darsi una riposta.
Sconfitta amara per i Giovanissimi regionali fascia B di Gualtieri che nello scontro diretto cedono di misura con la capolista Honey che sale a 46 punti a +6 dai nerazzurri che vengono scavalcati da Campus Eur e Leocon, prossima rivale sabato prossimo al Di Ianne in un match tutto da gustare che prospetta grandissime emozioni. I gialloneri sono padroni del campo e sin dai primi minuti sfiorano il gol, prima con Valentini e dopo con Ipceski. Il vantaggio locale arriva al 25’ grazie al bel tiro di Regini che spiazza Senserini. I nerazzurri, in un campo di terra che ha svantaggiato i classe 2004, si sono fatti vivi nel finire di tempo con Cavedal e Orlandi, ma entrambe le conclusioni vengono parate da Donati. Al rientro dagli spogliatoi l’Honey cerca il raddoppio, ma non trova la giocata vincente, mentre i nerazzurri non sfruttano al meglio le occasioni create. Al 70’ il tabellino dice 1-0 e la Vecchia oltre a perdere la seconda piazza, scende al quarto posto con 39 punti all’attivo a +7 dal Virtus Bracciano e a -1 dalle dirette concorrenti Campus Eur e Leocon. «È una sconfitta – spiega il tecnico Gualtieri – giusta, in un certo senso me l’aspettavo. Non abbiamo giocato come di solito, purtroppo anche il fattore campo ha influito, non siamo abituati a giocare in campi di terra. Ora bisogna pensare al derby di sabato dove dovremo fare un’ottima partita per riprenderci quel secondo posto che ci spetta». (Agg. 20/03 ore 19.18)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Santa Marinella/Severa non si ferma più

Vittoria tennistica degli Juniores Provinciali del Santa Marinella/Santa Severa, nella 20esima giornata del torneo. I tirrenici, hanno rifilato sei gol al Cerveteri, mostrando di essere in un periodo di grande forma. 
I rossoblu partono con il piglio giusto e dopo aver preso le misure agli avversari, nel giro di solo nove minuti, dal 21’ al 30’, mettono a segno tre reti e chiudono di fatto la gara. La prima marcatura grazie a Lucci, che ribatte in rete una punizione calciata da Marra e ribattuta dalla retroguardia verdazzurra. Passano sette minuti e il solito Lucci partito in contropiede brucia l’intera difesa di casa. Palla al centro e arriva il 3 a 0, ancora con Lucci, che ottimizza di testa angolando la palla sul palo opposto. Quasi allo scadere, i ragazzi di mister Bacheca trovano la quarta rete, questa volta con Marra abile a finalizzare di testa un calcio d’angolo. La prima frazione si chiude sul 4 a 0 per gli ospiti, con i padroni di casa che rimangono in dieci. Nella ripresa ci si aspetta un ritorno di fiamma del Cerveteri, ma contro un Santa Marinella ben messa in campo e determinata, è stata sicuramente cosa dura per i locali. Infatti, dopo aver fallito un calcio di rigore, aver colpito un palo con Ponzi e una traversa con Zerilli, i rossoblù trovano la quinta rete al 60’ sempre con Lucci con un altro colpo di testa micidiale. Quasi nel finale i padroni di casa frastornati e nervosi, rimangono in nove, e di contro gli ospiti trovano la sesta rete con il neo entrato Fiorillo. Nel finale, arriva poi il gol della bandiera dei padroni di casa. 
A parlare è il vice allenatore Calvo. «Bella partita, risultato ottenuto contro una buona squadra. Oggi siamo stati impeccabili, anche se il pre partita non faceva presagire questa vittoria in quanto, per una defezione dell’ultima ora, abbiamo dovuto cambiare in corsa il nostro modulo per attuare un 4-5-1 di emergenza». 
Negli spogliatoi invece il tecnico Bacheca si gode la gioia dei suoi ragazzi. «Questi ragazzi mi stupiscono sempre di più – dice il mister – non abbiamo una rosa numericamente vasta, ma tutti i ragazzi danno il massimo per questa maglia. Il tre a zero in pochi minuti è stato micidiale, anche se avevo paura di un ritorno di fiamma del Cerveteri, specialmente nel primo quarto d’ora di inizio ripresa, cosi non è stato perché i ragazzi non si sono deconcentrati e volevano a tutti costi questa prestigiosa vittoria esterna».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Santa Marinella vola in semifinale playoff

Splendida impresa delle valchirie di Daniele Precetti che vincono la bella con Aprilia con il risultato finale di 63 a 56 e accedono alla fase successiva. Le tirreniche, espugnano infatti il campo della Virtus Aprilia, ribaltando così l’inizio della serie e approdando quindi alla semifinale del campionato di B Femminile. (Agg. 16/03 ore 15.50 SEGUE)

ORA LA SFIDA ALL'ELITE – Il Santa Marinella Basket dunque raggiunge Elite e disputerà in trasferta gara1 domani pomeriggio a Roma alle 17.30, mentre il ritorno si giocherà il 24 al Palazzetto dello Sport. L’eventuale bella si terrà in casa di Elite. Nell’altro accoppiamento, Athena giocherà contro l’Ants Viterbo. Giovedì sera, dunque, le tirreniche hanno dimostrato di essere diventate una grande squadra, che merita di ritornare in serie A2 (anche se poi sarà difficile disputarla), e di giocarsela contro una delle più forti formazioni laziali. Le valchirie, ad Aprilia, prendono subito un buon margine di vantaggio e chiudono il primo quarto sul 18 a 12. Nella seconda frazione, le padrone di casa recuperano e vanno al riposo lungo sul 26 a 27. Dal terzo intertempo e fino al termine della gara, la Del Vecchio e compagne, giocano al massimo e non consentono alle pontine di rientrare in partita, aggiudicandosi la sfida per 63 a 56. «Una partita in cui siamo stati sempre avanti noi – dice il presidente Massimo Baraldi – sin dall’inizio abbiamo tenuto un buon margine di vantaggio che abbiamo ceduto solo al secondo quarto. Poi però la gara è stata tutta in discesa. Brave a tutte le ragazze, bene in particolare la Miranda Ramos e la Sabatini che hanno preso molti rimbalzi, così come la Del Vecchio e la Biscarini tornata ad alti livelli». Dunque, domani sera, le tirreniche giocheranno in gara1 delle semifinali in casa di Elite alle 17.30. Una sfida da affrontare con impegno. (Agg. 16/03 ore 16.34 SEGUE)

I TABELLINI DEL MATCH – Virtus Aprilia: Orazi 20, Bovenzi 6, Finotti, Di Clemente, Cucchi 11, Puleo 8, Proietti Ciolli 2, Sblano, Santulli, Motto Kotto, Barbieri 6, Salvioni. All. De Bernardis. Santa Marinella: Miranda Ramos 18, Mercolini, Baraldi 2, Biscarini 6, Del Vecchio 14, Sabatini 13, Maggi 2, Casciani, Bettini, Mancinelli, Cardinali 8. All. Precetti. (Agg. 16/03 ore 17)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###