La Margutta sfiora la promozione

Nulla da fare per la Margutta Asp, che per il secondo anno di fila sfiora la promozione in serie B2 di pallavolo femminile. 
Domenica sera al PalaFonte Iengo e compagne sono uscite sconfitte per mano del Talete per 3-2, al termine di una partita bellissima e rimasta in equilibrio fino all’ultimo scambio. 
Avanti per 1-0 dopo una rimonta incredibile, che dal 24-21 per le romane le ha portate sul 26-24, le civitavecchiesi non sono riuscite a mantenere lo stesso ritmo di avvio gara, calando nell’attacco dal centro e a muro. È quindi il Talete a tornare avanti, per 2-1, e ad avere la gara in pugno. Ma le ragazze di coach Pignatelli sfoderano un altro set di altissimo livello, che riporta la situazione in completa parità. 
Il finale è al cardiopalma. L’avvio del tie-break di Iengo e compagne è da incubo, con Talete che vola sul 5-1. Ma anche questa volta emerge la grande tenacia e la forza della Margutta Asp, che alza nuovamente la testa, riaprendo completamente il confronto. 
Il break decisivo delle ragazze di De Gregoriis arriva nel gran finale, quando le biancoblu si portando sul 14-11. Le marguttine tentano il tutto per tutto, ma non vanno oltre il 15-13 finale. Festa del Talete, quindi, e lacrime, tante, in casa Margutta Asp. Le prime sono quelle dell’allenatore Pignatelli, che voleva fortemente questa promozione in B2. 
«È dura – spiega l’allenatore civitavecchiese – ma la pallavolo è un gioco fatto di grandi emozioni, belle e brutte che siano. Le ragazze hanno dato tutto, dimostrando una grande forza ed un gran carattere. E quella stessa forza dovranno avere in questi giorni, sicuramente difficili a livello emotivo». 
La stagione della Margutta Asp non è certamente da gettar via. Le rossoblu, che hanno toccato con un dito il salto di categoria, chiudono con la vittoria della Coppa Lazio di serie C.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Bogdanovic affonda i Muri Antichi, ora testa ai playoff

di MATTEO CECCACCI

Si chiude con un successo il tragitto della Snc Civitavecchia che, nell’ultima di campionato, batte 11-10 i Muri Antichi. 
I primi 8’ hanno visto ben otto reti: ad aprire le marcature è stata la Snc che in meno di 1’ fa 0-2 con Romiti e Bogdanovic, ma i catanesi ristabiliscono gli equilibri con Scebba prima e Zovko dopo a cui risponde prontamente il mancino ex Lazio Andrea Castello per il 3-2. A -2 dal termine, però, i Muri Antichi vanno a +2 grazie ai due sigilli di Zovko. ma a far terminare la prima frazione sul 4-4 ci pensa ancora una volta Nikola Bogdanovic.
Il secondo periodo cala d’intensità e le reti sono soltanto tre. Il primo a mettere la firma è il difensore Marco Minisini in superiorità numerica appena dopo 40’’, ma il team di coach Puliafito non ci sta e ribalta la situazione in meno di 3’ trafiggendo la porta di Visciola con Paratore e il classe ‘00 Aiello che decreta il parziale di 2-1 per il momentaneo 6-5.
Al rientro dall’intervallo lungo è dominio rossoceleste  che sfonda ogni due per tre i pali dell’estremo difensore siciliano Ruggieri. Da segnalare, inoltre, l’eccelsa prestazione dell’attaccante serbo classe ’95 Bogdanovic che in meno di 2’ si è reso autore di una sensazionale tripletta. A chiudere il poker è lo spartano De Rosa per il momentaneo 6-9. Gli ultimi 480’’ vedono un continuo batti e ribatti tra i catanesi e i civitavecchiesi che subiscono dopo 2’ il gol di Castagna, a cui risponde Bogdanovic, ma a 4’ dal termine Leonardi risponde su rigore. Poco dopo è Aiello a mandare i suoi sul 3-1, ma lo scatenato Bogdanovic fa 3-2 che però viene subito raggiunto da capitan Scebba che chiude il parziale sul 4-2 per il definitivo 10-11. Grande soddisfazione, dunque, per i ragazzi di Marco Pagliarini che chiudono la regular season con un bel sorriso e un quarto posto ipotecato già la scorsa settimana con 37 punti all’attivo a -1 dal Latina. Ora il club di patron D’Ottavio è chiamato alla «mission impossible» playoff contro il Genova Quinto per contendersi l’accesso in serie A1.
«Abbiamo chiuso in bellezza – commenta capitan Romiti – il campionato e siamo felici per questo. Ora ci attende la post season contro una compagine favorita, ma noi daremo il massimo fin dal primo minuto di gioco».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Under 13: chapeau ai ragazzi di Ingrosso

Chiusura in bellezza per i ragazzi Under 13 della SNC Civitavecchia di Danilo Ingrosso che vincono anche l’ultima partita di campionato e chiudono straordinariamente al primo posto il loro girone laziale. I piccoli rossocelesti tornano trionfanti dalla trasferta capitolina, grazie alla netta e rotonda vittoria su un Campus Roma battuto 13-7. Al termine di un primo parziale chiuso 4-1, i civitavecchiesi amministrano sapientemente il vantaggio e nel terzo tempo chiudono definitivamente i conti: spiccano il poker di Benedetti e la tripletta di Caponero, oltre all’inarrestabile Franzin che va a segno per ben 6 volte. La vittoria di domenica illumina un cammino straordinario in un girone condotto dall’inizio alla fine chiuso tre lunghezze sopra ad una Lazio inseguitrice. La cavalcata e il risultato conseguito fin qui è un premio al lavoro di Danilo Ingrosso e alla sua preparazione, un premio che ripaga soprattutto la società per aver scelto il nuovo allenatore Under 13. Adesso il suo gruppo preparerà le finali regionali: si tornerà in vasca già il prossimo 26 maggio per i quarti, quando al Palagalli i rossocelesti affronteranno un’altra formazione capitolina, il Manianpama A.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Crc diviso tra "Trofeo Lupo Alberto" e "Città di Perugia"

Le rappresentative del Centumcellae Rugby Civitavecchia Under 6, 8, 10, 12 e 14 in evidenza con gran bel gioco e prestigiosi piazzamenti ai Trofei “Lupo Alberto” in Emilia Romagna e “Citta di Perugia” in Umbria.
Per l’Under 6 al Trofeo “Lupo Alberto” di Parma un’ottima prova per i pupilli dei coach Diottasi e Piermarini che ad uno dei tornei più importanti d’Italia si classificano al 5° posto. Un plauso a questi piccoli campioni che chiudono nel migliore dei modi una bellissima stagione sportiva.
Al Trofeo  “Lupo Alberto” di Parma bravissima e competitiva l’Under 8 che fino alla fine lotta e si diverte mostrando un’eccellente grinta e voglia di giocare.
Al Trofeo “Lupo Alberto” anche l’Under 10 dei coach Raponi e Papaleo, che ha partecipato con determinazione e caparbietà. L’importante competizione a livello nazionale ha visto impegnati gli atleti che hanno battuto i campi parmensi ottenendo buoni risultati.
Nella stessa manifestazione grande soddisfazione anche per Federico Pace, unico partecipante al torneo per quanto riguarda l’Under 12, giocando in franchigia con il Versilia. Accompagnato dal papà dirigente accompagnatore Stefano Pace, il giovane ha dimostrato la voglia e il carattere che contraddistingue tutti gli atleti del Crc.
Sugli scudi al Trofeo  “Città di Perugia “ l’Under 14. Sui campi del Curi di Perugia i ragazzi di Alessandro Crinò e Germana Raponi hanno messo in campo determinazione e bel gioco tanto da meritarsi gli applausi e i complimenti anche delle tifoserie avversarie, chiudendo il torneo con un lusinghiero 2° posto nel proprio girone e 5° di categoria, a completamento di una stagione di soddisfazioni per un gruppo di giovani che farà sempre meglio.
Intanto, anche se la stagione sportiva del rugby è agli sgoccioli per il settore giovanile, il Crc stà preparando la stagione estiva.
Grandi sorprese per il settore giovanile dei rugbisti attendono la stagione al caldo, subito l’iniziativa finale con sport e scuola il 6 giugno, poi “A Cena col Crc “ il 16 giugno ed a seguire ci sarà tutta un’estate da scoprire col rugby civitavecchiese.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Pulizie, contestazioni dopo lo sciopero

CIVITAVECCHIA – Non c’è pace per i lavoratori Sgm, impiegati nell’appalto di pulizia, guardiania e hostess delle sedi comunali. Non sono bastati evidentemente i lunghi periodi di tribolazione degli anni passati legati alla gestione dell’appalto da parte della Helyos e le numerose proteste relative al ritardo nel pagamento degli stipendi del personale di fronte alle quali il sindaco Cozzolino ha fatto orecchie da mercante, neppure le ripetute segnalazioni di problematiche relative al nuovo appalto che per il M5S avrebbe rappresentato una svolta. Ora siamo alle comiche. A fronte di consistenti tagli alle ore del personale (in alcuni casi si parla anche di sei ore), l’azienda Sgm che ora gestisce l’appalto ha proceduto ad assumere almeno due unità. Niente male per una ditta che ogni mese vede il proprio personale protestare per i ritardi nel pagamento degli stipendi.

Sarà la mancata presa di posizione dell’amministrazione grillina a dare coraggio alla Sgm, o forse la scarsa incisività dei sindacati. I fatti però non cambiano e appaiono ancora più gravi con il passare delle settimane. Lo scorso 20 aprile, di fronte all’ennesima esasperazione dei dipendenti, i sindacati Cgil e Cisl hanno proclamato uno sciopero; a quanto pare, basandosi su uno stato di agitazione che dura da tempo, le parti sociali non avrebbero rispettato i termini, attuando la protesta dura solo tre giorni dopo la comunicazione. E la reazione dell’azienda non ha tardato ad arrivare: Sgm ha trasmesso a una decina di lavoratori dell’appalto delle pulizie una lettera di contestazione per assenza ingiustificata, parlando di gravi inadempienza delle obbligazioni contrattuali. Una vera e propria assurdità. Perché dovrebbero essere dei lavoratori che hanno semplicemente aderito a uno sciopero proclamato dai sindacati a pagare per coloro che hanno sbagliato la procedura di convocazione? Un giallo tutto da chiarire riguarda poi alcuni ordini di servizio arrivati proprio ad alcuni dipendenti che hanno partecipato alla protesta: su due piedi la sede di lavoro è stata cambiata.

La speranza è che il sindaco Antonio Cozzolino per la prima volta tiri fuori gli attributi cominciando a parlare come un ‘‘capo popolo’’. Quell’aria da burocrate disinteressato a tutto ciò che richiede una presa di posizione coraggiosa da parte di un primo cittadino, oltre a non aver pagato in questi cinque anni, ha contribuito nettamente a favorire una macelleria sociale senza precedenti. Le aziende chiudono, i lavoratori di imprese che hanno vinto appalti con il Comune chiedono aiuto e Cozzolino allarga le braccia. Al peggio non c’è mai fine.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Margutta, un’iniezione di fiducia in vista della post season

La Margutta Asp chiude in bellezza la regular season e si appresta ad affrontare i playoff con tre vittorie nelle ultime tre gare di campionato. Sabato le rossoblu hanno dovuto faticare per avere la meglio sulla Virtus Latina, presentatasi al Palasport a ranghi ridotti ma con grande voglia di fare bene. (agg. 07/05 ore 17,55 SEGUE) 

Avanti per 2-0 Iengo e compagne sono state raggiunte sul 2-2 dalle avversarie, che poi hanno ceduto solamente al tie break. Un successo ininfluente per la classifica: le marguttine chiudono al terzo posto vista la contemporanea vittoria dell’Omia sul campo del Sempione. Una vittoria che però vale molto per il morale delle ragazze, che nel weekend prossimo torneranno in campo per la gara di andata della semifinale playoff. L’avversario sarà il Terracina, formazione già battuta nella finale di Coppa Lazio dalle civitavecchiesi. (agg. 07/05 ore 18,36 SEGUE)

«Sono contento di questo successo – afferma l’allenatore Alessio Pignatelli – perché non era facile contro un avversario che è venuto a giocarsi la partita senza avere nulla da perdere. Arriviamo in fiducia ai playoff e questo è un altro aspetto positivo. Abbiamo pagato un po’ i carichi di lavoro che abbiamo sostenuto, che proveremo a smaltire in settimana e che saranno utile in questo gran finale di stagione».(agg. 07/05 ore 19,28)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Snipers TecnoAlt sconfitti a Modena

CIVITAVECCHIA – Niente da fare: gli Snipers TecnoAlt non riescono ad espugnare Modena e la serie si dovrà decidere a gara 3, nel prossimo weekend a Civitavecchia.
Al PalaSacca finisce 3-2 per i padroni di casa (3-1 il primo tempo) al termine di una gara emozionante e sempre in bilico.
I civitavecchiesi vanno in svantaggio dopo pochi secondi su rebound ma pareggiano a metà frazione con Valentini. Sul finire di frazione uno-due pesante dei padroni di casa che chiudono il tempo in doppio vantaggio. Nella ripresa tante occasioni per entrambe le squadre ma sale sugli scudi il portiere modenese Cipriano, autore di 50 parate a fine gara, che salva il fortino Modena. Il gol di Cocino non basta a pareggiare i conti.

"La pista di Modena è molto difficile per caratteristiche – spiega Riccardo Valentini – e non è stato facile abituarsi ad un altro campo che impone un altro modo di giocare. Dopo un inizio tosto però, abbiamo preso le misure e nel secondo tempo abbiamo letteralmente dominato l'incontro. Molto bravo il portiere ospite, cosi come i suoi compagni di squadra, a difendere il risultato. Le gare di play off sono sempre combattute e vengono decise dagli episodi: questa volta hanno girato in nostro sfavore".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La Snc riassapora la vittoria

<p><strong>di MATTEO CECCACCI</strong></p>

<p>Torna alla vittoria la Snc Enel Civitavecchia che, nella settima giornata di ritorno, espugna 8-4 la vasca del Tgroup Arechi. Con questo successo i rossocelesti allungano a +6 sulla quinta piazza. Nel primo parziale ad aprire le danze appena dopo 1&rsquo;50&rsquo;&rsquo; sono i salernitani con Lobov, ma capitan Romiti &egrave; bravo a ristabilire gli equilibri in superiorit&agrave; numerica. I campani non ci stanno e reagiscono immediatamente con Massa a 4&rsquo; dalla fine, ma il serbo Bogdanovic poco dopo rimette il risultato sul pareggio. A far andare i rossocelesti a riposo dalla prima frazione ci pensa il centrovasca Leo Checchini dai cinque metri a 60&rsquo;&rsquo; dal termine per il momentaneo 2-3. I secondi 8&rsquo; vedono pochi gol, uno per parte: il primo sigillo porta la firma ancora una volta di Checchini, bravo ad approfittare di uno svarione difensivo dopo 25&rsquo;&rsquo; mentre il secondo gol &egrave; griffato da Esposito, bravo a trafiggere Visciola dalla destra. I restanti minuti sono privi di azioni, contornate da numerosi errori sotto porta per entrambe le compagini. Il secondo parziale dice 1-1 per il provvisorio 3-4. La terza &nbsp;frazione vede una buona Snc che parte forte segnando due reti: prima con il veterano De Rosa e dopo con il mancino Castello. L&rsquo;Arechi accorcia le distanze nel finire di tempo con Massa per l&rsquo;1-2. Gli ultimi 480&rsquo;&rsquo; vedono un secco 2-0 dei tirrenici che con De Rosa (doppietta) e Checchini (tripletta) chiudono il match sul&rsquo;8-4. Punteggio che porta il team di Pagliarini al consolidamento del quarto posto a -7 dal Latina terzo.</p>

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Vecchia: sfide decisive per Allievi e Giovanissimi

di MATTEO CECCACCI

In casa Civitavecchia Calcio 1920 sembra che le cose stiano migliorando. Nell’ultimo fine settimana sono state ottenute due vittorie, due sconfitte e un solo segno ics, dovuto ai classe 2002 di Marco Mazza che hanno pareggiato la sfida in trasferta con la Polisportiva Oriolo. Ora l’obiettivo si concentra maggiormente sul mantenimento delle due categorie elite rimaste, ovvero gli Allievi di Rocchetti e i Giovanissimi di Oliviero che dovranno obbligatoriamente vincere rispettavamente con Ottavia e Rieti, per disputare poi a maggio i playout tra le mura amiche. Per l’ultima giornata della stagione gli Juniores Elite di Pino Brandolini non sono usciti affatto con il sorriso dal Fattori, in quanto hanno ceduto 3-0 con l’Atletico Vescovio, ma i nerazzurri con la salvezza già  acquisita e festeggiata da alcune settimane e con la testa già in vacanza sono scesi in campo con una nonchalance che li ha portati a giocare con molta superficialità. Il primo squillo del match è di Cerroni che, squalificato dall’eccellenza, al 22’ prova a centrare lo specchio della porta, ma la sua conclusione è fuori misura. Poco dopo gli ospiti si fanno avanti e siglano il vantaggio con Girardi, bravo a trafiggere Paniccia sul primo palo. Nella ripresa la Vecchia risulta non pervenuta e il Vescovio ne approfitta immediatamente, segnando il 2-0 al 74’ grazie al neoentrato Piccionetti e il tris finale all’88’ con Cori che a porta vuota non può che appoggiare il pallone in rete. Al triplice fischio di Ventrelli di Ciampino i biancorossi impazziscono di gioia ed esultano per il raggiungimento diretto della salvezza che costa il mantenimento della categoria per il prossimo anno; gioia immensa, dunque, per mister Centomani e Patron Cardella presente in tribuna che nello spogliatoio hanno festeggiato fine a tardo pomeriggio insieme all’intera rosa. Per il Civitavecchia nessun rammarico, ma tanti, tantissimi scambi di maglie, sorrisi e abbracci tra calciatori e dirigenti per una stagione giocata nel migliore dei modi. Un ottimo percorso dei ragazzi, disputato con il sudore sulla fronte in ogni partita; sudore che ogni talvolta colava sulla maglia nerazzurra aveva il significato di lottare sempre fino all’ultimo secondo, perché chi veste questa maglia sa bene cosa vuol dire. Un elogio, però, va fatto a quel tecnico di nome Pino Brandolini che ha valorizzato ogni singolo ragazzo facendoli crescere sotto ogni aspetto, dall’umiltà al rispetto per gli avversari; un grande nome per la società nerazzurra. Un encomio, invece, va al capocannoniere Edoardo Indorante e a capitan Pietranera che con le loro prestazioni, magie calcistiche, dedizione e amore per questo sport hanno dato alla squadra quel tocco in più per distinguersi dalle altre compagini. Infine, un plauso a tutti quei tifosi sempre presenti che, nonostante freddo e pioggia, hanno sempre sostenuto i classe 2000 aiutandoli a mantenere la categoria, che il prossimo anno andrà ai ragazzi di Rocchetti, con la speranza che sfruttino al meglio questa inestimabile eredità. (Agg. 24/4 ore 17.43 SEGUE)

I RISULTATI DEI TEAM DEGLI ALLIEVI DEL CIVITAVECCHIA CALCIO 1920 – Goleada della Vigor Perconti sugli Allievi Elite di Andrea Rocchetti che escono battuti 5-0 tra le mura amiche del Tamagnini. Non era questa la partita da vincere, ma la Vecchia nonostante questo ha messo in campo tutte le possibili energie fino allo scadere. I blaugrana, già vincitori della regalur season da ben tre settimane, dell’ex tecnico Luigi Miccio hanno espresso grande gioco dimostrando al pubblico una grande lezione di calcio degna del nome della categoria elite. I nerazzurri, senza Mercuri da oltre tre settimane, che sembrerebbe non far più parte della rosa a causa di comportamenti ritenuti del tutto inadeguati dalla società, sono scesi in campo con una formazione più mista che mai: ben tre i classe 2002; Marini, Di Domenico e Luciani. Ma la nota di merito, questa volta, va al portiere di Pasquale Oliviero, ovvero Alessandro Conti: l’ex Aurelio Fiamme Azzurre, pupillo di Marinelli, è stato autore di una sensazionale prestazione che l’ha portato a realizzare ottime parate. «Un grande ragazzo – spiegano dalla società – sia dentro che fuori dal campo. La bravura di questo portiere va messa in risalto, in quanto può essere una promessa per il nostro futuro». I cinque gol della Vigor sono maturati nel primo tempo grazie ai sigilli di Santamaria al 35’ e Finucci al 39’ mentre nella ripresa a chiudere la cinquina ci hanno pensato Giovannone, De Bellis e Rossi. Al termine della gara i nerazzurri non si scoraggiono e alla sconfitta non ci pensano più di tanto, la consapevolezza che questo match avrebbe avuto poco valore già lo si sapeva in settimana. Il vero scontro diretto ci sarà domenica 29 in casa dell’Ottavia (-1) per l’ultima partita della stagione che promette una grande tensione. Sarà di fondamentale importanza vincere a Roma, perché se i classe 2001 vorranno disputare i playout in casa, dovranno mettere in atto tutte le loro forze e i sacrifici di un’intera stagione per gli ultimi 90’ che valgono la categoria, sperando in un passo falso della Totti S.S. con l’Urbe. «Non bisogna – spiega il centrocampista Sansolini – mai mollare un colpo. Siamo un gruppo unito e lotteremo fino alla fine, abbiamo abbastanza carica per domenica e andremo a Roma per fare la nostra partita. Io ci credo, d’altronde come tutti i miei compagni». Un punto per gli Allievi Regionali Fascia B di Marco Mazza che inspiegabilmente non riescono più a vincere una partita. Il segno ics con la Polisportiva Oriolo è il culmine di una serie di gare che non sta rispecchiando affatto i classe 2002. Forse il troppo caldo primaverile sta facendo effetto ai ragazzi che, dal 25 marzo scorso non ottengono più punti, e se l’obiettivo fino a qualche settimana fa era agguantare i primi posti della classifica, ora impensabilmente è cercare di difendere il sesto posto. Il match, che nei primi 40’ ha visto grande equilibrio per entrambe le squadre, ad aprire le danze sono i viterbesi con Aramini che non riesce a beffare Formisano tra i pali. I civitavecchiesi reagiscono, ma la conclusione di Di Domenico viene parata dall’estremo difensore. Ultimo tentativo di tempo è di Luciani che, approfittando di un cross dalla sinistra, non riesce a tirare bene nella direzione della porta. Nella ripresa partono forti i locali che vanno in vantaggio alla prima azione dopo 1’ grazie a Bartoli. I nerazzurri accusano e il colpo e devastano ogni due per tre la porta difesa da Gentili, ma le belle parate e un po’ di sfortuna negano il pareggio agli ospiti. L’1-1 avviene a 10’ dal termine grazie a Pippo Prestigiacomo, bravo a beffare Loru. Al termine della gara Mazza con Castellini non possono che spartirsi un punto a testa e a cinque giornate dal termine non resta che cercare di accumulare più punti possibili per raggiungere una salvezza matematica. Oggi i nerazzurri giocheranno con la quarta della classe Monterosi mentre l’Oriolo farà visita alla capolista Montefiascone. (Agg. 24/4 ore 18.09 SEGUE)

LE GARE DELLE SQUADRE DEI GIOVANISSIMI IN MAGLIA NERAZZURRA – Fenomenale vittoria dei Giovanissimi Elite di Pasquale Oliviero che hanno rifilato il tris all’ottava forza del girone Campus Eur grazie alla doppietta di bomber Corona e Sannino. Tre punti importanti che, nonostante la condanna ai playout già da due giornate, influiscono per la posizione della graduatoria. Al Tobia parte tutto col piede giusto, è l’ex aquilotto Corona a trafiggere dopo 60’’ Rossi. I locali rispondono con Velocci, ma la saracinesca Fioretti non concede. Nel finire dei primi 35’ arriva il 2-0 con Sannino che, approfittando di uno svarione difensivo con il portiere fuori dai pali, appoggia il pallone in rete. Nella ripresa partono forte nuovamente i nerazzurri che con Corona chiudono definitivamente i conti. Poco dopo, però, il match si accende quando Di Biase di Aprilia concede un netto rigore ai locali; dagli undici metri si presenta Ricasoli, ma il fenomeno Fioretti compie una parata a dir poco fantastica. La Vecchia insiste e cerca il poker, ma Fastella prima e Zagami dopo non centrano lo specchio della porta. Nel finire di tempo Liberati viene espulso ingenuamente e salterà con molto dispiacere per la società la sfida col Rieti. Nel recupero, per il gol della bandiera, ci pensa Bonifacio che trafigge un incolpevole Fioretti. Al termine della gara ai locali di mister Bernardini non resta che pensare all’ultima di campionato con l’Ottavia, mentre per i nerazzurri, che con questi tre punti d’oro si piazzano alla quartultima casella della lista, devono doverosamente vincere a tutti i costi, senza se e senza ma lo scontro direttissimo col Rieti, terzultima forza del girone, per decretare chi giocherà i playout in casa. Unico rammarico l’assenza del fuoriclasse Liberati, ma a compensare c’è l’intera formazione di talenti con un tecnico preparato come Oliviero.
Ottimo riscatto dei Giovanissimi Regionali Fascia B di Andrea Gualtieri che dopo l’inaspettato pareggio col Montefiascone annientano tra le mura amiche l’Ostiantica 4-1. I primi 35’ hanno visto una prima fase di stallo, per poi andare in vantaggio con Feula che, dopo aver sbagliato il rigore, approfitta della respinta del portiere per l’1-0. Trascorrono appena 5’ e dalla sinistra Palma fa partire un cross pennellato per Jacopino Mancini che di sinistro sfonda la porta dell’estremo difensore. Il 3-0 arriva al 28’ grazie al sigillo di Orlandi che ringrazia Luchetti per l’assist. Nella ripresa non cambiano le carte in tavola e i civitavecchiesi chiudono subito il match andando a segno con il talentuosissimo Dario Luchetti, senza dubbio il migliore il campo: il promettente esterno destro classe 2004, che possiede grandi doti e qualità, si sta maggiormente distinguendo in questa stagione per quanto dimostrato finora. «Dario – spiegano dalla società – è un centrocampista di classe. È uno dei nostri migliori talenti che vantiamo e vogliamo tenercelo stretto. Per quanto riguarda le chiamate arrivate da club professionistici siamo contenti, ma stiamo valutando. Per ora continuerà a crescere nella cantera nerazzurra, poi se un giorno meriterà, saremo i primi a spedirlo nei palcoscenici nazionali». Nel finire di tempo i pupilli di Gualtieri sbagliano diverse occasioni e al 5’ di recupero incassano il gol della bandiera da parte del lidense Forani che trafigge un incolpevole De Rosa. Al triplice fischio è 4-1 Vecchia che porta i tirrenici al terzo posto insieme al Campus Eur, agganciato a 46 punti grazie al pareggio maturato col Calcio Tuscia, a -4 dalla Leocon. «Sono contento – spiega il tecnico Gualtieri al termine della gara – della prestazione generale dei miei ragazzi. Peccato per quel pareggio col Montefiascone, avessimo vinto saremo stati sopra al Campus Eur, ma tornare indietro non si può. Tutto si giocherà sabato quando li affronteremo in casa dinanzi ai nostri tifosi. Bisogna continuare ad allenarci e credere al secondo posto finché la matematica non ci condanna. Voglio fare – conclude il mister – un encomio particolare a Bracchi e al portierino del 2005 De Rosa, che ogni volta che viene chiamato in causa risponde prontamente; complimenti ad entrambi». (Agg. 24/4 ore 18.41)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Pyrgi resta in C Silver

Il Pyrgi Basket vince in casa nell’ultima giornata dei playout contro il Rent Max e conquista matematicamente la salvezza. Vittoria di assoluto carattere per i ragazzi del presidente Pierosara che, pur privi del suo leader Taraddei, vincono all’overtime con il risultato di 67 a 55 dopo un tempo supplementare e chiudono in bellezza la stagione davanti al proprio pubblico. (Agg. 23/4 ore 18.22 SEGUE)

LA CRONACA DELLA GARA DEL PYRGI – La squadra di coach Ciprigno, dimostra grandissima serietà, lottando fino all’ultimo, in un match a cui il Pyrgi arrivava già con la salvezza in tasca, grazie alla cancellazione dei playout. Tutt’altra situazione invece per la Roma Eur che doveva assolutamente vincere, per evitare il ritorno in serie D, dopo appena un anno, con i capitolini andati veramente vicinissimi all’impresa di una rimonta in classifica che avrebbe avuto del clamoroso. La formazione di coach Talluto ha infatti condotto per i primi due quarti di gara, salvo poi crollare al supplementare con un parziale di 12 a 0 in favore di Antista e compagni. Il ko, condanna la Roma Eur al ritorno in serie D, nonostante un ultimo mese di campionato da applausi, risveglio tardivo però per i capitolini che se avessero giocato con questo spirito per tutta la stagione, avrebbero certamente potuto ottenere la salvezza. Merito però anche ad un Pyrgi Santa Severa che ha davvero onorato la categoria, con una prestazione di cuore, guadagnando sul campo una salvezza meritatissima. (Agg. 23/4 ore 18.51 SEGUE)

I COMMENTI DEL TECNICO BIANCONERO ANDREA CIPRIGNO E IL TABELLINO DELLA PARTITA – «Ce l’abbiamo – dice coach Ciprigno – fatta con un pizzico di fatica. È stata una vera e propria impresa visto che nel secondo quarto eravamo sotto di dodici. Loro sono partiti meglio e giocato bene fino al secondo quarto. Poi però abbiamo cominciato a difendere di più recuperando bene, dopo aver pareggiato, nel supplementare li abbiamo infilati alla grande senza fargli fare nemmeno un punto». 
Pyrgi Santa Severa: Bernini (2), Mangiola (16), Di Francesco (4), Kulovic (5), Biritognolo, Fois (18), Antista (19), Zizi (n.e.), Feligioni, Cappelletti, Nanu (3), Lotto (n.e). Allenatore: Ciprigno.
Rent Max Roma Eur: Liao (4), Melchiorri (4), G. Barbato (4), Nardulli (6), Costa (15), M. Barbato (4), Pascotto (10), Armezzani (8), Proietti, Di Leo, Liberti (n.e.). Allenatore: Talluto. (Agg. 23/4 ore 19.20)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###