Tre giorni di passeggiate a cavallo

MONTI DELLA TOLFA – Grande appuntamento suiMonti della Tolfa per la nuovamanifestazione rievocativa: ‘’La transumanzadella bassa maremma. ‘’Un vecchio buttero midisse…’’. Testimonianze che raccontano lastoria di una vita’’ promossa dall’Asd Monti della Tolfa e dai Butteri della Bassa Maremma. Da oggi fino a domenica Allumiere, La Bianca, Santa SeveraNord, Tolfa, Castello di Rota e CivitellaCesi saranno coinvolte in una lunga seriedi eventi e passeggiate che coprirannotutto il territorio per riscoprire lospettacolare paesaggio dei Monti e i partecipanti potranno calcare i passi dei vecchi butteriche si spostavano per l’annuale fiera delbestiame di Viterbo. L’appuntamentofieristico viterbese era, per un’economiache ruotava interamente attorno al settoreprimario e in particolar modoall’allevamento, un momento fondamentaleper l’economia globale della comunità.
L’intenzione degli organizzatori èrievocare quel tempo ripercorrendo glispazi che ne furono protagonisti perrinnovarne la memoria ed approfondirnel’importanza. Le tappe del percorsostudiato dall’organizzazione sarannopercorse a cavallo. Oggi si partirà alle 9daTolfa e il tema della giornata sarà ‘’La vitada Fattore nei Pascoli Bradi di Tolfa’’, sitoccherà la tappa di S.Severa Nord con lasosta al Casale di Sant’Ansino dell’Agrariadi Tolfa. I temi di domani, invece, sono le ‘’Testimonianze del Viaggio dei Butteri diAllumiere dalla Rimessa della Fiera allaQuercia di Viterbo’’ e quello della ‘’Rievocazionedella Transumanza dal Passo di Viterbo alla’’Quercia’’ antica Fiera di Viterbo’’; la giornatasi aprirà il mattino con la partenza dalcampo La Cavaccia di Allumiere e proseguiràcon i gemellaggi tra il sudamericanocavallo Criollo e le due razze equidi deiMonti della Tolfa, cioè il cavallo tolfetano el’asino grigio. Chiusura dellamanifestazione domenica 23 con le ultimetappe che toccheranno Tolfa, il Castello diRota e Civitella Cesi per percorrerel’ultimo tratto. Tema della giornata ‘’InViaggio dalla Dogana verso la Valle delMignone. La Tenuta del Marchese ai piedidel Castello di Rota fino a Civitella Cesi’’.Presso il punto di sosta Centro Equitatesdi Civitella Cesi si terrà il 2°’’Equiraduno Disorganizzato’’ a cura diFITETREC-ANTE Lazio. Ogni giornata dicavalcata prevede il rientro al punto tappacon cena e pernotto. Per tutte le attivitàè obbligatoria la prenotazione.Coordinazione, impegno, passione e amoreper il territorio hanno animato gliorganizzatori e i patrocinanti dellamanifestazione che ha richiesto un grandelavoro, con il coinvolgimento delleamministrazioni e delle Università Agrariedi Allumiere e Tolfa dell’associazionePro Locodi Allumiere e di FITETREC-ANTE Lazio.L’organizzazione tiene molto a ringraziarela TG Regione Lazio, il reparto a cavallodel gruppo carabinieri forestali, laPro.Civ. di Allumiere e Tolfa, le Contradedi Allumiere e i Rioni di Tolfa esoprattutto tutte le associazioni e tuttigli allevatori che hanno preso parteall’organizzazione e parteciperanno allarealizzazione della manifestazione.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Centinaia di persone  per la festa della Radica

TOLFA – "Festa della Radica 2018: è stata dura ma ce l’abbiamo fatta". Ad esprimersi così il consigliere comunale di Tolfa, Antonio Stefanini dopo lo straordinario successo per la ''Festa della Radica'' che si è svolta sabato e domenica scorsa. Centinaia di persone hanno, infatti, invaso le vie del centro storico assistendo ad un magnifico salto nel passato. Scenografie studiate nel dettaglio che hanno decorato ed abbellito il cuore di Tolfa, tantissimi giochi popolari, laboratori culinari poetici e ludici, piatti frugali esposizioni artistiche e tanto tanto divertimento. La manifestazione è iniziata Sabato mattina con la tradizionale gara di pesca (organizzata in collaborazione con i laghi Albatros) che ha visto oltre 100 piccoli pescatori. Nel pomeriggio da via Roma a piazza Armando Diaz si è potuto assistere a laboratori ludici curati  dell’associazione La Filastrocca, laboratori di giochi circensi organizzati da Novella Morellini dell’ass. Catapulta, mentre sotto la supervisione dello Slow Food si sono svolte attività sul cibo attraverso i commercianti di Tolfa: col pastificio artigianale Coccodè ed il panificio Armani è stato spiegato l’importanza della pasta artigianale delle farine utilizzate, degli abbinamenti delle varie tipologie di pasta ai vari piatti della tradizione tolfetana; per quanto riguarda il pane sono state spiegate le caratteristiche del pane giallo dei Monti della Tolfa, la lavorazione e le materie prime utilizzate; in entrambi i laboratori sono stati coinvolti i bambini che hanno potuto mettere “le mani in pasta” e realizzare piccoli prodotti. Poi c'è stato il laboratorio del circolo poetico Bartolomeo Battilocchio curato da Agnese Monaldi e dal suo presidente Adele Natali che ha visto recitare ai bambini poesie in ottava rima endecasillabe ed inoltre sono state realizzate attività creative di poesia e pittura. Tra quanto proposto comunque il ruolo principale lo hanno avuto i giochi popolari che hanno visto centinaia di partecipanti tra bambini ed adulti. Tra tutti i giochi il principale è stato il tiro alla fune che con i suoi vincitore ha sancito la squadra che poi ha rappresentato Tolfa alla tanto attesa gara del tiro alla fune intercomunale. La giornata di sabato è stata arricchita dalle performance della banda folcloristica LA Racchia di Vejano dal “banno è morto Nino” e dalle tantissime foto esposte (ass. Click, il norvegese Dag Duckert, Roberta sfascia, Mario Filabozzi , Generatio 90). Il sabato si è concluso con una cena con prodotti tipici ed il concerto delle Sinergie Popolari. Le attività della domenica sono iniziate molto presto con la messa in piazza A.Diaz a seguire il battesimo del Buttero e poi nuovamente giochi popolari su via roma, caccia al tesoro e aperitivo alla Rocca organizzata dagli amici del Country food di Allumiere che hanno accompagnato i visitatori prima del pranzo per le vie del centro storico per poi arrivare fin su al castello con i nostri amici a quattro zampe, gli asini per degustare un aperitivo con prodotti locali. Nel pomeriggio ci sono stati i giochi popolari e lo show cooking realizzato da Antonio Morra proprietario dello storico ristorante da Buzzico che cucinando a vista pietanze tipiche ha riscontrato un grande successo e poi si è svolta la tanta attesa processione “E' Morto Nino” che ha accompagnato le squadre i visitatori e le istituzioni dalla piazza del Comune fino al campo di gara (p.zza A. Diaz). I Comuni aderenti sono stati, oltre ovviamente a Tolfa, Allumiere, Ladispoli, Campagnano, Formello, Palestrina e Canale Monterano. La gara, accompagnata dalle performance delle tamburine di Canale Monterano e dall’ass. Wild Eagles, è stata una competizione sentita, dura, ma ricca di sportività che ha visto trionfare il Comune di Palestrina andati in finale con i tiranti di Formello, terzo posto per Tolfa dopo il derby con Allumiere. "Il duro lavoro ed i sacrifici sono stati premiati – sottolinea Antonio Stefanini consigliere comunale delegato alle Tradizioni e membro dell’ass. organizzatrice – abbiamo lavorato tanto ma ci siamo riusciti. Segnati nel viso, stanchi nelle braccia e nelle gambe, con la mente ancora affaticata per le tantissime cose a  cui pensare e risolvere chiudo gli occhi e come in un sogno rivivo i momenti di quei due giorni di festa appena trascorsi. Solo ora come in un colpo mi alzo di scatto, la fatica svanisce, la mente si fa più chiara ed il cuore si gonfia di gioia e di amore. Siamo consapevoli del fatto che ogni singolo sforzo non è stato mai vano, ci alziamo più forti per andare sempre più avanti. Per la storia dei padri e per il futuro dei figli le nostre tradizioni sono vive e salde, come salda è la Radica, stirpe e sangue della nostra comunità. Ringrazio i membri di Generatio 90 che hanno dato anima e corpo donando ogni volta un pezzo del loro cuore; tutto lo staff della cucina per il lavoro e l’ottimo cibo proposto; le piccole e instancabili nuove  leve; le mogli e i mariti che ci hanno supportato e sopportato in questo periodo; le istituzioni nella persona del sindaco Luigi Landi, Marco Santurbano presidente dell’Agraria e Vittorio Ferlicca per il supporto logistico fornito, Alessandro Battilocchio, Devid Porrello e Matteo Manunta della Ragione Lazio, Gabriele Volpi Comunità Montana, i Comuni di Allumiere, Campagnano, Canale Monterano, Formello, Palestrina, Ladispoli, don Giovanni Demeterca, tutte le associazioni che hanno realizzato insieme a noi questo evento, il circolo poetico Bartolomeo Battilocchio per la scenografia realizzata insieme alla Protezione Civile, Alessandro Ansidoni l’associazione Slow Food Costa della Maremma laziale "Gruppo Ufficiale", DD Impianti e Sicurezza Claudia Pagliarini, la Filastrocca Fabbi, Laghi Albatros official, gli amici del CountryFood Allumiere, Novella Morellini ass. Catapulta, Tolfa volley Asd, Scuola Calcio Tolfa-Allumiere asd, ass. Click, Giuliano Profumo e i suoi ragazzi della Wild Eagles Asd, la tamburine di Canale Monterano, l'associazione culturale Ordo Scarabeus, Unione Rugby Ladispoli Settore giovanile, ass. opes italia, Le Sinergie Popolari, la compagnia teatrale il Barsolo, Stefano Tofone, Roberta Santoni, Adele Natali, le alchimiste dell’ago e filo Velleda e Marisa, Simona Sestili, Roberta Sfascia, Rosa Dellachiesa e Riccardo, Mario Filabozzi, Marco Muneroni, Stefania Bentivoglio, Emanuela Massaroni, Antonio Sestili e Antonio Filabozzi, al pastificio Coccode, al panificio Armani e il ristorante Da Buzzico, a Egidio Virgili e la sua squadra di veri professionisti, a Vincenzo Pierini,  a tutte le comparse, ad Aldo Borghini e Italo Ciambella sempre disponibili per la collettività. Un grazie a tutti i commercianti e ristoranti di Tolfa. Il nostro obbiettivo era di trasmettere quanto vive nel cuore di ogni tolfetano, di far conoscere la nostra storia, la nostra cultura e devo dire visto le tantissime persone che non solo hanno vestito i panni di visitatore ma di partecipante che sono rimaste entusiaste, possiamo dire: abbiamo colto nel segno". Molto soddisfatto il sindaco Landi che si associa ai ringraziamenti di Stefanini e sottolinea: "Questa festa è la vera festa dei tolfetani, della nostra comunità che fa divertire tutte  le generazioni a 360° è magnifico veder divertisi insieme bambini e adulti, i piccoli che vivono i racconti dei loro genitori e dei loro nonni e gli adulti che rivivono la loro fanciullezza. Faccio con il cuore vivi ringraziamenti a tutta la macchina organizzativa che da mesi lavora per regalare alla comunità di Tolfa una due giorni veramente meravigliosa".   

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Al castello di Santa Severa ‘‘Comunicare la Costituzione’’

SANTA MARINELLA – E’ in programma sabato, presso il castello di Santa Severa, il convegno su “Comunicare la Costituzione”. Il programma prevede per le 16 gli indirizzi di saluto di Anna Rossomando, vice presidente del Senato, Stefania Nardangeli, assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Santa Marinella. Presiede Marietta Tidei, della Commissione Cultura Regione Lazio, introduce Paolo Sciascia, Dirigente Miur Dg per lo studente, l’integrazione e la partecipazione. Alle 16,30 “Comunicare la Costituzione” con gli strumenti scelti per insegnare la Costituzione a scuola, una tavola rotonda con alcune testate giornalistiche specializzate in ambito scolastico, a cura di Giuseppe Adernò del Consorzio AetnaNet e Michela Ponzani di Rai Storia. Alle 17,30 i Libri scelti per la Costituzione, a cura di Giovanni Cogliandro dell’Università degli studi di Tor Vergata. La Costituzione come educazione alla legalità, alle 18,30 L’International Tour Film Fest per la Costituzione a cura di Piero Pacchiarotti. Un video per la Costituzione: profilo e anticipazioni sul concorso A lezione di Costituzione” premiato nella serata conclusiva della settima edizione. Alle 19 conclusioni a cura di Eleonora Mattia, Presidente IX Commissione Lavoro, formazione, politiche giovanili, pari opportunità, istruzione, diritto allo studio.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

COMUNE DI FAGNANO CASTELLO – CONCORSO (scad. 18 ottobre 2018)

Mobilita' volontaria per la copertura di due posti di agente di
polizia locale e di un posto di istruttore tecnico a tempo
indeterminato e part-time 50%, categoria C1.
(18E09192)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Proseguono le visite al castello di Santa Severa

SANTA MARINELLA – Fino al 30 settembre gli orari di visite al castello di Santa Severa resteranno invariati. Sarà possibile entrare nel maniero dal martedì al venerdì dalle 9.00 alle 18, mentre sabato e la domenica dalle 10.00 alle 19.00. Il questo modo si potrà meglio godere delle giornate di sole e di bel tempo che caratterizzano la stagione così da proseguire il trend positivo di questi mesi. Infatti, il complesso, ha accolto i turisti nella struttura ricettiva dell’ostello inaugurata di recente e ha attratto numerosi visitatori che, grazie alla nuova musealizzazione e alla realtà virtuale, lo hanno premiato con oltre seimila visitatori in soli due mesi. Complice, il successo del cartellone delle sere d’estate, organizzato dalla Regione Lazio in collaborazione con Laziocrea, Mibact e Coopculture , che è stato un appuntamento fisso per i turisti anche con diversi sold out come nel caso di Renzo Arbore e l’orchestra italiana, Maurizio Battista e Lillo e Greg in Best of. E poi i monologhi di Max Giusti e Edoardo Leo, oltre ai tantissimi appuntamenti di musica, teatro, intrattenimento, letteratura, conferenze e percorsi in notturna.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Tra le priorità fossi, scuole e sede comunale

S. MARINELLA – Si è tenuta ieri mattina, nella sala riunioni dell’Istituto Ancelle della Visitazione, la convention del centro sinistra, organizzata dal sindaco Tidei e dal suo staff. Alla presenza del primo cittadino, del suo vice Bianchi, degli assessori, dei consiglieri comunali di maggioranza e dei delegati, sono stati resi noti i progetti e i programmi della nuova amministrazione e sono state successivamente assegnate le deleghe. 
A prendere la parola è stato il sindaco che in una lunga relazione, che ha bloccato sulle poltrone le oltre trecento persone partecipanti, ha spiegato con l’ausilio di molte slade, i progetti che la sua giunta vuole portare a termine nel corso della legislatura. 
Il primo cittadino ha portato a conoscenza dei presenti dei tantissimi problemi a cui ha dovuto far fronte in questi primi due mesi di attività, lasciatigli in eredità dalla passata amministrazione, ma allo stesso tempo ha elencato una serie di opere da realizzare in tempi brevi, per riportare alla funzionalità la macchina amministrativa e i servizi al cittadino. «Sono quei progetti che io ho più volte reso noti in questi mesi – spiega Tidei – che sono la questione del castello di Santa Severa, gli impianti sportivi, le case popolari, la sistemazione delle scuole, la pista ciclabile, le barriere soffolte, il piano di zona della Quartaccia. Tutte cose che abbiamo detto al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti che ci ha promesso di poter parlare con i vari assessori e rivolgersi a loro per alcune tematiche. Come sapete abbiamo dovuto far fronte ad un buco di bilancio catastrofico che ci ha costretto a dichiarare il dissesto ma una volta rimesso il bilancio in equilibrio avremo l’opportunità di chiedere quei fondi necessari per risistemare i fossi con un finanziamento di sei milioni di euro che ci erano già stati assegnati ma che abbiamo rischiato di perdere, abbiamo la necessità di risistemare le scuole, realizzare la sede comunale che vogliamo portare nel plesso delle scuole Benedettine che vogliamo acquistare per portarvi tutti gli uffici comunali sparsi in città, così come ci aspettiamo un aiuto per realizzare le barriere soffolte a Santa Severa, una pista ciclabile da Fiumicino a Civitavecchia e puntare ad avere alcuni terreni di proprietà dell’Arsial per costruire dei parcheggi a Santa Severa, la sede delle associazioni di volontariato, e le case popolari”. Sono stati tantissimi gli argomenti trattati dal sindaco che saranno oggetto di interventi dopo aver risolto i problemi di bilancio.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Mtb Santa Marinella in trionfo alla Sei Ore del Castello

Ancora una striscia positiva di risultati nella seconda domenica di settembre per la Mtb Santa Marinella-Cicli Montanini divisa su più campi gara in diverse regioni d’Italia. Grandissime soddisfazioni sono arrivate dalla Sei Ore del Castello a San Gregorio da Sassola con la vittoria nei team da due elementi ad opera di Lorenzo Bedegoni e Libero Ruggiero, il secondo posto della coppia Pierluigi Possenti-Marco Becattini, il terzo di Massimiliano Chiavacci-Emanuele Zena, il settimo di Stefano Carnesecchi-Massimo Negossi e il secondo posto in ambito femminile per Elisabetta Dani-Antonella Casale. Netto il primato anche nella gara riservata al team di tre elementi con Federico Forti, Edmondo Belleggia e Daniele Tulin. Tra i solitari da registrare la splendida vittoria di Diego Antimi, belle prove offerte da Salvatore De Angelis (quinto G1), Mauro De Angelis (ottavo G1) e Giuseppe Girardi (quarto SG1). Tutti questi risultati ottenuti nella terza prova del circuito ECS Tour 2018 (sotto l’egida del CSI Lazio) consentono alla Mtb Santa Marinella di rimanere al vertice della classifica generale del circuito a una prova dalla fine (Ostia il 21 ottobre), oltre ad aggiudicarsi il primato come società più numerosa (17 elementi). Ancora tanta mountain bike nelle gambe degli atleti santamarinellesi con Manuel Piva che ha riassaporato la gioia della vittoria con il primato assoluto nella mediofondo di Galzignano a Padova dopo aver lasciato il segno il 2 settembre scorso alla Sei Ore del Principe in coppia con Gianni Tonin. Protagonista mancato Gianfranco Mariuzzo nella gara cross country che si è disputata a Treviso dove è stato tagliato fuori da una foratura mentre era in testa. Rientro alle gare con successo per i due bikers pugliesi Domenico Abruzzese e Michele Diaferia che hanno colto rispettivamente il primato tra gli élite e il terzo posto tra gli élite master sport alla Monti Dauni Mountain Bike a Bovino in Puglia. Stradisti all’opera con il ventesimo posto assoluto e il quarto di categoria gentlemen 1 per Pierluigi Stefanini al Trofeo Città di Latera mentre l’impegno a cronometro per Gianluca Magnante a Forano (gara di Esacrono) è stato premiato ottimamente con il terzo miglior tempo assoluto e il primo posto di categoria tra gli élite master sport.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Santa Marinella, si pensa a piste ciclabili e ripascimento

SANTA MARINELLA – Il sindaco Pietro Tidei spiega quali sono i progetti da portare avanti nel momento in cui avrà la possibilità di rendere ufficiale l’equilibrio di bilancio. Tanti sono gli argomenti all’ordine del giorno ed in particolare la raccolta differenziata, nuovi punti luce, la pista ciclabile e le barriere soffolte. «La raccolta differenziata ha bisogno di tempo per essere perfetta – afferma il primo cittadino – purtroppo è stato fatto un bando che ci costerà 27 milioni in sette anni, una spesa esagerata che questa città non può permettersi, quindi noi prorogheremo fino al 31 dicembre l’appalto alla ditta in carica e poi cercheremo di abbassare di 3,5 milioni il costo del servizio, in pratica 500 mila euro in meno all’anno rispetto a quanto previsto. Ci stiamo incontrando con la Regione e con l’Enel per avere nuovi punti luce a risparmio energetico, facendo un nuovo contratto. Con la giunta regionale avremo un incontro per trattare su questioni sociali quali l’emergenza casa, l’aiuto ai  bisognosi, alle ragazze madri e ai disabili, a cui noi ora non possiamo dare risposta visto che da molti mesi sono stati sospesi i sussidi. Abbiamo comunque tanti progetti che presenteremo come ad esempio le piste ciclabili che andranno da Palidoro a Civitavecchia, passando per Santa Marinella. E’ un nostro progetto che proporremo anche alle altre amministrazioni a all’assessore all’Urbanistica della Regione. Altro progetto quello del ripascimento delle barriere soffolte nel tratto di mare che va dal castello di Santa Severa fino allo stabilimento del Barracuda, in modo tale che tutti quegli stabilimenti balneari che insistono su quel tratto di costa, possano evitare l’erosione marina e vedere ampliare il proprio spazio balneabile. Stiamo progettando la ristrutturazione della piscina comunale che noi abbiamo trovato in uno stato pietoso e di cui stiamo pagando il rateo di mutuo da tre anni ma ancora non abbiamo il progetto, nonostante stiamo pagando le rate, abbiamo deciso di revocare l’incarico al professionista che doveva redigere il progetto esecutivo”. Il sindaco poi sottolinea alcune mancanze riscontrate in questo suo primo periodo di mandato. «Sentiamo cose clamorose – conclude Tidei – come quella che è stata accesa per tre notti e tre giorni con continuità la caldaia della scuola media Carducci perché se l’avessero spenta non si sarebbe più accesa. Sono stati spesi 27 mila euro di gas, per tenere accesa una caldaia, perché il Comune non aveva i soldi per comprarne una nuova. Mi domando allora, con 27 mila euro quante caldaie ci compravamo? Nessuno ha pagato per questa mala gestione”. 
Entro settembre porteremo in riequilibrio il bilancio se il ministero dell’interno ci darà finalmente darà la nomina ai tre membri dell’organismo di liquidazione, noi ripartiremo daccapo per dare il via a tutti gli investimenti previsti che sono la pulitura dei fossi, la sistemazione della scuola tra cui le vignacce mentre ieri abbiamo avuto un incontro con i proprietari dell’area che insiste alla curva dello specchio dove vorremmo fare un grande parco di sette ettari con la disponibilità dei proprietari con il contributo dell’enel. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Laziocrea: “Esiste un business plan relativo al castello di Santa Severa”

SANTA MARINELLA – Laziocrea spa, società in house che gestisce il castello di Santa Severa per conto della Regione Lazio, pur condividendo molti dei passaggi dell’articolo pubblicati su Affaritaliani.it,  che di fatto confermano il successo del progetto, tiene a precisare che “alcuni aspetti relativi alla sua presunta fragilità finanziaria non corrispondono alla realtà”.

“Al contrario di quanto sostenuto, – affermano da Laziocrea spa –  esiste un business plan relativo alle attività del Castello. Questo viene costantemente monitorato, di pari passo con l’evoluzione del progetto. A questo proposito si può cautamente affermare che, a fronte di un probabile, leggero squilibrio economico/finanziario che verrà registrato alla fine del 2018, il progetto del castello otterrà una sua autonoma sostenibilità già entro la fine del 2019, tempo relativamente breve per investimenti del genere”.

“Altro aspetto non condivisibile, – sottolinea la società – è quello relativo al giudizio sul modello gestionale adottato. L’impostazione data al progetto va nella direzione di una collaborazione pubblico-privato, come i numerosi bandi di gara pubblici correttamente citati dimostrano. Per la gestione dei servizi del castello si punta, infatti, ad una sinergia pubblico-privati, dove il primo si pone come garante della progettualità del sito, nell’ambito delle politiche tese a valorizzare sempre più il patrimonio immobiliare regionale e a creare un indotto economico per tutto il territorio interessato, mentre i secondi si prendono in carico i servizi, siano questi la ristorazione, i parcheggi, le attività commerciali e altro ancora”.

“Conclusa la fase di start up, – afferma Laziocrea spa – che ovviamente richiedeva e richiede ancora un controllo più assiduo da parte della “proprietà”, al castello di Santa Severa ognuno farà quindi il suo mestiere, con l’obiettivo di rendere sempre più efficienti e efficaci servizi che già oggi sia il territorio, nelle sue emanazioni istituzionali, economiche, sociali, sia gli utenti, stanno mostrando di apprezzare molto”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Castello, polemiche  sul ‘‘caro prezzo’’ 

SANTA MARINELLA – Non ha fatto una buona pubblicità, l’articolo pubblicato dal quotidiano telematico Affaritaliani.t al castello di Santa Severa, che il giornale online definisce un ‘‘castello a caro prezzo’’. Per Affaritaliani.it infatti la gestione regionale del maniero, assegnata ad una società di scopo, la LazioCrea che ha aperto le porte del bene storico ad eventi, cerimonie, mostre culturali e concerti. «Tutto questo succede a Santa Severa – scrive il quotidiano – in un bene demaniale gestito direttamente dallo Stato, nel caso specifico dalla Regione Lazio. Il castello più bello del Mediterraneo è dunque un esempio di come lo Stato, quando vuole, riesce a fare business mescolando cultura, eventi, ristorazione e quello che si ostinano a chiamare “ostello” e che invece è una location esclusiva, elegante nella sua ricercata essenzialità e a costi abbordabili. L’ostello potrebbe competere con location suggestive delle blasonate Toscana e Umbria ma a Santa Severa ha un unicum, le imposte delle stanze da letto hanno due affacci a picco sul mare blu o nel cortile del castello, dove di notte riprendono vita nella fantasia degli ospiti, dame e cavalieri. Per chi fosse ancora scettico sulle capacità dello Stato-imprenditore ecco qualche numero del castello macchina da guerra, in due mesi ha collezionato 6mila visitatori grazie a un programma da far invidia alla Versilia, il mare è stato protagonista del più grande evento italiano dedicato al surf che, nel suo ventennale, ha registrato 20mila presenze”. Fin qui, Affaritaliani.it esterna una certa linea positiva, anche se poi porta l’affondo a pagina due che titola: quando la sinistra fa business con i soldi pubblici. «Ma cosa si nasconde dietro il “castello dei miracoli”? – si domanda il quotidiano – c’è la fissazione del centrosinistra romano poco incline alle privatizzazioni e molto lanciata nel business della cultura con fondi pubblici. Dietro il Castello di Santa Severa, c’è il “genio pubblico di Albino Ruberti” manager un po’ figlio d’arte, chiamato dal 2005 nella holding della cultura romana Zetema e a fine mandato recuperato da Zingaretti come capo di Gabinetto della Regione. A LazioCrea firma la rinascita del Castello spendendo due soldi per risistemare il finto ostello, vero resort, e decide che tutto quel ben di Dio che si affaccia sul mare della tranquilla Santa Severa può e deve diventare una perla del Lazio prima e poi del Mediterraneo. Solo che ogni perla ha un suo prezzo e così il gestore, in pochi mesi, lancia una serie di gare per i servizi che vanno dalla reception compresi i servizi museali e gli eventi straordinari, sino alla manutenzione degli impianti e alle pulizie, che valgono cinque milioni di euro per quattro anni e cinque mesi». (Gi.Ba.)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###