Snc, è il giorno dell’esordio

Il conto alla rovescia, iniziato verso la metà di settembre, è giunto alla conclusione e per l’entusiasmo degli amanti dello sport cittadino ritorna il grande appuntamento con la pallanuoto, a distanza di quasi sei mesi dall’ultima volta. Dopo sessanta giorni abbondanti di preparazione e di intense bracciate, la Snc di Marco Pagliarini si presenta ai nastri di partenza del campionato di serie A2 con tante ambizioni e con un’incessante voglia di affermarsi. Anche in questo campionato l’allenatore del team e i vertici della dirigenza in generale hanno intenzione di dare molto spazio e soprattutto fiducia ai giovani, affiancandoli ai vari senatori quali Daniele Simeoni e il capitano Davide Romiti, leader indiscusso del gruppo di Viale Lazio.
La compagine rossoceleste inizierà oggi alle 16 il suo cammino in trasferta contro l’Ancona in un contesto del tutto inedito, visto i molteplici anni passati nel girone sud. Saranno assenti i giovani Midio e Carlucci, entrambi influenzati.
Della sfida odierna ha parlato mister Pagliarini, facendo il punto della situazione sulla trasferta marchigiana e le probabili relative insidie legate ad essa: «Temiamo l’Ancona anche se non si tratta affatto di un timore reverenziale, ma è semplicemente una paura legata all’alto rispetto che nutriamo non solo nei confronti dei nostri immediati avversari, ma di tutte le altre formazioni in generale contro cui dovremo competere. Affronteremo una squadra in un match pieno di insidie: lo scorso anno l’Ancona ha cercato di ottenere una salvezza tranquilla e ci è riuscita perfettamente, tra l’altro con quattro o cinque giornate di anticipo.Voglio anche ricordare che è riuscita ad imporsi contro formazioni più quotate come il Bologna, che alla fine è arrivata ai playoff».
Secondo il selezionatore e motivatore della Snc, un’ulteriore difficoltà nel match di oggi potrebbe essere rappresentata dalla vasca scoperta che ospiterà la compagine di patron D’Ottavio, ennesimo elemento, dunque, che potrebbe compromettere una partita dall’esito tutt’altro che scontato.
Nonostante sia comunque una gara d’esordio, il match marchigiano di oggi sarà comunque fondamentale per il morale dei ragazzi che prima della sosta natalizia dovranno affrontare altri tre esami impegnativi.
«Il fatto di giocare quattro partite per poi fermarsi un mese potrebbe costiuire un problema per noi e per le altre concorrenti in gioco – conclude coach Pagliarini – in quanto non giocando con continuità è come se questo filotto iniziale di gare sia una sorta di preparazione al campionato, comunque sarebbe fondamentale iniziare nel migliore dei modi la nostra avventura».
Giunto ormai alla diciottesima stagione alla guida tecnica della sua squadra, l’inesauribile Marco Pagliarini spera dunque in un successo che possa dare fiducia ad un gruppo attualmente costruito per il mantenimento della categoria e per la valorizzazione dei giovani, fiore all’occhiello di una rosa il cui obiettivo principale è indubbiamente quello di emergere. (Ma. Gra.)
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Aurora Pasquini è miss teenager danza

ALLUMIERE – Aurora Pasquini da domenica è Miss Teenagers Danza. La bellissima allumierasca (nata il 15 dicembre del 2000 a Roma) figlia del sindaco di Allumiere Antonio Pasquini e dell’insegnante Laura Superchi, ha partecipato a questo prestigioso concorso e ha conquistato il pass per la finale che si è tenuta domenica sera presso l’hotel e centro congressi ‘’Roma Lifestyle Hotel’’. Miss Teenager è il concorso che in cinquant’anni ha scoperto e lanciato alcune delle più famose dive dello spettacolo, del cinema e della televisione italiana: Gloria Guida, Ewa Aulin, Mita Medici, Silvia Dionisio, Barbara De Rossi, Isabella Ferrari, Milly Carlucci, Claudia Gerini, Laura Chiatti, Laura Freddi, Bianca Guaccero, Serena Autieri, Simona Ventura, sono solo alcuni dei volti noti del nutrito archivio del concorso. Lo spettacolo è stato presentato da Angelo Martini e da Angelica Massera. Madrina dell’evento è stata l’affascinante attrice Barbara De Rossi, mentre il popolare attore Sebastiano Somma ha presieduto a giuria VIP. Aurora Pasquini è stata una delle 25 concorrenti arrivate in finale. A valutare le concorrenti saranno una commissione tecnica e una giuria “vip”, composta da noti personaggi dello spettacolo, mentre nella commissione c’erano: Alberto Righini (model manager), Francesco Oliviero (attore), Maria Grazia Putini (giornalista), Tiziana Fiorveluti (ballerina e coreografa), Stefano Tordi (ballerino e coreografo), Francesco Bellomo (regista e produttore teatrale), Gg Jack (produttore musicale), Alfonso Bettini (produttore musicale), Yury Patricelli (influencer), Federica Crespina (influencer) e Paolo Servadei (titolare WhiteGlo). Aurora Pasquini oltre ad incantare tutti con la sua bellezza e il suo perfetto portamento è anche una ragazza talentuosa e impegnata: ha frequentato il Balletto di Roma e ora frequenta con grande profitto il 5° anno del Liceo Coreutico ed è convittore presso il convitto nazionale Vittorio II di Roma; torna a casa il sabato e va a Roma la domenica sera; danza divinamente, quando cammina sembra volare e si muove con grazia e eleganza; è simpatica e non si monta la testa, ma è quadrata e posata e sa cosa vuole; la sua passione è la danza e sta facendo sacrifici e rinunce per raggiungere il suo obiettivo. Quando sta ad Allumiere Aurora ha un’altra passione: la Contrada Nona per la quale è una delle figuranti più belle, fa da dameriera alle sagre e il suo cuore batte per i colori rossoverdi. Aurora è la nipote del grande portiere Franco Superchi da cui ha ereditato la caparbietà, la voglia di impegnarsi e la serietà. In finale oltre ad Aurora Pasquini c’era anche un altra bellissima allumierasca: Ilaria Mariani, la quale questa volta, però, non ha conquistato fasce. Le ragazze hanno danzato sulle coreografie di Marilena Ravaioli, ballerina e coreografa della Rai nonché insegnante del Centro Artistico di Ballettomdi Tolfa. «Si chiude anche questa edizione di Miss TeenAgers, due giornate intense dove l’energia delle giovani miss mi ha regalato emozioni – spiega la bella e frizzante coreografa tolfetana, Marilena Ravaioli – brave le finaliste per la categoria danza, le quali in poco tempo hanno saputo confrontarsi con un coreografia di 5 minuti complessa tecnicamente. Podio meritato per Aurora Pasquini». Complimenti ad Aurora dai residenti di Allumiere, dalla Contrada Nona e dalla Pro Loco.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La Snc torna in vasca

di MARCO GRANDE

A due giorni esatti dall’inizio della preparazione, Daniele Simeoni, difensore che è ritornato in questa stagione alla Snc dopo l’ultimo triennio a Latina, ha fatto il punto della situazione e ha parlato degli obiettivi personali e di squadra da conseguire nel campionato che verrà. Il classe 1979, alla soglia dei 40 anni, non considera la sua età anagrafica come un problema: il nuovo rinforzo della squadra di coach Pagliarini, infatti, ritiene che non sia ancora arrivato il momento di smettere e, a tal proposito, afferma fermamente: «Ho la netta sensazione che posso dare ancora molto a questo sport». 
In una frase breve e concisa, dunque, il giocatore lascia presagire che non vorrà avere un ruolo da comparsa quest’anno e che nel suo ritorno al Pala Enel Marco Galli c’è ben altro che la volontà di chiudere la carriera qui: c’è il desiderio di abbracciare nuovamente quel pubblico che lo ha reso grande, ad esempio, così come è troppa la voglia di mettersi in luce in una formazione in cui per anni ha giocato ad alto rendimento. 
Riguardo i suoi obiettivi personali, senza sbilanciarsi più di tanto, Daniele Simeoni vuole trasmettere ai più giovani i concetti di sacrificio, determinazione e divertimento, soffermandosi in particolar modo sul fatto che prima di tutto la pallanuoto sia un gioco, e considerarla come tale può essere un aiuto per affrontare ogni partita in modo più positivo e lucido. 
Non manca neanche un pizzico di nostalgia nel discorso del trentanovenne civitavecchiese, che ricorda quando la Snc era una sorta di elemento di unione per il popolo cittadino. 
«Bisogna ricreare quella sintonia che portava ogni sabato almeno 500 persone alla Bombonera di Largo Caprera (attualmente Largo Marco Galli – ndr) – aggiunge- e occorre gettare le basi per risalire ai livelli in cui la società è abituata a stare”. Riguardo le possibilità di approdare ai playoff, invece, Simeoni non si sbilancia, affermando che l’obiettivo per cui lotterà la società di patron D’Ottavio si delineerà con il passare delle giornate. Solo allora, quindi, si saprà se si giocherà per l’accesso in serie A1 o per il mantenimento della categoria. “Considerando che la nostra ultima apparizione nel girone Nord risale ad una decina di anni fa circa – conclude – possiamo essere considerati come una mina vagante, ovvero un gruppo imprevedibile».
Ciò che è certo allo stato attuale, è la grande esperienza che l’arcigno difensore utilizzerà al meglio per dare benefici alla squadra, che ha ritrovato per la terza volta nella sua carriera. La sua avventura agonistica inizia proprio a Civitavecchia nella stagione 1997-1998, dove rimane nel giro della prima squadra per 7 lunghe stagioni. Poi nel mezzo le esperienze con il RN Bogliasco, RN Sori E Latina. 
Dal 2011 al 2015 ritorna nella sua città natale in cui raggiunge sempre la finale per salire in Serie A1; poi, come accennato in apertura, il triennio nuovamente nella società pontina prima di ristabilirsi laddove tutto iniziò.
Soprannominato nella sua esperienza in Liguria “lo specialista”, Daniele Simeoni è stato spesso negli anni garanzia di promozione nella massima serie nazionale, il gradino più alto che nella cittadina tirrenica manca ormai da 6 stagioni. 
Si tratta di una pedina fondamentale nello scacchiere della società del presidente Roberto D’Ottavio, non solo dal punto di vista tecnico, ma anche per il carisma esemplare che ha acquisito negli anni. La sensazione è che il club di Civitavecchia vorrà puntare proprio sul ruolo di leadership dell’esperto pallanuotista, utile sicuramente per contribuire anche allo sviluppo del settore giovanile e per progettare un sogno, quello della promozione. E proprio nell’ottica di valorizzare i giovani, la Snc ha chiuso per il classe 2001 Simone Carlucci, nativo di Ladispoli, cresciuto nel vivaio rossoceleste ed ex Vis Nova.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###