Dlf, l’Under 16 tiene testa alla capolista Trastevere

«Sapevamo che sarebbe stata un’impresa improba ma sapevamo anche che avremmo fatto la nostra partita». Così commenta il tecnico Mauro Di Giovanni nel dopo gara tra Dlf e Trastevere, valida per l’ottava del campionato regionale Under 16. «Il Trastevere è una vera corrazzata – continua il tecnico – e l’ha dimostrato sul campo, noi abbiamo fatto una buona gara, e questo ci da morale. La sconfitta ci sta, ma se il direttore di gara avesse arbitrato con più imparzialità magari staremmo commentando una gara diversa. Comunque voglio fare i complimenti ai miei ragazzi perché perdere 4 a 3 con una squadra che comanda la classifica con otto vittorie e un solo pari, evidenzia i grandi passi in avanti che stiamo facendo». Andando alla cronaca buon approccio di gara dei biancoverdi, anche se il Trastevere prende subito le redini di gioco e costringe i dielleffini nella propria metà campo. I biancoverdi riescono ad arginare le triangolazioni avversarie che innescano in porta le punte. Al  10’ la prima occasione amaranto che arriva direttamente da calcio di punizione, con Pennacchi che scheggia la traversa. I biancoverdi si difendono con ordine e provano ad impensierire la difesa romana giocando di rimessa lanciando su Bastianini oggi unica punta. Il vantaggio Trasteverino arriva al 24’, dopo una serie di triangolazioni che mettono Pennacchi solo davanti a Ferrilli, il numero 10 supera il portiere in uscita disperata. Al 30’ il raddoppio. Il direttore di gara vede un fallo dal limite dell’area e ammonisce Tersigni per proteste. Da posizione centrale, ancora Pennacchi, colpisce la traversa ma la palla rocambola sulle spalle di Ferrilli e finisce in rete. Al 39’ ancora una svista arbitrale permette ai romani di usufruire di una punizione dal limite dell’area, sul lato sinistro del campo. La conclusione viene spizzata in area e termina in rete. Nella ripresa i biancoverdi scendono in campo con maggiore determinazione e iniziano a tessere buone trame di gioco che portano, al 4’ alla realizzazione della rete del 3 a 1. Bencini direttamente da punizione spedisce in rete alla sinistra del portiere. Il Trastevere reagisce immediatamente e ristabilisce le distanze con Pesce che in tuffo di testa devia in rete un cross proveniente dalla sinistra. I biancoverdi tentano di ridare vita ad una gara che diventa apatica. Al 18’ è Napolitano che realizza la rete del 4 a 2 su calcio di rigore da lui stesso procurato. La partita si riaccende al 40’ con la realizzazione del 4 a 3 da parte di Gagliardi che devia di testa in rete un bel cross di Bencini. Purtroppo il tempo a disposizione per tentare il miracolo non ce ne e la gara termina con una sconfitta che non porta punti ma per quanto visto in campo porta morale e fiducia per il proseguo del campionato.
Dlf Civitavecchia: Ferrilli, Tombolelli, Sudati, Paniccia, Gagliardi, Tersigni, Napolitano, Bencini, Bastianini, Schiavo D., Tamasi, Serra, Schiavo S., Castellano, Baroncini, Scirocchi, Carannante. Marcatori: Bencini, Napolitano, Gagliardi (Dlf). Allenatore: Mauro Di Giovanni.
Vince e convince la Grosselli Band, formazione 2004-Under 15. Sul green amico i dielleffini strapazzano il Selva Candida con un netto 5-1. La partenza dei padroni di casa è bruciante: al 13’ Garofalo, servito prontamente da Rossi F., ha troppa fretta di calciare e il suo tiro si spegne tra le braccia di Fatati. Poco male perché un minuto più tardi Natini si invola tra due avversari superandoli in dribbling e di destro batte Fatati in uscita.  È l’inizio di una giornata trionfale per i dielleffini, che portano a due le reti di vantaggio con Rossi F. che con una gran girata mette la palla sotto l’incrocio dei pali, dove Fatati non può arrivare. Al 18’ arriva il tris biancoverde ancora con Garofalo che approfitta di un erroraccio della difesa capitolina. Ruba palla controlla e esplode il sinistro con la sfera che si insacca alla sinistra della porta difesa da Fatati. La quarta rete suggella la doppietta di Garofalo: azione insistita sulla sinistra con Pepe che s’incunea nella difesa del Selva e calcia in porta, sulla respinta corta del portiere si avventa Garofalo che ribadisce in rete. E’ il momento del tè caldo con la partita già in ghiaccio dopo i primi trentacinque minuti di gioco. Nella ripresa la musica non cambia. Ancora Garofalo pericoloso, prima con una girata che sorvola la traversa, poi un minuto più tardi, con un tiro che si spegne a lato. Al 26’ il DLF cala il superpoker per mano di Di Battista. L’attaccante dielleffino, dopo un batti e ribatti in area, trova la freddezza di calciare nella mischia e superare il portiere. I biancoverdi nonostante il largo vantaggio continuano a macinare gioco e a creare occasioni da rete. Al 30’ ci prova anche Rossi F. ma i suoi due tentativi trovano prima un buon intervento del portiere e il secondo il palo. A tempo ormai scaduto De Biase trova la rete della bandiera per il Selva Candida, che rende meno amara la sconfitta. Nel post gara queste le dichiarazioni del tecnico Grosselli: «La mia squadra era concentratissima e voleva vincere a tutti i costi, con la consapevolezza che ogni gara ha storia a se. I miei ragazzi hanno oggi interpretato la partita come volevo io, senza fare grossi errori difensivi, come spesso facciamo. Stiamo crescendo e ci stiamo preparando per quegli incontri che potrebbero determinate un campionato.
Dlf Civitavecchia: Bracchi, Carannante, Pepe, Di Gennaro, Rossi D., De Gianni, Natini, Schiavo D., Garofalo, Rossi F., Santacroce, Deiana, Carroni, Santecchi, Di Battista, Muzi. Marcatori: Natini, Rossi F., Garofalo (2), Di Battista (Dlf), Pau (SC). Allenatore: Giuseppe Grosselli.
Un gol fantasma e tanta sfortuna decretano la sconfitta per gli Under 14 classe 2005 guidati da Roberto Fara. Sul rettangolo dello Sporting Tanas finisce 1 a 0 per i romani, con tante recriminazioni e tanto rammarico. «Abbiamo perso una gara dove la formazione di casa, in tutta la partita, ha tirato in porta solo due volte e una delle due neanche è arrivata sulla linea – commenta un arrabbiato Roberto Fara –  e perdere per un gol non segnato è l’antitesi del calcio. Poi sentirsi dire dall’arbitro “nel dubbio fischio il gol” è da incoscienti, tanto più che lo stesso si trovava nel disco di centrocampo, eluso dal lancio lungo con cui si è innescata l’azione. Oggi ci hanno fermato solo i pali e il direttore di gara. Comunque guardo il bicchiere mezzo pieno, sono soddisfatto per quanto visto in campo, i ragazzi hanno lottato dall’inizio alla fine, con il buon gioco e l’impegno la continuità dei risultati arriverà, ne sono convinto». Biancoverdi in campo con il consolidato modulo 3-5-2, partono forte e prendono immediatamente le redini della gara. I  biancorossi di casa giocano di rimessa con lunghi rinvii a scavalcare il centrocampo. La prima occasione è del Tanas che su calcio di punizione impegna un attento De Rosa. I biancoverdi padroneggiano in mezzo al campo ma per venticinque minuti non riescono ad essere pericolosi. Al 25’ dagli sviluppi di un’azione manovrata, Luciani viene servito in diagonale e incrociando calcia di destro superando Sideri in uscita. La palla colpisce il palo e torna tra le braccia del portiere stesso. Tre minuti più tardi ancora da azione impostata è ancora Luciani che dal limite dell’area piccola non riesce a superare Sideri che di istinto respinge, la palla giunge al limite dell’area dove Fara colpisce al volo mandando la palla sopra la traversa. Sul punteggio di 0 a 0 si va al riposo. Al primo minuto della ripresa, il fattaccio. Solito calcione lungo che Mazzarini fa scorrere per agevolare l’uscita di De Rosa, tra i due manca la comunicazione e ne approfitta Porfili che infila il difensore e batte a rete. De Rosa para ma la palla non trattenuta si dirige lentamente verso porta. Trillocco recupera la sfera, almeno un metro e mezzo prima della linea di porta e si accinge ad impostare l’azione. Inspiegabilmente il direttore di gara fischia la rete, con il Tanas che inizialmente ha reclamato pensando al fischio per un fallo di gioco. Inutili le proteste biancoverdi. I dielleffini non ci stanno e cominciano ad attaccare a testa bassa. Prima con Fara su calcio da fermo, para il portiere, poi Luciani prima impegna il portiere,  poi nell’azione successiva è fermato per un inesistente fuori gioco, quando si trovava a tu per tu con Sideri. Ancora D’Antini e ancora Sideri che respinge in angolo. Poi il turno di Sudati che si auto lancia il difensore nel tentativo di contrastarlo stoppa la palla con le mano ma per l’arbitro è tutto regolare. In ultimo è Fara calcia con il mancino, ma la palla s’infrange sul palo, assieme alle speranze dei dielleffini di agguantare il pareggio.
Dlf Civitavecchia:  De Rosa, Trillocco, Rago, Cavero, Mazzarini, Capelli, Fara, Poci, D’Antini, Del Rio, Luciani, Deiana Capraro, Sudati, Serpente, Romiti, Nesta, Vitelli. Allenatore: Sig. Roberto Fara.
Terza giornata di campionato per tutte le formazioni della Scuola Calcio dielleffina.
Gli Esordienti 2006 di Gabriele Colonna hanno avuto vita facile su di un terreno pesantissimo, quello del San Gabriele battendo per 3-0 la Massimina, risultato dei singoli tre tempi (0-4/0-4/0-4). 
Gli Esordienti 2007 Verde guidati da mister Filippo De Gaetano hanno sconfitto i pari età del Grifone Monteverde per 3-1 nel conteggio dei tre tempi con i parziali (0-0/0-2/0-1).
I Pulcini 2007 Bianca, guidati da mister Stefano Fusco hanno battuto l’Atletico Ladispoli con il risultato finale dei tre tempi per 3-0 con parziali (2-0/2-1/4-1).
I Pulcini 2008 guidati da mister Massimiliano Pane, tornano corsari da Casalotti battendo i capitolini per 3-0 nel conteggio dei tre tempi con i parziali (0-2/0-2/0-5).
I Pulcini 2009 dell’istruttore Dignani Bruno, erano impegnati nella Final Six della Lazio Cup Kermesse regionale con la partecipazione di società sia Professionistiche che Dilettantistiche.
La fase finale, disputata interamente sul terreno dell’Academy Qualcio Roma, a cui hanno partecipato le prime sei formazioni tra le 24 che hanno partecipato alla selezione di ottobre. La fase finale prevedeva due gironi da tre squadre ognuna, nel girone del DLF, come seconda classifica nella fase eliminatoria, sono stati abbinati la Tor Tre Teste e il Circolo Canottieri. Entrambe le gare sono terminate sull’1 a 1 e la vittoria della Tor Tre Teste sul Circolo Canottieri ha determinato la classifica finale. La Tor Tre Teste, vincitrice del girone ha disputato la finale 1/2 posto, mentre i dielleffini si sono dovuto accontentare di disputare la finale 3/4  posto. Nella finale i biancoverdi hanno ceduto per 3 a 1 al Latina. La finale è stata vinta dalla Tor Tre Teste che ha battuto per 1 a 0 gli aquilotti della SS Lazio. Un gran risultato quello ottenuto dai nostri piccoli calciatori che dimostra ancora una volta la qualità della Scuola Calcio dielleffina che si impegna da anni per la crescita e la socializzazione del bambino. 
Le due formazioni dei Primi Calci 2010 guidate dell’istruttore Matteo Fiorini hanno disputato venerdì e domenica  due gare; la prima contro i pari età della San Pio X impattando per 2-2 nel conteggio dei tempi (3-1/1-1/0-1). Nella seconda gara, disputata domenica al Vergari, hanno battuto per 3-0 il Bracciano nel conteggio dei tempi (1-3/1-3/2-4). 
I Piccoli Amici sabato 8 dicembre hanno partecipato,insieme ad altri bambini di altre società, tra cui Olympia, Atletico Ladispoli, Poseidon e Leocon, alla manifestazione calcistica “Aiutiamoli a Crescere 2018” dedicata ai nati nel 2012 e nel 2013. L’Evento è stato sponsorizzato dall’Enel. Tanti gol e tanto divertimento, perché correre dietro un pallone è sempre il gioco più bello del mondo.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Crc protagonista anche con i più piccoli di casa

Ancora un altro weekend di divertimento e rugby genuino per le tante squadre giovanili del Crc. I piccoli guerrieri biancorossi hanno messo in mostra impegno, determinazione e portato a casa qualche risultato importante. 
Partiamo dal concentramento al Moretti della Marta per i piccoli rugbisti dell’Under 8 di Chiara Nicolò e Stefano Pergolesi, coadiuvati da Enrico Mugano. Sul terreno casalingo hanno affrontato a testa alta le compagini avversarie, dimostrando di saper mettere in pratica gli insegnamenti settimanali. I coach sono soddisfatti di una crescita che sta diventando sempre più costante. 
E domenica intensa anche per l’Under 10 di Felice Raponi e Simone Di Giovanni coadiuvati nell’occasione da Federico Cosimi. Il gruppo si è presentato con due squadre che all’inizio non hanno mostrato tanta voglia di giocare, ma sotto la spinta motivazionale degli allenatori hanno rimontato e sono riusciti a disputare, nello specifico la squadra B una finale per il 3-4 posto e la squadra A la finalissima 1-2 posto finita poi in parità. 
«Ci aspetta una settimana di duro allenamento soprattutto per rafforzare il placcaggio», fanno sapere i tecnici. Complimenti a due bambini Andrea M. e Matteo M. per la loro prima partita.
Sabato scorso invece si è registrata l’ottima prestazione dell’Under 14 che al Moretti-Della Marta ha vinto 65 a 0 con i pari età della società All Reds Rugby Roma. Grande soddisfazione per i coach Alessandro Crinò e Fabrizio Regina che continuano a lavorare per migliorare gli aspetti tecnici e la crescita di tutti i ragazzi.
Sempre sabato, infine, l’Under 18 di Alessio Moretti e Simone Montana Lampo non ha giocato la partita contro l’Ostia. Gli sforzi e il lavoro preparato in settimana sono spostati al prossimo impegno.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Un solido Crc impatta sul campo della capolista 

Un pareggio di sostanza e una bella prova di maturità superata. Il Crc esce indenne dalla trasferta di Cesena contro la capolista Romagna. Il match è terminato in parità, 15-15, con la squadra allenata dai tecnici Giampiero Granatelli e Mauro Tronca in grande crescendo a livello di prestazione. Parte meglio Romagna che chiude il primo tempo 12-0: ospiti in difficoltà sul gioco al piede chirurgico degli avversari e sulla loro lettura delle touche. Al tramonto della prima frazione grande azione difensiva dei biancorossi che respingono il Romagna dai 5 metri alla metà campo a forza di placcaggi. Nel secondo tempo la musica cambia con il Crc che si insedia nella metà campo dei padroni di casa e inizia a macinare multifasi fino alla meta di Cerquozzi trasformata da Calandro. Dopo altri 10 minuti meta di Calandro dopo un multifase non trasformata. Nell’occasione della meta giallo al capitano Manuelli. Nonostante l’inferiorità numerica i civitavecchiesi continuano ad attaccare senza subire punti. Ristabilita la parità numerica il Crc subisce un calcio di punizione, 15 a 12 per Romagna, ma si registra l’immediata replica con Calandro che segna da posizione difficile tre punti per un cp a favore biancorosso. «Gli ultimi 15 minuti – commenta lo staff tecnico del Crc nel dopo gara – siamo stati noi ad essere pericolosi vicino alla loro meta. Grande difesa del Cesena e pareggio giusto. Bella partita che ha confermato le aspettative delle due squadre».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Crc, prova di maturità  

Sarà una settima giornata di andata in serie B con i fari puntati tutti addosso al Crc. 
Alle 14.30, infatti, si gioca la supersfida contro la capolista Romagna. A Cesena i ragazzi allenati dai tecnici Giampiero Granatelli e Mauro Tronca se la vedranno con la prima della classe, un confronto spartiacque per i biancorossi che dal terzo posto mirano a fare un salto di qualità significativo in classifica. 
Che quella di Cesena è una trasferta diversa da tutte le altre lo si capisce anche dall’organizzazione dell’evento, visto che il gruppo civitavecchiese è partito in anticipo, già ieri alle 14: «È la prima volta che passeremo tutto questo tempo insieme, può essere una chiave di svolta del nostro lavoro – spiega Granatelli – fin dall’inizio della stagione per la verità abbiamo puntato su questo aspetto, cercando di crescere insieme, da dopo Ferragosto, tentando di far interagire molto i ragazzi della prima squadra. Abbiamo bruciato le tappe in quanto al legame, ai rapporti interpersonali, ma anche sotto il profilo del gioco. Un progetto che ci lega dal punto di vista dell’interpretazione del rugby». 
Per il Crc non è stata una settimana come tutte le altre: «I ragazzi hanno trascorso giorni diversi dalla routine solita – aggiunge il tecnico – abbiamo dedicato più tempo a particolarità specifiche per domenica. Andremo in campo con la maturità e la consapevolezza che la partita andrà affrontata con serenità e grande attenzione. Siamo convinti dei nostri mezzi, faremo una gran partita, sono fiducioso. I ragazzi rispondo molto bene. Passare più giorni insieme ci può dare un’extra energia».
Arbitra l’incontro Simone Boaretto di Rovigo. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Crc, prova di maturità  

Sarà una settima giornata di andata in serie B con i fari puntati tutti addosso al Crc. 
Alle 14.30, infatti, si gioca la supersfida contro la capolista Romagna. A Cesena i ragazzi allenati dai tecnici Giampiero Granatelli e Mauro Tronca se la vedranno con la prima della classe, un confronto spartiacque per i biancorossi che dal terzo posto mirano a fare un salto di qualità significativo in classifica. 
Che quella di Cesena è una trasferta diversa da tutte le altre lo si capisce anche dall’organizzazione dell’evento, visto che il gruppo civitavecchiese è partito in anticipo, già ieri alle 14: «È la prima volta che passeremo tutto questo tempo insieme, può essere una chiave di svolta del nostro lavoro – spiega Granatelli – fin dall’inizio della stagione per la verità abbiamo puntato su questo aspetto, cercando di crescere insieme, da dopo Ferragosto, tentando di far interagire molto i ragazzi della prima squadra. Abbiamo bruciato le tappe in quanto al legame, ai rapporti interpersonali, ma anche sotto il profilo del gioco. Un progetto che ci lega dal punto di vista dell’interpretazione del rugby». 
Per il Crc non è stata una settimana come tutte le altre: «I ragazzi hanno trascorso giorni diversi dalla routine solita – aggiunge il tecnico – abbiamo dedicato più tempo a particolarità specifiche per domenica. Andremo in campo con la maturità e la consapevolezza che la partita andrà affrontata con serenità e grande attenzione. Siamo convinti dei nostri mezzi, faremo una gran partita, sono fiducioso. I ragazzi rispondo molto bene. Passare più giorni insieme ci può dare un’extra energia».
Arbitra l’incontro Simone Boaretto di Rovigo. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Weekend negativo per il Crc

Ancora un altro weekend di sano rugby per le squadre del settore giovanile del Crc. Qualche sconfitta di troppo per la verità in questa settimana ha caratterizzato il percorso del vivaio biancorosso. 
L’Under 10 che domenica scorsa è stata protagonista al Torneo nazionale ‘‘capitolino’’ a Roma. Sotto una incessante pioggia i ragazzi di Felice Raponi e Simone Di Giovanni hanno incontrato squadre molto competitive provenienti da Milano passando per Prato fino al Sannio, vincendo 2 partite e subendo 3 sconfitte, dalle quali si deve ripartire per migliorare in determinazione e concentrazione. Soddisfatti i tecnici e la società della crescita dei nostri giovani Crc.
Tanta pioggia, e anche un terreno di gioco proibitivo, hanno accolto invece i rugbisti Under 12 del Crc (nella foto), i quali hanno partecipato al Torneo Portus a Fiumicino. Difficile il gioco sotto molti aspetti che tuttavia non ha impedito ai nostri di mettere in pratica gli insegnamenti dei coach Caprio e Cosimi. E come nello spirito rugbistico alla fine «scivolata» sul terreno fangoso.
Sconfitta per l’Under 16 del Crc/Villa Paphili, sul campo amico Moretti della Marta di Civitavecchia contro Ftgi R. Lions Alto Lazio, partita tutta in salita contro una squadra più fisica e ben organizzata, con l’aggravante delle condizioni del campo, ai limiti della praticabilità e sotto una pioggia battente. I nostri giovani atleti non sono stati capaci di sfruttare i palloni che erano in proprio possesso e hanno dimostrato delle difficoltà a difendere nello spazio. Molto lavoro aspetta in settimana gli allenatori Maddaloni e Bruschi.
Partita ostica, invece, per l’Under 18 del Crc, sempre domenica scorsa, ma a Viterbo contro Ftgi R. Lions Alto Lazio. I biancorossi allenati da Alessio Moretti e Simone Montana Lampo sono riusciti ad esprimere un discreto gioco sul campo nonostante i vari errori commessi e a progredire di minuto in minuto riuscendo ad andare in meta con un buon gioco collettivo. La sconfitta brucia ma i rimproveri in settimana hanno dato i loro frutti. Molti meno falli e molto più gioco hanno fatto ben figurare la squadra biancorossa. La strada è ancora lunga ma se i giocatori risponderanno così anche in futuro saranno tempi duri per i prossimi avversari.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Weekend negativo per il Crc

Ancora un altro weekend di sano rugby per le squadre del settore giovanile del Crc. Qualche sconfitta di troppo per la verità in questa settimana ha caratterizzato il percorso del vivaio biancorosso. 
L’Under 10 che domenica scorsa è stata protagonista al Torneo nazionale ‘‘capitolino’’ a Roma. Sotto una incessante pioggia i ragazzi di Felice Raponi e Simone Di Giovanni hanno incontrato squadre molto competitive provenienti da Milano passando per Prato fino al Sannio, vincendo 2 partite e subendo 3 sconfitte, dalle quali si deve ripartire per migliorare in determinazione e concentrazione. Soddisfatti i tecnici e la società della crescita dei nostri giovani Crc.
Tanta pioggia, e anche un terreno di gioco proibitivo, hanno accolto invece i rugbisti Under 12 del Crc (nella foto), i quali hanno partecipato al Torneo Portus a Fiumicino. Difficile il gioco sotto molti aspetti che tuttavia non ha impedito ai nostri di mettere in pratica gli insegnamenti dei coach Caprio e Cosimi. E come nello spirito rugbistico alla fine «scivolata» sul terreno fangoso.
Sconfitta per l’Under 16 del Crc/Villa Paphili, sul campo amico Moretti della Marta di Civitavecchia contro Ftgi R. Lions Alto Lazio, partita tutta in salita contro una squadra più fisica e ben organizzata, con l’aggravante delle condizioni del campo, ai limiti della praticabilità e sotto una pioggia battente. I nostri giovani atleti non sono stati capaci di sfruttare i palloni che erano in proprio possesso e hanno dimostrato delle difficoltà a difendere nello spazio. Molto lavoro aspetta in settimana gli allenatori Maddaloni e Bruschi.
Partita ostica, invece, per l’Under 18 del Crc, sempre domenica scorsa, ma a Viterbo contro Ftgi R. Lions Alto Lazio. I biancorossi allenati da Alessio Moretti e Simone Montana Lampo sono riusciti ad esprimere un discreto gioco sul campo nonostante i vari errori commessi e a progredire di minuto in minuto riuscendo ad andare in meta con un buon gioco collettivo. La sconfitta brucia ma i rimproveri in settimana hanno dato i loro frutti. Molti meno falli e molto più gioco hanno fatto ben figurare la squadra biancorossa. La strada è ancora lunga ma se i giocatori risponderanno così anche in futuro saranno tempi duri per i prossimi avversari.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cpc, Corneto e Cerveteri agli ottavi

La Coppa Italia ha dato i suoi parziali verdetti. 
La Cpc2005 senza tanti patemi bissa la vittoria dell’andata anche allo Scoponi di Tolfa. Bastano i guizzi di Loiseaux e Tabarini a regalare  la vittoria alla compagine diretta da Paolo Caputo. La Cpc accede agli ottavi insieme a Corneto Tarquinia, Città di Cerveteri, Vigor Acquapendente, Accademia Calcio Roma, Palestrina, Licenza, Cantalice, Palocco, Atletico Torrenova, Vis Sezze, Ostiantica, Aurora Vodice Sabaudia, Ferentino, Città di Paliano e Suio. 
Nel freezer dello Scoponi si sfidano la capolista Cpc2005 e i biancorossi del Tolfa. Il match dell’andata ha in pratica chiuso la qualificazione, recuperare tre gol ai portuali sa di mission impossible in Via della Pacifica. Ne nasce una gara in cui i collinari cercano di limitare i danni, lasciando spazio alle seconde fila, e una  Cpc2005 che tende ad amministrare gioco e possesso. Una gara al piccolo trotto già dall’avvio, ma quando i portuali verticalizzano in velocità si vede. Eccome se si vede. Tra le paio d’occasioni capitate nel primo tempo a Spanò ed Esposito, bravo Galimberti a respingere in entrambi i casi, ci sono poi i due legni colpiti dai portuali. Neanche un minuto e Lancioni colpisce la traversa con un bolide dai 25 metri, allo scadere è invece Tabarini a colpire il palo  destro. L’estremo difensore locale può solo veder rimbalzare la sfera sui legni. Si va a riposo così, in un freddo glaciale che invade uno Scoponi di Tolfa mai cosi avaro di spettatori. 
Per vedere la prima conclusione del Tolfa bisogna aspettare in quarto della ripresa, para agevolmente Nunziata. È un altro piglio quello dei collinari in questo avvio, la Cpc2005 sembra sazia e da l’impressione di lasciar campo agli avversari. Non sarà cosi fino alla fine. Conforti va vicina al gol al ventesimo, Nunziata la vede sfilare alla sua sinistra. Quando tutto fa presagire allo zero a zero  la difesa collinare pecca dì ingenuità. Prima Loiseaux, imbeccato da Metta, e poi Tabarini in solitaria segnano le due reti che valgono la vittoria.
Tutto secondo i piani anche per il Corneto Tarquinia, che tra le mura amiche del Bonelli supera con lo stesso risultato dell’andata, 4-1, la malcapitata Aranova. A griffare le reti etrusche ci pensano Pastorelli (doppietta), Federici e Forieri.
Al Galli la decide Paraschiv, che regala il passaggio del turno al Città di Cerveteri: al triplice fischio la Csl Soccer s’arrende 1-0 e in virtù del 2-2 maturato nel primo faccia a faccia al campo Gagliardini di Civitavecchia passano i verdazzurri.
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Continua il momento magico del Tolfa

TOLFA – Continua il bel momento del Tolfa nel campionato di Promozione. Davanti al pubblico amico dello Scoponi, i biancorossi hanno schiantato per 5-1 l'Aurelio fanalino di coda. Decisivi i timbri di Trincia alla mezz'ora e di Lavagnini ad inizio secondo tempo, a cui hanno fatto seguito un altro centro dei due attaccanti, con il bottino completato da Smacchia. La squadra di Riccardo Sperduti continua a fare bene ed ora si porta al sesto posto in compagnia della Csl Soccer.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Crc, non c’è solo la prima squadra

Risultati positivi e prove incoraggianti. I giovani del Crc crescono un po’ovunque, questa è la fotografia di un nuovo resoconto settimanale di partite delle squadre giovanili biancorosse. 
Domenica scorsa ottima prova dell’Under 8 sul campo del Civita Castellana. La squadra ha dimostrato una grande costanza di gioco affrontando il Ladispoli e vincendo 7-2. Poi è toccato al Nuovo Salario con il punteggio di 12-4 ed infine hanno incontrato il Tuscia, anch’esso sconfitto ma per 9-4. I piccoli atleti hanno mostrato una grande determinazione nell’affrontare gli avversari, giocando bene in difesa, recuperando palloni su palloni. I coach Chiara Nicolò e Stefano Pergolesi sono molto soddisfatti dei loro pupilli. Sempre domenica si è tenuto il terzo concentramento a Civita Castellana. I ragazzi si sono piazzati primi nel loro girone, battendo il Montevirginio, il Tuscia Rugby e infine il Nuovo Salario in una combattuta finale vinta per 5-4. Inoltre a rotazione sono stati prestati alcuni giocatori al Viterbo nell’altro girone, che hanno fatto un’ottima prestazione. I complimenti vanno ai ragazzi che stanno crescendo molto grazie al prezioso lavoro degli allenatori Felice Raponi e Simone Di Giovanni, incluso Stefano Pergolesi che ha dato un prezioso contributo.
Sabato scorso invece si è registrata una buona prestazione dell’Under 14 al ‘‘Fulvio Iacoboni’’ di Rieti. Nel triangolare a cui hanno partecipato anche la Arieti Rugby Rieti 2014 e il Colleferro Rugby 1965, i biancorossi hanno messo in campo grande impegno vincendo l’incontro con i pari età del Rieti e subendo una sconfitta senza demerito con il Colleferro. I coach Alessandro Crinò e Fabrizio Regina sono pronti a ripartire con gli allenamenti per migliorare e continuare a crescere. Tornando alla giornata di domenica, sul difficile campo di Rieti l’Under 16 (Crc e Villa Pamphili) di Maddaloni, Bruschi, Roselli è scesa in campo con una formazione rimaneggiata e poco omogenea. Risultato? La sconfitta. Tutto in salita il match per i nostri, gioco complicato, faticoso, poco affiatato con tanti e importanti margini di miglioramento da mettere in pratica durante gli allenamenti settimanali.
Domenica infine i ragazzi dell’Under 18 (nella foto) di Moretti e Montana Lampo hanno recuperato la partita col Tivoli, a suo tempo sospesa per maltempo, vincendo l’incontro ma non convincendo il coach che si è letteralmente sgolato dalla panchina. Molti spunti interessanti per il lavoro settimanale nonostante la supremazia del Crc. La squadra ha sofferto la prima mezzora e in solo gradualmente ha iniziato ad esprimere dei movimenti provati in allenamento varcando la linea di meta. Discreta la mischia mentre i 3/4 hanno peccato per palloni persi in avanti. Come detto non soddisfatto il tecnico che nonostante la vittoria ha richiamato ad un più attento lavoro ed una maggiore concentrazione di tutta la squadra.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###