Via al Trofeo Paolo Venanzangeli

Saltata la prima regata della stagione, causa un’allerta meteo emanata dalla Protezione Civile, l’Invernale di Riva di Traiano – Trofeo Paolo Venanzangeli, riparte domenica con l’auspicio che il tempo sia più clemente.
«Sembrerebbe una buona giornata per regatare – commenta il Presidente del CNRT Alessandro Farassino – con la previsione di un’aria sostenuta da NE di circa 15 nodi. Sarebbe lo scenario ideale per disputare due belle regate ed iniziare finalmente questa stagione 2018/2019».
La novità di questa stagione è appunto la disputa di due regate nella stessa giornata, con la conseguente maggiore combattività e la possibilità di prendersi immediatamente una eventuale rivincita. La classe regata sarà inoltre divisa in Regata 1 e Regata 2, secondo il Rating delle barche. 
Le barche iscritte sono in totale 50, con 24 in corsa nella più impegnativa classe Regata, oltre ad altre 4 imbarcazioni che regateranno in doppio, portando il totale della classe a 28. In classe Crociera gli iscritti sono 16, mentre nella Gran Crociera, che regaterà con Vele Bianche, saranno in 6 a contendersi il titolo. 
I regatanti si contenderanno anche i premi messi in palio dalla Garmin Marine Italia, ovvero 5 inReach Mini che andranno ai vincitori di ogni Divisione (Regata 1, Regata 2, per 2, Crociera, Gran Crociera).
“InReach Mini” è il comunicatore satellitare più compatto e leggero di sempre, ora anche connesso. In soli 100 grammi, inReach Mini offre messaggistica con copertura globale in Mediterraneo come in Oceano, insieme alla navigazione GPS essenziale. Oltre a inviare e ricevere messaggi di testo ed e-mail, inReach Mini dispone di una funzione di SOS interattivi direttamente collegata al centro di coordinamento emergenze internazionale GEOS®, garantendo così assistenza e soccorso immediato in caso di necessità, ovunque ci si trovi. In Reach Mini può essere associato a uno smartphone, a un tablet o a un dispositivo compatibile in modo da accedere a mappe topografiche, immagini aeree a colori e ad altre utili funzioni.  

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

I ragazzi non possono andare ad allenarsi: la Csl Soccer li va a prendere con il pulmino

di MATTEO CECCACCI

È una Csl Soccer campione anche fuori dal terreno di gioco.
Questa volte le belle notizie non arrivano dalla prima squadra allenata da mister Daniele Fracassa, ma giungono dal settore giovanile rossoblu diretto dal responsabile Marco La Camera che in poco tempo ha dato vita ha due iniziative a dir poco straordinarie.
La prima è del tutto innovativa, mentre la seconda prosegue da ben quattro anni grazie alla sinergia tra La Camera e il vice presidente della Snc Enel Civitavecchia Simone Feoli. Appena iniziata la stagione, ancora prima del via dei campionati, si era verificato il problema che molti ragazzi non potevano essere presenti agli allenamenti, perché i genitori per motivi lavorativi erano impossibilitati ad accompagnarli: un fatto all’ordine del giorno, assolutamente normale, ma che ha subito messo in moto l’intero staff dirigenziale dell’agonostica che ha prontamente rimediato alla problematica, andando a prendere i ragazzi a casa con un pulmino a nove posti a spese proprie.
La seconda iniziativa, invece, è il continuo di un progetto che va avanti da ben quattro anni grazie alla fattiva collaborazione tra la società rossoblu della Csl Soccer e quella rossoceleste della Snc Enel Civitavecchia. Ogni giovedì, infatti, tutti i ragazzi della scuola calcio e quelli dell’agonistica potranno andare al PalaGalli a sostenere una lezione di nuoto guidata da istruttori qualificati a prezzi modici a carico delle famiglie. 
Due idee, dunque, molto importanti e costruttive che rende il settore giovanile della Csl Soccer sempre più in pole position.
«Sono molto fiero – commenta il responsabile dell’agonistica Marco La Camera – di queste due belle iniziative che abbiamo messo in atto. Quella di andare a prendere i ragazzi era una priorità, non potevamo negare ai ragazzi per tre volte a settimana la gioia di allenarsi, mentre il corso di nuoto è un progetto che portiamo avanti da anni che rende felici tutti».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Capitaneria: percorso condiviso per la nuova sede

CIVITAVECCHIA – Ieri mattina, presso la Biblioteca del Centro Storico Culturale del Corpo delle Capitanerie di Porto, all’interno del Forte Michelangelo, si è tenuto un incontro istituzionale volto a prospettare l’ipotesi di un adeguamento infrastrutturale della sede della Direzione Marittima/Capitaneria di Porto di Civitavecchia. 

La riunione, indetta e presieduta dal Direttore Marittimo del Lazio Capitano di Vascello Vincenzo Leone, ha visto la partecipazione ai massimi livelli del Provveditorato interregionale per il Lazio, l’Abruzzo e la Sardegna, l’Agenzia del Demanio – Direzione Regionale Lazio, la Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per l’Area metropolitana di Roma, la provincia di Viterbo e l’Etruria meridionale, il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Reparto V, Amministrazione e Logistica, il Presidente dell’Autorità di Sistema portuale del Mar Tirreno Centro-settentrionale, la Regione Lazio – Assessorato Politiche abitative e urbanistica e del Sindaco del Comune di Civitavecchia. L’ipotesi discussa prevede la valorizzazione storica dell’attuale sede, attraverso interventi di modifica strutturale che consentano la “rigenerazione” della Terrazza Marconi, distrutta dai bombardamenti del 1943. L’adeguamento dell’attuale sede, basato su progetti che consentano la valorizzazione delle strutture del contesto architettonico esistente, consentirà la piena fruizione del Forte Michelangelo, liberato dalle esigenze logistiche dell’Autorità Marittima, permettendo in tal modo l’auspicata restituzione alla comunità di un bene culturale di altissimo valore storico ed artistico.  

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Vecchia, profondo rosso

di MATTEO CECCACCI

Un weekend in casa Civitavecchia Calcio 1920-Leocon negativo, a tratti indescrivibile. Ancora una volta i supporter civitavecchiesi, tra pioggia incessante e vento forte, si sono trovati per l’ennesima volta sugli spalti a patire i tanto agognati match del fine settimana. Un sabato e una domenica da dimenticare il prima possibile, due giorni fatali per tante categorie, tanto che se il maestro del brivido Dario Argento fosse venuto a conoscenza dei risultati, sicuramente avrebbe immediatamente iniziato a girare il sequel di Profondo Rosso, lo storico film datato 1975. 
Partiamo dagli Under 19 Elite, ex Juniores e capiamo il perché di tutto questo. Nel match valevole per la 7^ giornata i classe 2000 del tecnico Livio Valle perdono 4-0 sul sintetico di via delle Camilluccia contro la capolista Boreale Don Orione. Una partita a senso unico, 90’ stradominati dai capitolini, anche se i nerazzurri nel primo quarto d’ora di gioco hanno provato a gonfiare la porta dell’estremo difensore viola, ma senza successo. I ragazzi di mister Calcagni, lo scorso anno al Grifone Monteverde, vanno in vantaggio al 25’ grazie alla rete di Arenella, per poi replicare poco dopo con Nicoli che chiude il primo tempo sul 2-0. I secondi 45’ vedono un Civitavecchia inesistente, in balia dei romani che in poco meno di 10’ chiudono i conti, firmando il tris alla mezz’ora con Iacomi e il definitivo poker con Vitelli. Un 4-0, dunque, meritatissimo per la Boreale Don Orione che resta nella prima piazza della classifica a quota 18 punti all’attivo insieme al Campus Eur, mentre per i ragazzi di Livio Valle continua il periodo di piena crisi con il penultimo posto in classifica a soli 4 punti che può soltanto far scaturire domande e quesiti sul perché questa squadra non riesce a sbloccarsi. C’è da dire, comunque, che l’organico dello scorso anno allenato da Andrea Rocchetti, attualmente tecnico della prima squadra, non è voluto restare, ma ha preferito andare via, da capitan Loi, ora in Promozione col Corneto, a bomber Mercuri che ha preferito tornare in collina, così come tutti gli altri compagni che lo scorso anno avevano ottenuto il mantenimento della categoria soltanto a fine maggio ai danni dell’Almas Roma. Sabato prossimo alla Cavaccia arriva la sesta della classe Certosa: una sfida che dovrà dare assolutamente delle risposte, altrimenti saranno tanti i cambiamenti che dovranno essere effettuati, in particolar modo in vista del mercato di dicembre.
Gli Under 17 Elite, ex Allievi, di mister Adus Amici subentrato a Pasquale Oliviero dopo le dimissioni impattano 1-1 a via delle Canossiane contro l’Ottavia di Palmucci. Sotto una pioggia incessante, la partita è molto fisica e le azioni risultano compromesse dalle difficili condizioni del terreno di gioco. Il primo spunto della partita, infatti, arriva dal Civitavecchia al 25’ quando Napolitano riceve il pallone da posizione defilata, si accentra e lascia partire un bel destro che trova la pronta risposta di Coluccia. I locali vanno vicinissimi al vantaggio 2’ più tardi con Serra che non riesce a deviare in porta un cross da punizione. Il nervosismo in campo è tanto a discapito delle belle azioni, ma al termine della prima frazione il tabellino dice 0-0. Il secondo tempo si apre con gli stessi ventidue del primo tempo. I primi 15’ vedono protagonisti i nerazzurri che vanno vicini al vantaggio in due occasioni: al 13’ è Luciani con un tiro da fuori area ad impensierire Coluccia, ma il pallone esce di poco fuori, poi 5’ più tardi è il nove tirrenico che spreca un’occasione d’oro calciando a lato da buona posizione. Al 24’ si fanno vedere i padroni di casa con Signorelli che mette in mezzo un buon cross per Lekaj che colpisce al volo la sfera, ma termina alta sopra la traversa. È il maltempo poco dopo il protagonista della gara e l’arbitro è costretto a sospendere la gara per 10’. Le condizioni del terreno poi peggiorano, rendendo quasi impraticabile il gioco e una volta ripresa la partita, al 35’ arriva il gol del vantaggio ospite: punizione dai trenta metri di De Caro, Coluccia ingannato dal rimbalzo, non agguanta il pallone che termina in rete. Prima rete stagionale per il civitavecchiese che era subentrato durante il secondo tempo. I padroni di casa finiscono bene gli ultimi 8’ e poco prima del triplice fischio arriva il tanto sperato pareggio con Valente che calcia una punizione dai venticinque metri dove Fioretti viene spiazzato dalla traiettoria del pallone che finisce in porta per il definitivo 1-1. Quinta sconfitta stagionale per i classe 2002 che rimangono nell’ultima casella della classifica a soli 2 punti all’attivo. Anche qui tante, forse troppo domande da porsi per capire cosa non va in questa squadra, nonostante abbia buoni elementi in rosa, ma sicuramente il cambio allenatore ha influito moltissimo sui ragazzi che non riescono più a giocare serenamente. È dal 30 settembre scorso che non arriva una prestazione decente, il minimo indispensabile in un campionato come l’Elite: dopo il pareggio a reti bianche col Pro Roma Calcio non è arrivato nessun segnale positivo. Domenica prossima al Di Ianne arriverà una delle squadre più titolate della regione Lazio dal nome Tor Di Quinto, sicuramente non la sfida perfetta per cercare di ottenere i primi tre punti stagionali, perché il club del presidente Massimo Testa non vorrà affatto scherzare. Ai nerazzurri non resta, quindi, che allenarsi e meditare su quanto raccolto finora, perché se il tragitto è questo si rischia veramente di perdere la massima categoria regionale giovanile, soprattutto in virtù del comunicato numero 75 che ha decretato l’aumento delle retrocessioni che saranno quattro e non più tre. 
L’Under 15 Elite, ex Giovanissimi, di mister Patrizio Tossio subisce un pesantissimo 3-0 dal Trastevere  e resta al quintultimo posto della classifica a quota otto punti all’attivo in compagnia del Certosa in piena zona playout. Altrettamento male vanno i ragazzi dell’Under 14 Elite fascia B di Diego Michesi, che se lo scorso anno nel campionato regionale aveva fatto benissimo, quest’anno sta dimostrando nettamente di non poter competere nel palcoscenico dell’Elite. Nel fine settimana i classe 2005 hanno subìto un roboante 5-0 dall’Accademia Calcio Roma che condanna i tirrenici al penultimo posto della graduatoria con sole tre lunghezze all’attivo. È baratro.
Terzo posto, invece, per gli Under 16 regionali fascia B che vincono 2-1 in casa del Giada Maccarese.
Gli Under 15 regionali perdono la quinta gara consecutiva in casa 2-0 con la Petriana e rimangono sempre ultimi in classifica a zero punti: è sempre più crisi.
Vincenti, invece, gli Under 14 fascia B di Nello Savino che tra le mura amiche s’impongono per 2-1 ai danni della Polisportiva De Rossi grazie alla rete di bomber Di Grazia che sfrutta un’indecisione della difesa romana. I capitolino poi fanno 1-1, ma Fugalli poco dopo sigla la rete vincente su azione dal fondo ben condotta da Lorenzani che lascia sul posto il suo marcatore che mette il pallone al centro per l’arrivo della punta nerazzurra che sfonda la porta dell’estremo difensore avversario. Per loro terzo posto in classifica e tanti applausi a mister Savino.
Gli Under 19 provinciali perdono  in casa al Di Ianne 4-1 con la Spes 1908 e stazionano sempre al penultimo posto della graduatoria con un solo punto, frutto del pareggio rimediato nella prima giornata contro il Trevignano. Appuntamento, dunque, al prossimo fine settimana sperando in risultati migliori, in particolar modo per le categorie Elite.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Santa Marinella cede le armi al San Raffaele

Come da pronostico, il San Raffaele vince la sfida con il Santa Marinella per 63-53, ma deve sudare tanto per avere la meglio sulle ragazze di coach Precetti, che giocano una partita molto bella ed intensa. Partono più decise le atlete di casa, che di fronte a un folto pubblico, sorprendono le romane con belle combinazioni e tiri dall’arco, in cui svetta la Veinberga (finirà con 27 punti e 12 rimbalzi), chiudendo sul +5 la prima frazione. Nel secondo quarto, le ospiti cambiano strategia e alzano molto la pressione sulle portatrici di palla, davvero ai limiti del fallo ed attuano una difesa estremamente aggressiva. Riescono così a limitare le santamarinellesi ed a esprimere meglio il proprio notevole potenziale offensivo, arrivando all’intervallo lungo in testa di un possesso. Nel terzo semi tempo è ancora il San Raffaele a premere forte, ma le tirreniche non ci stanno e cercano a loro volta di intensificare entrambe le loro fasi di gioco. Ne esce una bellissima frazione, molto combattuta, terminata in perfetto equilibrio (18 a 18). Nell’ultimo quarto, però, le giocatrici di casa (a cui tra l’altro, mancavano diversi elementi) risentono della stanchezza e dei falli fischiati loro. Perdono infatti la centrale Gallassi per 5 falli così, nel finale del match, le ospiti riescono ad allungare  e chiudono sul +10 la sfida. «Complimenti al San Raffaele – dicono i dirigenti – ma  bravissime davvero anche le nostre ragazze, che hanno conteso fino alla fine la vittoria alle forti avversarie. Giocando così potremo toglierci molte soddisfazioni». Santa Marinella: Veinberga 27, Miranda Ramos 11, Del Vecchio 5, Gallassi 4, Mercolini 4, Moretti 2, Maggi, Bettini, Casciani, Celestini, Lostia, Salomone. All. Precetti. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Outlet a Fiumaretta, Ferri(PD): ''Idea scellerata''

CIVITAVECCHIA – “Ritengo fortemente che tale progetto sia un'idea scellerata utile esclusivamente a tutelare il bilancio e gli equilibri finanziari di un'amministrazione che non ha a cuore le persone della nostra città dato che, in virtù degli oltre 70 negozi che all'interno del punto di ritrovo andranno a sorgere, si rischia di danneggiare fortemente il commercio locale ed i tanti commercianti, e relative famiglie, che da esso ne traggono sostentamento”.

Sono le parole del segretario del Partito democratico di Civitavecchia Germano Ferri che commenta le dichiarazioni del consigliere comunale Salvatore Cardinale (M5S) riguardo il “Welcome center portuale o, più semplicemente, l'outlet che sorgerà a Fiumaretta. Non posso che rimanere spiazzato da quanto affermato da Cardinale in virtù della "bufala" che con tante belle parole vuole propinare alla comunità locale, atteggiamento per altro il linea con il fare del M5S nazionale”.

L’augurio del dem è di una Civitavecchia turistica che “non sia esclusivamente una zona di transito e, una struttura come quella in questione, avrebbe come conseguenza esclusivamente quella di convogliare i turisti che non si recano a Roma per quelle ore di transito a livello locale – conclude Ferri – in attesa di risalire sulla nave e proseguire la loro vacanza". 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Gianfranco Mariuzzo sul podio del Giro d’Italia

Tanti bei risultati in rassegna nella seconda domenica di ottobre per la Mtb Santa Marinella-Cicli Montanini che si è divisa tra il ciclocross e la mountain bike.
L’impegno di maggior rilievo è stato il Giro d’Italia Ciclocross con la seconda prova che si è disputata in Friuli Venezia Giulia a Forni Avoltri (Piani di Luzza) all’ombra delle Dolomiti. 
Su un tracciato molto esigente e tecnico, Gianfranco Mariuzzo ha ottenuto il secondo posto assoluto nella fascia amatoriale 2 over 45 dietro Massimo Folcarelli nonché primo di categoria master 5. 
Presente al GIC anche Michele Feltre nono assoluto nella medesima fascia e primo di categoria tra i master 7. 
A ben figurare anche Libero Ruggiero che ha centrato l’ottavo posto nella fascia amatoriale 1 under 45 e terzo di categoria master 2.
Nella mountain bike da registrare la partecipazione del team altolaziale in Toscana alla Granfondo del Brunello con la brillante affermazione di Giacomo Ragonesi nella categoria juniores, oltre alle belle prove offerte da Lorenzo Borgi (settimo tra i master 6) e Andrea Somma (33°tra i master 3). 
Sempre nella mountain bike ottavo posto assoluto e primo di categoria master 2 nella granfondo Su e Zo per i Fossi ad Adria in Veneto per Manuel Piva. 
La gara laziale della Point to Point del Circeo si è conclusa con il quarto posto tra i master 3 di Daniele Tulin, il dodicesimo di Claudio Albanese tra i master 5 e il quinto di Mauro Gori tra i master 6, in luce anche Massimo Negossi (18° tra i master 5), Daniele Bagnoli (26° tra i master 4) e Luca Frenguellotti (27°tra i master 4).
Gran chiusura della stagione con il Circuito Mtb Maremma-Tosco Laziale con le premiazioni finali che hanno interessato i bikers santamarinellesi con il quinto posto di Diego Antimi tra i master 1, il secondo e il terzo posto di Lorenzo Borgi e Angelo Ciancarini tra i master 6.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Crociere: un weekend da tutto esaurito

CIVITAVECCHIA – Azamara Journey, Queen Victoria, Marella Dream, Seadream 1, Jewel of the Seas, La Belle De l’Adriatique, MSC Meraviglia, Seven Seas Explorer, Celebrity Constellation, MSC Divina e Riviera. Sono le undici navi da crociera che lo scorso weekend hanno attraccato nel porto di Civitavecchia. 
Uno scalo da tutto esaurito, nonostante la stagione stia ormai scemando, con i viaggi che si fanno meno frequenti in vista proprio dell’inverno, per riprendere poi appieno in primavera. 
La presenza di così tante navi, per un totale di oltre 30mila passeggeri solo per le crociere, conferma come questo sia ancora un settore fondamentale per lo scalo cittadino. 
Ed i dati emersi nel corso del lancio della prossima edizione dell’Italian Cruise Day che si svolgerà a Trieste il 19 ottobre, parlano chiaro. 
Civitavecchia, infatti, mantiene infatti la seconda posizione nel Mediterraneo, alle spalle di Barcellona, sia per numero di passeggeri movimentati (2,452 milioni, +10,4%), sia di toccate nave (770, +5,8%). 
Il porto si avvicina sempre più a quello Catalano con un +10% rispetto al 2017. E questo porta l’Italia a confermarsi prima nazione del Mediterraneo per numero di passeggeri movimentati con sei scali nella top ten dei porti crocieristici dell’area. 
La leadership italiana viene evidenziata anche dal numero di crocieristi che iniziano o finiscono la propria crociera in Italia. 
A fine anno, infatti, quasi la metà degli imbarchi e sbarchi nel Mediterraneo sarà avvenuto nei porti italiani. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Amici della Musica, Stefania Cammilletti  si racconta

ALLUMIERE – La nuova presidente dell’associazione ‘’Amici della Musica di Allumiere’’, Stefania Cammilletti si racconta. «È da poco che sono stata eletta presidente ma è da 30 anni che ‘’vivo’’ l’associazione: sono entrata – spiega la presidente Cammilletti – nell’89 quando entrò il mio primo figlio allora bambino, negli anni sono entrati gli altri due figli e ora il mio nipotino. Io e mio marito abbiamo sempre collaborato attivamente. Questa è stata ed è per tutti una seconda famiglia. Si sono sviluppate grandi amicizie che tuttora vanno avanti al di là dell’associazione. Qui siamo tutti uniti dall’’interesse per la musica e io ne sono rimasta coinvolta sotto cari punti di vista: operativo, organizzativo ed emotivo.  Prima sono srata consigliera, poi negli ultimi 5 anni non ho avuto nessuna carica, ma non mi sono allontanata ma ho continuato a collaborare per l’associazione come addetta stampa, presentando i vari eventi, lavorando in cucina per le varie edizioni della Festa della Musica. In questi ultimi anni la nostra presidente è stata Maria Letizia Beneduce che è una donna attiva, brillante e competente e musicalmente ha dato tanto alla nostra associazione. Ora che lei ha dovuto lasciare mi è stato chiesto di impegnarmi come presidente e io ho accettato perchè conosco tutto di questa realtà, anche le piccole sfaccettature. Ho sempre avuto la consuetudine di stare coi ragazzi, di ascoltare le prove e tutti i musicanti sono abituati a vedermi tra loro. Qui c’era mio marito Attilio che ha retto tutta la parte organizzativa pratica. Ho cominciato la mia nuova avventura da presidente con lo scambio con la banda di Appignano, una iniziativa a cui nel 2012 io e Anna Mancini abbiamo dato il via allo scambio con i bambini di Appignano e la loro presenza ad Allumiere a pochi giorni dalla mia elezione l’ho presa come buon auspicio». La Cammilletti poi prosegue: «Sono fortunata perchè ho preso una realtà positiva e apportare migliorie a una cosa così bella non è semplice. I miei obiettivi sono di lavorare di più sulla banda e di prefiggerci obiettivi musicali di un certo livello. Siano fortunati perché abbiamo come professori delle vere e proprie eccellenze e perchè i nostri allievi e musicanti sono eccezionali. Mi piace ascoltare tutti perché dalla molteplicità nascono tante cose belle. Voglio essere il presidente che coordina e collabora attenta a tutto ciò che accade. Il maestro Cardinali è instancabile ma c’è necessità di allegerirgli il carico e io farò di tutto per supportarlo. Un altro obiettivo  è quello di riportare le famiglie e non solo i ragazzi. Abbiamo più di 300 iscritti ai corsi e faremo di tutto per fornire a tutti la migliore preparazione possibile. Ci tengo poi a fare un grande ringraziamento a Umberto Profumo, uno dei fondatori di questa associazione e parte attiva anche oggi. Lui è il direttore artistico e suona in banda, è un grande esempio per tutti. Lui per tutti non è un professore ma il professore; è l’anima dell’associazione. Spero di lavorare bene e di portare risultati positivi. Quando esce questa associazione esce Allumiere, essere presidente di questa grande realtà è un onore immenso. Dedico la mia presidenza ad Attilio». 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###