La battaglia segreta di Ambra Angiolini: «Ridaremo a Giulia il suo bimbo»

L’attrice assiste una madre 20enne allontanata dal figlio nel settembre 2017: «Mi sono messa nei suoi panni». Il giudice: «Sì al riavvicinamento»

Leggi articolo completo

@code_here@

"Banche, un ladro in casa" domani al Traiano

CIVITAVECCHIA – È stato presentato martedì a Montecitorio, presso la Camera dei Deputati, e andrà in scena domani sera alle 21 al teatro Traiano lo spettacolo “Banche – Un ladro in casa”, promosso dall'associazione Donne in Movimentoche ha voluto ringraziare il deputato Alessandro Battilocchio per l'ospitalità. 
“È importante – fferma il Deputato – dare spazio a iniziative di questo tipo, soprattutto alle associazioni e alle strutture di un territorio così importante e pieno di talento. Donne in Movimento è un’associazione che si è distinta nel tempo per iniziative di qualità a anzi la ringrazio per ciò che fa a livello sociale e di volontariato. Quest’ultima azione, non meno importante, tiene accesa la luce sulla vicenda che ha coinvolto ultimamente le banche e, nel caso di Civitavecchia in particolare, Banca Etruria. La speranza è che il Governo attuale porti avanti quanto promesso a tutela di queste persone, non rimanendo una promessa elettorale da diventando un fatto concreto su cui lavorare nel futuro"

“Vogliamo ringraziare l’onorevole Battilocchio – ha aggiunto Simona Galizia, Vicepresidente di Donne in Movimento – per l’opportunità che ci ha concesso e per la continua presenza sul territorio, che da sempre si fa sentire senza mai abbandonarlo, dote rara di questi tempi per un deputato. Voglio inoltre ringraziare la nostra associata Maria Luisa Russo, nella quale abbiamo avuto modo di scoprire un’importante risorsa che è stata in grado di organizzare da sola un evento di questa portata. Ringrazio inoltra anche chi ha reso possibile questo, come Cristina Belletti della Talent Company e Simonetta Travagliati della Obelix Academy, che apriranno e chiuderanno l’evento con balletti delle loro scuole di danza, nonché gli attori Fabrizio Coniglio, Stefano Masciarelli e Bebo Storti. Vorrei infine ringraziare anche una persona che si è battuta da sempre su questo problema, lottando sia sotto il profilo informativo e comunicativo sia sotto l’aspetto istituzionale e sarà presente come invitata all’evento: Letizia Giorgianni Come Associazione siamo su ogni singola battaglia e a disposizione del territorio e di chi ne ha bisogno e continueremo senz’altro a farlo anche nei prossimi eventi che organizzeremo". 

Un'associazione. come ricordato dal presidente Paola Simonetti, è formata da “piccole grandi donne” che lavorano per aiutare chi è in difficoltà. "Il lavoro e la progettualità dell’Associazione è stata riconosciuta anche dalla Regione Lazio, che ha finanziato con bandi pubblici due progetti sulla sensibilizzazione alla violenza di genere e sulla lotta a bullismo e cyberbullismo – ha sottolineato – entrambi realizzati all’interno delle scuole di Civitavecchia. Non possiamo che essere soddisfatti del lavoro svolto in quest’ultimo anno”. 

Protagonisti dello spettacolo Stefano Masciarelli e Fabrizio Coniglio. “Non nascondiamo – afferma Coniglio – che è stato difficile portare l’evento nei teatri, nato da una lunga ricerca in tutta Italia in cui sono stati intervistati personalmente le vittime truffate dalle banche. Non a caso il titolo nasce proprio da una definizione che è stata data ad una di queste vittime proprio da un dipendente della banca, a significare che i colsi, una volta persi, non possono essere più ripresi. In questi casi, purtroppo, si sente sempre parlare di grandi sistemi, come le banche o il sistema bancario, ma mai delle persone coinvolte. È il sistema che si prende i soldi e i sogni delle persone, il loro futuro e il sacrificio della loro vita passata. Le pressioni commerciali non fanno sconti neanche ai venditori stessi dei titoli bancari, spesso soggetti a veri e propri ricatti lavorativi. In tutto questo chi perde è il territorio e il popolo che con fatica arriva a fine mese, e lo dimostriamo sul palco proprio grazie ai panni che andiamo a vestire, che sia un fazzoletto, un cappello o una sciarpa”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Made in Italy agroalimentare, il senatore Battistoni (FI): "Il Senato ha dato prova di compattezza sul tema"

VITERBO – “Oggi ho avuto l'onore di parlare a nome dell'intero gruppo di Forza Italia in Senato nella dichiarazione di voto per l’importantissimo ordine del giorno sulla difesa del made in Italy agroalimentare. Un atto che ha visto un fronte unitario e comune di tutti i partiti politici contro quelle organizzazioni e quelle Nazioni che stanno mettendo sotto attacco il nostro regime alimentare e la nostra dieta mediterranea". Così in una nota il senatore di Forza Italia Francesco Battistoni. "Ho ricordato ai colleghi senatori – afferma l'azzurro viterbese – che nel 2010 l'Italia ha ottenuto un importante riconoscimento dall'Unesco, che ha definito la dieta mediterranea patrimonio culturale immateriale. A tal proposito vale la pena ricordare le prime righe di questo importante traguardo: "la dieta mediterranea … rappresenta all'insieme delle pratiche, delle rappresentazioni, delle espressioni, delle conoscenze, delle abilità, dei saperi e degli spazi culturali con i quali le popolazioni del Mediterraneo hanno creato e ricreato nel corso dei secoli una sintesi tra l'ambiente culturale, l'organizzazione sociale, l'universo mitico e religioso intorno al mangiare".

"Oggi il senato ha dato una prova di compattezza su questo tema – conclude Battistoni –  e questo ordine del giorno impegna il governo a promuovere campagne per incoraggiare regimi alimentari equilibrati in Italia e posso garantire il grande impegno e la battaglia che metteremo in campo per difendere la nostra storia, la nostra identità nazionale che è palesemente sotto attacco da quel processo di imitazione che prende il nome di Italian Sounding.”

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Autotrasporto: 300mila euro dalla Regione

CIVITAVECCHIA – «Per gli autotrasportatori del territorio arriva oggi una notizia importantissima, che riconosce loro un beneficio per troppi anni non riconosciuto». L’annuncio arriva dal consigliere regionale del Pd Marietta Tidei che ha sottolineato come, nella proposta di legge di stabilità 2019 –  approvata in Giunta regionale e che in questi giorni arriverà in Consiglio – è  previsto il rifinanziamento della legge 59/89, con uno stanziamento di 300mila per i comuni di Civitavecchia e Santa Marinella. 
«Grazie a queste risorse si rimborseranno gli autotrasportatori locali che sostengono costi pesantissimi per il passaggio sulla rete autostradale – ha commentato soddisfatta Tidei – parliamo di costi obbligati perché gli autotrasportatori devono necessariamente percorrere l’autostrada per svolgere il loro lavoro, viste le ordinanze dei Comuni che giustamente vietano il traffico pesante nei centri urbani. Il rifinanziamento di questa legge ci aveva visti impegnati anche in Consiglio con un ordine del giorno, a mia prima firma, che impegnava la Giunta in questo senso». 
È vero che ora il documento dovrà essere approvato in Consiglio regionale e che poi l’iter amministrativo prevede un ulteriore passaggio con i Comuni interessati e con Autostrade, ma è pur sempre un primo atto concreto che premia la caparbietà di Assotir che negli anni, a più riprese, ha cercato di far risolvere la situazione, e l’impegno di una Regione che, dopo anni, ha ascoltato la categoria, grazie alla mediazione dei consiglieri del territorio. 
«Il rifinanziamento della legge rappresenta un risultato concreto dopo anni di sollecitazioni da parte della categoria –  ha infatti aggiunto Marietta Tidei – e risolve un problema molto sentito nel territorio. Esprimo soddisfazione per il raggiungimento di un obiettivo che agevola e favorisce l’autotrasporto e più in generale un settore importante della nostra economia». 
La battaglia per la riattivazione della Viacard non si è mai fermata, con Patrizio Loffarelli e Claudio Donati in prima linea da anni per portare la voce degli autotrasportatori a tutti i livelli. Fino al 2009 la legge è stata finanziata, poi più nulla. Solo il pedaggio autostradale obbligato impone una spesa di 11,20 euro a passaggio, tra andata e ritorno verso la Capitale, come avevano spiegato ultimamente da Assotir, per un totale di 35 minuti in più di viaggio, maggiore gasolio, ore di guida per l’autista e mancati guadagni stimati in 42 euro a mezzo. In sostanza si parla di 12mila euro annui di “disagio economico” a mezzo. E se si considerano 22 imprese aderenti al consorzio locale, le altre che operano dal porto all’area romano, si arriva a circa 350 occupati solo sul territorio: numeri che rendono l’idea del settore e dei problemi che affronta quotidianamente. E dell’importanza, quindi, di una simile manovra. 

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

''Nei casi di frode cittadini sempre più indifesi''

SANTA MARINELLA – Continua la battaglia del consigliere comunale del M5S Francesco Settanni per difendere i diritti dei cittadini, tartassati da società di servizio e indifesi verso chi non rispetta i contratti stipulati. «In questa economia globalizzata – spiega Settanni – il cittadino necessariamente, per vivere, è costretto ad interagire con un mercato di prodotti e servizi costituito da soggetti ed operatori sempre più aggressivi, spregiudicati e potenti per via della possibilità loro concessa di concentrare poteri che vanno anche al di là del solo potere economico commerciale. Il cittadino è quindi sempre più indifeso in caso di frode, truffa, lesione dei propri diritti e pregiudizi a lui arrecati a volta a causa dell’esigenza di dover accedere all’acquisto di prodotti e servizi, o anche semplicemente disorientato di fronte alla eccessiva varietà delle offerte che il mercato propone o magari incapace di leggere tra le righe di un contratto che gli viene presentato. Per fornire all’amministrazione comunale, l’opportunità di ampliare il ventaglio e la qualità dei servizi offerti ai cittadini, visto che tale servizio a costo zero per il Comune non è svolto in forma pubblica sul territorio municipale da alcuna associazione, abbiamo pensato, per questo, di proporre all’amministrazione comunale una mozione affinchè anche il nostro Comune, così come già fatto da altri Comuni, possa dimostrare la propria vicinanza alla comunità nel venire incontro ai cittadini per la trattazione delle problematiche suindicate, con il supporto di una associazione come il Codacons,  leader nello specifico settore della tutela e difesa di utenti e consumatori”. Mozione che è stata accolta favorevolmente dall’intero consiglio comunale.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

La Cpc2005 ospite del Cerveteri, la Csl si contende il terzo posto

Per la 13^ giornata del campionato di Promozione girone A, la Cpc2005 sarà impegnata questa mattina all’Enrico Galli contro il Città di Cerveteri. Terzo match settimanale per gli uomini di Paolo Caputo che, dopo la roboante vittoria in campionato di domenica con la PMC e la vittoria di Tolfa in Coppa Italia, si giocano da capolista, nel difficile catino di Cerveteri, la permanenza in vetta. L’anno scorso, la compagine portuale, diretta dall’allora tecnico Blasi, incappò nel primo passo falso della sua gestione. Dominò per larghi tratti ma venne poi punita proprio da uno degli ex di turno della gara e cioè Spanò. Per gli annali, l’altro ex della gara è Metta, che non andò a segno contro i portuali ma che guidò i suoi nel tre a uno del Fattori. Visti i precedenti, è una di quelle gare da prendere con le pinze, la caparbietà della formazione cerveterana ha sempre dato fastidio seppur quest’anno il cammino, fino ad ora, non è stato poi cosi limpido. La scossa c’è stata dopo l’avvicendamento tra Silvestri e Zeoli, che ha preso i primi di ottobre il timone della squadra, che ha portato, anche grazie anche all’apporto di bomber Di Fiandra, ad una seconda parte più redditizia sul piano dei punti. Sarà comunque un match complicato, come del resto avviene ogni volta che si incontra questa compagine.
Un pensiero andrà indiscutibilmente a Franco Di Bello, l’indimenticato massaggiatore estrusco che li priverà di quelle sane chiacchierate di sport e d’amicizia intrise di passione usando come espediente il mondo del calcio, che tanto hanno accompagnato gli sportivi nei pre e nei dopo gara di questi match. «Oggi – dice il portavoce della Cpc – sarà anche l’occasione per aderire all’iniziativa proposta da mister Graniero, in riferimento al noto caso Bernardini. Un gesto ben visibile sul viso, utilizzando una striscia nera, per essere da una parte vicini alla classe arbitrale e dall’altra per mostrare con chiarezza che amiamo il calcio pulito e senza appendici violente».
La Csl Soccer, vuole ottenere i tre punti, soprattutto dopo l’uscita dalla Coppa Italia di mercoledì scorso quando, al campo Galli, il Città di Cerveteri ha battuto i rossoblù per 1 a 0. Alle 11, presso l’impianto Le Muracciole, sarà battaglia fino all’ultimo secondo contro la compagine dell’Aranova di mister Bernardini, perché la squadra possiede grandi qualità e molti giocatori importanti. I leoni del tecnico Daniele Fracassa, dovranno ancora fare a meno del centravanti Emanuele Siani, infortunato, ma ancora più critica è la situazione degli addii, infatti ieri hanno lasciato la rosa Spirito, Nunziata e il giovane De Felici. Un momento, quindi, piuttosto critico per il presidente Villotti, che ora si trova a dover rivoluzionare una squadra nel mercato di dicembre che si è aperto ufficialmente ieri. Anche il Santa Marinella ha proceduto ad un consistente rinnovo dell’organico. Dopo i saluti di Paoloni, Stembock, Bordoni e Fanari e con i probabili addii anche di Bonaventura e Iacobucci, la società ha proceduto ieri a tesserare Nicolas Puca, un centrocampista classe ‘99 in forza al Passoscuro ma proveniente dall’Atletico Ladispoli, l’attaccante Luca Di Meglio in arrivo dal Campus Eur squadra di Eccellenza, realizzatore con il Pescatori Ostia di ben 21 gol tra campionato e Coppa, e i due “colored” Dumbia Zaled e Demio Barfet della Costa d’Avorio e per la prima volta tesserati in Italia. Per la gara di oggi pomeriggio al Tamagnini (ore 14,30) contro il Pian Due Torri, il tecnico non potrà disporre di Attardo e di Morasca infortunati. «La squadra si sta formando bene – dice mister Morelli – purtroppo ci mancano due fuori quota classe 2000 ma per il resto ci stiamo rinforzando rispetto alle scorse settimane. Questa sarà una partita molto delicata perché potrebbe consentirci di rilanciarci nelle posizioni più consone e di giocare con maggiore tranquillità». La capolista Corneto Tarquinia ospita un dimesso Atletico Ladispoli che dopo la sconfitta di domenica scorsa subita in casa con l’Aranova ora è penultimo in classifica. I viterbesi, forti del primo posto, faranno valere la loro consistenza tecnica. Infine il Tolfa di mister Sperduti sarà di scena stamani sul rettangfolo dell’Urbetevere, battuto domenica scorsa dal Santa Marinella.
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Sciopero per i lavoratori della Armeni Wpa

CIVITAVECCHIA – Sono pronti ad incrociare le braccia dalle 7 alle 13, il 4 dicembre prossimo, i lavoratori della Armeni WPA che chiedono il pagamento degli arretrati, la corresponsione dei buoni pasto riconosciuti da sempre ai dipendenti della Armeni come a quasi tutti i metalmeccanici di altre aziende che operano nella centrale Enel di Torrevaldaliga Nord, e soprattutto certezze sul futuro.

A sostenerli nella battaglia è la Fiom Cgil Civitavecchia che ha spiegato come ad oggi l’azienda, oltre al continuo ricorso alla cassa integrazione, è ancora in ritardo di un mese e mezzo con l’erogazione delle spettanze, proseguendo anche nella decisione di non erogare più i buoni pasto riconosciuti da sempre. Una situazione pesante che i lavoratori chiedono di risolvere in tempi celeri, chiedendo anche all’azienda di chiarire le prospettive future. 

"Questi sacrifici – hanno spiegato dalla Fiom Cgil – meriterebbero maggiore attenzione nonché uno sforzo di prospettiva industriale da parte datoriale, sforzo che al momento non vediamo, visto che non è ancora dato sapere quale sarà il futuro dei dipendenti quando saranno terminati gli ammortizzatori sociali o se malauguratamente le lavorazioni dovessero diminuire".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

«Passaggio ad Acea, per ora abbiamo schivato l'iceberg»

LADISPOLI – La gestione in house del servizio idrico è salvo. Almeno per ora. La Regione non procederà al commissariamento trascorso il 3 dicembre. Questo quanto emerso dall'incontro di ieri in Regione tra una delegazione dei Comuni che ad oggi non hanno ancora ceduto il servizio idrico all'Ato di pertinenza e l'assessore ai Lavori Pubblici della Pisana, Mauro Alessandri. «La Regione Lazio, che ha ricevuto a sua volta una richiesta da parte del Ministero dell'Ambiente di relazionare entro il 15 dicembre sullo stato di attuazione del servizio idrico nell'intera Regione, per ora si ''limiterà'' a recepire le osservazioni dei Comuni che non intendono aderire e ad inoltrarle al Ministero nell'ambito della rendicontazione richiesta». Annuncio che però non fa cessare il ''pericolo'' ma lo rimanda, almeno fino al prossimo anno. Tanto che da palazzo Falcone non si esclude ora la possibilità di andare a sensibilizzare sull'argomento direttamente il Ministero competente. Se è infatti vero che, al momento la nuova legge sull'acqua pubblica prevede delle ''eccezioni'' per la gestione in house, come ad esempio i comuni montani sotto i 5mila abitanti, e Ladispoli non è certamente una di queste realtà; è anche vero che proprio in questi giorni alla Commissione VIII della Camera dei Deputati si stanno svolgendo delle audizioni informali con i vari rappresentanti istituzionali a più livelli delle varie realtà italiane. E tra queste, pochi giorni fa, c'era anche Ladispoli, che ha spiegato ai membri della Commissione, con una relazione molto dettagliata, i motivi per i quali la città non intende cedere il servizio idrico cittadino all'Ato di pertinenza, chiedendo dunque che realtà come la sua, possano essere tenute in considerazione all'atto del perfezionamento della legge stessa. Mentre dunque da palazzo Falcone, nelle prossime settimane si continuerà a lavorare per cercare di sensibilizzare anche il Ministero su questa vicenda, auspicando che non si proceda, una volta recepite le osservazioni inviate dalla Regione, al Commissariamento dei Comuni che ancora gestiscono in house il servizio, almeno fino all'approvazione della nuova legge; il sindaco Grando ha voluto ringraziare tutti gli esponenti politici locali e non che in questi mesi si sono rimboccati le maniche su questa vicenda: «Lega, Partito democratico, Movimento 5 Stelle, Fratelli d'Italia. A Ladispoli tutti i consiglieri di maggioranza e opposizione, tranne rare eccezioni, si sono dati da fare per trovare una soluzione. A loro va il mio personale ringraziamento e quello di tutta la città, nonché il plauso per aver messo da parte l'appartenenza politica per risolvere un problema comune. Un ringraziamento particolare lo rivolgo inoltre alla Consigliera regionale Roberta Angelilli, da sempre schierata al nostro fianco in questa battaglia, al Consigliere regionale Emiliano Minnucci che si è speso in prima persona per trovare una soluzione e all’Assessore Mauro Alessandri che si è dimostrato una persona seria e responsabile. Continueremo a seguire con molta attenzione l’iter della nuova legge sull’acqua pubblica allo studio dell’VIII Commissione della Camera dei Deputati, alla quale abbiamo chiesto di prevedere nel nuovo testo la salvaguardia delle gestioni virtuose del servizio idrico integrato come quella di Ladispoli».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Civitavecchia – Orte, se ne parla con Fratelli d’Italia

CIVITAVECCHIA – Il circolo territoriale ‘‘Giorgio Almirante’’ organizza un convegno sul completamento della ‘‘Civitavecchia-Orte’’. L’evento si terrà lunedì a partire dalle 18 presso la sede dell’associazione politica La Svolta in via Doria e si tratta di un nuovo incontro pubblico per parlare del completamento della superstrada «una infrastruttura – spiegano dal coordinamento del circolo – attesa da molti anni e di grande rilevanza strategica per lo sviluppo economico e per la logistica di Civitavecchia e dell’Etruria». Da FdI spiegano che si tratta di un tema di «grande attualità, considerando che proprio per dicembre – evidenziano – è atteso il pronunciamento del Tar sul ricorso, presentato contro il tracciato prescelto per il completamento dell’opera».

La battaglia sulla superstrada va avanti da anni con il fronte del completamente che ne evidenzia i benefici per il commercio di tutto il territorio.

«Ad introdurre il tema sarà il dirigente nazionale di Fratelli d’Italia Paolo Iarlori, presidente del circolo cittadino di Fratelli d’Italia ‘‘Giorgio Almirante’’, insieme al consigliere comunale de La Svolta Massimiliano Grasso. Relatori dell’incontro – continuano da FdI – saranno il consigliere regionale del Lazio e capogruppo di Fratelli d’Italia Fabrizio Ghera ed il deputato di Fratellid’Italia Mauro Rotelli, componente dell’Esecutivo nazionale del partito di Giorgia Meloni, eletto nel collegio di Viterbo e da sempre in prima linea sulla battaglia che Fratelli d’Italia sta conducendo per il completamento della Civitavecchia-Orte, un’opera di importanza fondamentale – concludono – per il Lazio e, in particolare, per il territorio della nostra Civitavecchia».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Acqua, dalla Pisana incontro posticipato: pronti alla mobilitazione

LADISPOLI – Mentre il Parlmento continua a incontrare le varie realtà italiane per mettere a punto la nuova legge sull'acqua pubblica, alla Regione si procede di rinvio a rinvio. Tanto che ora si rischia di vanificare il duro lavoro effettuato dalle varie amministrazioni comunali che ad oggi non hanno ancora ceduto il servizio idrico all'Ato di competenza. L'incontro di oggi in Commissione Tutela del Territorio e Agricoltura e Ambiente non ci sarà. Incontro voluto proprio dalle due Commissioni che già la settimana scorsa si sarebbero potute pronunciare sul documento messo a punto dalle amministrazioni comunali, con Ladispoli capofila di questa battaglia. In quell'occasione alcuni rappresentanti della Commissione hanno infatti chiesto un rinvio della seduta per apportare qualche modifica al documento, senza andarne ad intaccare il cuore (come la richiesta della moratoria e l'istituzione di un tavolo tecnico regionale tra amministrazioni comunali e Pisana) del documento stesso. E l'appuntamento era stato rinviato proprio a questo pomeriggio. Ma nel giro di poche ore ai Comuni interessati sono giunte ben due nuove date. Nella prima, la Regione aveva posticipato tutto a domani. A stretta posta di giro un'altra comunicazione: tutto rinviato a lunedì mattina. Il 3 dicembre per l'apppunto. Giorno in cui l'ultimatum inviato dall'assessore ai Lavori Pubblici della Pisana, Mauro Alessandri, scadrà. L'Assessore nella lettera inviata alle amministrazioni comunali ad ottobre scorso aveva esplicitamente affermato che o i Comuni procedevano da soli a entrare nell'Ato di pertinenza oppure sarebbero stati commissariati. Il tutto entro il 3 dicembre prossimo. Una vera e propria corsa contro il tempo con le amministrazioni comunali e vari schieramenti politici pronti alla battaglia e alla mobilitazione per contrastare questa decisione. Tra questi anche diversi esponenti del Partito democratico non solo locale (che aveva subito bacchettato l'assessore Alessandri per la comunicazione inviata al sindaco Grando) ma anche, come Minnucci e Tidei (come ricordato durante lo scorso consiglio comunale dal primo cittadino ladispolano) avevano chiaramente espresso la loro vicinanza alle amministrazioni comunali che ad oggi si stanno ancora battendo per non cedere il servizio idrico all'Ato. Battaglia, quelle delle amministrazioni comunali che peraltro erano state condivise anche dalle Commissioni regionali che lo scorso 20 ottobre all'unanimità avevano espresso parere favorevole alla presentazione di un documento con la richiesta di moratoria alla Giunta comunale che i consiglieri avrebbero dovuto approvare già lo scorso 20 novembre, avendo avuto svariate settimane di tempo per leggerlo e confrontarsi con gli enti comunali per qualche eventuale modifica. Un rinvio dietro l'altro che ora rischiano di mettere a rischio il lavoro svolto dagli amministratori locali con un appuntamento posticipato ancora al 3 dicembre  (peraltro dopo le elezioni del segretario regionale del Pd). Situazione che ora l'amministrazione ladispolana non intende accettare: "E' inammissibile – ha tuonato il consigliere delegato al servizio idrico Filippo Moretti – Una risoluzione che dai comuni per il tramite della Commissione deve arrivare sul tavolo della Giunta regionale non può essere posticipata fino al giorno della scadenza. Questo vuol dire non tenere conto delle esigenze del territorio". E per lunedì ora l'amministrazione punta alla mobilitazione collettiva: "Invitiamo tutti i cittadini a presentarsi sotto la Regione per far sentire la loro voce". Un vero e proprio "schiaffo" che arriva all'indomani, peraltro, dell'audizione informale alla Commissione VIII della Camera dei Deputati, dove il sindaco Grando ha illustrato un'analisi dettagliata della situazione relativa al servizio idrico toccando punto dopo punto ogni singolo aspetto della nuova legge che il Governo si appresta ad approvare. Analisi all'interno della quale sono stati illustrati passo dopo passo tutti i benefici e punti di forza del ''sistema in house''. E ad apprezzare l'illustrazione sono stati tutti i componenti della Commissione che hanno elogiato il lavoro svolto dall'amministrazione comunale ladispolana: "Ladispoli – hanno detto – ha dimostrato di voler proseguire la sua gestione in house". Situazione di cui sicuramente si terrà conto nel testo legislativo.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###