Giordano Galano (Noi cielo azzurro) in corsa per Tidei

S. MARINELLA – Tra le liste che appoggiano la candidatura del rappresentante della coalizione del centro sinistra Pietro Tidei, c’è il Movimento Giovanile ‘‘Noi Cielo azzurro’’ capitanato da Pino Galletti, che ha iniziato a mobilitarsi per dare il suo apporto al  candidato sindaco della coalizione. «Presto presenteremo ufficialmente un evento – esordisce Galletti – per presentare in modo ufficiale, ai cittadini, il nostro candidato  Giordano Galano. Siamo pronti a rimetterci in gioco per far soffiare nuovamente sulla nostra cittadina quel vento di speranza, ad oggi lontano mille miglia nei pensieri dei nostri concittadini, alquanto delusi e amareggiati dalla situazione attuale che quotidianamente vivono. E’ notizia di qualche giorno fa, la chiusura dell’ultimo spazio di aggregazione sportiva, quale il campo di calcio di Santa Severa, finito anch’esso nel tritacarne della ex maggioranza che ha mandato in cantina gli impianti di via Delle Colonie e la piscina comunale. E’ sotto gli occhi di tutti, l’avvilente e sanguinante piaga della decadenza culturale, sportiva e turistica della nostra città, un tempo fulcro importante di richiamo nazionale. L’apatia e l’indifferenza politica, hanno condotto verso questi infausti risultati rendendo gli spazi sportivi, un tempo centro di aggregazione per moltissimi atleti, luoghi aridi e deserti. E con questo intento di rinascita, che noi giovani del movimento Noi Cielo Azzurro, intraprendiamo questo percorso fiduciosi di poter apportare energia e spirito di iniziativa, per poter risollevare le sorti della nostra cittadina, ma soprattutto per poter condividere con i nostri residenti momenti di crescita culturale, sportiva e turistica”. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

San Liborio, quartiere dormitorio

CIVITAVECCHIA – San Liborio, quel pezzo di terra abbandonato. Tra autobus in perenne ritardo, strade colabrodo, illuminazione assente e degrado prosegue la vita in uno dei quartieri cittadini più popolosi. Un’area periferica che stenta a collegarsi con il resto di Civitavecchia. Primo dei problemi il trasporto pubblico cittadino. San Liborio è collegato al centro grazie alla linea B, gestita dalla Csp. Quattordici corse giornaliere nei feriali con l’ultimo autobus che parte dalla stazione ferroviaria alle 19,50. Tempi di percorrenza ignoti e fermate prive del minimo agio. Costo del biglietto: un euro (due a bordo). Non giriamoci intorno, prendere l’autobus regolarmente a Civitavecchia è un incubo. Specie se si hanno tempistiche da rispettare o impegni.

Proprio ieri l’autobus partito dalla stazione (unico orario disponibile con cui regolarsi) alle 11 e 10 è arrivato a San Liborio alta alle 11 e 57. Un disagio evidente e palese, nonostante il costo del biglietto non sia certo irrisorio. Si parla di ridurre l’inquinamento in città, di favorire l’utilizzo di biciclette, tra l’altro si sta ancora aspettando per quelle elettriche, si sogna di un viale chiuso al traffico per abbassare lo smog e non si potenzia il tpl cittadino. Intanto tra un post e l’altro si annuncia la cancellazione della c barrata. Poi si pubblicano foto di sfalci e di pulizia delle strade sui social, con tanto di condivisione a catena in perfetto stile grillino come a voler dimostrare che il lavoro viene fatto. Intanto però San Liborio è immersa nel degrado. Le strade sono indecenti, come via Nuova di San Liborio con tombini rialzati, buche, voragini e ammaloramenti ovunque. Nemmeno un metro di asfalto decente. Per non parlare poi del tratto finale della strada immerso nel buio praticamente da sempre, nonostante i molti palazzi costruiti e l’alta densità abitativa della zona.

San Liborio è relegato e condannato ad essere un quartiere dormitorio con tutti i disagi del caso, soprattutto per anziani e chi un mezzo proprio non ce l’ha. Però si chiede ai civitavecchiesi di essere più “civili”. Sacrosanto, dovrebbe essere dovere di ogni cittadino non sporcare e rispettare le regole. Ma si può chiedere l’aiuto della cittadinanza quando si offre qualcosa, qualcosa per cui i civitavecchiesi pagano e anche caro. Si può chiedere quando si è un grado di offrire un futuro ad una città che invece sta morendo lentamente, tra un risanamento di bilancio e un proclama. Tra un “a breve” e “stiamo lavorando” Civitavecchia si sta spegnendo immersa nell’apatia e nell’arroganza di una nuova casta dal profilo settaico che punta il dito, guarda indietro, grida alla corruzione e si dimentica dei morti e dei feriti lasciati da una politica fatta di ignavia. Di un circolo privato che si applaude e si da pacche sulle spalle mentre i giovani restano senza lavoro, mentre le vertenze si accavallano e il futuro è sempre più grigio.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cpc, non basta la doppietta di Fattori

Nella 20esima giornata del campionato di serie C2, girone A, La Cpc2005 cede 3-2 in casa allo Juvenia. Una doppietta di Minotti e un gol di Del Nero regalano la vittoria alla Juvenia sui portuali. Per la Cpc2005 le marcature portano la firma di Fattori. Sugli scudi il portiere ospite Lunetta, autore di almeno tre interventi salva gara nella ripresa. (Agg. 13/03 ore 17.47 SEGUE)

LA CRONACA DELLA GARA – Un primo tempo al rallentatore da parte dei ragazzi di Nunzi, statici e troppo prevedibili permettono agli ospiti di difendere troppo facilmente. Nell’apatia totale subiscono e per di più all’11’ la rete di Minotti permette agli ospiti di passare in vantaggio. Questo sarà l’unico sussulto accarezzato dagli spettatori prima dei minuti finali. Sul finire del primo tempo prima Agozzino con un fallo di mano in area regala un penalty agli ospiti, trasformato da Del Nero, poi Fattori dimezza lo svantaggio portando all’intervallo gli ospiti avanti per due a uno. Ripresa d’altro tono con i portuali che tentano il tutto per tutto, ma Agozzino, Leone e Fattori trovano un Lunetta in stato di grazia. La partita sullo stesso risultato si trascina fino ai cinque minuti di recupero, poi due lampi regolano il punteggio finale. Prima Minotti trasforma il tiro libero per accumulo di falli, fallo di Tangini dall’altra parte del campo, e subito dopo Fattori trasforma il penalty per il definitivo tre a due finale. Squadra apparsa sulle gambe e poco reattiva col beneficio del dubbio vista l’assenza di Cerrotta. (Agg. 13/03 ore 18.12 SEGUE)

IL MOMENTO DELLA CPC2005 – A sei gare dal termine vista l’esigua distanza dalla salvezza diretta, due soli punti, tutto è ancora nelle loro mani. (Agg. 13/03 ore 18.45)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

''Lanciati verso mete concrete''

SANTA MARINELLA – Il movimento ‘‘Noi Cielo Azzurro’’capitanato da Pino Galletti, inizia il suo lavoro in vista delle prossime amministrative. «Finalmente sono terminate le elezioni regionali e nazionali – esordiscono dal movimento – e il risultato è sotto gli occhi di tutti e quindi è superfluo parlarne e porre le varie considerazioni. Di certo, la popolazione di Santa Marinella questa volta non è stata taciturna e remissiva, ma ha scandito a chiari numeri il suo pensiero politico, quale risposta certa ed opportuna di fronte alla ormai consolidata realtà di totale abbandono che si vive dal punto di vista sportivo, culturale, turistico. Sulla scia di questa apatia, riprendiamo il nostro percorso da dove lo avevamo lasciato, lanciandoci con fervente entusiasmo verso quelle mete concrete e soprattutto significative, per poter dare nuovamente un senso logico di vivibilità e soprattutto di progettualità reale e non virtuale, in una Santa Marinella che ha perso ormai da tempo i suoi connotati di identità, modificando anagraficamente il suo nome da Perla del Tirreno ad accozzaglia del Tirreno».  
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Stas Tarquinia, Matilde De Angelis presenta il suo primo libro: una raccolta di poesie

TARQUINIA – Appuntamento d’eccezione quello dedicato dalla S.T.A.S. a Matilde De Angelis, per presentare il suo primo libro, una raccolta di poesie scritte tra il 2015 e il 2017. La giovane studentessa tarquiniese si è dedicata con grande passione alla scrittura, passione che l’ha portata a trasformare in versi e parole i suoi pensieri più intimi, ma con abilità semantica e un linguaggio ricco e ricercato, che lasciano trapelare il suo amore per la letteratura e l’arte in genere, qualità del tutto eccezionali, appunto, per una ragazza alla soglia della maggiore età. «Quando il silenzio prese parola» non è solamente una raccolta di poesie e scritti in prosa, bensì una protesta contro l’indifferenza e l’apatia della società moderna, vissuta comunque sia attraverso le problematiche che da sempre attanagliano l’adolescenza. «La lettura di questo libro è un viaggio a ritroso nel passato di ciascuno di noi, che ripropone alla mente ricordi e sensazioni smarrite», come sottolinea Alessandra Sileoni, presidente della S.T.A.S., curatrice della prefazione.Negli ultimi anni, l’autrice ha ricevuto consensi e riconoscimenti: nel 2016, classificandosi al sesto posto all’XI edizione del premio di poesia «Piero Calamandrei»; nel 2017, ha raggiunto il primo posto al V concorso letterario «Un sorriso per Federica»; inoltre, da poco, le è stato assegnato il quinto posto nella II edizione del premio di poesia «G. Leopardi». Alla presentazione, presieduta da Mirko Micozzi vice presidente della STAS, interverranno Martina Tosoni, Assessore alla Cultura del Comune di Tarquinia, e Gianpaolo Serone, per ArcheoAres edizioni. L’appuntamento, sotto l’egida del Mibact è per oggi alle 17 nella Sala Sacchetti.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###