Il Volley Ladispoli scopre le carte

Il Volley Ladispoli scopre le carte. Ieri al PalaPanzani è andata in scena la presentazione ufficiale della stagione 2018/19. Tanto il calore per la prima squadra tirrenica, che oggi alle 15.30 calcherà il campo del Cagliari per la prima giornata di serie B2 femminile. 
GLI INTERVENTI
Il presidente della Massimi EcoSoluzioni Ladispoli Mauro Scimia: «Orgoglioso di questo gruppo. Una squadra che si è creata nel tempo, perché in questa categoria non s’improvvisa. Siamo l’unico team del nord Lazio e della provincia di Roma che milita in B2; tutto questo grazie a delle ragazze stupende e ad un ottimo staff tecnico e dirigenziale». 
Il consigliere regionale Fipav Alberto Di Blasi: «Alcune atlete della B sono frutto del progetto con le giovanili fatto con Mauro Scimia. Per fare il salto di qualità ci vuole l’impianto. So che il Comune ci sta lavorando; la città merita un palazzetto».
Il sindaco Alessandro Grando: «Ieri ci siamo visti con assessore e architetto, abbiamo definito gli ultimi dettagli e stabilito l’iter; spero entro il 2020 di realizzare il palazzetto dello sport. So quanto è difficile portare avanti un’associazione sportiva e voglio ringraziare tutti gli sponsor che sostengono la causa. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Mondo Convenienza, i lavoratori: ''Eravamo come una famiglia''

TARQUINIA – Importante incontro oggi pomeriggio a Civitavecchia presso la sede dell’Ugl, per discutere con la Iris srl di Mondo Convenienza, della chiusura del punto vendita di Tarquinia. Fari accesi sulla situazione dei 18 lavoratori, per lo più di Civitavecchia, che hanno ricevuto la comunicazione lo scorso 13 settembre come un fulmine a ciel sereno. Alcuni dipendenti sono stati raggiunti da una lettera di trasferimento in sedi al di fuori del Lazio, da Sassari alla Toscana, passando per l’Abruzzo e la Sicilia. Altri non hanno invece ricevuto alcuna comunicazione. Ad una sola dipendente è stato proposto il trasferimento nel Lazio, a Castel Romano, che però è costretta a rifiutare. 
La maggior parte dei lavoratori non è infatti nella condizione di poter accettare il trasferimento così lontano. «Mi sono fatta due conti e con una sede di lavoro a 150 chilometri di distanza non ci rientro, quindi non posso accettare», spiega la ex responsabile del negozio di Tarquinia. Accetterà un nuovo ricollocamento, invece, una coppia; entrambi sono dipendenti di Mondo Convenienz e si trasferiranno nella nuova sede in via di definizione, con i due figli.
Nell’attesa di più chiare notizie dall’azienda, che forse scaturiranno dall’incontro di oggi, resta l’amarezza dei lavoratori, espressa domenica sera dopo la chiusura del negozio. «Siamo nel caos più totale.
 – ha detto una dipendente – A me non è arrivata alcuna lettera. Ancora non si sa come questa storia andrà a finire. Questo è il nostro stato d’animo, perché non sappiamo nulla; siamo in balià delle onde. L’unica cosa che ci fa piacere è la solidarietà della gente. Ci hanno dato più loro che tutto il resto. Tante sono le domande e poche sono le risposte. Ci auguriamo che l’incontro con il sindacato possa aiutare a fare chiarezza. Non è soltanto un danno economico, ma anche morale, per noi questa era una seconda famiglia. Sono venti anni che sono a servizio con Mondo Convenienza; siamo entrati con dei valori e loro si sono persi per la strada». Difficile la situazione per una mamma di una bambina disabile. 
«Sono la mamma di una bimba disabile – ha spiegato – e sono stata trasferita a Sassari; ovviamente non posso accettare, perché la bambina è perfettamente inserita in un contesto che non posso modificare. Io sono separata e il papà della bambina mi aiuta a gestire la situazione il sabato e la domenica. Quindi io non ho la possibilità di lavorare a tempo pieno; ho le ore scandite dalla bambina, dai suoi impegni e dalle terapie. Il mio lavoro è stato costruito ad hoc. Erano 25 anni che lavoravo con Mondo Convenienza. Lavorando part time gestivo il mio tempo». Unanime il sentimento di amarezza nei confronti di un’azienda che ha comunicato la chiusura all’improvviso. «Ci hanno detto che non siamo più produttivi e non rientriamo nel loro badget. – dice la donna – L’unica proposta che ci hanno fatto è fuori dal Lazio. Io oltre i 50 chilometri di distanza non posso andare. Per me potrebbe andare bene Viterbo o le porte di Roma, ma pare che non ci sia questa possibilità. Come mamma di una figlia disabile non avrei mai potuto pensare di avere questo trattamento da un proprietario con il quale abbiamo condiviso le basi del primo negozio, di questa attività. Ha sempre avuto una grande umanità, quindi mi appello a questo. Noi siamo cresciute con lui, quello che è Mondo Convenienza oggi  lo abbiamo realizzato noi, noi lavoratori più anziani. Quindi non ci aspettavamo una tale fine. Il negozio, peraltro, ultimamente stava andando abbastanza bene; avevamo un nuovo direttore, stavamo riemergendo con le vendite, avevamo anche fatto dei lavori sul tetto. E quindi sembravamo in crescita. Il nuovo direttore ci aveva aiutato, eravamo i primi a livello di determinate vendite e performance. Siamo caduti dalle nuvole». 
Da Tarquinia la solidarietà ai lavoratori è stata espressa da diversi ex amministratori comunali e dai rappresentanti dell’Università Agraria, come il vicepresidente Alberto Tosoni che ha auspicato proprio maggiore chiarezza da parte dell’azienda:  «Esprimo solidarietà ai lavoratori e alle loro famiglie. Chiediamo a Mondo Convenienza di farci sapere cosa farà nella struttura di Tarquinia. Nessuno ancora sa nulla. Vogliamo capire se ci sarà il proseguimento di un’attività e se ci sarà la possibilità di reintegrare il personale in loco».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Chiusura Mondo Convenienza: uscita dei lavoratori tra lacrime e applausi

TARQUINIA – Un’uscita dal negozio tra le lacrime, dopo 20 anni, ed oltre, al servizio di quella che veniva considerata una seconda famiglia e che invece all’improvviso li ha abbandonati. 

Così i 18 dipendenti di Mondo Convenienza, punto vendita di Tarquinia, hanno lasciato questa sera per l’ultima volta lo showroom che da domani resterà chiuso.

Ad attenderli sul piazzale esterno diversi cittadini, di Tarquinia e Civitavecchia, che con applausi hanno voluto dimostrare la solidarietà alle famiglie dei lavoratori costretti con ogni probabilità a lasciare il lavoro. Per la maggioranza infatti appare impossibile la strada del trasferimento proposta dall’azienza in altri punti vendita situati fuori regione. Tra i presenti nel piazzale esterno anche alcuni rappresentati della ex amministrazione comunale di Tarquinia. Dall’ex vicesindaco, Martina Tosoni, ai consiglieri Federica Guiducci, Stefania Ziccardi e Maurizio Perinu. Presenti anche i rappresentanti dell’Università Agraria: il vicepresidente Alberto Tosoni e i consiglieri Marcello Maneschi e Stefania Ceccarini. Assenti  invece i rappresentanti sindacali, che avranno incontri con l’azienda nei prossimi giorni. Ha voluto essere presente alla chiusura anche il sindaco di Montalto di Castro Sergio Caci che è stato ringraziato dai lavoratori per il suo impegno pubblico nel voler dialogare con l’azienda. Il primo cittadino castrense ha anche riferito di non essere ancora riuscito ad ottenere un incontro con la società e di voler prendere un appuntamento con il prefetto. Ha anche parlato telefonicamente con la referente dell’Ugl, Fabiana Attig, che incontrerà personalmente nei prossimi giorni. Il presidio durato circa un’ora, mentre all’interno del negozio di sono spente le luci per sempre, è stato presidiato dalle forze dell’ordine: sul posto la Polizia e i Carabinieri. 

Dal piazzale, grida “vergogna” all’indirizzo dell’azienda. “Un silenzio vergognoso” hanno continuato a ripetere i presenti, mentre le lavoratrici tra le lacrime e la disperazione hanno ribadito: “Ancora oggi non sappiamo nulla”. Alcuni, che non hanno ricevuto lettere di trasferimento, domani mattina si presenteranno davanti alla porta d’ingresso pur sapendo che la troveranno sbarrata.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Paola Ruffo di Calabria, regina del Belgio grave dopo un ictus

La sovrana, 81 anni, origini italiane, si trovava a Venezia. È la moglie di Alberto II, che è stato re dal 1993 al 2013

Leggi articolo completo

@code_here@

Aurora Pasquini è miss teenager danza

ALLUMIERE – Aurora Pasquini da domenica è Miss Teenagers Danza. La bellissima allumierasca (nata il 15 dicembre del 2000 a Roma) figlia del sindaco di Allumiere Antonio Pasquini e dell’insegnante Laura Superchi, ha partecipato a questo prestigioso concorso e ha conquistato il pass per la finale che si è tenuta domenica sera presso l’hotel e centro congressi ‘’Roma Lifestyle Hotel’’. Miss Teenager è il concorso che in cinquant’anni ha scoperto e lanciato alcune delle più famose dive dello spettacolo, del cinema e della televisione italiana: Gloria Guida, Ewa Aulin, Mita Medici, Silvia Dionisio, Barbara De Rossi, Isabella Ferrari, Milly Carlucci, Claudia Gerini, Laura Chiatti, Laura Freddi, Bianca Guaccero, Serena Autieri, Simona Ventura, sono solo alcuni dei volti noti del nutrito archivio del concorso. Lo spettacolo è stato presentato da Angelo Martini e da Angelica Massera. Madrina dell’evento è stata l’affascinante attrice Barbara De Rossi, mentre il popolare attore Sebastiano Somma ha presieduto a giuria VIP. Aurora Pasquini è stata una delle 25 concorrenti arrivate in finale. A valutare le concorrenti saranno una commissione tecnica e una giuria “vip”, composta da noti personaggi dello spettacolo, mentre nella commissione c’erano: Alberto Righini (model manager), Francesco Oliviero (attore), Maria Grazia Putini (giornalista), Tiziana Fiorveluti (ballerina e coreografa), Stefano Tordi (ballerino e coreografo), Francesco Bellomo (regista e produttore teatrale), Gg Jack (produttore musicale), Alfonso Bettini (produttore musicale), Yury Patricelli (influencer), Federica Crespina (influencer) e Paolo Servadei (titolare WhiteGlo). Aurora Pasquini oltre ad incantare tutti con la sua bellezza e il suo perfetto portamento è anche una ragazza talentuosa e impegnata: ha frequentato il Balletto di Roma e ora frequenta con grande profitto il 5° anno del Liceo Coreutico ed è convittore presso il convitto nazionale Vittorio II di Roma; torna a casa il sabato e va a Roma la domenica sera; danza divinamente, quando cammina sembra volare e si muove con grazia e eleganza; è simpatica e non si monta la testa, ma è quadrata e posata e sa cosa vuole; la sua passione è la danza e sta facendo sacrifici e rinunce per raggiungere il suo obiettivo. Quando sta ad Allumiere Aurora ha un’altra passione: la Contrada Nona per la quale è una delle figuranti più belle, fa da dameriera alle sagre e il suo cuore batte per i colori rossoverdi. Aurora è la nipote del grande portiere Franco Superchi da cui ha ereditato la caparbietà, la voglia di impegnarsi e la serietà. In finale oltre ad Aurora Pasquini c’era anche un altra bellissima allumierasca: Ilaria Mariani, la quale questa volta, però, non ha conquistato fasce. Le ragazze hanno danzato sulle coreografie di Marilena Ravaioli, ballerina e coreografa della Rai nonché insegnante del Centro Artistico di Ballettomdi Tolfa. «Si chiude anche questa edizione di Miss TeenAgers, due giornate intense dove l’energia delle giovani miss mi ha regalato emozioni – spiega la bella e frizzante coreografa tolfetana, Marilena Ravaioli – brave le finaliste per la categoria danza, le quali in poco tempo hanno saputo confrontarsi con un coreografia di 5 minuti complessa tecnicamente. Podio meritato per Aurora Pasquini». Complimenti ad Aurora dai residenti di Allumiere, dalla Contrada Nona e dalla Pro Loco.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Agraria Tarquinia:  Civita, mondo etrusco  e mondo romano in primo piano fino al 27 ottobre

TARQUINIA – L’Università Agraria di Tarquinia ha organizzato una serie di appuntamenti tendenti alla diffusione della conoscenza del prezioso patrimonio archeologico culturale della terra. Previsto fino a sabato 27 ottobre un intenso programma di incontri, visite, mostre ed altro  legati al mondo etrusco e romano. 
«L’appuntamento ‘‘Incontri di Autunno’’ – spiega la consigliera Laura Amato – è  promosso dalla dottoressa Lorella Maneschi ed è un’occasione importante e unica nel suo genere che valorizza il ricco patrimonio tarquiniese».
«Confidiamo che sarà una possibilità gradita per i tanti concittadini interessati – aggiunge la consigliera dell’Agraria Rosanna Mojoli – poter assistere e visitare gli scavi aperti presso il Pianoro della Civita; da qui l’idea, nata insieme all’assessore dell’Università Agraria Stefania Ceccarini, di organizzare un incontro in loco con gli studenti dell’IISS Vincenzo Cardarelli». «Un lavoro di squadra il nostro,  – prosegue Rosanna Mojoli – richiestoci dal vicepresidente Alberto Tosoni, che ci ha permesso come Ente di collaborare e supportare l’organizzazione di questo fitto calendario di eventi che mostrerà anche quanto di bello e affascinante si trovi nel sottosuolo della Civita. Rinnoviamo l’invito a partecipare in quanto fortemente convinti dell’occasione imperdibile per ammirare i mosaici, i pavimenti rinvenuti in quest’ultima campagna di scavi che rimarranno aperti per tutto il mese di settembre».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Scuola, mercoledì suonano le prime campanelle

CIVITAVECCHIA – Ormai ci siamo. Le scuole stanno per riaprire i cancelli dopo le lunghe vacanze estive. Una rinfrescata alle aule, una pulizia ai cortili e agli spazi interni, e le strutture sono pronte ad ospitare di nuovo gli studenti, alle prese con il nuovo anno scolastico. Le campanelle suoneranno in giorni differenti per i vari istituti cittadini di ogni ordine e grado.

I primi a rientrare lo faranno mercoledì 12 e saranno soprattutto gli studenti che, tra Pasqua e primo maggio, staranno a casa per circa 10 giorni. Un ponte lunghissimo a cui non tutte le scuole hanno aderito, scaglionando appunto il rientro tra i banchi. La gran parte degli istituti comprensivi – scuole materne, elementari e medie – riapriranno i battenti proprio mercoledì, e così faranno anche l’IIS Calamatta ed il Liceo Scientifico e linguistico Galileo Galilei. Le altre scuole superiori cittadine, invece, inizieranno ufficialmente lunedì 17 settembre: si tratta del liceo Classico Padre Alberto Guglielmotti, dell’istituto Stendhal e dell’istituto Marconi, anche se in quest’ultimo caso le matricole che per la prima volta entreranno nell’istituto di via Corradetti lo faranno sabato 15, con una giornata di orientamento e conoscenza. Sempre sabato rientreranno a scuola anche gli alunni del terzo anno, per un convegno dedicato all’alternanza scuola lavoro.

Cambio al vertice all’istituto Calamatta: docenti, alunni e personale hanno salutato la dirigente Emanuela Fanelli che ha lasciato il posto alla collega Giovannina Corvaia, che per diverso tempo ha guidato il comprensivo Civitavecchia 1 (Cialdi, Laurenti, Manzi e Giovanni Paolo II). Il comprensivo 1 sarà guidato da Anna Maria Dema, già dirigente del liceo classico, artistico e delle scienze umane Guglielmotti. Al comprensivo 2 (Andersen, De Curtis, Ranalli, Rodari e Flavioni) rimane il dirigente Roberto Mondelli. Per il comprensivo 3 (San Liborio, Madre Teresa di Clacutta, Don mIlani e Borlone) è stata nominata reggente Lucia Matarazzo, che nel frattempo continua a ricoprire la dirigenza del Comprensivo 4 (Galice, Posata, Collodi, via dei Platani e Don Papacchini).

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###