Tarquinia, al via il corso di micologia

TARQUINIA – Partirà lunedì 26 novembre il corso di micologia organizzato dall’Università Agraria di Tarquinia in collaborazione con l’Amevit (Associazione micologica ecologica viterbese). Superiori alle attese le iscrizioni raccolte in pochi giorni. “E’ con grande soddisfazione che siamo riusciti a organizzare dopo diversi anni un corso per l’abilitazione alla raccolta dei funghi. – riferisce il Vice Presidente Alberto Tosoni – Ci tengo a ringraziare il consigliere delegato all’ambiente Alessandro Sacripanti per l’impegno mostrato alla realizzazione dell’iniziativa e il Presidente del Circolo Cacciatori, Benedetto Natali per il fondamentale supporto. Questo corso servirà per tutto coloro che sono appassionati di prodotti del nostro sottobosco a prendere coscienza dell’importanza del nostro patrimonio ambientale, della sua tutela e delle leggi che regolano la raccolta”. Il corso della durata di 14 ore sarà svolto in tre appuntamenti che avranno luogo presso la sala riunioni dell’Università Agraria. Si parte lunedì 26 novembre dalle ore 17 alle ore 21, si replica con lo stesso orario giovedì 29 e si chiude domenica 2 dicembre dalle ore 8 alle ore 14 con un’uscita nelle aree boschive gestite dall’Ente. “Con questo corso- riprende Alberto Tosoni- riusciremo a far conseguire l’attestato che autorizza alla raccolta dei funghi epigei come da Legge Regionale nr. 32/98. Il corso sarà tenuto dal Dott. Claudio Celestini al quale rivolgo i miei ringraziamenti. Con uno sforzo economico minimo (15 euro) comparato ai corsi che normalmente hanno luogo daremo la possibilità a tantissimi tarquiniesi di poter esercitare la raccolta seguendo le normative vigente. Con questa iniziativa ci auguriamo che i nostri corsisti possano poi poter acquisire il tesserino con il quale potranno raccogliere il famoso e pregiato fungo ferlengo presente presso la nostra riserva al Pianoro della Civita”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Consiglio premia Alberto Castiglione

CIVITAVECCHIA – Il consiglo comunale ha consegnato ieri un riconoscimento ufficiale della città allo studente Alberto Castiglione "per attestare la gratitudine della nostra comunità – ha spiegato il sindaco Cozzolino – nei confronti di un ragazzo che ha saputo dar lustro a Civitavecchia. Alberto è uno studente universitario che si è distinto in vari campi, conseguendo titoli e riconoscimenti degni di nota: oltre ad aver conseguito il diploma all’istituto nautico riportando la valutazione di 100/100 lode, è risultato 1° classificato alla gara nazionale degli Istituti Tecnici Nautici Conduzione Mezzo Navale. È stato inoltre premiato nel 2017 dall’allora Ministro dell’istruzione per l’iscrizione all’Albo Nazionale dell’Eccellenze Miur “I Fuoriclasse della Scuola”. Ha ottenuto la Oman Bursary dal Sultanate dell’Oman. Ma il riconoscimento più prestigioso conseguito da questo nostro giovane civitavecchiese è il titolo “Ambasciatore di Matera Capitale Europea della Cultura 2019", conferito dal Sottosegretario del Miur Vito De Filippo. Ad Alberto, giovane promessa civitavecchiese – ha concluso il Sindaco –  auguro di poter conseguire ogni suo sogno".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Consiglio premia Alberto Castiglione

CIVITAVECCHIA – Il consiglo comunale ha consegnato ieri un riconoscimento ufficiale della città allo studente Alberto Castiglione "per attestare la gratitudine della nostra comunità – ha spiegato il sindaco Cozzolino – nei confronti di un ragazzo che ha saputo dar lustro a Civitavecchia. Alberto è uno studente universitario che si è distinto in vari campi, conseguendo titoli e riconoscimenti degni di nota: oltre ad aver conseguito il diploma all’istituto nautico riportando la valutazione di 100/100 lode, è risultato 1° classificato alla gara nazionale degli Istituti Tecnici Nautici Conduzione Mezzo Navale. È stato inoltre premiato nel 2017 dall’allora Ministro dell’istruzione per l’iscrizione all’Albo Nazionale dell’Eccellenze Miur “I Fuoriclasse della Scuola”. Ha ottenuto la Oman Bursary dal Sultanate dell’Oman. Ma il riconoscimento più prestigioso conseguito da questo nostro giovane civitavecchiese è il titolo “Ambasciatore di Matera Capitale Europea della Cultura 2019", conferito dal Sottosegretario del Miur Vito De Filippo. Ad Alberto, giovane promessa civitavecchiese – ha concluso il Sindaco –  auguro di poter conseguire ogni suo sogno".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

TRIBUNALE DI LIVORNO Sezione distaccata di Portoferraio

Notifica per pubblici proclami – Dott. Alberto Cecconi – R.G. n.
3/2017

(TX18ABA11682 )

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

TRIBUNALE DI LIVORNO Sezione distaccata di Portoferraio

Notifica per pubblici proclami – Dott. Alberto Cecconi – R.G. n.
3/2017

(TX18ABA11682 )

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Raccolta funghi, la Civita off limits ai disabili

TARQUINIA – Civita off limits ai disabili che non possono dedicarsi alla raccolta dei funghi con i famigliari. 
La denuncia arriva dal gruppo politico di Idea Sviluppo ormai in rotta di collisione con il presidente Sergio Borzacchi e i suoi fedelissimi, su tutto. «Siamo costretti ad intervenire ancora una volta sull’attività amministrativa dell’Università  Agraria di Tarquinia,- tuonano gli esponenti del gruppo che fa capo a Pietro Serafini –   non per alimentare una ulteriore polemica sui criteri gestionali poco trasparenti od in qualche modo insofferenti all’obbligo del confronto politico, che pure abbiamo dovuto constatare nell’ultimo periodo (vedi la questione bilancio, accesso  e trasparenza degli atti), ma per evidenziare un fatto di particolare gravità, censurabile non solo sotto il profilo amministrativo, ma soprattutto sotto l’aspetto umano e sociale».
Gli esponenti del gruppo Idea Sviluppo chiedono «se risponde a verità quanto affermato da alcuni utenti tarquiniesi». «Sembra – spiegano – che ai soggetti disabili sia di fatto impedito l’accesso per la raccolta di funghi ferlenghi sul Pianoro della Civita. Veniamo informati quotidianamente sui giornali delle varie iniziative del consigliere Alessandro Sacripanti, ormai noto in città per essere stato attivista di  quattro partiti in cinque mesi e del vicepresidente Alberto Tosoni, mai dimissionario ed ancora titolare della doppia carica di consigliere e vicepresidente, impedendo ad alcuni membri del suo stesso gruppo politico di poter fare una propria esperienza amministrativa. Niente di nuovo, comunque, visto che  in passato dei corsi di micologia non gratuiti, per la raccolta funghi ce ne sono sempre stati in abbondanza.  Ma la vera novità  di questa amministrazione, ed in particolare dei due amministratori, è l’intensificazione dei controlli.  Fin qui nulla di strano, anzi,  se non si determinasse la spiacevole conseguenza che i tarquiniesi  diversamente abili o con difficoltà motorie, dotati di permesso con invalidità al 100%, non possono entrare con la macchina al pianoro per recarsi alla raccolta funghi.  Viene in tal modo impedito il verificarsi di un momento  di  grande soddisfazione per i nostri ragazzi che aspettano per un anno intero, sperando ogni volta di emozionarsi, integrarsi, scaricarsi, vivere la nostra bellissima campagna con i famigliari». 
«Molte famiglie si sono recate presso l’ente  – aggiungono da Idea Sviluppo  – chiedendo spiegazioni in merito e protocollando richieste scritte ma niente, nessuna risposta e atteggiamenti evasivi da parte di alcuni responsabili, tentando di  scaricare le responsabilità l’uno con l’altro. Cari amministratori, siamo nel 2019 e l’abbattimento delle barriere per la disabilità è la vera sfida per il futuro, ragionare in termini diversi significa tornare indietro nel tempo.  Le risposte devono essere celeri e rispettose per le famiglie.  La stagione dei funghi sta terminando, mentre i selfie aumentano dimenticando le priorità che un’amministratore deve avere».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Raccolta funghi, la Civita off limits ai disabili

TARQUINIA – Civita off limits ai disabili che non possono dedicarsi alla raccolta dei funghi con i famigliari. 
La denuncia arriva dal gruppo politico di Idea Sviluppo ormai in rotta di collisione con il presidente Sergio Borzacchi e i suoi fedelissimi, su tutto. «Siamo costretti ad intervenire ancora una volta sull’attività amministrativa dell’Università  Agraria di Tarquinia,- tuonano gli esponenti del gruppo che fa capo a Pietro Serafini –   non per alimentare una ulteriore polemica sui criteri gestionali poco trasparenti od in qualche modo insofferenti all’obbligo del confronto politico, che pure abbiamo dovuto constatare nell’ultimo periodo (vedi la questione bilancio, accesso  e trasparenza degli atti), ma per evidenziare un fatto di particolare gravità, censurabile non solo sotto il profilo amministrativo, ma soprattutto sotto l’aspetto umano e sociale».
Gli esponenti del gruppo Idea Sviluppo chiedono «se risponde a verità quanto affermato da alcuni utenti tarquiniesi». «Sembra – spiegano – che ai soggetti disabili sia di fatto impedito l’accesso per la raccolta di funghi ferlenghi sul Pianoro della Civita. Veniamo informati quotidianamente sui giornali delle varie iniziative del consigliere Alessandro Sacripanti, ormai noto in città per essere stato attivista di  quattro partiti in cinque mesi e del vicepresidente Alberto Tosoni, mai dimissionario ed ancora titolare della doppia carica di consigliere e vicepresidente, impedendo ad alcuni membri del suo stesso gruppo politico di poter fare una propria esperienza amministrativa. Niente di nuovo, comunque, visto che  in passato dei corsi di micologia non gratuiti, per la raccolta funghi ce ne sono sempre stati in abbondanza.  Ma la vera novità  di questa amministrazione, ed in particolare dei due amministratori, è l’intensificazione dei controlli.  Fin qui nulla di strano, anzi,  se non si determinasse la spiacevole conseguenza che i tarquiniesi  diversamente abili o con difficoltà motorie, dotati di permesso con invalidità al 100%, non possono entrare con la macchina al pianoro per recarsi alla raccolta funghi.  Viene in tal modo impedito il verificarsi di un momento  di  grande soddisfazione per i nostri ragazzi che aspettano per un anno intero, sperando ogni volta di emozionarsi, integrarsi, scaricarsi, vivere la nostra bellissima campagna con i famigliari». 
«Molte famiglie si sono recate presso l’ente  – aggiungono da Idea Sviluppo  – chiedendo spiegazioni in merito e protocollando richieste scritte ma niente, nessuna risposta e atteggiamenti evasivi da parte di alcuni responsabili, tentando di  scaricare le responsabilità l’uno con l’altro. Cari amministratori, siamo nel 2019 e l’abbattimento delle barriere per la disabilità è la vera sfida per il futuro, ragionare in termini diversi significa tornare indietro nel tempo.  Le risposte devono essere celeri e rispettose per le famiglie.  La stagione dei funghi sta terminando, mentre i selfie aumentano dimenticando le priorità che un’amministratore deve avere».

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###