Centinaia di persone  per la festa della Radica

TOLFA – "Festa della Radica 2018: è stata dura ma ce l’abbiamo fatta". Ad esprimersi così il consigliere comunale di Tolfa, Antonio Stefanini dopo lo straordinario successo per la ''Festa della Radica'' che si è svolta sabato e domenica scorsa. Centinaia di persone hanno, infatti, invaso le vie del centro storico assistendo ad un magnifico salto nel passato. Scenografie studiate nel dettaglio che hanno decorato ed abbellito il cuore di Tolfa, tantissimi giochi popolari, laboratori culinari poetici e ludici, piatti frugali esposizioni artistiche e tanto tanto divertimento. La manifestazione è iniziata Sabato mattina con la tradizionale gara di pesca (organizzata in collaborazione con i laghi Albatros) che ha visto oltre 100 piccoli pescatori. Nel pomeriggio da via Roma a piazza Armando Diaz si è potuto assistere a laboratori ludici curati  dell’associazione La Filastrocca, laboratori di giochi circensi organizzati da Novella Morellini dell’ass. Catapulta, mentre sotto la supervisione dello Slow Food si sono svolte attività sul cibo attraverso i commercianti di Tolfa: col pastificio artigianale Coccodè ed il panificio Armani è stato spiegato l’importanza della pasta artigianale delle farine utilizzate, degli abbinamenti delle varie tipologie di pasta ai vari piatti della tradizione tolfetana; per quanto riguarda il pane sono state spiegate le caratteristiche del pane giallo dei Monti della Tolfa, la lavorazione e le materie prime utilizzate; in entrambi i laboratori sono stati coinvolti i bambini che hanno potuto mettere “le mani in pasta” e realizzare piccoli prodotti. Poi c'è stato il laboratorio del circolo poetico Bartolomeo Battilocchio curato da Agnese Monaldi e dal suo presidente Adele Natali che ha visto recitare ai bambini poesie in ottava rima endecasillabe ed inoltre sono state realizzate attività creative di poesia e pittura. Tra quanto proposto comunque il ruolo principale lo hanno avuto i giochi popolari che hanno visto centinaia di partecipanti tra bambini ed adulti. Tra tutti i giochi il principale è stato il tiro alla fune che con i suoi vincitore ha sancito la squadra che poi ha rappresentato Tolfa alla tanto attesa gara del tiro alla fune intercomunale. La giornata di sabato è stata arricchita dalle performance della banda folcloristica LA Racchia di Vejano dal “banno è morto Nino” e dalle tantissime foto esposte (ass. Click, il norvegese Dag Duckert, Roberta sfascia, Mario Filabozzi , Generatio 90). Il sabato si è concluso con una cena con prodotti tipici ed il concerto delle Sinergie Popolari. Le attività della domenica sono iniziate molto presto con la messa in piazza A.Diaz a seguire il battesimo del Buttero e poi nuovamente giochi popolari su via roma, caccia al tesoro e aperitivo alla Rocca organizzata dagli amici del Country food di Allumiere che hanno accompagnato i visitatori prima del pranzo per le vie del centro storico per poi arrivare fin su al castello con i nostri amici a quattro zampe, gli asini per degustare un aperitivo con prodotti locali. Nel pomeriggio ci sono stati i giochi popolari e lo show cooking realizzato da Antonio Morra proprietario dello storico ristorante da Buzzico che cucinando a vista pietanze tipiche ha riscontrato un grande successo e poi si è svolta la tanta attesa processione “E' Morto Nino” che ha accompagnato le squadre i visitatori e le istituzioni dalla piazza del Comune fino al campo di gara (p.zza A. Diaz). I Comuni aderenti sono stati, oltre ovviamente a Tolfa, Allumiere, Ladispoli, Campagnano, Formello, Palestrina e Canale Monterano. La gara, accompagnata dalle performance delle tamburine di Canale Monterano e dall’ass. Wild Eagles, è stata una competizione sentita, dura, ma ricca di sportività che ha visto trionfare il Comune di Palestrina andati in finale con i tiranti di Formello, terzo posto per Tolfa dopo il derby con Allumiere. "Il duro lavoro ed i sacrifici sono stati premiati – sottolinea Antonio Stefanini consigliere comunale delegato alle Tradizioni e membro dell’ass. organizzatrice – abbiamo lavorato tanto ma ci siamo riusciti. Segnati nel viso, stanchi nelle braccia e nelle gambe, con la mente ancora affaticata per le tantissime cose a  cui pensare e risolvere chiudo gli occhi e come in un sogno rivivo i momenti di quei due giorni di festa appena trascorsi. Solo ora come in un colpo mi alzo di scatto, la fatica svanisce, la mente si fa più chiara ed il cuore si gonfia di gioia e di amore. Siamo consapevoli del fatto che ogni singolo sforzo non è stato mai vano, ci alziamo più forti per andare sempre più avanti. Per la storia dei padri e per il futuro dei figli le nostre tradizioni sono vive e salde, come salda è la Radica, stirpe e sangue della nostra comunità. Ringrazio i membri di Generatio 90 che hanno dato anima e corpo donando ogni volta un pezzo del loro cuore; tutto lo staff della cucina per il lavoro e l’ottimo cibo proposto; le piccole e instancabili nuove  leve; le mogli e i mariti che ci hanno supportato e sopportato in questo periodo; le istituzioni nella persona del sindaco Luigi Landi, Marco Santurbano presidente dell’Agraria e Vittorio Ferlicca per il supporto logistico fornito, Alessandro Battilocchio, Devid Porrello e Matteo Manunta della Ragione Lazio, Gabriele Volpi Comunità Montana, i Comuni di Allumiere, Campagnano, Canale Monterano, Formello, Palestrina, Ladispoli, don Giovanni Demeterca, tutte le associazioni che hanno realizzato insieme a noi questo evento, il circolo poetico Bartolomeo Battilocchio per la scenografia realizzata insieme alla Protezione Civile, Alessandro Ansidoni l’associazione Slow Food Costa della Maremma laziale "Gruppo Ufficiale", DD Impianti e Sicurezza Claudia Pagliarini, la Filastrocca Fabbi, Laghi Albatros official, gli amici del CountryFood Allumiere, Novella Morellini ass. Catapulta, Tolfa volley Asd, Scuola Calcio Tolfa-Allumiere asd, ass. Click, Giuliano Profumo e i suoi ragazzi della Wild Eagles Asd, la tamburine di Canale Monterano, l'associazione culturale Ordo Scarabeus, Unione Rugby Ladispoli Settore giovanile, ass. opes italia, Le Sinergie Popolari, la compagnia teatrale il Barsolo, Stefano Tofone, Roberta Santoni, Adele Natali, le alchimiste dell’ago e filo Velleda e Marisa, Simona Sestili, Roberta Sfascia, Rosa Dellachiesa e Riccardo, Mario Filabozzi, Marco Muneroni, Stefania Bentivoglio, Emanuela Massaroni, Antonio Sestili e Antonio Filabozzi, al pastificio Coccode, al panificio Armani e il ristorante Da Buzzico, a Egidio Virgili e la sua squadra di veri professionisti, a Vincenzo Pierini,  a tutte le comparse, ad Aldo Borghini e Italo Ciambella sempre disponibili per la collettività. Un grazie a tutti i commercianti e ristoranti di Tolfa. Il nostro obbiettivo era di trasmettere quanto vive nel cuore di ogni tolfetano, di far conoscere la nostra storia, la nostra cultura e devo dire visto le tantissime persone che non solo hanno vestito i panni di visitatore ma di partecipante che sono rimaste entusiaste, possiamo dire: abbiamo colto nel segno". Molto soddisfatto il sindaco Landi che si associa ai ringraziamenti di Stefanini e sottolinea: "Questa festa è la vera festa dei tolfetani, della nostra comunità che fa divertire tutte  le generazioni a 360° è magnifico veder divertisi insieme bambini e adulti, i piccoli che vivono i racconti dei loro genitori e dei loro nonni e gli adulti che rivivono la loro fanciullezza. Faccio con il cuore vivi ringraziamenti a tutta la macchina organizzativa che da mesi lavora per regalare alla comunità di Tolfa una due giorni veramente meravigliosa".   

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Memorial ''Angeli della Buca di Nerone'' sempre più emozionante e suggestivo

Grande successo del   Memorial   “Angeli della Buca di Nerone”,  giunto ormai alla quarta edizione gara di pesca dalla barca, in ricordo dei soci scomparsi del Gruppo Pesca Sportiva  Buca di Nerone. La gara, aperta anche ad equipaggi esterni all’Associazione Sportiva si è tenuta nei giorni di sabato  15 e domenica 16, registrando la nutrita presenza di circa quaranta  equipaggi,  che  si sono dati battaglia nella specialità canna da natante e  traina costiera.  Le quattro ore di ciascuna  gara sono state caratterizzate da un buon  numero di prede in entrambe le specialità, con qualche cattura di taglia interessante. 
Nella specialità canna da natante gli equipaggi, suddivisi nelle categorie agonisti e dilettanti, ha prevalso nella categoria dilettanti la giovane coppia Vetturini – Del Duca che hanno battuto gli anziani Demichelis – Colucci. Buon terzo classificato l’equipaggio Regio – Regio che con un gronco di notevoli dimensioni si è aggiudicato anche il premio per il pesce più grosso.  Tra gli agonisti la coppia Castagnari- Ballottari si è imposta sull’equipaggio Campidonico – Orlandi, che per pochissimi grammi ha prevalso sull’equipaggio Morali- Pacitti.  Da sottolineare il risultato dei dilettanti che hanno superato nel punteggio gli Agonisti.
 La gara di traina, caratterizzata da numerose catture, ha visto  la coppia Francini – Francini prevalere per pochi grammi  sul  veterano, ma sempre valido,  Aldo Demichelis che, pur gareggiando in solitario, ha fatto  registrare catture di tutto rispetto per dimensioni, aggiudicandosi  il premio del pesce più grosso con un serra da circa tre chili. 
Tutto il pescato è stato dato in beneficenza alla Comunità Sant’Egidio e all’associazione Il Ponte.
La cerimonia di premiazione è avvenuta al termine di una conviviale cena presso un noto locale cittadino  ed ha registrato una affluenza mai raggiunta in precedenza. Con la partecipazione della signora Alessandra Riccetti, consigliere comunale e della signora Anna Battaglini, coordinatrice provinciale di  Telethon, che ha voluto offrire a tutti i partecipanti alle gare un presente a nome della fondazione che rappresenta.   Messaggi di auguri sono giunti  da parte dell’onorevole Marietta Tidei,  come pure del  Sindaco e del Presidente dell’Autorità Portuale, tutti  impossibilitati a partecipare.  
Al termine della cena il presidente dell’associazione, dottore Claudio Monti,   nel ringraziare tutti i presenti  per la nutrita partecipazione ha invitato gli organizzatori,  Nazzareno De Michelis e Mauro Campidonico,  cui è andato il plauso dei presenti,  a dare inizio alla premiazione.  Dopo la consegna di  gadget a tutti i partecipanti,  sono state assegnate le  coppe  per le prime sei  coppie classificate per ogni specialità, messe in palio e consegnate direttamente dai congiunti dei soci scomparsi  nonché dalla nostra  associazione  che ha voluto  a  sopperire alle biasimevoli defezioni dell’ultima ora di taluni soci interessati.
Altri premi, destinati per goliardia anche agli equipaggi ultimi arrivati , sono stati messi in palio dalla ditta Albatros di Viterbo, che ha omaggiato tutti i garisti di magliette e cappellini sponsorizzati, dalla ditta Autolavaggio Lelo di Civitavecchia e dalla ditta  S.T. Service di Viterbo che hanno offerto ai primi tre equipaggi  classificati gilet tecnici sponsorizzati.  Un particolare ringraziamento va anche alla ditta Gedap di Viterbo che ha offerto caffè durante le due giornate di gara  a tutti i partecipanti, mettendo a disposizione un piccolo chiosco con due macchine erogatrici.
Il presidente del  Gruppo Pesca Sportiva  Buca di Nerone  ha voluto ricordare con un lungo e caloroso  applauso i soci scomparsi ed  ha reso omaggio ai parenti  con una targa ricordo della manifestazione, invitando i presenti all’edizione del prossimo anno con il solito entusiasmo e spirito di fattiva collaborazione.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Argenpic, la festa continua. Ecco tutti i premiati

TARQUINIA – Una festa (Madrina Anna Moroni) raddoppiata, in termini di giorni ed eventi, quella che gli organizzatori di ArgenPic stanno proponendo a Tarquinia Lido in provincia di Viterbo sulle sponde del Mar Tirreno. Il peperoncino è stato di scena in tutte le salse presso l’Area Eventi della Pineta AVAD dal 16 al 19 e lo sarà di nuovo dal 23 al 25 agosto con particolare riferimento ai cortometraggi. In una girandola di avvenimenti si alternano situazioni che dal piano culturale (Premio ArgenPic – Presidente Onorario Osvaldo Bevilacqua che ha partecipato alla consegna dei premi), con un concorso che ha visto in prima linea scrittori, poeti, giornalisti, registi, attori, disegnatori e fotografi impegnati nell’approfondire i temi legati al piccante, hanno finito con il coinvolgere residenti e turisti in corsi gratuiti teorico-pratico sul peperoncino (ARSIAL) e degustazioni gratuite di varietà nazionali e straniere, mostre di vignette satiriche, cene ed animazioni, gare di mangiatori, intrattenimenti folcloristici e canti popolari, stand di prodotti tipici locali ed informativi a carattere scientifico. Non sono mancati momenti di approfondimento su temi sociali di scottante attualità (e non mancheranno neanche nei prossimi giorni), proiezioni di cortometraggi e presentazione di libri da quelli più soft a quelli più hard in compagnia del Genio della Satira Piccante (Gianfranco Tartaglia – Passepartout), del Diabolik del Peperoncino Calabrese di Ugo Ardini, dei Fumettisti di ArgenPic e di Mister Piccante 2018 (Jack Pepper).

Particolarmente seguita anche la Mostra-Concorso sulla Pianta di Peperoncino più Bella, aperta a tutti gli amatori-coltivatori non professionisti delle piante di peperoncino. L’iniziativa è stata articolata in due distinti e precisi settori: Sezione Happening "Aspettando… ArgenPic" riservata alle Piante di Peperoncino varietà Diavolicchio Calabrese (1° Isabel Ribero, 2° Roberto Santinelli rappresentato con delega da Luigi Patrizi e 3° Alemanno) consegnate nel corso di un evento di presentazione svolto durante il mese di Marzo e la Sezione Libera riservata alle piante di tutte le varietà di Peperoncino reperite dai concorrenti(vincitore Mario Babbano).

Il complesso degli eventi, ai quali ha partecipato anche Giovanna Carlino Pirandello, sono stati organizzati dall'Associazione Borgo dell'Argento (Delegazione dell'Accademia Italiana del Peperoncino) in collaborazione con l'Associazione Culturale Oltrepensiero e l'A.V.A.D. con il Patrocinio del Comune e dell'Università Agraria di Tarquinia e dell'ARSIAL (Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l'Innovazione dell'Agricoltura del Lazio) nell'ambito della 4^ edizione della Festa del Peperoncino ArgenPic.  

 I prossimi appuntamenti con ArgenPic sono fissati per Giovedì prossimo, (Giovedì 23) al Cinema Etrusco di Tarquinia e il 24 – 25 sempre nell’Area Eventi Pineta AVAD del Lido con appuntamenti (nei prossimi giorni tutti i particolari) sempre legati alla Sezione Cortometraggi del Concorso e ad un evento simbolo (venerdì 24) con argomento “La Donna . . . e quel piccante da rispettare”. Parteciperanno giornaliste, attrici, registe, scrittrici, poeti con presentazione di libri, proiezioni di documentari, cortometraggi, brevi rappresentazioni teatrali intorno ai temi legati alla “Violenza sulle Donne”.   

 

Di seguito i riconoscimenti già assegnati nei giorni scorsi dal Premio ArgenPic 2018 e i finalisti della sezione cortometraggi di scena dal 23 al 25 agosto prossimi: 

 

 

PREMIO CULTURALE ARGENPIC III EDIZIONE 2018 – ALBO D’ORO

 

Sezione Giornalismo

1) Carlo Canna, Mostri d’Italia. Tracce di draghi tra insoliti resti e abili falsificazioni

2) Paola Cimmino alias Gamy Moore, Ardere e ardir d’amore

3) Carlo Canna, La storia della Sambuca Molinari

 

Sezione Narrativa: Libri inediti

1) Alberto Mazzega, I fratelli Proietti

Attestato di merito – Antonio Suraci, Al bar della pace

Attestato di merito – Maria Grazia Di Mario, La donna senza testa

 

Sezione Narrativa: Libri editi

1) Roberto Crociani, Zampa di capra  (Albatros) 

2) Paolo Jorio e Rossella Vodret, Il mistero dell’angelo perduto(Skira)

3) Annalisa Venditti, Il giorno dell’assoluzione (Dei MerangoliEditore)

 

Sezione Narrativa: Libri editi – Menzioni speciali

– Menzione speciale della Giuria

Perché? (CTL Editore)  di Claudio Crepaldi 

– Menzione speciale  Scrivere Sostenibile

Quel grattacielo nel bosco (Tracce Per La Meta Edizioni) di Fabio Clerici

– Menzione speciale Terra Etrusca

La Porta segreta – Alphonius il Rasenna (Bibliotheka Edizioni) di Stefano Girardi

– Menzione speciale Scrivere Oltre

Rosso Gardenia (Edizioni Leucotea) di Antonella Calvani

– Menzione speciale Strapiccante

Oltre la scelta (Edizioni Youcanprint) di Marco Cibecchini

 

Sezione Racconti

1) Andrés Norberto Baodoino, Amore appassionato

2) Rita D’Andrea, Il braccialetto di corallo

3) Gianfranco Carpine, Dalla corrispondenza segreta di una nobildonna inglese, 

   casualmente ritrovata in un antico baule, in soffitta

 

Sezione Poesia

1) Silvana Cenciarelli, L’ultimo lupo

2) Luca Sborzacchi, Il sogno santo

3) Antonella Calvani, ‘a sposina

3) Antonio Torino, Resilienza di un angelo

 

Sezione Fotografia

1) Alberto Cappellacci, Aglio, olio e peperoncino

2) Raffaele Ballirano, Fire Juggler

3) Massimiliano Brizi, Coccole piccanti

 

Sezione Vignette

1) Enrico Biondi, Piccante bruciore

2) Simone Togneri, Riflessioni

3) Leo Magliacano, Social

3) Gabriele Nicosia, Le solite scuse

 

I premi speciali e le segnalazioni di Argenpic

– Premio speciale della giuria ArgenPic Scrivere donna “Daniela Marrozzi”

Francesca Napoli, Otto settembre: quelle scarpe sanno (a mio padre)

– Premio Delegazione Argenpic

Ugo Ardini, I cuccioli del cane piumato

– Premio Oltrepensiero

Cesare Aloisi, Io sono

– Premio Borgo dell’Argento

Isabel Arrebato, Tarquinia

– Premio AVAD

Daniele Cristina Rosa Ferrari Serejo, Desiderio

– Premio Centro Benedetti

Simone Previti, Spice Odyssey (Odissea della spezia)

– Premio Argenpic alla Carriera

Gianfranco Tartaglia

Per la Sezione Cortometraggi ecco i finalisti. I premi saranno assegnati  Giovedì 23 (Premio del Pubblico)  al Cinema Etrusco di Tarquinia Centro Storico mentre tutti gli altri Sabato 25 nell’Area Eventi Pineta AVAD del Lido: Francesco Colangelo con “La decima onda”, “Sogni a orologeria” e “Once (in my life)”, Paolo Budassi con “Senza occhi, mani e bocca”, Annalisa Venditti con La Voce di San Gerardo e per i Premi Speciali Beppe Gallo, Philippe Boa, Valeria Solarino, Giorgio Colangeli.

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Mobili tra gli arbusti di oleandro, De Santis: ''Menefreghisti''

LADISPOLI – Riqualificate le aiuole di via del Tritone, angolo via Albatros. A voler regalare un po' di decoro a un angolo della città è stata un'impresa locale. "Sono ancora in corso le lavorazioni – ha spiegato l'assessore ai Lavori Pubblici Veronica De Santis – ma siamo già a tre quarti dell'opera. Grazie per questo valido e insostituibile aiuto, nato dalla volontà di avere una Ladispoli migliore". L'Assessore però punta i riflettori su quegli incivili che continuano ancora ad abbandonare rifiuti in ogni angolo della città: "Perdonatemi se resto ancora stupita di quanto alcuni cittadini/turisti possano essere così menefreghisti, oserei dire barbari: come si può abbandonare all'interno degli arbusti di oleandro, della mobilia? Per non parlare di spazzatura domestica, bottiglie, lattine e indumenti. La città è nostra: è di chi ama viverci (o villeggiare), di chi la rispetta, di chi – ha concluso De Santis – si indigna per questi comportamenti incivili".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 7 marzo 2018

Liquidazione coatta amministrativa della «Albatros societa'
cooperativa», in Roma e nomina del commissario liquidatore.
(18A02095)

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###