Fiom – Cgil, Casafina confermato segretario generale

CIVITAVECCHIA – Il 2° Congresso della Fiom – Cgil Civitavecchia Roma nord Viterbo, che si è tenuto venerdì scorso, si è concluso con il rinnovamento del gruppo dirigente territoriale composto da delegati metalmeccanici e con la conferma di Giuseppe Casafina come segretario generale.

Hanno partecipato i delegati eletti nelle assemblee di base svolte sui posti di lavoro dell'Alto Lazio, Fabio Palmieri per la Fiom – Cgil nazionale, Francesca Megna per la Cgil Camera del lavoro territoriale, Ivano Tassarotti per il patronato Inca, Claudio Roggerone per l'Ufficio vertenze Cgil e Valerio Bruni per l'Anpi provinciale di Roma.

“Nell'ultimo anno i metalmeccanici dell'Alto Lazio – spiegano dal sindacato – hanno subito licenziamenti e chiusure, dopo che le aziende non sono riuscite a realizzare i piani di sviluppo previsti, né a differenziare le attività, una strada che invece sarebbe necessaria anche per far fronte al drammatico problema dei continui ribassi negli appalti. Un grave problema quest'ultimo – proseguono dalla Fiom – Cgil Civitavecchia Roma nord Viterbo – che non deve essere lasciato in balìa delle dinamiche di concorrenza tra le imprese appaltatrici, perché con una piena responsabilità sociale della committenza principale verso il territorio avrebbe proporzioni diverse e meno gravi”.

Dal sindacato evidenziano come si sia registrato anche il caso di un provvedimento giudiziario “nei confronti di un'impresa, con accuse gravissime tra cui quella di caporalato e sfruttamento del lavoro, per cui la Fiom – Cgil è costituita parte civile in udienza. È questa – continuano – in estrema sintesi la fase di crisi che il settore attraversa, fase che dura da tempo e che investe anche i lavoratori attivi, perché le condizioni di lavoro peggiorano e i ricorsi alle casse integrazioni rimangono costanti”.

Per superare la crisi che investe l'occupazione locale, secondo la Fiom, è necessario il massimo impegno da parte di tutti “dalle istituzioni locali alle grandi realtà industriali e affini, in particolare di Enel – concludono duri dal sindacato – vista l'importanza e la connotazione produttiva di un'area che vede la presenza, tra le altre attività, di due centrali ciascuna delle quali necessita di lavorazioni costanti, di manutenzione e pulizie per l'una e di demolizione per l'altra. Rimangono, infine, l'atteso sviluppo del Porto di Civitavecchia e la necessità di un progetto sulle cosiddette aree interne, necessità per il viterbese in particolare”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Conte: amministratore "a tempo" della Pas

CIVITAVECCHIA – "La nomina del dottor Vincenzo Conte quale amministratore unico pro tempore della Pas per il tempo strettamente necessario all’individuazione di un nuovo amministratore è stata effettuata nel pieno rispetto della legge". Arriva direttamente da Molo Vespucci la difesa della decisione presa dal presidente dell'Adsp Francesco Maria di Majo – all'indomani delle dimissioni lampo, ed inaspettate, di Andrea Rigoni – di affidare l'incarico a Conte, già direttore tecnico della Port Authority Security.  

E l'Authority cita il D.Lgs. 175/2016 per confermare come non vi sia alcuna incompatibilità nel ricoprire entrambi i ruoli. "L’articolo 11, comma 8, del D.Lgs. 175/2016 stabilisce infatti – hanno sottolineato – che gli amministratori delle società a controllo pubblico non possono essere dipendenti delle amministrazioni pubbliche controllanti o vigilanti. Qualora siano dipendenti della società controllante, in virtù del principio di onnicomprensività della retribuzione, fatto salvo il diritto alla copertura assicurativa e al rimborso delle spese documentate, nel rispetto del limite di spesa di cui al comma 6, essi hanno l'obbligo di riversare i relativi compensi alla società di appartenenza. Dall'applicazione del presente comma non possono derivare aumenti della spesa complessiva per i compensi degli amministratori”. L’ incompatibilità poteva quindi sussistere, come peraltro è stato in passato precisato anche dal Mit, laddove il dottor Conte fosse stato dipendente dell’Autorità di Sistema Portuale, ovvero utilizzando la formulazione della norma sopra richiamata, dipendente dell’amministrazione pubblica controllante".

L'Adsp ha poi precisato come Conte abbia rinunciato ai compensi di amministratore unico "ed è stato espressamente autorizzato dalla propria amministrazione di provenienza, la Presidenza del Consiglio dei Ministri – hanno concluso – a svolgere l’incarico di amministratore con soli compiti di ordinaria amministrazione, senza retribuzione, per il periodo necessario alla nomina del nuovo amministratore. L’assemblea della Pas aveva infatti anch’essa deliberato di nominare il dottor Conte ad interim".  

Rimangono però i dubbi, al di là del decreto citato relativo tra l'altro al pubblico impiego. Quelli cioè legati al fatto che in una società in house come la Pas amministratore unico e dipendente – come è il caso di Conte già direttore tecnico – difficilmente possono essere la stessa persona, con controllato e controllore che vanno a coincidere, senza più il necessario vincolo di subordinazione. Ma a dirimere questi dubbi, a questo punto, potrebbero essere il collegio dei revisori – al quale poteva essere affidato l'incarico ad interim come già accaduto in precedenza – e la stessa Anac, competente a decidere in questi contesti. 

 
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Torna la perdita di via Nuova di San Liborio

CIVITAVECCHIA – Torna la perdita tra via Nuova di San Liborio e via Don Milani per la quarta volta nel giro di pochi mesi. Lo segnala Giancarlo Frascarelli (FI) “Al servizio del cittadino”.

Una situazione che rende difficile la circolazione dopo il ritorno di “una copiosa sorgente d'acqua. Quattro gli interventi effettuati nel corso degli ultimi mesi – continua Frascarelli – nello stesso punto e, purtroppo, ad oggi non si riesce a domare il flusso d'acqua che arriva fino in via Don Milani, all'altezza dell'incrocio con via Montanucci. Parlare di una situazione di pericolo appare scontato. Ci sono moltissimi pedoni nelle ore di entrata ed uscita dalle scuole limitrofe, così come un flusso di veicoli (pensiamo ai ciclomotori) che si trovano a transitare lungo un'arteria nodale per il quartiere San Liborio”.

L’azzurro invita il Sindaco o l’assessore ai Lavori pubblici Alessandro Ceccarelli a chiedere anche ad Acea perché “quattro tentativi di riparazione non andati a buon fine ci portano inevitabilmente a capire che forse gli interventi tampone non sono sufficienti per quello che appare un problema serio, da affrontare in maniera radicale. Chi paga le riparazioni? Abbiamo tutto il diritto di credere – conclude Frascarelli – che il sindaco Cozzolino abbia lanciato un nuovo gioco: tenta la riparazione”. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Taxi –ncc, Codacons: ''Bene il nuovo regolamento comunale''

CIVITAVECCHIA – “In dirittura di arrivo il nuovo regolamento comunale per il trasporto pubblico non di linea”. Lo rende noto Sabrina de Paolis rappresentante del Codacons di Civitavecchia che esprime soddisfazione, dopo anni di battaglie, e indica due grandi novità che consentiranno un servizio migliore e regolare. “Una svolta clamorosa – prosegue De Paolis – sarà l'inserimento di tariffe fisse e calmierate, che saranno stabilite dalla giunta comunale (per le quali il Codacons presenterà le sue proposte già nella seduta della Commissione consultiva del 17 ottobre), che tutelerà tutti i consumatori, crocieristi compresi, da brutte sorprese”.

Per De Paolis grazie alle tariffe non ci saranno più conti astronomici “per un trasferimento di circa 2 chilometri, come quello dalla stazione o da un bed and breakfast fino a largo della Pace. Così come sarà finalmente possibile chiamare un taxi tramite l'istituzione del servizio centralizzato di radio taxi”.

Si tratta di uno strumento fondamentale e chiesto a gran voce dal Codacons perché “il telefono pubblicizzato anche sul sito istituzionale del Comune – incalza De Paolis -(e pagato dai cittadini), ubicato fuori alla stazione, squilla sempre a vuoto”. Un disservizio che mette in cattiva luce tutta la città. Finalmente si potrà avere un servizio regolare, cosa fino ad ora impossibile “con tutti i taxi impegnati nei tour romani con incassi fino a 600 euro a corsa, come balzato recentemente agli onori della cronaca – tuona De Paolis – dopo le indagini dei Carabinieri che hanno portato alla comminazione della sanzione amministrativa e alla denuncia di un tassista che addirittura essendo adibito esclusivamente al trasporto disabili, effettuava invece questa corsa a Roma per passeggeri normodotati”.

Prevista anche la possibilità dell'inserimento di nuove aree di stazionamento.

“Ringraziando – aggiunge De Paolis – l'ottimo lavoro dell'Ufficio trasporti pubblici del comune di Civitavecchia, nella persona della dirigente Gabriella Brullini, per la stesura del regolamento, nonché quello del Nucleo operativo e radiomobile comandato dal tenente Roberto Lacatena che ha permesso di accertare i fatti esposti dal Codacons, il cui esito è stato certamente utile al perfezionamento del nuovo regolamento l fine di dotarlo di strumenti atti a contrastare comportamenti illeciti, confidiamo ora nel buon senso di tutti i titolari di licenza taxi affinché si smetta di fare ostruzionismo a spese degli utenti e dei cittadini, nella rapida attuazione di quanto di competenza della giunta, e – conclude – in una pronta approvazione finale in consiglio comunale”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Violenza di genere: convegno con la Polizia locale

CIVITAVECCHIA – Il Comando di polizia locale del Comune di Civitavecchia ha organizzato per venerdì 19 ottobre una giornata di formazione sulla violenza di genere, con il patrocinio dell’Ordine degli Avvocati di Civitavecchia, che ha riconosciuto all’iniziativa 5 crediti formativi, nonché dell’Ufficio scolastico regionale.

Un tema purtroppo di forte attualità che verrà affrontato attraverso l'intervento di professionisti ed esperti – magistrati, avvocati, funzionari delle forze dell'ordine, medici e psicologi – andando ad analizzare i diversi aspetti, partendo da numeri e statistiche passando per gli aspetti pratici dei processi e alle proposte operative per il coordinamento tra Procura e Polizia giudiziaria, fino alla prevenzione e contrasto da parte di carabinieri e polizia e all'importanza del dna per riconoscere le tracce biologiche. Porterà la propria testimonianza anche Luigi Mangiapelo, il padre di Federica, vittima di femminicidio e trovata senza vita sulle rive del lago di Bracciano. Modera il comandante della Polizia locale Pietro Cucumile. 

L'appuntamento è a partire dalle 8 di venerdì presso la sala convegni “Giusy Gurrado” della Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia in via Risorgimento 8/12. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Sosta selvaggia davanti la Melone, il preside bacchetta i genitori

LADISPOLI – Lo aveva promesso a inizio anno scolastico e ha già mantenuto la promessa. Il dirigente scolastico della Corrado Melone, Riccardo Agresti, torna a rimproverare i genitori indisciplinati e ancora una volta (come promesso proprio all'apertura dell'anno scolastico, appunto) lo ha fatto postando la foto degli insciplinati, o meglio delle loro auto, sui social. "In foto la dimostrazione che ci sono genitori che non rispettano i propri figli o comunque se ne infischiano della sicurezza dei figli altrui. Non è la prima volta che degli ignoranti (ignorano le regole del codice della strada) mettono a rischio la sicurezza dei ragazzi i quali, invece di scendere in tranquillità dai pullman al rientro da una qualche uscita didattica, sono costretti a scendere sulla strada perché lo spazio riservato ai bus è occupato da incapaci (incapai a percorrere un tratto di strada dal parcheggio dedicato alle auto a Scuola). La maleducazione (sono stati educatiomale dai loro genitori e male educheranno i propri figli) di queste persone – prosegue Agresti – è assolutamente stigmatizzabile e rende conto della fatica che fanno i docenti ad insegnare il rispetto delle regole della civile convivenza! Il Sindaco aveva detto che sarebbero fioccate le multe, ma vediamo ancora solo estrema mancanza di rispetto del prossimo". 

Scena, quella immortalata dal dirigente della Melone, che si ripete davanti a quasi tutti gli istituti scolastici ladispolani. Auto in doppia, se non in tripla fila con i genitori, con al seguito bambini, che fanno la gimkana tra le auto, incuranti del pericolo per loro stessi, e per gli altri automobilisti che magari, proprio in quel momento si ritrovano a dover attraversare quel tratto stradale col rischio di incorrere in qualche incidente. Situazione, peraltro, denunciata anche da un genitore, come riporta lo stesso preside Agresti che, dopo la 'ramanzina' ha voluto condividere con gli internauti anche il commento di un genitore della Melone: "Buongiorno – si legge nella nota inviata al dirigente scolastico – sono un genitore disabile che se potesse avere l'uso pieno delle gambe,sarebbe molto volentieri ben disposto a parcheggiare la propria auto,munita di opportuno tagliando e comandi appunto adatti alla mia patologia,sarebbe,dicevo molto ben disposto a parcheggiare nelle piazze o nelle vie adiacenti alla scuola e fare quattro benedetti passi sulle proprie gambe.Purtroppo devo avvicinarmi molto in prossimità dell' Istituto Melone ,ma sempre attento a non invadere lo spazio e la libertà altrui. Guardi invece cosa siamo capaci di fare, il grado di menefreghismo e inciviltà raggiunti. Considerando che al peggio non ci sono limiti, con questa immagine (nella foto inviata al dirigente scolastico si vedono auto in doppia fila che invadono anche le strisce pedonali, ndr) voglio mettere in evidenza, il "coraggio" di alcune figure che senza pudore e con il massimo dell'egoismo e della arroganza e aggiungo assoluta stupidità, riescono a mettere regolarmente le loro auto nelle posizioni più idonee a mettere in pericolo gli stessi scolari,contravvenendo alle più elementari regole e impedendo anche il transito degli ausili per disabili e procurando disagio e difficoltà di cui i suddetti imbecilli sembrano non rendersene conto.Eppure secondo me,sono pienamente coscienti del loro deplorevole comportamento.Ma il livello di degrado raggiunto,li ha assuefatti alla malaeducazione e al sopruso.Un rimedio potrebbe essere il raggiungimento della consapevolezza degli utenti più ligi alle norme,che costoro possono venire redarguiti e invitati al rispetto verso tutti.
Caro signor preside, la saluto molto cordialmente, con l'amara certezza che anche non arrendendosi,purtroppo non saremo in grado di cambiare le cose".

Non è mancata la risposta del dirigente scolastico: "A questo genitore rispondo che credo nella funzione di crescita culturale ed educativa della Scuola e sono certo, guardando i nostri "meloncini", che il futuro sarà migliore della realtà attuale. Noi lavoratori della conoscenza non ci arrenderemo mai!".

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Violenza di genere: convengo con la Polizia locale

CIVITAVECCHIA – Il Comando di polizia locale del Comune di Civitavecchia ha organizzato per venerdì 19 ottobre una giornata di formazione sulla violenza di genere, con il patrocinio dell’Ordine degli Avvocati di Civitavecchia, che ha riconosciuto all’iniziativa 5 crediti formativi, nonché dell’Ufficio scolastico regionale.

Un tema purtroppo di forte attualità che verrà affrontato attraverso l'intervento di professionisti ed esperti – magistrati, avvocati, funzionari delle forze dell'ordine, medici e psicologi – andando ad analizzare i diversi aspetti, partendo da numeri e statistiche passando per gli aspetti pratici dei processi e alle proposte operative per il coordinamento tra Procura e Polizia giudiziaria, fino alla prevenzione e contrasto da parte di carabinieri e polizia e all'importanza del dna per riconoscere le tracce biologiche. Porterà la propria testimonianza anche Luigi Mangiapelo, il padre di Federica, vittima di femminicidio e trovata senza vita sulle rive del lago di Bracciano. Modera il comandante della Polizia locale Pietro Cucumile. 

L'appuntamento è a partire dalle 8 di venerdì presso la sala convegni “Giusy Gurrado” della Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia in via Risorgimento 8/12. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Ferri: ''Non rischiamo di diventare solo città di transito"

CIVITAVECCHIA – Prende spunto dalla sospensione del progetto sperimentale del treno per i crocieristi che sarebbe dovuto partire oggi il segretario del Pd Germano Ferri per sottolineare come, in questo senso, un tassello fondamentale per lo sviluppo turistico della città sia indubbiamente un collegamento ferroviario efficiente con Roma e Fiumicino, "connessione necessaria anche a decongestionare la linea ferroviaria Fl5 – ha spiegato – quotidianamente frequentata dai tanti pendolari del comprensorio che per motivi di studio o lavoro si trovano a dover condividere i vagoni ferroviari con i tanti croceristi che dal porto di Civitavecchia si accingono a raggiungere la capitale".

E ricorda come Civitavecchia, anche per il 2018, si è confermatail principale porto croceristico italiano, con milioni di turisti movimentati, "e tenuto presente che buona parte dei croceristi che prendono il treno lo fanno per raggiungere Roma e Fiumicino, come sottolineato dal Presidente dell’Adsp Francesco Di Majo, lo sviluppo del porto – ha aggiunto – deve prevedere anche un collegamento efficiente con le città poc'anzi citate. Ci fa ben sperare quindi il finanziamento di ben 195 milioni di euro da parte della Banca Europea degli investimenti, utile a livello locale a realizzare grandi opere infrastrutturali, tra cui miglioramenti nelle connessioni viabilistiche. Auspico però che tale credito non porti Civitavecchia a diventare ancor più zona di transito dato che sono convinto la nostra città debba beneficiare da una movimentazione di persone così importante, anche in virtù delle conseguenze come l'inquinamento che il porto ha verso la nostra città e soprattutto considerata la boccata d'ossigeno che tale flusso di persone può apportare alla difficile situazione occupazionale locale".

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Equitazione Performance, applausi per i ragazzi del centro diurno I Girasoli di Tolfa

TOLFA – L scorso 7 ottobre, presso il centro ippico gestito dalla Asd Natura e Cavallo di Tolfa (RM), affiliato alla Fitetrec-Ante, si è svolto il secondo Special Event di Performance, disciplina di eccellenza dell'equitazione western. La giornata è iniziata di buon ora con la preparazione dei cavalli e a seguire con la visione del campo di gara e del percorso da parte dei cavalieri.

 

A dare il fischio di inizio sono stati i ragazzi del Centro diurno I Girasoli di Tolfa, gestito dalla Cooperativa Sociale Alicenova, che si sono cimentati nella prova di Horsemanship. La disciplina prevede la conduzione del cavallo attraverso un percorso e quindi davanti al giudice per ispezione e per presentare il proprio cavallo; questo richiede attenzione e buona destrezza da parte del cavaliere che conduce. La prova è stata superata alla grande tra applausi ed emozione dei partecipanti, sostenuti dagli operatori e dagli istruttori con cui lavorano durante l'anno, Massimo Morra e Carla Perrone Capano.

 

Il Centro diurno I Girasoli è dedicato alle persone con disabilità residenti nei Comuni di Civitavecchia, Santa Marinella, Tolfa e Allumiere. Gli iscritti che frequentano il centro di Tolfa portano avanti da maggio un'attività legata al cavallo, all’equitazione sportiva e a tutto ciò che ad essi attiene. L'attività si pone come stimolo per lo sviluppo motorio, psicologico e sociale degli allievi che ne prendono parte.

 

"L’equitazione, rispetto ad altre discipline sportive – spiega la coordinatrice Alessandra Vincenti – risulta più completa, in quanto, oltre a fornire all'allievo l’acquisizione e l'accettazione di regole e la relazione con il gruppo, integra lo sviluppo psicomotorio, favorisce l’autostima e pone il soggetto in condizione di relazionarsi con un essere vivente. In particolare, oltre a promuovere una più integrata coscienza corporea, dello spazio e del tempo, ed a favorire un miglioramento delle funzioni di equilibrio e del tono muscolare, giornate come questa sostengono maggiormente la socializzazione, l'integrazione sociale e la sensibilizzazione del contesto di vita delle persone a cui il centro si rivolge, un elemento centrale e imprescindibile".

 

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Equitazione Performance, applausi per i ragazzi del centro diurno I Giradoli di Tolfa

TOLFA – L scorso 7 ottobre, presso il centro ippico gestito dalla Asd Natura e Cavallo di Tolfa (RM), affiliato alla Fitetrec-Ante, si è svolto il secondo Special Event di Performance, disciplina di eccellenza dell'equitazione western. La giornata è iniziata di buon ora con la preparazione dei cavalli e a seguire con la visione del campo di gara e del percorso da parte dei cavalieri.

 

A dare il fischio di inizio sono stati i ragazzi del Centro diurno I Girasoli di Tolfa, gestito dalla Cooperativa Sociale Alicenova, che si sono cimentati nella prova di Horsemanship. La disciplina prevede la conduzione del cavallo attraverso un percorso e quindi davanti al giudice per ispezione e per presentare il proprio cavallo; questo richiede attenzione e buona destrezza da parte del cavaliere che conduce. La prova è stata superata alla grande tra applausi ed emozione dei partecipanti, sostenuti dagli operatori e dagli istruttori con cui lavorano durante l'anno, Massimo Morra e Carla Perrone Capano.

 

Il Centro diurno I Girasoli è dedicato alle persone con disabilità residenti nei Comuni di Civitavecchia, Santa Marinella, Tolfa e Allumiere. Gli iscritti che frequentano il centro di Tolfa portano avanti da maggio un'attività legata al cavallo, all’equitazione sportiva e a tutto ciò che ad essi attiene. L'attività si pone come stimolo per lo sviluppo motorio, psicologico e sociale degli allievi che ne prendono parte.

 

"L’equitazione, rispetto ad altre discipline sportive – spiega la coordinatrice Alessandra Vincenti – risulta più completa, in quanto, oltre a fornire all'allievo l’acquisizione e l'accettazione di regole e la relazione con il gruppo, integra lo sviluppo psicomotorio, favorisce l’autostima e pone il soggetto in condizione di relazionarsi con un essere vivente. In particolare, oltre a promuovere una più integrata coscienza corporea, dello spazio e del tempo, ed a favorire un miglioramento delle funzioni di equilibrio e del tono muscolare, giornate come questa sostengono maggiormente la socializzazione, l'integrazione sociale e la sensibilizzazione del contesto di vita delle persone a cui il centro si rivolge, un elemento centrale e imprescindibile".

 

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###