CONSIGLIO NOTARILE DEI DISTRETTI RIUNITI DI MESSINA, BARCELLONA P.G., PATTI E MISTRETTA

Avviso di cessazione (art. 37 L.N.) – Dispensa del notaio Bonanno
Giuseppe

(TU18ADN12945 )

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Nasce l’associazione commercianti per il rilancio del settore

di TONI MORETTI

CERVETERI – I commercianti di Cerveteri, rispondono con una associazione di settore alla necessità di essere partecipi alle scelte che l’amministrazione comunale fa per tentare il rilancio di un settore sempre stato in sofferenza ma che negli ultimi anni, coi morsi della crisi economica, ne risente ancora di più.  
Ci tengono  a sottolineare gli animatori e gli organizzatori dell’associazione dei commercianti,  che la loro azione non è il frutto di una protesta  ma soltanto l’espressione di un disagio alla risoluzione del quale vogliono partecipare in prima persona. 
E’ per questo che l’associazione, pur partita dai commercianti del centro storico che si sentono maggiormente penalizzati da azioni di sostegno non adeguate alle caratteristiche e alla vocazione della città, ha raccolto adesioni  di commercianti di tutta la città, di ogni zona, confidando in un apporto corale che si rivelerà, alla distanza, anche una fonte di pressione politica considerevole. Ieri pomeriggio, presso il ristorante “Da Bibbo”, c’è stata una riunione informativa prima della costituzione dell’associazione che avverrà giovedì prossimo, che ha visto ben 37 titolari di esercizi presenti che hanno fatto  un primo gesto a dimostrazione della collaborazione che si intende offrire. In risposta al ritardo colpevole o incolpevole che sia, per il posizionamento di decori e luminarie natalizie che impedissero un Natale desolato e buio, la nascente associazione ha provveduto  a posizionare un albero decorato a piazza Aldo Moro, sede non proprio entusiasmante di un villaggio natalizio ancora in costruzione che prevede si una pista di pattinaggio ma anche un blocco totale della circolazione in una delle piazze nevralgiche della città, con una viabilità alternativa che gli operatori economici non ritengono favorevole alle loro attività. Ma l’albero, sia pure di quattro metri, è una provocazione poiché verrà spostato a Piazza Risorgimento mentre in piazza Aldo Moro ne arriverà uno di ben sei metri che renderà dignitoso il Natale di questa città avviata ad un triste declino. La conseguenza immediata è stata la risposta dell’amministrazione che ieri sera ha mandato qualcuno a montare delle luminarie a Piazza Risorgimento. Ora è difficile capire il motivo vero ma sta di fatto che il movimento e la volontà dei commercianti ha salvato, è proprio il caso di dirlo, l’immagine di un gioioso Natale a Cerveteri come da tradizione.  

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Nasce l’associazione commercianti per il rilancio del settore

di TONI MORETTI

CERVETERI – I commercianti di Cerveteri, rispondono con una associazione di settore alla necessità di essere partecipi alle scelte che l’amministrazione comunale fa per tentare il rilancio di un settore sempre stato in sofferenza ma che negli ultimi anni, coi morsi della crisi economica, ne risente ancora di più.  
Ci tengono  a sottolineare gli animatori e gli organizzatori dell’associazione dei commercianti,  che la loro azione non è il frutto di una protesta  ma soltanto l’espressione di un disagio alla risoluzione del quale vogliono partecipare in prima persona. 
E’ per questo che l’associazione, pur partita dai commercianti del centro storico che si sentono maggiormente penalizzati da azioni di sostegno non adeguate alle caratteristiche e alla vocazione della città, ha raccolto adesioni  di commercianti di tutta la città, di ogni zona, confidando in un apporto corale che si rivelerà, alla distanza, anche una fonte di pressione politica considerevole. Ieri pomeriggio, presso il ristorante “Da Bibbo”, c’è stata una riunione informativa prima della costituzione dell’associazione che avverrà giovedì prossimo, che ha visto ben 37 titolari di esercizi presenti che hanno fatto  un primo gesto a dimostrazione della collaborazione che si intende offrire. In risposta al ritardo colpevole o incolpevole che sia, per il posizionamento di decori e luminarie natalizie che impedissero un Natale desolato e buio, la nascente associazione ha provveduto  a posizionare un albero decorato a piazza Aldo Moro, sede non proprio entusiasmante di un villaggio natalizio ancora in costruzione che prevede si una pista di pattinaggio ma anche un blocco totale della circolazione in una delle piazze nevralgiche della città, con una viabilità alternativa che gli operatori economici non ritengono favorevole alle loro attività. Ma l’albero, sia pure di quattro metri, è una provocazione poiché verrà spostato a Piazza Risorgimento mentre in piazza Aldo Moro ne arriverà uno di ben sei metri che renderà dignitoso il Natale di questa città avviata ad un triste declino. La conseguenza immediata è stata la risposta dell’amministrazione che ieri sera ha mandato qualcuno a montare delle luminarie a Piazza Risorgimento. Ora è difficile capire il motivo vero ma sta di fatto che il movimento e la volontà dei commercianti ha salvato, è proprio il caso di dirlo, l’immagine di un gioioso Natale a Cerveteri come da tradizione.  

 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Crc non conosce ostacoli

Un successo che può rappresentare un punto di svolta della stagione. Il Crc batte il Florentia al Moretti Della Marta nell’ottava giornata di andata del campionato di serie B e rilancia le proprie quotazioni in chiave alta classifica rafforzando la terza piazza. 
Contro i toscani si giocava il big match di giornata, la vittoria per 33-32 fotografa un grande equilibrio, ma anche un’affermazione figlia di tecnica, cuore e organizzazione. 
I padroni di casa partono subito bene: Calandro piazza tre cp nel primo tempo e una meta trasformata dopo una grande cavalcata di Raponi dai nostri 22 metri, proprio lui serve l’assist decisivo a Calandro. 
La prima frazione va in archivio sul 16 a 15 per i padroni di casa con il Florentia che segna due mete di cui una trasformata e un cp. 
Nel secondo tempo la squadra di Giampiero Granatelli e Mauro Tronca va in affanno su touche e mischia ma poi segna una meta Cerquozzi, trasformata da Calandro. 
Si torna così in vantaggio dopo il sorpasso del Florentia con un drop poi la meta di Crinò determina uno “strappo” significativo al punteggio, con il Crc sopra di 10 punti. Ma la formazione ospite è una grande squadra e reagisce alla grande con due mete trasformate al 29’ e al 37’ del secondo tempo. 
A questo punto va in scena il capolavoro del Crc che al 46’ del secondo tempo segna con Cerquozzi dopo un lungo multifase, regalando ai suoi tifosi una vittoria meritata considerando anche le numerose assenze, parliamo di sei titolari. 
«Una prova da incorniciare per abnegazione e spirito di sacrificio», fa sapere lo staff tecnico biancorosso.
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il Crc non conosce ostacoli

Un successo che può rappresentare un punto di svolta della stagione. Il Crc batte il Florentia al Moretti Della Marta nell’ottava giornata di andata del campionato di serie B e rilancia le proprie quotazioni in chiave alta classifica rafforzando la terza piazza. 
Contro i toscani si giocava il big match di giornata, la vittoria per 33-32 fotografa un grande equilibrio, ma anche un’affermazione figlia di tecnica, cuore e organizzazione. 
I padroni di casa partono subito bene: Calandro piazza tre cp nel primo tempo e una meta trasformata dopo una grande cavalcata di Raponi dai nostri 22 metri, proprio lui serve l’assist decisivo a Calandro. 
La prima frazione va in archivio sul 16 a 15 per i padroni di casa con il Florentia che segna due mete di cui una trasformata e un cp. 
Nel secondo tempo la squadra di Giampiero Granatelli e Mauro Tronca va in affanno su touche e mischia ma poi segna una meta Cerquozzi, trasformata da Calandro. 
Si torna così in vantaggio dopo il sorpasso del Florentia con un drop poi la meta di Crinò determina uno “strappo” significativo al punteggio, con il Crc sopra di 10 punti. Ma la formazione ospite è una grande squadra e reagisce alla grande con due mete trasformate al 29’ e al 37’ del secondo tempo. 
A questo punto va in scena il capolavoro del Crc che al 46’ del secondo tempo segna con Cerquozzi dopo un lungo multifase, regalando ai suoi tifosi una vittoria meritata considerando anche le numerose assenze, parliamo di sei titolari. 
«Una prova da incorniciare per abnegazione e spirito di sacrificio», fa sapere lo staff tecnico biancorosso.
 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cpc, l’Under 17 vince e conquista la vetta

Finisce 4-3 per i romani del Tanas il big match della decima giornata contro i pari età dell’Under 19 regionale. Prima contro seconda che non ha deluso le aspettative. 
I portuali vanno avanti due volte nel giro di venti minuti, in entrambe le occasioni è Memmoli a capitalizzare la mole di gioco dei portuali. 
La prima con un pallonetto a scavalcare Migliorini,   e la seconda in tap-in sugli sviluppi di un corner. Riviene poi fuori il Tanas e prima dimezza con Fecchi, e quasi allo scadere con Forzia agguanta il pari. 
La Cpc2005 recrimina  in entrambe le occasioni per due presunti falli, il direttore Ventura però non ha dubbi e concede le reti. Si va a riposo sul due a due. Secondino deve cambiare China e Sansolini, per loro affaticamento muscolare, e non sarà più la stessa cosa da li in avanti. 
Pronti e via e Memmoli, scatenato quest’oggi, al terzo comunque riporta avanti i portuali. Lo fa direttamente da calcio di punizione, pennellando la sfera che risulta impossibile da respingere per Migliorini. 
La capolista Tanas non ci sta e al 10’ pareggia, Ricci sotto porta riprende un mezzo miracolo di Di Marco, abile sugli sviluppi di un calcio da fermo, e fa tre a tre tra le proteste dei portuali per un presunto fuorigioco. Memmoli ha la palla del 4 a 3 due minuti dopo, è abile Migliorini a respingere. Esce anche Fattori intorno al 20’, anche per lui un affaticamento muscolare. 
Il Tanas cerca la vittoria e al 37’ la Cpc2005 deve inchinarsi ancora, è  Forzia a beffare Di Marco. Finisce in pratica qui la gara.
Scontro tra i titani del girone, e non è un caso che a spunatrla è la squadra che è stata capace di vincerne nove su dieci fino ad oggi. La Cpc2005 recrimina per qualche decisione arbitrale, ci sta anche questo nel calcio, ma ne esce conscia delle sue possibilità in chiave playoff.
L’Under 17 regionale  di Di Pietro espugna Fiumicino, pareggia il Petriana in casa del Vescovio, e ritrova in concomitanza della squadra romana la vetta. Finisce 3-1 contro il Fiumicino1926, dopo aver portato a casa una partita dalle mille difficoltà. Domenica scontro diretto con il Petriana, li servirà la stessa Cpc2005 di domenica. 
Grande l’apporto dei 2003 in questa giornata, tra cui bomber Amato che apre le marcature. Finale di gara in inferiorità numerica che non frena, comunque, il cammino dei giovani portuali. Dimenticata in fretta la sconfitta di domenica con l’Etruria, e ora, si spera, che sarà un’altra storia.
La Cpc2005 dopo neanche cinque minuti è già avanti. 
Dalla Ragione mette nel mezzo un buon cross, il portiere avversario non trattiene, e  Amato è li a insaccare il gol che vale il vantaggio. Neanche il tempo di centrare la sfera che  Di Iorio serve il pareggio per la sua squadra. Gara vibrante, uno a uno. 
La CPC2005 non si demoralizza e continua a giocare cercando il gol che varrebbe il vantaggio, anche se è Formisano a togliere le castagne dal fuoco intorno al 25 ai suoi, andando ad opporsi a un tiro avversario. Al 30’ la spinta della CPC2005 è premiata,   tiro di Grossi in girata e CPC2005 in vantaggio.  Si va a riposo cosi, portuali avanti di una lunghezza. 
Ripresa sulla falsa riga della prima, entrambi cercano il gol giocando a viso aperto. La CPC2005 al decimo deve ancora ringraziare Formisano che si oppone, da far suo, al tiro scagliato da  Olivi. 
La CPC2005 rimane in dieci  al 15’,  espulsione di D’Angelo per proteste, ma è in partita come non mai. Il Fiumicino cerca di far la voce grossa in superiorità numerica  ma la CPC2005 non addietra, anzi  con Zerilli, che raccoglie l’assist superbo di Grossi,   triplica e chiude la gara. Il Fiumicino spinge nel finale alla ricerca del gol che riaprirebbe la gara, ma è tardi. Tre punti d’oro che valgono la testa della classifica, il resto domenica al Tamagnini quando di fronte avranno proprio il Petriana.
Finisce 8-1 la gara di sabato al Tamagnini degli Under16 provinciale di Colapietro sull’Eretum Monterotondo. Risultato per gli annali ma non per i tre punti, visto che l’Eretum gareggia in questo campionato fuori classifica. In rete con una doppietta ciascuno Saladini, Fusco e Galimberti, a chiudere il parziale Amato e Sammartini per i rosso portuali.
L’Under 15 provinciale di Midei sono corsari a Cerveteri, per loro 3-1 il punteggio finale sui pari età del Città di Cerveteri. Vince anche l’Astrea e la vetta rimane a tre punti. In rete Chessa, Spadone e Mura.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Due Eurofighter dietro il boato di mercoledì

CIVITAVECCHIA – Sarebbero stati due Eurofighter del IV stormo di Grosseto a provocare il boato sentito forte e chiaro in tutto il litorale nella giornata di mercoledì. Inizialmente si era pensato ad un terremoto, ma l'ipotesi è stata subito scartata dallo stesso istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. 

A quanto pare, invece, come confermato dall'Aeronautica Militare, si tratta dei due aerei inviati ad identificare un velivolo Pilatus PC12 di nazionalità keniota che non rispondeva alle chiamate radar, decollato da Buochs (Svizzera) e diretto in Grecia.  I due caccia intercettori hanno raggiunto l’aereo keniota dopo pochi minuti dal decollo. Una volta accertato visivamente che non ci fossero condizioni di emergenza, i due F-2000 hanno fatto rientro alla base. La missione operativa è stata attivata a seguito dell’ordine di “scramble” pervenuto dal Caoc (Combined Air Operation Center) di Torrejon, ente Nato responsabile per la sorveglianza dei cieli di quell’area e si è svolta sotto il controllo delle sale operative del sistema di sorveglianza e difesa aerea dell’Aeronautica Militare.

Aeronautica Militare che assicura la sorveglianza dello spazio aereo nazionale 365 giorni all’anno, 24 ore su 24, con un sistema di difesa che è integrato, anche in tempo di pace, con quello degli altri Paesi appartenenti alla NATO. Il servizio è garantito – per la parte sorveglianza, identificazione e controllo – dall’11° Gruppo Difesa Aerea Milssilistica Integrata (DAMI) di Poggio Renatico (Fe) e dal 22° Gruppo Radar di Licola (Na), mentre l’intervento in volo è assicurato dal 4° Stormo di Grosseto, dal 36° Stormo di Gioia del Colle e dal 37° Stormo di Trapani Birgi, tutti equipaggiati con velivoli caccia Eurofighter.

Una seconda ipotesi collegherebbe il boato alla megaesercitazione Mangusta. 

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Cestistica: le giovanili vanno a gonfie vele

Due vittorie e una sconfitta in trasferta di un punto arrivata proprio sulla sirena. 
Un bottino niente male per l’Under 16 della Cestistica Civitavecchia che sta disputando il campionato Gold, un torneo di livello superiore al Silver e che la società rossonera ha ricominciato a frequentare proprio da questa stagione con i ragazzi guidati dall’accoppiata Ferdinando De Maria/Andrea Campogiani. 
La società aveva qualche preoccupazione per il salto di categoria dei suoi ragazzi, che invece stanno rispondendo alla grande. 
Domenica al PalaRiccucci hanno sconfitto la Smit Virtus Roma per 65-36 (Bottone 13, De Simone A. 14, De Simone F. 14, Rizzitiello 6, Di Nardo 16, Donatelli 1, De Angelis 2, Corvino, Conteddu, Mercurio) e cominciano a nutrire concrete possibilità di accedere alla fase successiva.
Bene anche l’Under 15, messa in campo sempre dal duo Campogiani/De Maria. 
Nella seconda giornata del campionato Silver, i giovanissimi rossoneri hanno sconfitto la Polysportiva 19 per 61-37.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Usi civici, Petrelli: ''Si esaminino gli atti pubblici reperiti dai cittadini''

CIVITAVECCHIA – “Concordiamo sulla necessità che la Regione nomini un perito demaniale per lo studio dei terreni. Nondimeno, ci sembra necessario che la politica, in particolare il presidente della Regione, l’assessore  o la Commissione consiliare regionale competenti, quelli che dovrebbero essere animati da un sincero senso di giustizia verso i cittadini esasperati dalle vessazioni subite, esaminino gli atti pubblici reperiti dai cittadini presso l’Archivio di Stato ed agiscono di conseguenza”.

Lo dichiara Vittorio Petrelli dopo l’intervento del consigliere comunale di maggioranza Emanuele La Rosa sugli usi civici, l’annosa vicenda che colpisce molti civitavecchiesi.

Per Petrelli il pentastellato “nel suo ultimo intervento pubblico – spiega – si rallegra per le conclusioni della perizia demaniale redatta dal dottor Alebardi, in cui si stabilisce l’inesistenza degli usi civici nel territorio di Civitavecchia. Anche noi consideriamo questa perizia un fatto molto positivo. A questa perizia va aggiunta anche quella del perito Benedetti, incaricato dai cittadini ricorrenti presso il Commissariato agli usi civici, le cui conclusioni fanno piena luce, con una dettagliata e puntuale raccolta di atti pubblici, sulla insussistenza degli usi civici nelle Tenuta XIII Quartucci e nella Tenuta delle Mortelle, quelle interessate dalla sentenza del 1990”.

Petrelli punta il dito contro il consigliere La Rosa che “invece di confidare nella via giuridica, chiama nuovamente in causa la Regione, dimenticando che questa, dapprima ha danneggiato i cittadini con una determina illegittima, poi ha prodotto leggi che la Corte costituzionale ha perentoriamente bocciato: infatti, la manovra dell’affrancamento con gli sconti è stata dichiarata nulla, ed i cittadini che avevano battuto questa via, ora si trovano ad aver pagato rilevanti somme senza aver concluso niente. La Rosa – tuona Petrelli – suggerisce, infine, l’ipotesi della concertazione, attraverso il trasferimento dei diritti degli usi civici su altri terreni (La Frasca). Evidentemente il consigliere ignora che la Corte costituzionale, con sentenza 178 del luglio 2018, ha dichiarato incostituzionali gli artt.37, 38 e 39 della L.R. Sardegna 3/7/2017 che sancivano la possibilità di trasferimento degli usi civici”.

Leggi articolo completo

###BANNER_ADS###

Il terremoto nelle Marche: solo 350 case ricostruite dopo due anni

Il bilancio a due anni dal sisma nel Centro Italia:riparato solo 0,5% delle abitazioni distrutte, gli sfollati che ricevono un sussidio sono 37.755. Il peso della burocrazia e la carenza di personale

Leggi articolo completo

@code_here@